Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Recupero degli infissi in legno

News di Infissi
Un criterio di valutazione per stabilire la convenienza a recuperare gli infissi esterni in legno degradati in seguito all'usura del tempo ed ad una scarsa manutenzione.
Recupero degli infissi in legno
Arch. Francesco Oliva
Arch. Francesco Oliva

Materiale usato


Uno dei materiali più usati per la realizzazione di infissi esterni è stato ed è tuttora il legno, materiale che con il passare dei secoli mantiene inalterato il suo valore, anzi lo esalta accoppiandosi a materiali e tecniche nuove che ne permettono l’impiego in vari settori dell’abitare.

Oggi, che buona parte del patrimonio edilizio italiano è ormai invecchiato al punto tale da dover prendere in seria considerazione la possibilità o meno di intervenire per recuperare ciò che l’usura del tempo unitamente alla trascuratezza dell’uomo hanno ormai compromesso, è importante stabilire un criterio di convenienza al quale attenersi, per verificare la bontà dell’intervento di recupero progettato.


Pino come essenza più usata


Il recupero degli infissi in legno: La materia prima il pinoUna delle essenze più usate per la realizzazione degli infissi esterni, è il pino di cui la letteratura del settore  cita oltre 115 specie sparse in tutte le regioni del mondo.

La famiglia delle pinacea è una grande famiglia di alberi, con un ruolo  che qualcuno ha definito sociale, nel senso che ormai basta visitare qualunque grande punto vendita di mobili fai da te o i famosi centri IKEA, per constatare quanto grande e diffuso sia ormai il suo impiego.

In Italia il suo impiego negli anni passati, è stato rilevante in particolare per la realizzazione di infissi esterni, i motivi di tale scelta, sono da ricercarsi nelle caratteristiche intrinseche del materiale e nel prezzo abbastanza conveniente rispetto ad altre essenze più rinomate.

Il recupero degli infissi in legno:la caratteristica venatura del pino

 Il pino è un legno dolce, perciò è facilmente lavorabile, purtroppo la sua facile lavorabilità spesso va di pari passo con una scarsa durevolezza, cosa che si accentua particolarmente quando la manutenzione negli anni è scarsa o addirittura mancante.

E' per questo che gli infissi  in pino massiccio tendono col tempo a imbarcarsi leggermente, in maniera direttamente proporzionale alla snellezza del profilo con cui sono realizzati ed alla dimensione della sua sezione trasversale.


Il pino è sensibile alle sollecitazioni inferte con una certa vigoria, il pino massiccio appare piatto, qui è là, nodoso e senza particolari qualità estetiche, per cui il suo impiego è stato negli anni passati principalmente rivolto al settore dei serramenti esterni.


Punti deboli del materiale

A questo proposito occorre rilevare, che  il pino è sensibile alla temperatura, alla luce ed agli agenti atmosferici, non è  dunque un legno adatto all'esterno a meno che non venga opportunamente trattato.


Criterio d'intervento

Il recupero degli infissi in legno:Un infisso esterno mal conservatoQuando ci si trova di fronte a degli infissi esterni, realizzati in pino in maniera tradizionale, sprovvisti di vetro camera, con un grado di usura dovuta ad una scarsa manutenzione, con il deterioramento di alcune parti con mancanza di guarnizioni adeguate, la domanda nasce spontanea: conviene o non conviene recuperarli attraverso una serie di interventi  che comprendano il consolidamento e il perfezionamento funzionale dell’infisso attraverso l’applicazione di vetro camera e l’inserimento di guarnizioni per la tenuta?

Ebbene, per poter rispondere a tale quesito, occorre fare due conti o meglio approfondire la questione attraverso una analisi dei costi d’intervento e rapportare infine il costo di un nuovo infisso a quello restaurato da sostituire.

In primis, nella normalità dei casi non risulta conveniente scanalare ulteriormente i profili per inserirci una vetrocamera 4/9/4, meglio optare per una aggiunta di sopracornici nelle quali alloggiare la vetrocamera.

In tal modo, si ottiene un doppio vantaggio, non si indebolisce l’infisso e nello stesso tempo lo si rende più robusto e molto più isolante sia termicamente che acusticamente.
Il recupero degli infissi in legno:un particolare del degrado superficiale
Si può inoltre, procedere all’inserimento di idonee guarnizioni, per perfezionarne la tenuta agli agenti atmosferici come vento ed acqua, oltre a sostituire le parti più delicate come gocciolatoi, coprigiunti ecc.

In termini economici, un intervento del genere dal punto di vista delle opere di falegnameria può aggirarsi intorno alle 160 euro al mq a cui vanno aggiunti almeno altri 40 euro per opere di tinteggiatura con smalti opachi.

Il costo a metro quadrato, comprende sia l’intervento sull’infisso interno, che sulla persiana esterna, con l’esclusione della sostituzione di maniglie ed eventuali parti di ferramenta.

