Quali sono i permessi necessari per realizzare una veranda?

News di Normative
E' bene sapere che la veranda costituisce, dal punto di vista urbanistico, un aumento di volumetria dell'immobile ed esteticamente comporta una modifica della facciata.
Veranda permessi necessari
Arch. Carmen Granata

Realizzare una veranda


verandaUn porticato aperto, un terrazzo adiacente al soggiorno o parte di un balcone da utilizzare come ripostiglio: sono tutte situazioni in cui ci si può trovare di fronte alla possibilità di far realizzare una veranda, sia essa con struttura in legno o in metallo, con serramenti apribili o fissi.

La veranda, a seconda delle dimensioni, può essere utilizzata come semplice ripostiglio o spazio in più per lo stivaggio, ma anche come ampliamento della casa verso l'esterno, quindi in essa è possibile ricavare una zona per il pranzo, per il relax o per lo studio.
Con il sussistere di determinate condizioni ambientali, la veranda può essere utilizzata anche come serra per la coltivazione di piante.

Essa è quindi un elemento che aggiunge alla casa una stanza in più, aumentandone il valore commerciale e il pregio estetico, se realizzata con determinati criteri, perché comporta una modifica della facciata.


Quando è possibile realizzare una veranda?


È bene però sapere che la veranda rappresenta, dal punto di vista urbanistico, un aumento di volumetria dell'immobile ed esteticamente comporta una modifica della facciata.
Come tale è quindi soggetta a precise regole.

verandaInnanzitutto l'immobile in cui si vuole realizzare la veranda deve avere ancora una volumetria residua da sfruttare.
Poi questo nuovo volume deve essere tale che vengano comunque rispettati i requisiti aero illuminanti stabiliti dal regolamento d'igiene.
Inoltre, possono esserci ulteriori requisiti fissati dai regolamenti locali, come ad esempio non poter superare una certa ampiezza, l'utilizzo di determinati materiali, o una percentuale da rispettare per le superfici finestrate.

Pertanto, prima di procedere alla sua realizzazione, sarà necessario rivolgersi ad un professionista abilitato (architetto, ingegnere o geometra) che, in base a quanto prescritto dal Piano Regolatore comunale e dal Regolamento Edilizio, verificherà, nel caso si tratti di un edificio unifamiliare, la possibilità di effettuare l'intervento e nel caso si possa procedere, predisponga un adeguato progetto.

Nel caso in cui si tratti invece di un edificio condominiale, bisognerà richiedere, oltre al permesso comunale, anche il consenso preventivo dell'assemblea dei condomini, che dovranno approvare l'intervento all'unanimità. Tale consenso dovrà poi essere allegato alla richiesta da presentare al comune.
Vediamo dunque quali sono le richieste da effettuare.


Quale titolo autorizzativo chiedere per realizzare una veranda?


Prima di procedere con la descrizione dei titoli autorizzativi necessari per realizzare questo tipo di intervento, desidero fare una precisazione in merito a quelle strutture definite mobili o amovibili.
Spesso si pensa che strutture leggere, costituite in gran parte da parti vetrate ed apribili, come la veranda, non siano strutture fisse, costruzioni, e pertanto possano essere realizzate liberamente.

verandaIn realtà, invece, le verande sono strutture fisse e quindi costruzioni a tutti gli effetti.
Lo dimostra il fatto che smantellarle, e quindi rimuoverle, non è un'operazione immediata, ma richiede l'intervento almeno di un operaio.

Quando si realizza una veranda, visto che si crea un aumento di volumetria, è  necessario richiedere un Permesso di costruire, sempre che questo aumento volumetrico rientri nei parametri concessi dalla strumentazione urbanistica locale.
In questo caso sarà necessario attendere il provvedimento favorevole del responsabile del procedimento nominato dal Comune, prima di procedere con i lavori.

Se la veranda rappresenta la chiusura di un balcone si ha in più una modifica consistente della facciata, per cui verrà valutato anche il modo in cui incide sull'estetica della stessa.

