Rendiconto condominiale: nozione, funzione e diritti dei condòmini

News di Condominio
Il rendiconto condominiale è un documento che l'amministratore deve presentare all'assemblea. Quali sono i diritti di verifica dei condòmini e come si esercitano?
Rendiconto del condominio

Rendiconto condominiale


RendicontoIl rendiconto, lo dice la parola stessa, è quel documento con cui chi lo redige rende conto di un determinato avvenimento, soprattutto delle spese effettuate.

In ambito condominiale il rendiconto è quel documento attraverso il quale l'amministratore relaziona all'assemblea della gestione della compagine e quindi chiede l'approvazione dello stesso, che a quel punto diviene formalmente atto assembleare.

Prima dell'entrata in vigore della legge n. 220/2012, la così detta riforma del condominio, il codice civile non diceva nulla in merito alle modalità di redazione del rendiconto condominiale sicché era toccato alla giurisprudenza specificare che lo stesso non doveva seguire le rigorose forme indicate per i bilanci societari, ma che comunque era necessario che risultasse trasparente ed intellegibile (cfr. Cass. 23 gennaio 2007 n. 1405).

L'art. 1130-bis c.c., attualmente vigente, specifica che il rendiconto si compone:

a) del registro di contabilità;

b) del riepilogo finanziario;

c) della nota illustrativa.

In sostanza, l'amministratore con il rendiconto redatto seguendo le indicazioni legislative deve dar conto della gestione annuale (il registro di contabilità è documento riferibile ai singoli anni di gestione, cfr. art. 1130 n. 7 c.c.), della situazione finanziaria complessiva della compagine (a questo serve il riepilogo che quindi può riguardare anche più anni) anche con una nota che spieghi il tutto.


Termini per la presentazione del rendiconto


Prima dell'entrata in vigore della riforma del condominio, la legge specificava semplicemente che al termine dell'anno di gestione l'amministratore doveva rendere il conto del proprio operato (art. 1130, secondo comma, c.c. vecchia formulazione) e che se non lo faceva per due anni poteva essere soggetto alla revoca anche da parte dell'Autorità Giudiziaria (art. 1129, primo comma, c.c. vecchia formulazione).

La legge n. 220/2012 ha sensibilmente cambiato le carte in tavola. Ai sensi dell'art. 1130 n. 10 c.c., infatti, «l'amministratore è tenuto a rendere il conto della propria gestione convocando l'assemblea al massimo entro centottanta giorni».

Esattamente l'articolo appena citato afferma che l'amministratore deve redigere il rendiconto condominiale annuale della gestione e convocare l'assemblea per la relativa approvazione entro centottanta giorni.

Avete letto bene e non abbiamo troncato la frase. Entro centottanta giorni che decorrono da quale momento?

Sembra strano ma la legge non dice nulla in merito: un particolare di non poco conto che, vedremo, sta portando già a qualche problema applicativo.

Partiamo dal dato, a nostro avviso, certo. I centottanta giorni di cui parla l'art. 1130 n. 10 c.c. devono essere conteggiati dalla data di chiusura dell'esercizio di riferimento. Vediamo perché.

L'amministratore, dice la legge, dura in carica un anno. Egli, ai sensi dell'art. 1130 e comunque delle norme sul mandato (art. 1713 c.c.), al termine di questo periodo di tempo deve rendere il conto della gestione.

Supponiamo che l'anno di gestione vada dall'1 gennaio al 31 dicembre; supponiamo quindi che l'ultimo esercizio contabile si sia aperto l'1 gennaio 2014 e chiuso il 31 dicembre 2014.

In questo contesto l'amministratore dovrà convocare l'assemblea per la discussione sul rendiconto entro centottanta giorni dal 31 dicembre 2014, ossia entro il 30 giugno 2015.

Si badi: l'assemblea dev'essere convocata entro tale data. Ciò vuol dire che si può tenere anche successivamente. L'adempimento necessario, quindi, è la convocazione e non lo svolgimento.

Rendiconto condominialeQuella prospettata pare essere la soluzione più logica rispetto all'intero contesto normativo: si chiude un periodo di gestione rispetto ad esso calcolo i termini entro i quali devo renderne conto.

Non è così per il Tribunale di Udine, almeno non è così stando ad un decreto di questo ufficio giudiziario.

Nel caso di specie il giudice adito ha ritenuto di dover revocare l'amministratore condominiale in quanto non ha reso il conto della propria gestione entro centottanta giorni dall'approvazione dell'ultimo rendiconto (così Trib. Udine 25 marzo 2014). Com'è possibile? Ahinoi nel decreto si dice proprio così!

Nel testo del provvedimento si legge più volte che il computo del termine dei centottanta giorni dev'essere fatto riferendosi all'ultimo rendiconto approvato.

Si tratta, ad avviso di chi scrive, di un errore in quanto è impossibile rendicontare una gestione annuale prima della sua scadenza naturale. Spieghiamoci meglio.

Si supponga che a gennaio 2015 l'amministratore convochi l'assemblea per l'approvazione del rendiconto 2014. Secondo il Tribunale di Udine il rendiconto del 2015 dovrà essere approvato entro il mese di giugno del 2015 pena la revoca dell'amministratore.

Ma com'è possibile? È impossibile ed infatti, ad avviso di chi scrive, il decreto è ampiamente censurabile.

Certo, se il legislatore avesse precisato, all'art. 1130 n. 10 c.c. come calcolare il termine di centottanta giorni non lasciando monca quella frase, questa soluzione un po' originale non sarebbe mai stata adottata. Forse!

Dibattuta è altresì l’automaticità della revoca per il caso di sforamento del suddetto termine di centottanta giorni.

Non sono mancate pronunce – oltre a quella del Tribunale di Udine (cfr. Trib. Taranto decreto 21 settembre 2015) – tese a suffragare l’automaticità della revoca.

Più prudentemente – sia pur senza avere diretto riferimento al rendiconto condominiale – in altre pronunce (si veda ad esempio Trib. Santa Maria Capua Vetere decreto 28 maggio 2015) s’è specificato che la grave irregolarità astrattamente prevista dalla normativa deve comunque trovare riscontro in fatti concreti che possano dimostrare il pregiudizio o il pericolo di danno per il condominio.

Come dire: un conto è l’essere incappato in un comportamento consistente in una grave irregolarità (es. omessa presentazione del rendiconto entro 180 giorni), altro che tale inadempimento possa essere considerato davvero meritevole di essere sanzionato con la revoca.


Rendiconto e diritti dei condomini


I condòmini hanno diritto di vedersi recapitato, assieme all’avviso di convocazione, copia del rendiconto del quale si andrà a discutere?

In caso negativo, quali sono i loro diritti e come possono essere esercitati?

Una premessa è fondamentale: forniremo una risposta di carattere generale senza tenere in considerazione – per ovvie ragioni – i contenuti dei singoli regolamenti di condominio; questi, infatti, possono imporre all’amministratore di allegare all’avviso il rendiconto o altra documentazione. Ipotizziamo che non via sia regolamento.

L’amministratore non è obbligato ad allegare il rendiconto all’avviso di convocazione: la mancanza di obbligo, tuttavia, non vuol dire che ciò non sia opportuno. Al contrario, invece, è sempre utile allegare all’avviso tale documento.

Chiaramente poiché il rendiconto altro non è che un prospetto riepilogativo della gestione, per verificare la sua esattezza rispetto alle spese effettivamente sostenute i condòmini hanno diritto di prendere visione ed eventualmente estrarre copia della documentazione sottostante. Tale diritto può essere esercitato in ogni momento dell’anno ai sensi dell’art. 1130-bis c.c.

E in prossimità della riunione? La legge non impone all’amministratore di condominio – come accade ad esempio in materia societaria – di depositare la documentazione contabile prima dell’assemblea chiamata a discutere in merito all’approvazione del rendiconto (cfr. tra le tante Trib. Larino 21 gennaio 2016, n. 23).

L’assenza di tale obbligo, tuttavia, non manda esente l’amministratore dall’obbligo di consentire tale verifica per far sì che i condòmini possano discutere consapevolmente su quel documento. Al contempo – in assenza di specifiche indicazioni del regolamento condominiale – l’amministratore non è nemmeno obbligato a portare con sé in assemblea tutta la documentazione giustificativa relativa al rendiconto oggetto di discussione.

Ed allora come valutare l’esatto modo di agire ai fini di una regolare deliberazione?

La giurisprudenza ha specificato che pur non esistendo il suddetto obbligo di deposito l’amministratore deve comunque consentire di esaminare la documentazione giustificativa del rendiconto oggetto di approvazione (Cass. Civ., 28 gennaio 2004. n. 1544). Ciò può avvenire in due modi:

a) mettendo i documenti a disposizione dei condòmini nei giorni precedenti alla riunione, dandone notizia nell’avviso di convocazione;

b) portandoli direttamente in assemblea.

Nulla vieta naturalmente che l’amministratore possa optare per mettere in pratica entrambe le soluzioni.