Bisogna inoltre tener conto, che un infisso così ottenuto non sarà mai perfettamente ed ermeticamente a tenuta come ad esempio un moderno infisso a taglio termico, ma ciò in alcuni casi può anche non rappresentare uno svantaggio.


Vantaggi del recupero

Il recupero degli infissi in legno:un infisso recuperato

Tenuto conto che un infisso esterno, costituito da persiana  ed infisso interno legno alluminio provvisto di vetrocamera,  costa  almeno 600 euro al mq, appare subito evidente che il recupero dei vecchi infissi sopradescritti, risulta conveniente anche se occorrerà sostituire maniglie e  ferramenta, a condizione che il lavoro di recupero degli stessi venga eseguito a perfetta regola d’arte.


Per la non perfetta ermeticità degli infissi recuperati, occorre tener presente che il problema riguarda più la tenuta all’acqua che al vento, in quanto mentre un leggero spiffero può contribuire a ricambiare il volume d’aria interno senza provocare alcun danno, l’eventuale infiltrazione di acqua dall’infisso comporta sicuramente un danno.

Per questi motivi, prima di decidere sul da farsi è consigliabile verificare se già nelle condizioni precedenti all’intervento di recupero, vi siano o meno infiltrazioni di acqua, in modo da valutare se il fenomeno è strettamente legato al grado di usura dell'infisso o ad altre cause, al fine di poter meglio intervenire.

Articolo: Recupero degli infissi in legno
Valutazione: 4.17 / 6 basato su 12 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Commenta su Recupero degli infissi in legno
Caratteri rimanenti
  • Arch.oliva
    Venerdì 14 Settembre 2012, alle ore 09:27
    Egr. Signor Edoardo sostituire un vetro semplice con due vetri separati da intercapedine, arreca senz'altro un beneficio alle caratteristiche termoacustiche dell'infisso, per quanto riguarda i costi occorre essere più precisi nello specificare il tipo di vetri impiegati (basso emissivi, stratificati, semidoppi ecc), in genere una composizione standard 4/12/4 composta da due vetri semidoppi di 4 mm. separati da camera d'aria di mm12 ha un costo che si aggira attorno ai 40euro al mq.
    rispondi al commento
  • Edoardo
    Giovedì 13 Settembre 2012, alle ore 19:57
    L'applicazione di un doppio vetro al posto di vetro singolo non porta vantaggi ? Credevo di si.
    Quanto meno d'inverno il taglio termico è maggiore. Penso e spero perchè sto mettendo i doppi vetri da solo a casa mia.
    Qualcuno può darmi un prezzo orientativo al mq. del costo del vetro doppio?
    Grazie a tutti
    rispondi al commento
Notizie che trattano Recupero degli infissi in legno che potrebbero interessarti
Recupero di infissi deteriorati

Recupero di infissi deteriorati

Come recuperare gli infissi esterni deteriorati.
Attestato di Certificazione Energetica: nuovi obblighi di legge

Attestato di Certificazione Energetica: nuovi obblighi di legge

L'Attestato di Certificazione Energetica consente, già in fase preliminare all'investimento, di valutare le caratteristiche di efficienza energetica di un immobile.
Consigli su infissi in legno

Consigli su infissi in legno

Il legno rimane sempre una scelta particolarmente gradevole per gli infissi esterni, in questo articolo vediamo le caratteristiche e i consigli per proteggerli.
Ristrutturazione Sostenibile

Ristrutturazione Sostenibile

State pensando di ristrutturare casa? Ecco qualche spunto di riflessione per valutare e magari ridurre l'impatto che tale intervento potrebbe avere sull'ambiente.
Legge 28 dicembre 2001, n.448

Legge 28 dicembre 2001, n.448

Finanziaria 2008 Approvata Detrazione IRPEF del 36% sui lavori di ristrutturazione, richiamo alla Legge 28 dicembre 2001, n.448, articolo 9 comma 3.
IMMOBILIARE
prezzi infissi
costi infissi
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE







SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Infissi in alluminio
      Infissi in alluminio...
      300.00
    • Infissi legno
      Infissi legno...
      700.00
    • Infissi
      Infissi...
      330.00
    • Infissi pvc
      Infissi pvc...
      165.00
    • Infissi su misura
      Infissi su misura...
      160.00
    • Infissi in pvc eco-compatibile
      Infissi in pvc eco-compatibile...
      342.00
    • Infissi in alluminio e legno
      Infissi in alluminio e legno...
      400.00
    • Infissi veka
      Infissi veka...
      180.00
    • Infissi in pvc bianco nikita
      Infissi in pvc bianco nikita...
      220.00
    • Finestra pvc
      Finestra pvc...
      320.00
    • Infissi pvc palermo
      Infissi pvc palermo...
      180.00
    • Sostituzione infissi
      Sostituzione infissi...
      405.00

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE