Nozione, soggetti coinvolti e organizzazione del supercondominio

News di Condominio
Come qualunque condominio anche il supercondominio può avere un amministratore e ha un'assemblea la cui composizione varia a seconda del numero dei partecipanti
25 Novembre 2015 ore 09:00

Nozione di supercondominio


SupercondominioIl codice civile del 1942 disciplinava esclusivamente la fattispecie del condominio negli edifici (artt. 1117-1139 c.c.), ossia quella particolare forma di comunione nella quale al fianco di piani o porzioni di proprietà esclusiva (unità immobiliari) vi sono parti dello stabile (locali, impianti, ecc.) di proprietà comune.

La peculiarità del condominio sta nel fatto che queste parti, elencate in modo esemplificativo dall'art. 1117 c.c., sono in un rapporto di funzionalità ed accessorietà rispetto alle unità immobiliari sicché, salvo particolati ipotesi, non sono suscettibili di divisione.

Proprio in ragione di ciò si è soliti affermare che il condominio rappresenta una comunione forzosa.

L'evoluzione urbanistica ha portato alla nascita di conglomerati di edifici, già di per sé costituenti condominio, i quali hanno in comune tra loro una serie di cose, impianti e servizi.

Questa tipologia edilizia ha preso il nome, secondo quella che è l'unanime definizione dottrinaria, che come si vedrà oltre è stata recepita anche dalla giurisprudenza di merito e di legittimità di supercondominio (o anche condominio complesso).

Fino al giugno del 2013 (data di entrata in vigore della riforma del condominio), in assenza di una specifica disciplina normativa che regolamentasse tale fattispecie, la gran parte del dibattito dottrinario in materia, quanto meno nei primi tempi, è stata rivolta alla individuazione delle norme applicabili.

Due le posizioni:

a) da un lato chi propendeva per l'applicazione degli articoli dettati in materia di comunione (artt. 1100-1116 c.c.);

b) dall'altra parte una nutrita schiera di studiosi che, invece, optava per l'assoggettamento del supercondominio alle norme di cui agli artt. 1117 e ss c.c.

Quanto alla prima tesi, si diceva che le norme dettate in relazione al condominio negli edifici presuppongono che il rapporto la condominialità s'instauri solamente per quei beni che si trovano nell'ambito di un unico fabbricato e non anche per quelle cose sono comuni a più d'uno stabile.

La Cassazione, in quello che è in suo filone dominante, ha fatto propria la seconda ipotesi.

Con una pronuncia resa nel 2000 i giudici di legittimità ebbero a specificare che le parti, necessarie per l'esistenza o destinate al servizio o all'uso di più edifici, appartengono ai proprietari delle unità immobiliari comprese nei diversi fabbricati e vengono regolate, se il titolo non dispone altrimenti, in virtù di interpretazione estensiva ovvero in forza di integrazione analogica, dalle norme dettate in tema di condominio negli edifici (Cass. 7 luglio 2000 n. 9096).

Tale applicazione analogica, spiegava la Corte, è possibile poiché, Allo stesso modo di quanto avviene per le parti di uso comune afferenti ad una sola costruzione (e, di solito, interne ad essa),le cose, gli impianti ed i servizi elencati dall'art. 1117 cit., comuni a più costruzioni e spesso esterni ad esse, sono del pari necessari per l'esistenza e per l'uso, ovvero sono destinati all'uso o al servizio dei piani o delle porzioni di piano siti nei diversi fabbricati, quando questi sono legati dallo stesso vincolo strumentale, materiale o funzionale (Cass. ult. cit.).

La Suprema Corte, in ragione della necessaria sussistenza di tale vincolo di accessorietà, ha specificato chiaramente che per il caso di beni comuni alle varie realtà condominiali ma sprovvisti del suddetto requisito dell'accessorietà le norme da considerarsi applicabili sono quelle dettate in materia di comunione e non quelle di cui agli artt. 1117 e ss. c.c. Come dire, se la cosa in comune è imprescindibile per il godimento della proprietà esclusiva (si pensi all'impianto idrico o di riscaldamento) si tratterà di bene sottoposto al regime di condominio.

Qualora, invece, il bene ha una mera di funzione di abbellimento o accrescimento del valore, senza quel requisito di accessorietà che lo renda indispensabile per la fruizione delle unità immobiliari, allora sarà applicabile la disciplina della comunione.

Questa impostazione giurisprudenziale, che è poi divenuta maggioritaria e comunemente accolta dagli studiosi della materia come il formale e sostanziale riconoscimento della figura del supercondominio, ha trovato sostanziale accoglimento nel codice civile, che con la riforma del 2012 (legge n. 220), ha dato formale riconoscimento a quelle fattispecie in cui più edifici ovvero più condominii di unità immobiliari o di edifici abbiano parti comuni ai sensi dell'articolo 1117 (così art. 1117-bis c.c.). Sebbene la norma non faccia espressa menzione del supercondominio, non vi sono dubbi sul fatto che sia riferibile ad esso.


Assemblea del supercondominio


Assemblea del supercondominioAssieme al riconoscimento formale del supercondominio, il legislatore ha previsto anche una specifica regolamentazione per il funzionamento dell’assemblea di questa compagine.

Le norme di riferimento sono rappresentate dai commi terzo, quarto e quinto dell'art. 67 disp. att. c.c. che recitano:

Nei casi di cui all'articolo 1117-bis del codice, quando i partecipanti sono complessivamente più di sessanta, ciascun condominio deve designare, con la maggioranza di cui all'articolo 1136, quinto comma, del codice, il proprio rappresentante all'assemblea per la gestione ordinaria delle parti comuni a più condominii e per la nomina dell'amministratore. In mancanza, ciascun partecipante può chiedere che l'autorità giudiziaria nomini il rappresentante del proprio condominio. Qualora alcuni dei condominii interessati non abbiano nominato il proprio rappresentante, l'autorità giudiziaria provvede alla nomina su ricorso anche di uno solo dei rappresentanti già nominati, previa diffida a provvedervi entro un congruo termine. La diffida ed il ricorso all'autorità giudiziaria sono notificati al condominio cui si riferiscono in persona dell'amministratore o, in mancanza, a tutti i condomini.

Ogni limite o condizione al potere di rappresentanza si considera non apposto. Il rappresentante risponde con le regole del mandato e comunica tempestivamente all'amministratore di ciascun condominio l'ordine del giorno e le decisioni assunte dall'assemblea dei rappresentanti dei condominii. L'amministratore riferisce in assemblea.

All'amministratore non possono essere conferite deleghe per la partecipazione a qualunque assemblea.

Il primo dato che dev'essere evidenziato è che questa particolare modalità di svolgimento dell'assemblea del supercondominio trova applicazione solamente se i partecipanti sono più di sessanta.

Per partecipanti devono intendersi i proprietari delle unità immobiliari.

Se un'unità immobiliare è di proprietà di più persone o se su quel cespite coesistono, ad esempio, proprietà ed usufrutto, quei soggetti, ai fini del calcolo del numero dei partecipanti, devono essere considerati alla stregua di un unico proprietario.

Al superamento di queste soglie, dunque, i condominii, ognuno per sé nell'ambito delle proprie assemblee, devono nominare, con le maggioranze previste per le innovazioni (quorum deliberativi particolarmente alti), i rappresentanti in seno all'assemblea del supercondominio.

Si tratta di un procedimento particolarmente arzigogolato: se le intenzioni erano quelle di rendere più semplice lo svolgimento di assemblee che il numero elevato di partecipanti rischia di mettere in discussione, la procedura dettata dall'art. 67, terzo comma, disp. att. c.c., rischia di pregiudicare proprio lo svolgimento dell'assemblea.

Quanto tempo ci vorrà per convocare l'assemblea di un supercondominio?

Che vuol dire congruo termine passato il quale si può ricorrere all'Autorità Giudiziaria? Saranno sufficienti un paio di settimane – in considerazione del termine libero minimo di cinque giorni previsto dalla legge (art. 66 disp. att. c.c.) per la convocazione dell'assemblea condominiale – o il termine dovrà essere maggiore?