Articolo: Rendiconto del condominio
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Rendiconto del condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI Alert Commenti
  • Flory
    Flory
    Martedì 7 Febbraio 2017, alle ore 12:06
    L'amministratore è tenuto a dare ai proprietari i nomi dei morosi?
    O quanto meno l'entità dell'ammanco?
    E quali sono i presupposti per essere un'amministratore?
    L'iscrizione alle associazioni di categoria?
    In caso fosse presidente di una cassa artigiani, può esserci un conflitto d'interesse nel far svolgere a ditte amiche escludendo altre, anche, più convenienti per i condomini?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Flory
      Martedì 7 Febbraio 2017, alle ore 18:33
      Si, l'amministratore deve indicare nome dei morosi e quota di riferimento non pagata.Quanto ai requisiti, ti consiglio questo articolo:http://www.lavorincasa.it/obbligo-amministratore-condominiale/ 
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Rendiconto del condominio che potrebbero interessarti
Rendiconto preventivo e decreto ingiuntivo

Rendiconto preventivo e decreto ingiuntivo

L?amministratore di condominio, incaricando un legale o personalmente (quando gli è consentito, art. 86 c.p.c.), è legittimato a chiedere ed ottenere...
Rendiconto debiti pregressi e compravendita

Rendiconto debiti pregressi e compravendita

L?amministratore di condominio, al termine di ogni anno, deve rendere il conto della propria gestione...
Amministratore di condominio e oneri in materia di spese del supercondominio indicate nel consuntivo

Amministratore di condominio e oneri in materia di spese del supercondominio indicate nel consuntivo

Quando l'amministratore del condominio inserisce nel rendiconto delle spese riguardanti il supercondominio, il condomino ha diritto di visionare le pezze giustificative.
Calcolo dei termini per la presentazione del rendiconto condominiale

Calcolo dei termini per la presentazione del rendiconto condominiale

Il rendiconto condominiale è il documento con cui l'amministratore relaziona sull'anno di gestione trascorso. Come calcolare i termini di presentazione di legge?...
Pulizia delle scale, è obbligatorio pagare l'impresa affidataria?

Pulizia delle scale, è obbligatorio pagare l'impresa affidataria?

La pulizia delle scale in condominio può essere eseguita in proprio solamente se tutti i condomini sono d'accordo e l'assemblea non può obbligare nessuno.
Registrati come Utente
272727 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
20944 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Argo wally - termoventilatore
      Argo wally - termoventilatore...
      54.99
    • Him fiaba di natale portacandele, vetro, multicolore, 11x11x9 cm
      Him fiaba di natale portacandele,...
      12.90
    • Arredo giardino salotto da esterno giardino completo divano poltrone tavolino mod. duet set colore bianco
      Arredo giardino salotto da esterno...
      315.00
    • Panchina decorata in ferro battuto h168121
      Panchina decorata in ferro battuto...
      336.72
    • Portone condominiale
      Portone condominiale...
      3600.00
    • Trappola per talpa a tubo
      Trappola per talpa a tubo...
      8.78
    • Pappylait cane 250 gr
      Pappylait cane 250 gr...
      13.42
    • Compo floranid prato con diserbante
      Compo floranid prato con diserbante...
      24.97
    • Sinsin sedia a sdraio in alluminio reclinabile
      Sinsin sedia a sdraio in alluminio...
      22.90
    • Kartell take
      Kartell take...
      69.60
    • Mood03 *super offerta* panca gravitazionale salvaspazio di ottima qualita' con schienale rigido imbottito rivestito in pelle
      Mood03 *super offerta* panca...
      102.49
    • Macom affilacoltelli elettrico colore nero / argento - metal blade machine 815
      Macom affilacoltelli elettrico...
      27.17
    • Legatrice
      Legatrice...
      34.77
    • Palla grasso piccola pz 6
      Palla grasso piccola pz 6...
      2.97
    • Pompa xl 300 electric pro
      Pompa xl 300 electric pro...
      330.38
    • Pompa libertis 5 l multi
      Pompa libertis 5 l multi...
      110.90
    • Termoventilatore bagno digitale touch
      Termoventilatore bagno digitale...
      124.00
    • Azzurra design lettino trasformabile giano azzurra design
      Azzurra design lettino...
      523.80
    • Camera da letto c40073
      Camera da letto c40073...
      2.06
    • Termoventilatore a parete dcg tcm55t 2000 watt termobagno + telecomando
      Termoventilatore a parete dcg...
      39.00
    • Wonderweed 300 canna da diserbo
      Wonderweed 300 canna da diserbo...
      24.34
    • Detergente per polverizzatori 100 bio
      Detergente per polverizzatori 100...
      12.14
    • Grasso per polverizzatori
      Grasso per polverizzatori...
      11.22
    • Pond wizard
      Pond wizard...
      121.98
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Immobiliare.it
  • Weber
  • Onlywood
  • Policarbonato.online
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO

Parete attrezzata per soggiorno con...

€ 150.00
foto 5 Parma
Scade il 31 Dicembre 2017

° pianoforte verticale in perfetto...

€ 900.00
foto 4 Parma
Scade il 31 Dicembre 2017

San giuliano milanese, sesto ulteriano,

€ 260 000.00
foto 6 Milano
Scade il 30 Luglio 2017

Privato vende appartamento 3 locali...

€ 145 000.00
foto 6 Como
Scade il 01 Aprile 2017
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
82326

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.