In virtù del processo di semplificazione edilizia in atto, che ha ridotto il numero di interventi che necessitano di permesso di costruire a quelli di nuova costruzione o di notevole consistenza urbanistica, molte amministrazioni comunali concedono in realtà la possibilità di realizzare la veranda anche dietro presentazione di una Denuncia di inizio attività (Dia).

In questo caso, quindi, dopo aver presentato un progetto a firma di tecnico abilitato, corredato da una relazione tecnica asseverata che attesti la rispondenza a tutti i requisiti normativi richiesti, trascorsi 30 giorni senza che siano intervenuti provvedimenti contrari da parte del Comune, è possibile dare inizio ai lavori.

Per finire, ricordiamo che se l'edificio è vincolato, perchè riveste un particolare valore architettonico o ambientale, andrà richiesto anche un parere preventivo alla Sovrintendenza di rispettiva competenza.

Una volta ultimati i lavori, sarà necessario presentare un aggiornamento della scheda catastale.

Inoltre, poiché un aumento di volumetria determina una variazione dei millesimi della proprietà condominiale, sarà necessario anche provvedere ad un aggiornamento delle tabelle millesimali.

Per ulteriori informazioni, ad esempio su come ampliare un appartamento con una veranda oppure informazioni tecniche sulle verande solari, potete consultare altri nostri articoli (questo l'elenco), mentre se desiderate conoscere i costi, trovate qui i listini di prezzi verande.

Articolo: Veranda permessi necessari
Valutazione: 4.33 / 6 basato su 262 voti.

Veranda permessi necessari: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI Alert Commenti
  • Manuel
    Manuel
    4 giorni fa
    Ho acquistato una casa con veranda.
    Ho scoperto in un secondo momento che è un abuso perché non rispetta le distanze di sicurezza da un corso d acqua adiacente.
    Il consorzio delle acque dove abbiamo chiesto il permesso ci ha detto che non faranno denuncia e visto che c è sempre stata la possiamo lasciare. Prima di sapere tutto questo visto che la veranda era vecchia l'abbiamo venduta con il progetto di farne un altra più carina.
    Inoltre il comune non ha nessun documento catastale dell abitazione perchè ante 67.
    Ora dobbiamo presentare scia per fare altri lavori.
    La mia domanda è:la veranda la devo presentare uguale a com era cioè con un muretto di base alto 1,3 mt e vetri nella parte sopra in una struttura di alluminio ?
    Perché volevamo rifarla con una parte murata piu alta di prima ( rispettando però le stesse misure di altezza generale di prima ) per fare meno finestre e risparmiare un po' sugli infissi.
    Ma non so se è meglio non far vedere al comune che ho fatto delle modifiche e attirare così l'attenzione.
    Eventualmente cosa rischio?
    Qual è la soluzione migliore?
    rispondi al commento
  • Laura
    Laura
    Giovedì 9 Febbraio 2017, alle ore 15:35
    Ho una casa a 3 piani (garage sotterraneo+reparto giorno rialzato+reparto notte1° piano) e nel retro del reparto giorno ho un terrazzo che coincide con quello superione della camera di dimensioni : lunghezza 3,26m  - profondità 1,13m ed altezza 1,74m.
    Sfruttando la coperture del terrazzo superiose si pensava di chiuedere con delle vetrate e creare una veranda da usare come disbrigo.
    Per poter procedere all'istallazione dei vetri/finestre ho bisogno di qualche permesso comunale o posso procedere con i lavori senza problemi?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Laura
      Venerdì 10 Febbraio 2017, alle ore 17:54
      La chiusura del terrazzo comporta un aumento di volume assentito e quindi la presentazione in comune di una Scia, previa acquisizione dei pareri favorevoli se l'area interessata è sottoposta a vincoli di natura paesaggistico-ambientali. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Maria
    Maria
    Lunedì 30 Gennaio 2017, alle ore 21:52
    Devo vendere un attico con veranda condonata regolarmente,quando l'ho ristrutturata ho aggiunto 7metri quadri.
    Per poter vendere la casa devo riportare la veranda alle dimensioni precedenti o posso condonare i 7 metri quadri?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Maria
      Martedì 31 Gennaio 2017, alle ore 09:53
      La strada più semplice e veloce è sicuramente il ripristino dello stato dei luoghi per poter procedere alla conformità urbanistico-catastale. L'altra ipotesi è più difficile e va verificata la fattibilità di una nuova istanza di sanatoria, con termini scaduti da anni, il costo e soprattutto i tempi. Cordiali saluti. 
      rispondi al commento
  • Francesca
    Francesca
    Domenica 22 Gennaio 2017, alle ore 17:51
    Ssecondo le norme una stanza deve avere una finestra apribile di almeno 1/8 della superficie pavimentata.
    Può andar bene se questa finestra da su un patio e non direttamente su uno spazio esterno?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Francesca
      Lunedì 23 Gennaio 2017, alle ore 09:29
      Sì, purchè il patio sia completamente libero. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Simon
    Simon
    Martedì 27 Dicembre 2016, alle ore 14:29
    Sto acquistando casa ma purtroppo hanno bloccato la pratica del mutuo perchè il balcone della cucina è chiuso a vetri e l'ingegnere ha segnalato una difformità in perizia.
    Devono obbligatoriamente smontare la strutturura prima di una nuova perizia ?
    Non si puo richiedere al comune un permesso per regolarizzarla ?   
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Simon
      Mercoledì 28 Dicembre 2016, alle ore 08:11
      La veranda, anche se conforme agli strumenti urbanistici, se non autorizzata, è un abuso edilizio. Se i tempi sono stretti è consigliabile smontare il tutto per avere il mutuo, diversamente si potrebbe anche ipotizzare una permesso a costruire in sanatoria ma con tempi decisamente lunghi. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Luigi
    Luigi
    Giovedì 22 Dicembre 2016, alle ore 15:52
    Iin un condominio in città sono proporietario di un appartamento all'ultimo piano con il relativo terrazzo sovrastante.
    Il mio vicino (anche lui con appartemento ultimo piano e terrazzo di proprietà a fianco al mio) vuole mettere una veranda sul suo terrazzo.
    Vorrei sapere che autorizzazione dovrà avere per installarla (condominiali, comunali) e se dovesse installarla a che distanza dovrà tenere dal confine della mia proprietà.
    Oltre a questo mi riduce la visuale sul lato del mio terrazzo.
    I due terrazzi fanno anche da lastico solare ma fanno parte della proprietà dell'immobili all'ultimo piano
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Luigi
      Martedì 27 Dicembre 2016, alle ore 12:22
      Il vicino per realizzare la veranda deve accertarsi in primis della fattibilità rispetto al regolamento edilizio vigente nel Suo comune e poi sottoporre il progetto al parere dell'assemblea di condominio che, ovviamente, ne deve rilasciare il parere favorevole. La distanza minima prevista da c.c. è di mt. 3,00 dal confine più vicino mentre la procedura da presentare all'U.T.C. è una Scia. Cordiali saluti.  
      rispondi al commento
  • Tania
    Tania
    Venerdì 2 Dicembre 2016, alle ore 17:38
    Vorrei chiudere il portico della mia villetta indipendente, per vento freddo eccessivo dal mare e tanta pioggia ma anche risparmiare in riscaldamento.
    La veranda chiusa non diventerà una camera ma resterà portico.
    Ddevo chiedere dei permessi?
    Quanto costano?
    Se deve farlo un geometra, quanto costa?
    E la multa quanto costa?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Tania
      Lunedì 5 Dicembre 2016, alle ore 22:44
      La chiusura del portico comporta la presentazione in comune du una Scia, previa acquisizione dei pareri. Il costo della pratica edilizia è di circa 3000 euro oltre CpA ed iva, compreso la variazione catastale, mentre l'intervento ha un costo per mq. che varia da un minimo di 400 ad un massimo di 700 euro in base alla tipologia dei profilati e delle vetrate. Riguardo all'ipotesi di un abuso edilizio, la sanzione amministrativa è poca cosa rispetto al processo penale a cui sarà sottoposta. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Patriziac
    Patriziac
    Lunedì 24 Ottobre 2016, alle ore 10:53
    Nell'articolo dell'architetto, ho letto che per la chiusura occorre verificare se c'è volumetria residua.
    Il consenso unanime dell'assemblea serve perché si utilizza la volumetria residua e occorre c'è pagare eventualmente un indennizzo ai condomini oppure occorre il consenso unanime per la questione dell'alterazione della facciata, questione di decoro insomma?
    Il parere favorevole dei condomini all'unanimità serve perché è una concessione edilizia che utilizza volumi residui e spetta un indennizzo ai condomini oppure serve per l'alterazione della facciata e quindi per questioni di decoro?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Patriziac
      Martedì 25 Ottobre 2016, alle ore 13:41
      Prima di procedere alla richiesta all'amministrazione condominiale per l'ottenimento del parere favorevole alla costruzione della veranda, è opportuno accertarsi della fattibilità urbanistica al proprio comune (volumi residui per chi ha aderito al piano casa o limitazioni imposte nel progetto iniziale) e dello statuto o regolamento approvato dal condominio. Una volta accertato tale possibilità si può chiedere il consenso al condominio che deve essere all'unanimità dei condomini in quanto la costruzione della veranda modifica profondamente la facciata. Per quanto riguarda l'indennità come risarcimento si chiede quando ci si trova ad edificare sulla proprietà di tutti, come può essere il terrazzo di copertura. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Patriziac
        Patriziac Pasquale
        Martedì 25 Ottobre 2016, alle ore 16:30
        Grazie mille.
        Vorrei chiederle a proposito un parere sulla nostra situazione condominiale.
        Costruito 26 anni fa , per un problema scoperto di recente stiamo procedendo con l'accertamento di conformità dal quale il tecnico ha rilevato come volumetria residua in origine di 40 metri cubi.
        Con il tempo sono state chiuse diverse verande, alcune sono condonate, altre chiuse con il piano casa, altre abusive.
        L'assemblea , già dal primo anno, su richiesta, ha autorizzato le verande stabilendo alcuni requisiti , lasciando la responsabilità ai singoli.
        Ora alcuni condomini con gli abusi , affermano di aver letto una norma, che stabilisce che i condomini che hanno chiesto il condono dovevano prima di richiederlo ottenere il consenso unanime dell'assemblea, perché hanno preso volumi residui e per loro volendo regolarizzare non ce ne sono più. (credo che abbiano letto il vostro articolo e abbiano fatto un po' di confusione)
        Che ne pensa?
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Patriziac
          Mercoledì 26 Ottobre 2016, alle ore 11:15
          I volumi residui rilevati dal tecnico riguardano il fabbricato e non le singole unità immobiliari private che di metri cubi ne hanno aumentati a sproposito e senza alcuna relazione con i 40 mc. accertati. Riguardo all'assenso unanime da parte del condominio all'installazione di una veranda da parte di un singolo, esiste da sempre. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
          • Patriziac
            Patriziac Pasquale
            Mercoledì 26 Ottobre 2016, alle ore 22:20
            Quindi , per concludere se ho capito bene, se si vuole chiudere una veranda presentando un progetto e si sta in condominio , la volumetria residua da verificare non è quella dell'i intero fabbricato ma quella della singola unità immobiliare e verificando secondo gli strumenti urbanistici.

            Il piano casa e i condoni non hanno a che fare con la volumetria residua dell'intero fabbricato in quanto sono strumenti in deroga.
            Occorre senz'altro l'unanimità dell'assemblea per il discorso della facciata e non spetta indennizzo ai condomini se non quando si costruisce altro su suolo condominiale come ad esempio una sopraelevazione.
            É tutto corretto?
            rispondi al commento
            • Pasquale
              Pasquale Patriziac
              Giovedì 27 Ottobre 2016, alle ore 10:04
              Ha inteso perfettamente. Cordiali saluti.
              rispondi al commento
              • Patriziac
                Patriziac Pasquale
                Giovedì 27 Ottobre 2016, alle ore 20:33
                Ho letto a proposito dell'autorizzazione unanime dell'assemblea necessaria un articolo sempre sul vostro sito dal titolo "Se la veranda viola le distanze va demolita a firma dell'avv. Gallucci che riporta quanto segue:" È cosa ricorrente che i condomini trasformino il loro balcone in veranda. A determinate condizioni (leggasi presenza di autorizzazioni comunali e assenza di divieti regolamentari), l'operazione può essere eseguita senza chiedere il permesso al condominio. Il limite, trattandosi d'opera su parti di proprietà esclusiva (il balcone per l'appunto) è quello di non recar danno alle parti comuni e alle proprietà esclusive degli altri condomini".
                Sembrerebbe qui non necessario ma sicuramente la spiegazione c'è.
                rispondi al commento
                • Pasquale
                  Pasquale Patriziac
                  Venerdì 28 Ottobre 2016, alle ore 11:03
                  L'avv. Gallucci nel suo articolo pone l'attenzione sul rispetto del diritto dei terzi, indipendentemente dai regolamenti o dai provvedimenti comunali. Se nel regolamento di condominio non vi sono limitazioni di alcun genere, il comune può rilasciare l'autorizzazione alla realizzazione della veranda, "fatti salvi i diritti di terzi". In questo caso se vengono meno le "distanze minime" o "le vedute", la stessa può essere abbattuta. Cordiali saluti.
                  rispondi al commento
                  • Patriziac
                    Patriziac Pasquale
                    Venerdì 28 Ottobre 2016, alle ore 12:01
                    Infatti , secondo la giurisprudenza consolidata, l'autorizzazione condominiale non è necessaria purchè non si alteri l'estetica , il decoro che occorrerebbe esaminare caso per caso, le norme igienico -sanitarie e siano tutelati i diritti di terzi, quali le distanze (fatti salvi i diritti di terzi , la dicitura che i comuni riportano anche nei condoni ).
                    Quindi la delibera di autorizzazione non è necessaria sempre ma è consigliabile, per evitare che qualcuno faccia ricorso chiedendone la demolizione.
                    rispondi al commento
  • Emanuela
    Emanuela
    Sabato 8 Ottobre 2016, alle ore 08:54
    Abito in una casa con un ampio porticato sul davanti.
    Vorrei chiudere il porticato com una veranda che si possa aprire in estate (tipo quelle pieghevoli di alcuni ristoranti).
    Questo perché in inverno, abitando noi in aperta campagna, il fronte casa è investito da venti gelidi e aqua di temporali che arriva fino alla porta di casa, abbassando sensibilmente la temperatura all'interno.
    La metratura è esaurita quindi non sarebbe possibile aggiungere altro.
    Inoltre la casa è sita in zona di pregio ed ha vincoli paesaggistici.
    Come posso fare?
    Emanuela
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Emanuela
      Lunedì 10 Ottobre 2016, alle ore 13:14
      Il problema principale sono i vincoli esistenti sul territorio. Le consiglio di incaricare un tecnico di Sua fiducia, preferibilmente un architetto per il tipo di approccio mentale con la Soprintendenza, ed esporre il quesito sotto l'aspetto dell'impatto ambientale magari prospettando una soluzione ben tollerata, non trascurando quello energetico ed economico. Se riesce ad ottenere una apertura da parte dell'Ente, ha una buona probabilità di riuscita nel Suo intento. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Veranda permessi necessari che potrebbero interessarti
Sopraelevazione e indennità

Sopraelevazione e indennità

Un condomino costruisce sulla terrazza a livello di pertinenza della sua unità immobiliare una veranda sostituendo l'originaria tettoia, il condominio gli fa causa e chiede la rimozione del manufatto.
Veranda sul balcone

Veranda sul balcone

Sul balcone di un alloggio può essere costruita una veranda nei limiti della normativa e con molta attenzione ai regolamenti, permettendoci di ricavare spazio.
Ripristino di facciate esterne condominiali

Ripristino di facciate esterne condominiali

Problematiche relative al ripristino delle facciate esterne condominiali.
Se la veranda viola le distanze va demolita

Se la veranda viola le distanze va demolita

E? cosa ricorrente che i condomini trasformino il loro balcone in veranda.A determinate condizioni (leggasi presenza di autorizzazioni comunali e assenza...
Verande e detrazioni fiscali

Verande e detrazioni fiscali

La realizzazione di una nuova veranda o interventi su verande esistenti come la sostituzione dei suoi serramenti possono godere di alcune agevolazioni fiscali.
Registrati come Utente
273175 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
20963 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Boheme - sedia in polipropilene simil rattan impilabile da esterno per bar, ristorante, piscina, hotel grand soleil
      Boheme - sedia in polipropilene...
      19.94
    • Panchina tre posti arredogiardino in ferro verniciato verde oliva
      Panchina tre posti arredogiardino...
      120.00
    • Sorrento 2 - salotto esterno set divanetto 2 posti polipropilene simil rattan
      Sorrento 2 - salotto esterno set...
      188.79
    • Sirio - sedia ergonomica in polipropilene impilabile da esterno per bar, ristorante, piscina, hotel scab design
      Sirio - sedia ergonomica in...
      41.90
    • Veranda a cristalli
      Veranda a cristalli...
      2000.00
    • Tenda windy cristall
      Tenda windy cristall...
      450.00
    • Tenda zypper cristall
      Tenda zypper cristall...
      325.00
    • Rifacimenti esterni
      Rifacimenti esterni...
      500.00
    • Lampada da giardino ad energia solare con sensore pir di movimento e crepuscolare 4+4 led lunartec
      Lampada da giardino ad energia...
      29.99
    • Pepper - sedia ergonomica in polipropilene impilabile da esterno per bar, ristorante, piscina, hotel scab design
      Pepper - sedia ergonomica in...
      41.00
    • Sai - sedia ergonomica in polipropilene impilabile da esterno per bar, ristorante, piscina, hotel scab design
      Sai - sedia ergonomica in...
      34.49
    • Rodi - tavolo contract quadrato 80x80cm in ecoresina per giardino, casa, bar, ristorante, pizzeria grand soleil
      Rodi - tavolo contract quadrato...
      21.90
    • Voliera maoi decorazione giardino
      Voliera maoi decorazione giardino...
      21.00
    • Tenda a caduta
      Tenda a caduta...
      390.00
    • Pergola galileo fr
      Pergola galileo fr...
      5500.00
    • Copertura per terrazzo
      Copertura per terrazzo...
      10810.00
    • A.z. pet production cuccia canile in legno veranda large
      A.z. pet production cuccia canile...
      99.90
    • Giglio - set poltrone polipropilene simil rattan giardino,hotel,bar
      Giglio - set poltrone...
      129.90
    • A.z. pet production cuccia canile in legno veranda small
      A.z. pet production cuccia canile...
      75.00
    • Q60-4g - tavolo in alluminio quadrato a quattro gambe per bar, ristorante, piscina, hotel, albergo
      Q60-4g - tavolo in alluminio...
      34.90
    • Casetta per bambini tom cm 172 x
      Casetta per bambini tom cm 172 x...
      1159.00
    • Casetta per bambini milan cm 180 x
      Casetta per bambini milan cm 180 x...
      1259.00
    • Casetta per bambini alex cm 172 x
      Casetta per bambini alex cm 172 x...
      841.00
    • Casetta per bambini jesse cm 180 x
      Casetta per bambini jesse cm 180 x...
      919.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Onlywood
  • Immobiliare.it
  • Officine Locati
  • Policarbonato.online
  • Weber
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO

Ventil convettori marca joannes

€ 50.00
foto 2 Cuneo
Scade il 30 Giugno 2017

Matrice+ricevitori hdmi/hdbaset 6x6,...

€ 4 500.00
foto 4 Milano
Scade il 31 Dicembre 2017

Montascale per esterni

€ 200.00
foto 1 Cagliari
Scade il 28 Febbraio 2017

Tavoli vetro e legno protezione...

€ 68.00
foto 1 Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
83037

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.