Ed ancora: tenuto conto che l'amministratore del condominio è un mandatario dei condomini, non sarebbe stato più ragionevole consentire, quanto meno in via subordinata alla mancata nomina, che fosse egli stesso a poter rappresentare il condominio nell'ambito dell'assemblea supercondominiale?

Per il calcolo dei quorum costitutivi e deliberativi, visto che nulla si dice in merito, in virtù del richiamo alle norme sul condominio contenute nell'art. 1117-bis c.c., la soluzione più logica pare possa essere la seguente: il mandatario della singola compagine rappresenterà una quota millesimale pari ai millesimi di tutti i comproprietari da esso rappresentati.

Proprio con riferimento a questa nuova figura, dalla lettura delle norme in esame, pare possa trarsi una conclusione: la delega a partecipare all'assemblea del supercondominio non è soggetta a limitazioni temporali: in poche parole il delegato resta tale fino alla sua sostituzione.

Infine è bene evidenziare che, come detto in principio, questa procedura si applica solamente per la gestione ordinaria e la nomina dell'amministratore, ergo: per le restanti questioni, tutti i partecipanti devono essere direttamente convocati, al di là del loro numero.


Amministratore del supercondominio


Amministratore del supercondominioAi sensi dell'art. 1129 c.c. in ogni condominio con più di otto partecipanti l'assemblea deve nominare un amministratore, ossia un mandatario dei singoli partecipanti che gestisca in loro nome e conto le parti comuni ed i rapporti con i terzi per le questioni ad esse afferenti.

Nel caso in cui l'assemblea non dovesse provvedere, ciascun condomino potrebbe rivolgersi all'Autorità Giudiziaria per la nomina dell'amministratore.

Il mandatario dei condomini dura in carica un anno e può essere revocato, sempre dall'assemblea, in ogni momento. In caso di mancata revoca l’incarico s’intende prolungato per periodo di eguale durata.

Nomina e revoca sono validamente deliberate se la decisione ad esse inerenti è adottata dalla maggioranza dei partecipanti alla riunione che rappresentino quanto meno la metà del valore dell'edificio.

Che cosa accade per il supercondominio?

Come abbiamo visto le norme sul condominio si applicano per i profili attinenti l'individuazione delle cose comuni e per quelle relativa alla gestione?

Ciò vuol dire che anche all’amministratore del supercondominio devono applicarsi gli artt. 1129, 1130 c.c.

In primis è bene specificare che non ci sono dubbi sul fatto che il numero di otto partecipanti debba essere riferito ai condomini e non agli edifici.

Ciò vuol dire che anche solo con 8 edifici ma con 20 condomini sarà obbligatorio nominare l'amministratore. Per questo adempimento, come s’è visto in precedenza, la competenza spetta all'assemblea del supercondominio composta dai delegati dei singoli condominii.

I quorum necessari alla nomina sono identici a quelli dell'amministratore condominiale; quindi la maggioranza degli intervenuti all'assemblea ed almeno la metà dei millesimi.

Il calcolo dei millesimi è fatto sulla base delle tabelle di proprietà dei beni comuni ai vari edifici condominiali.

Quanto alla revoca, non essendo menzionata dall’art. 67 disp. att. c.c. deve ritenersi che essa debba/possa essere deliberata dall’assemblea composta dai condòmini e non dai loro rappresentanti.

Una volta assunta la carica, infine, l'amministratore del supercondominio avrà gli stessi doveri e gli stessi poteri di un normale amministratore condominiale.


Tabelle millesimali del supercondomino


Come il condominio, anche il supercondominio deve avere delle tabelle millesimali utili al calcolo delle maggioranze ed alla ripartizione delle spese.

In sostanza anche per il supercondominio si potranno avere:

a) tabelle contrattuali, ossia approvate e sottoscritte da tutti i condomini;

b) tabelle giudiziali, ossia predisposte dalla Tribunale del luogo in cui è ubicato l'immobile a seguito di un giudizio civile avente tale oggetto;

c) tabelle assembleari, in quanto come è stato osservato di recente dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, le tabelle millesimali non devono essere approvate con il consenso unanime dei condomini, essendo sufficiente la maggioranza qualificata di cui all'art. 1138 c.c., comma 2 (Cass. SS.UU. 9 agosto 2010 n. 18477).

È bene ricordare che solo il primo tipo di tabelle può derogare ai criteri legali di ripartizione delle spese, potendo prevedere, ad esempio, la suddivisione in parti uguali.

Che cosa accade se le tabelle non rispecchiano i rapporti di proporzione originari?

Il discorso, naturalmente, non vale per quelle tabelle contrattuali con le quali, volontariamente, s'è deciso di derogarvi.

Al riguardo la risposta deve essere ricercata nell'art. 69 disp. att. c.c., a mente del quale:

I valori proporzionali dei vari piani o porzioni di piano possono essere riveduti o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, nei seguenti casi:

1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;

2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza della sopraelevazione di nuovi piani, di espropriazione parziale o di innovazioni di bassa portata, è notevolmente alterato il rapporto originario tra i valori dei singoli piani o porzioni di piano
.

Sostanzialmente, qualora i criteri di ripartizione non fossero corretti, per i motivi indicati dalla norma succitata, i partecipanti al supercondominio, singolarmente considerati o in gruppo, potrebbero:

a) chiedere all'assemblea del condominio complesso di provvedere alla revisione di quel documento (secondo la sopra indicata sentenza delle Sezioni Unite anche la revisione, così come l'approvazione, non necessita dell'unanimità);

b) agire giudizialmente per ottenere l'identico risultato.

Articolo: Supercondominio: soggetti coinvolti e organizzazione
Valutazione: 3.71 / 6 basato su 7 voti.

Supercondominio: soggetti coinvolti e organizzazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI Alert Commenti
  • Fabio
    Fabio
    Mercoledì 2 Novembre 2016, alle ore 00:26
    Interessante, ma 2 palazzi con parti comuni (caldaia,strada,ecc) possono avere 2 amministratori diversi che si occupano anche delle aree comuni, o la legge impone che le parti comuni siano obbligatoriamente amministrate da unico amministratore?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Fabio
      Giovedì 3 Novembre 2016, alle ore 14:35
      Se i condòmini, complessivamente, sono più di nove, allora è necessario che sia nominato un unico amministratore per la gestione delle parti comuni ai 2 palazzi.
      rispondi al commento
  • Condomini multicenterbarbara campi
    Condomini multicenterbarbara campi
    Sabato 31 Maggio 2014, alle ore 01:01
    Domanda forse banale , ma può succedere se il Legislatore usa termini poco "tecnici": il Rappresentante può non essere un condomino ( per es. il marito della proprietaria) ?
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Condomini multicenterbarbara campi
      Mercoledì 4 Giugno 2014, alle ore 16:04
      Si, il rappresentante può essere un estraneo al condominio.
      rispondi al commento
  • Carmine.mare
    Carmine.mare
    Martedì 28 Gennaio 2014, alle ore 10:30
    Ritengo che si tratti del chiaro esempio di s.c. dove ogni fabbricato dovrebbe avere C.F., tabelle m.li e un proprio amministratore. Inoltre dovrebbe essere nominato un amministratore per gestire i servizi comuni ai tre fabbricati. Il tutto comporterebbe un carico maggiore di spese in quanto si dovrebbero creare tabelle millesimali per i singoli fabbricati e tabelle millesimali per le parti comuni oltre ad un'assicurazione distinta
    rispondi al commento
  • Giovanni Vitiello
    Giovanni Vitiello
    Domenica 29 Dicembre 2013, alle ore 11:06
    Da quanto è detto non si evince chiaramente perchè nel supercondominio il rappresentante di un condominio non può essere lo stesso amministratore che magari è anche condomino.
    Qual'è l'incompatibilità tra le cose?
    Non vedo perchè dovrebbe esserci conflitto.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Giovanni Vitiello
      Giovedì 2 Gennaio 2014, alle ore 16:47
      L'incompatibilità è stabilita dalla legge.
      Si può essere d'accordo o meno ma sul punto la formulazione della norma è chiarissima e non ammette perplessità.
      rispondi al commento
  • Paolo
    Paolo
    Sabato 21 Dicembre 2013, alle ore 14:56
    Buongiorno, abito in un concominio (un unico codice fiscale) con tre palazzi distinti con parti comuni.
    I condomini sono sicuramente più di sessanta, credo si debba procedere alla nomina dei rispettivi rappresentanti.
    Per quanto riguarda l'amministrazione: nel caso esposto si deve mantenere un unico amministratore come dalla nascita del condominio o si può procedere alla nomina di più di uno?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Paolo
      Lunedì 30 Dicembre 2013, alle ore 16:19
      Si può procedere alla nomina di più di uno ai sensi dell'art. 61 disp. att. c.c.
      rispondi al commento
  • Claudio
    Claudio
    Giovedì 24 Ottobre 2013, alle ore 15:53
    Salve, sono l'amministratore di un Supercondominio e nonostante abbia più volte sollecitato gli amministratori delle singole scale, la nomina del proprio rappresentante in seno al supercondominio, non ho ricevuta alcuna risposta.
    Sono quindi nell'assoluta necessità di convocare l'assemblea ordinaria ma non posso farlo e i rappresentanti nominati non vogliono adire il magistrato.
    Che fare?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Claudio
      Lunedì 28 Ottobre 2013, alle ore 10:09
      Effettivamebte è un caso limite.
      Io, credo, che l'amministratore del supercondominio possa comunque provare ad agire giudizialmente per risolvere l'empasse.
      rispondi al commento
      • Claudio
        Claudio Legale
        Lunedì 4 Novembre 2013, alle ore 14:37
        Mi permetto di esprimere qualche perplessità in particolare in tema di legittimazione attiva: Rischio di pagare personalmente le spese processuali in caso di soccombenza o di parziale accoglimento.
        Cordiali saluti.
        rispondi al commento
  • Maria Grazia Maiotti
    Maria Grazia Maiotti
    Venerdì 11 Ottobre 2013, alle ore 11:47
    Supercondominio di 112 unità, Amministratore Generale coadiuvato da un Consiglio di 11 consiglieri + 6 Amministratori come da regolamento contrattuale.
    La nuova legge peggiora di molto il ns. diritto di rappresentanza.
    Il regolamento contrattuale non va più osservato?
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Maria Grazia Maiotti
      Lunedì 14 Ottobre 2013, alle ore 17:33
      La situazione è dubbia.
      Se il regolamento è antecedente la riforma dovrebbe valere ancora.
      rispondi al commento
  • Tony Reflex
    Tony Reflex
    Giovedì 26 Settembre 2013, alle ore 16:39
    Nel caso che un rappresentante di condominio sia dissenziente rispetto ad una delibera di un supercondominio, il termine per proporre impugnazione decorre dalla delibera.
    Ma per il singolo condomino da quando decorre?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Tony Reflex
      Martedì 1 Ottobre 2013, alle ore 09:10
      Decorre dalla data di comunicazione del verbale dell'assemblea.
      La questione, però, non è così facile visto che il rappresentante in assemblea supercondominiale agisce come mandatario dei condomini e e quindi potrebbero sorgere dei dubbi sulla legittimazione ad impugnare.
      rispondi al commento
  • Luca Zocca
    Luca Zocca
    Martedì 24 Settembre 2013, alle ore 19:07
    L'assemblea dei condomini del supercondominio può deliberare di continuare a nominare l'amministratore con la vecchia regola, ossia durante l'assemblea totalitaria?
    Grazie.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Supercondominio: soggetti coinvolti e organizzazione che potrebbero interessarti
Amministratore di condominio e oneri in materia di spese del supercondominio indicate nel consuntivo

Amministratore di condominio e oneri in materia di spese del supercondominio indicate nel consuntivo

Quando l'amministratore del condominio inserisce nel rendiconto delle spese riguardanti il supercondominio, il condomino ha diritto di visionare le pezze giustificative.
Tre palazzi ed un supercondominio

Tre palazzi ed un supercondominio

La conformazione del supercondominio,ossia un insieme di edifici non per forza in condominio aventi parti in comune tra loro,incide sui poter dell'assemblea...
Tabelle millesimali del supercondominio

Tabelle millesimali del supercondominio

Il supercondominio è quella particolare tipologia edilizia nella quale più edifici, che di per sè possono costituire autonomi condomini, hanno in comune alcuni beni.
Requisiti del supercondominio, pluralità di condomini e accessorietà di beni e servizi

Requisiti del supercondominio, pluralità di condomini e accessorietà di beni e servizi

In tema di supercondominio tra edifici, l'esistenza di questa realtà organizzativa non necessita di atti costitutivi, ma sorge per la sola esistenza di parti comuni.
Supercondominio

Supercondominio

Il supercondominio è quella particolare forma di comunione nella quale al fianco di piani o porzioni di proprietà esclusiva vi sono parti dello stabile, locali, impianti, ecc., di proprietà comune.
Registrati come Utente
274735 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
21009 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Argo wally - termoventilatore
      Argo wally - termoventilatore...
      54.53
    • Arredo giardino salotto da esterno giardino completo divano poltrone tavolino mod. duet set colore bianco
      Arredo giardino salotto da esterno...
      335.00
    • Dolphin maytronics dolphin cosmos 30 digital con telecomando - robot elettrico pulitore per piscina fino a 15 mt
      Dolphin maytronics dolphin cosmos...
      999.00
    • Meliconi stendibiancheria in alluminio 22mt di stendibilita
      Meliconi stendibiancheria in...
      15.90
    • Trappola per talpa a tubo
      Trappola per talpa a tubo...
      8.78
    • Pappylait cane 250 gr
      Pappylait cane 250 gr...
      13.42
    • Compo floranid prato con diserbante
      Compo floranid prato con diserbante...
      24.97
    • Legatrice
      Legatrice...
      34.77
    • Vivida luce joyo classic: lampada tavolo vivida luce
      Vivida luce joyo classic: lampada...
      85.40
    • Beghelli 3330 - purificatore acqua e gasatore macchina dell'acqua
      Beghelli 3330 - purificatore acqua...
      68.90
    • Barbecue a gas e pietra lavica lambada 3
      Barbecue a gas e pietra lavica...
      199.00
    • Saldatore a gas dremel versatip completo di accessori
      Saldatore a gas dremel versatip...
      72.50
    • Palla grasso piccola pz 6
      Palla grasso piccola pz 6...
      2.97
    • Pompa xl 300 electric pro
      Pompa xl 300 electric pro...
      330.38
    • Pompa libertis 5 l multi
      Pompa libertis 5 l multi...
      110.90
    • Wonderweed 300 canna da diserbo
      Wonderweed 300 canna da diserbo...
      24.34
    • Deodorante granulare per aspirapolvere menta-citronella
      Deodorante granulare per...
      5.90
    • Gardena troncarami bl 780 premium - modello 8711-20
      Gardena troncarami bl 780 premium...
      72.92
    • Einhell pistola termocollante bkp 200 einhell
      Einhell pistola termocollante bkp...
      6.90
    • Argo miscelatore cucina con doccetta estraibile rubinetto monocomando colore cromo - 2580-01
      Argo miscelatore cucina con...
      42.95
    • Detergente per polverizzatori 100 bio
      Detergente per polverizzatori 100...
      12.14
    • Grasso per polverizzatori
      Grasso per polverizzatori...
      11.22
    • Pond wizard
      Pond wizard...
      121.98
    • Pomodoro ibrido alto beefmaster vfn
      Pomodoro ibrido alto beefmaster vfn...
      3.19
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Onlywood
  • Weber
  • Mansarda.it
  • Immobiliare.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO

Vendita

€ 200.00
foto 0 Roma
Scade il 31 Marzo 2017

Bifamiliare indipendente con ampio...

€ 800 000.00
foto 6 Parma
Scade il 31 Dicembre 2017

Trilocale con ampio garage e cantina

€ 168 000.00
foto 6 Parma
Scade il 31 Dicembre 2017

Privato vende appartamento 3 locali...

€ 145 000.00
foto 6 Como
Scade il 01 Aprile 2017
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
86552

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.