Ripartizione delle spese condominiali

News di Condominio
Spesso motivo di controversie condominiali e, in certi casi, origine di azioni giudiziarie, la ripartizione delle spese di condominio è regolata dal Codice Civile.
Ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese condominialiTutte le volte che si rende necessario eseguire dei lavori sulle parti comuni o in un appartamento di un condominio, sorge il problema delle competenze e della legittimità della ripartizione delle spese.

La normativa sulla quale ci si basa per stabilire come vanno suddivise le spese di manutenzione e ristrutturazione condominiali è raccolta nel III libro del codice civile al VII titolo dove vi è un intero capo, intitolato il Condominio degli Edifici, nel quale vengono regolamentati i rapporti tra i diversi proprietari nonché l'uso delle parti comuni asservite alle abitazioni.


In particolare, all'articolo 1117, viene stabilito cosa si deve intendere per aree comuni.
Sono parti comuni a tutti i proprietari di un condominio:

- Il terreno su cui è ubicato il fabbricato ed, in generale, tutte le parti dell'edificio destinate ad uso comune come i portoni, le scale, i cortili, i corridoi, ecc.

- Tutti i locali destinati ai servizi comuni quali la portineria o i locali per le caldaie per il riscaldamento centralizzato.

- Tutte le installazioni e le apparecchiature d'uso comune quali ascensori, fognature, distribuzione del gas, dell'energia e dell'acqua, cavi TV, ecc. fino ai punti di diramazione delle singole utenze.

Tutto quanto non espressamente citato nell'articolo suddetto puòinstallazioni su area condominiale essere ricompreso tra le parti comuni qualora l'assemblea condominiale lo stabilisca all'unanimità.

Tutti i condomini possono avvalersi dell'utilizzo delle parti comuni ma non possono mutarne autonomamente la destinazione d'uso. Tuttavia l'assemblea condominiale, con la maggioranza prevista, può deliberare su eventuali variazioni.

Nessuno dei condomini può rinunciare ai diritti sulle parti comuni nè, tantomeno, sottrarsi agli obblighi di contribuzione alle spese di manutenzione, sia ordinaria che straordinaria, che ne conseguono. Le parti in comune non possono essere suddivise anche se di comune accordo.

La proprietà delle aree comuni viene suddivisa in base alle tabelle millesimali ovvero viene determinata in base al valore attribuito in millesimi a ciascuna superficie di appartamenti, cantine, box auto, ecc. di proprietà dei singoli condomini proporzionalmente al valore delle singole proprietà private.

Ripartizione spese condominialiLa suddivisione delle spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio è regolata dall'articolo 1123 del Codice Civile, che sancisce che, salvo diverso accordo, esse devono essere sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore delle rispettive proprietà. Se, viceversa, tali spese riguardano cose destinate a servire in misura diversa i condomini, vanno ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno ne può fare.

Più in dettaglio, per la ripartizione delle spese comuni, si possono individuare tre casistiche di riferimento:

- Nel caso di parti comuni godibili in ugual misura da tutti i condomini, per la ripartizione, si fa riferimento alle tabelle millesimali.

- Se si tratta, invece, di parti comuni come scale, ascensori che, o per natura o per posizione, sono utilizzate in misura differente dai condomini, le spese vengono ripartite secondo l'uso che ciascuno ne può fare.

- Nel caso, infine, di parti comuni come cortili, lastrici solari o impianti utilizzabili solo da una parte dei condomini le spese sono ripartite soltanto tra chi le utilizza traendone vantaggio.


Spese condominiali per lastrici solari


I lastrici solari, che costituiscono la copertura di tantissimi condomini, secondo il suddetto art. 1117 c.c., sono compresi tra le parti comuni dell'edificio, tuttavia, a differenza dei tetti, possono essere di proprietà, ad uso esclusivo, di uno dei condomini.

- Nel caso non ci siano condomini che hanno proprietà e uso esclusivo del lastrico solare, le spese di manutenzione e ripristino vengono ripartite tra i condomini in base alle tabelle millesimali.

- Se, viceversa, il lastrico solare è di proprietà o di uso esclusivo di uno o più condomini questi saranno tenuti a corrispondere un terzo delle spese mentre i restanti due terzi verranno ripartiti tra i proprietari delle unità immobiliari site nella verticale della superficie coperta dal lastrico solare suddetto, compresi gli stessi proprietari che hanno in uso esclusivo o in proprietà il lastrico solare, qualora le loro abitazioni si trovino sotto il lastrico stesso.


Spese condominiali per tetti


Le spese per i lavori di manutenzione e ricostruzione dei tetti a falde, in generale, vengono distribuite tra i condomini tenendo conto dei millesimi posseduti, tuttavia, nel caso che una porzione del tetto copra un'ala autonoma di un fabbricato, salvo diverse disposizioni del regolamento condominiale, esse ricadono sui proprietari che si trovano sulla verticale del tetto su cui si deve  effettuare l'intervento.


Spese condominiali per solai, soffitti e volte


La proprietà di solai, soffitti e volte che separano due appartamenti è suddivisa, in egual misura, tra i proprietari dei due appartamenti, per cui ognuno è tenuto a contribuire in parti uguali alle spese necessarie per i lavori relativi a tali strutture.

I lavori di ristrutturazione dei pavimenti, anche se derivanti da opere di rifacimento della struttura, sono a carico del proprietario del piano soprastante. Viceversa, le spese per il rifacimento dei soffitti sottostanti sono a totale carico del proprietario del piano subordinato.


Spese condominiali per scale


Per la suddivisione delle spese relative alla ricostruzione o alla manutenzione delle scale di uso comune si segue il criterio per cui:

- metà del costo dell'intervento viene ripartito tenendo conto dei millesimi di proprietà di ciascun condomino;

- l'altra metà del costo dell'intervento viene ripartito in base all'altezza di ciascun piano dal suolo, secondo, quindi il criterio dell'utilizzo che ciascun condomino ne può fare.


È da sottolineare che, quando si parla di ripartizione delle spese, ci si riferisce strettamente a tutte quelle necessarie alla conservazione e al godimento delle parti comuni, alla manutenzione e al funzionamento degli impianti e servizi comuni e alle innovazioni deliberate dall'assemblea condominiale per cui i condomini possono soltanto limitarsi a discutere, in sede di approvazione del bilancio preventivo, l'opportunità o meno di affrontare determinate spese ma, se in disaccordo, non possono contestare in nessun caso una spesa che essi ritengano inutile.

Qualunque spesa venga approvata in sede di assemblea condominiale deve essere, quindi, sostenuta anche da eventuali condomini in disaccordo che dovranno contribuire per la loro quota non potendosi sottrarre, in nessun caso, da quanto stabilito a maggioranza dall'assemblea.

In caso di mancato pagamento delle quote condominiali per un periodo superiore ai sei mesi, l'amministratore, qualora il regolamento di condominio gliene dia facoltà, può sospendere l'utilizzazione dei servizi comuni, di cui sia possibile il godimento separato (riscaldamento centralizzato, citofoni, ecc.), al condomino moroso, attraverso le necessarie azioni sugli impianti, anche se da eseguirsi all'interno della proprietà esclusiva del condomino stesso.

Tutte le norme in materia di ripartizione delle spese condominiali possono, comunque, essere derogate, qualora vi sia l'unanimità assembleare dei condomini, modificando opportunamente il regolamento condominiale.

Articolo: Ripartizione delle spese condominiali
Valutazione: 3.43 / 6 basato su 121 voti.

Ripartizione delle spese condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI Alert Commenti
  • Davide
    Davide
    2 giorni fa
    Abito in un condominio formato da 2 palazzine di 12 appartamenti ciascuno, con il cortile in comune.
    All'ultima riunione condominiale sono stati approvati dei lavori di manutenzione sul tetto di una delle 2.
    Volevo sapere se la suddivisione dei costi è a carico solo degli inquilini della palazzina in cui vengono eseguiti i lavori o se vanno suddivisi equamente a tutti gli utenti delle 2 palazzine.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Davide
      1 giorni fa
      Il costo dei lavori della manutenzione del tetto, va ripartito tra coloro che ne traggono beneficio in misura proporzionale ai valori millesimali di proprietà generale riferita alla sola palazzina interessata. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Fiorella
    Fiorella
    Venerdì 25 Novembre 2016, alle ore 23:27
    Abito in un casolare ristrutturato di 7 abitazioni abbiamo un vialetto dove ci sono dei lampioni a cui volevamo cambiare le lampadine per metterle a led per avere un risparmio un condomino.
    Vuole che la spesa sia divisa in millesimali, la maggioranza invece vuole dividere in 7, chi a ragione ? cosa dice la legge?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Fiorella
      5 giorni fa
      Fermo restando che è lecito un accordo tra i condomini volto a stabilire un criterio valido differente rispetto a quanto prevede la legge.
      Se il vialetto serve tutti in maniera uguale (unico accesso senza diramazioni o ingressi separati), la norma dettata dall’art. 1123 c.c., dice che le spese vanno ripartite tra i vari condomini in misura proporzionale al valore che la loro proprietà esclusiva ha rispetto alle parti comuni. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Manuel
    Manuel
    Mercoledì 16 Novembre 2016, alle ore 19:48
    Abito in un codominio di 21 appartamenti.
    Si devono effettuare dei lavori di ripristino, isolamento e tinteggiature di una sola parete esterna del condominio.
    La spesa di questo intervento è stata ripartita su tutti gli appartamenti in base ai millesimi.
    La mia domanda è: E' giusto che anche i condomini che non ne traggono nessun beneficio da questo intervento debbano pagare?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Manuel
      Giovedì 17 Novembre 2016, alle ore 13:31
      L'argomento è dibattuto da sempre con opinioni molto contrastanti. Se l'opera da farsi è successiva alla costruzione dell?edificio, rappresenta un?innovazione e deve essere approvata dalla metà dei partecipanti al condominio e che rappresenti i 2/3 dei millesimale di proprietà generale.L'art. 1121 del c.c. riporta: ?Qualora l?innovazione importi una spesa molto gravosa o abbia carattere voluttuario rispetto alle particolari condizioni e all?importanza dell?edificio, e consista in opere, impianti o manufatti suscettibili di utilizzazione separata, i condomini che non intendono trarne vantaggio sono esonerati da qualsiasi contributo nella spesa?. Mi sembra che rispecchi il Suo quesito. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Domenico
    Domenico
    Martedì 15 Novembre 2016, alle ore 14:36
    Da poco mi sono trasferito in in nuovo condominio di 10 appartamenti e sono proprietario anche proprietario del lastrico solare.
    Il condominio non ha regolamento e da poco sono state fatte le tabelle millesimali (mai approvate o registrate, in quanto era un condominio familiare e le spese venivano ripartite in parti uguali)
    Le tabelle in questione sono A e A+B.
    Per le spese ordinarie (pulizia scale - luce e acqua) mi viene chiesto di pagare quasi il 25% in base alla tab A+B dove risulta che il lastrico solare vale quasi i millesimi del'appartamento (quando quest'ultimo non è servito dalla luce e dall'acqua del condominio.
    Mi sembra assurdo che in due paghiamo quasi il 50% delle spese ordinarie.
    E' corretto?
    O devo pagare in base alla tab "A", dove comunque ci sono i millesimi del lastrico solare ma sono 1/3 rispetto all'appartamento.
    A cosa posso fare rieferimento in caso di errore?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Domenico
      Mercoledì 16 Novembre 2016, alle ore 08:41
      Darle una risposta su un quesito molto particolare e senza la verifica del calcolo millesimale è difficile. Innanzitutto è da capire se il lastrico solare ha accesso indipendente o avviene dal torrino scala, la supeficie ed i coefficienti riduttivi applicati. Comunque mi sembra eccessiva la spesa. Le consiglio di consultare un tecnico di Sua fiducia e farsi rivedere il calcolo dei millesimi ed, eventualmente, chiederne la rettifica in sede assembleare supportata da una motivazione scritta. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Pizzato.p@libero.it
    Pizzato.p@libero.it
    Lunedì 26 Settembre 2016, alle ore 12:46
    Abito in un condominio di 4 appartamenti. Il punto di diramazione dell'acqua potabile dista circa 80m dall'edificio. Il tubo in plastica che porta acqua al mio appartamento si è rotto e lascia trafilare un bel po' di acqua potabile. Per sostituirlo dovrei scavare sulle parti comuni. Chiedo gentilmente se l'intervento è tutto a mio carico o se può essere considerato un intervento straordinario a carico del condominio ?Grazie mille e Cordiali Saluti Paolo Pizzato
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Pizzato.p@libero.it
      Martedì 27 Settembre 2016, alle ore 08:47
      Se non ci sono accordi diversi all'interno del regolamento di condominio, la spesa di riparazione del tubo di adduzione dell'acqua alla Sua abitazione è a Suo carico. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Paolo Pizzato
        Paolo Pizzato Pasquale
        Martedì 27 Settembre 2016, alle ore 11:39
        La ringrazio per la risposta precisa e puntuale.
        Grazie MilleCordiali SalutiPaolo Pizzato
        rispondi al commento
      • Pizzato.p@libero.it
        Pizzato.p@libero.it Pasquale
        Mercoledì 28 Settembre 2016, alle ore 13:49
        Buongiorno, chiedo scusa se torno sull'argomento, ma dopo aver chiamato l'idraulico, scopro che il tubodell' acqua potabile di cui sopra, è inserito assieme ad altri 2 tubi dello stesso tipo in un tubo corrugato di grosso diametro ( 100 o 120mm ). L'idraulico sostiene che è impossibile "sfilare" il mio tubo rotto senza togliere anche gli altri 2 e a quel punto diventa opportuno sostituirli tutti e 3. A questo punto dovrei comunque sostenere io per intero tutte le spese ? Grazie Mille e Cordali Saluti. Paolo Pizzato
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Pizzato.p@libero.it
          Giovedì 29 Settembre 2016, alle ore 08:46
          Provi a contattare i proprietari delle restanti tubazioni anche se non credo che siano tanto propensi a spendere per una azione preventiva. Se la risposta sarà negativa, proponga al Suo idraulico di intercettare la Sua tubazione e fare solo la riparazione e procastinare l'intervento radicale in un tempo successivo, quando saranno gli altri ad avere lo stesso problema. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
          • Paolo Pizzato
            Paolo Pizzato Pasquale
            Giovedì 29 Settembre 2016, alle ore 09:53
            La ringrazio ancora per la Sua consulenza.
            Grazie Mille e Cordiali Saluti.
            Paolo Pizzato
            rispondi al commento
  • Mario
    Mario
    Martedì 20 Settembre 2016, alle ore 16:13
    In un Condominio di 67 condomini, dobbiamo eseguire, come da Capitolato e computo metrico, dei lavori di importo complessivo € 500.000.

    Il professionista che ha redatto il Capitolato e il computo metrico sostiene che siano Ordinari.

    Come Condomino sostengo, invece, che siano lavori straordinari di notevole entità ( 500.000/67 = ? 7462,26/ ciascuno mediamente) per i quali serve la delibera deve essere assunta dalla maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.

    A mio avviso, non ha tenuto conto quanto afferma art.1136, comma 4- con riferimento la spesa in rapporto con il valore dell'edificio e alla ricaduta economica sui singoli condomini ( l'edificio è stato costruito con laLegge 167 edil. econ. e popolare).

    L'Amministratore tace.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Mario
      Mercoledì 21 Settembre 2016, alle ore 09:07
      Con molta probabilità il tecnico, incaricato che ha redatto la stima, ha classificato che i lavori a farsi sono di natura "ordinaria". Secondo le regole in materia di edilizia, le opere si distinguono In:- manutenzione ordinaria; - manutenzione straodinaria; - restauro e risanamento conservativo; - ristrutturazione edilizia; ecc. Quindi, il parametro non è economico ma tecnico. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Anna Bassan
    Anna Bassan
    Mercoledì 10 Agosto 2016, alle ore 21:08
    Siamo 4 condomini 2 sotto e 2 sopra.
    Dobbiamo rifare l'entrata e le scale con il ballatoio del 1 piano come vengono ripartite le spese?
    Io sono al piano terra e non uso le scale, visto che è sprovvista di terrazza e altro.
    Grazie
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Anna Bassan
      Giovedì 11 Agosto 2016, alle ore 12:39
      In assenza delle tabelle millesimali valgono gli accordi convenzionali cioè del buon senso. In alternativa si possono usare i mq utili di ciascuna unità immobiliare conteggiando per 1/4 i balconi o terrazzi, aumentati del 15% gli appartamenti posti al piano superiore. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Claudio
    Claudio
    Mercoledì 3 Agosto 2016, alle ore 18:04
    Nel nostro condominio dovrà essere rifatto tutto il lastrico solare (che è di tutti), volevo sapere se è vero che chi abita all'ultimo piano paga di meno (anche se con più millesimi) in quanto ha dovuto sottostare alle infiltrazioni rispetto a quelli del piano terra.
    Grazie
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Claudio
      Giovedì 4 Agosto 2016, alle ore 12:07
      Chi si trova all'ultimo piano paga, come tutti gli altri, in base ai valori riportati nella Tabella millesimale di proprietà generale, non ci sono agevolazioni in tal senso. In caso di danni causati dalle infiltrazioni del lastrico solare, questi vanno risarciti al condomino che li ha subìti. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Claudio Lanfredini
    Claudio Lanfredini
    Sabato 30 Luglio 2016, alle ore 18:40
    Ho un posto auto esterno all'interno di un condominio accedo da un cancello e non usufruisco in alcun modo del tetto condominiale.

    Possono addebitarmi spese ad esso riferito ?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Claudio Lanfredini
      Martedì 2 Agosto 2016, alle ore 07:28
      Può stare tranquillo. I lavori al tetto partecipano tutti coloro che "cadono" nella verticale della copertura. Se il Suo posto auto è al di fuori, non deve pagare nulla. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Ripartizione delle spese condominiali che potrebbero interessarti
Spese condominiali: le tabelle millesimali

Spese condominiali: le tabelle millesimali

Le tabelle millesimali sono uno strumento indispensabile per la corretta gestione del condominio ed alla loro approvazione si può giungere in tre diversi modi.
Tabelle millesimali errate e rimborso quote condominiali

Tabelle millesimali errate e rimborso quote condominiali

Le tabelle millesimali sono lo strumento indispensabile per la ripartizione delle spese tra tutti i condomini. Che cosa accade se le stesse risultano errate?...
Sentenza  Cassazione n. 18477 del 9 agosto 2010

Sentenza Cassazione n. 18477 del 9 agosto 2010

Con la recente sentenza n. 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Corte di Cassazione si fa finalmente un po? di chiarezza riguardo alla questione...
Chi paga la revisione delle tabelle millesimali?

Chi paga la revisione delle tabelle millesimali?

Chi paga la parcella del tecnico incaricato della revisione e modificazione delle tabelle millesimali dopo dei lavori di ridistribuzione spazi interni in un appartamento?...
Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.
Registrati come Utente
265845 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
20805 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Kindle b00qjdo0qc e-book 6"300poi paperwhite wifi 4gb e-ink
      Kindle b00qjdo0qc e-book 6"...
      126.57
    • Asus zenpad 10 z300cx-1l001a tablet 10 hd, processore intel quad core, 16 gb, ram 1 gb, wi-fi, android 5.0, metal
      Asus zenpad 10 z300cx-1l001a...
      154.49
    • Phon asciuga capelli professionale 2000 w emissione ioni con diffusore gm-1716
      Phon asciuga capelli professionale...
      16.90
    • Mood03 arm curl - cuscino imbottito regolabile per panca ginnica
      Mood03 arm curl - cuscino...
      10.99
    • Soppalchi grigliati acciaio
      Soppalchi grigliati acciaio...
      49.00
    • Trappola per talpa a tubo
      Trappola per talpa a tubo...
      8.78
    • Pappylait cane 250 gr
      Pappylait cane 250 gr...
      13.42
    • Compo floranid prato con diserbante
      Compo floranid prato con diserbante...
      24.97
    • V-tac vt-7677 portalampada da interramento per lampadine gu10 - sku 7515
      V-tac vt-7677 portalampada da...
      16.90
    • Tagliasiepi a scoppio gc-ph 2155 einhell
      Tagliasiepi a scoppio gc-ph 2155...
      130.00
    • Dyson purificatore termoventilatore e ventilatore pure hot+cool
      Dyson purificatore...
      589.99
    • Lucci air ventilatore da soffitto beacon 210337 airfusion quest ii lucci air diametro 132 cm con regolatore a parete 4 pale reversibili in legno color
      Lucci air ventilatore da soffitto...
      150.64
    • Legatrice
      Legatrice...
      34.77
    • Palla grasso piccola pz 6
      Palla grasso piccola pz 6...
      2.97
    • Pompa xl 300 electric pro
      Pompa xl 300 electric pro...
      330.38
    • Pompa libertis 5 l multi
      Pompa libertis 5 l multi...
      110.90
    • Pompa acqua camper fiamma aqua 8 12v 10 litri minuto
      Pompa acqua camper fiamma aqua 8...
      99.90
    • Crearreda 24805 - adesivo in schiuma eva, con minnie disney 3d, 31 x 31 x 0,5 cm, colore: giallo
      Crearreda 24805 - adesivo in...
      16.78
    • Campingaz barbecue a gas da giardino con fornello laterale e ruote piastra in ghisa con coperchio - adelaide 4 classic l deluxe extra
      Campingaz barbecue a gas da...
      374.96
    • Seagate technology seagate stcr3000200 harddisk
      Seagate technology seagate...
      190.99
    • Wonderweed 300 canna da diserbo
      Wonderweed 300 canna da diserbo...
      24.34
    • Detergente per polverizzatori 100 bio
      Detergente per polverizzatori 100...
      12.14
    • Grasso per polverizzatori
      Grasso per polverizzatori...
      11.22
    • Pond wizard
      Pond wizard...
      121.98
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Geosec
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Murprotec
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO

Valvole cromate e detentori per...

€ 20.00
foto 1 Livorno
Scade il 31 Dicembre 2016

Armadio color wengé con ante...

€ 280.00
foto 2 Milano
Scade il 05 Dicembre 2016

Scultura agento ottaviani

€ 230.00
foto 3 Modena
Scade il 31 Dicembre 2016

Copritavolo rigido trasparente su misura

€ 68.00
foto 5 Roma
Scade il 31 Agosto 2017
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
71257

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.