Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA)

News di Normative
La comunicazione inizio lavori asseverata (CILA) permette di realizzare interventi di manutenzione straordinaria come per la ristrutturazione di un appartamento.
Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA)
Arch. Andrea Denza
Arch. Andrea Denza

Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA)Dopo aver visto quali interventi ricadono in attività edilizia libera e in che modo bisogna procedere per cominciare regolarmente i lavori, analizziamo la CIL Asseverata, chiamata anche C.I.L.A. (nel comune di Milano è chiamata C.I.A.L.)


Opere soggette a CILA


La CILA è uno strumento normativo finalizzato a realizzare gli interventi di manutenzione straordinaria compresa l’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici (Art. 6 comma 1 lettera a) del T.U 380/01).

E' stata introdotta nel 2010 con la Legge 73 che ha modificato l'Art. 6 del T.U. dell'edilizia.


A chi va consegnata la CILA


La CILA va consegnata allo sportello unico dell’edilizia del proprio comune (chiamato anche ufficio tecnico).

E’ direttamente il proprietario, o un suo delegato, a consegnare fisicamente la comunicazione.

Fortunatamente molti comuni stanno sviluppando sistemi informatici per ricevere le comunicazioni direttamente online.


Contenuti della CILA


La comunicazione va presentata prima dell'inizio dei lavori con la modulistica precompilata dal proprio Comune.

I documenti da consegnare sono:

- Comunicazione firmata dal proprietario e dal progettista;

- Relazione asseverata di un tecnico abilitato;

- Elaborati di progetto con lo stato di fatto, lo stato dopo i lavori e l'intra-operam;

- Dati dell'impresa e DURC;

Rispetto ad una normale CIL, la CILA si differenzia perchè è completata da una relazione tecnica asseverata del tecnico abilitato.


Relazione tecnica asseverata


Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA)Nella relazione il tecnico dichiara di non avere rapporti di dipendenza con l’impresa né con il committente, assevera la conformità dei lavori agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti ed assevera che i lavori, secondo la normativa statale e regionale, non prevedono il rilascio di un titolo abilitativo.

A differenza della DIA, con cui non era possibile iniziare i lavori prima di 30 giorni, la CILA permette di iniziare immediatamente.

Questa è una delle novità più utili in termini di semplificazione.

La relazione tecnica, le asseverazioni e l'assenza del silenzio-assenso del comune comportano una maggiore responsabilità civile e penale del tecnico che rispetto al passato assume parte della competenze che prima erano dell'ufficio tecnico.

La CILA non è un titolo abilitativo e essendo solo una comunicazione non ha teoricamente alcun costo. Molti comuni però applicano dei diritti di segreteria che a volte raggiungono cifre importanti, a Roma ad esempio i diritti hanno un costo di circa 250 euro.

Oltre al costo dei diritti bisogna prevedere il costo del tecnico che può variare seguendo le fluttuazioni del libero mercato. L’onorario non dipende più da tariffe minime decise dagli Ordini, questo obbligo è stato abrogato nel 2006 dalla Riforma Bersani.

Il tecnico è un architetto o un ingegnere ma anche, nei limiti assegnati dalle normative, un geometra o un perito industriale. Il tecnico deve essere un libero professionista iscritto al rispettivo albo professionale e dotato di partita iva. Dovrà rilasciare, dopo aver presentato la pratica, una fattura per prestazione professionale.

La fattura può essere detratta se i lavori rientrano tra le agevolazioni per ristrutturazione edilizia.


Sanzioni


Sanzioni per CILARealizzare i lavori senza alcuna comunicazione comporta una sanzione amministrativa pari a 258 euro. Se il proprietario, spontanemente, effettua la comunicazione quando i lavori sono ancora in esecuzione può decurtare la sanzione di due terzi pagando 86 euro.

Di fronte all’esiguità della sanzione verrebbe da pensare che la CILA non è uno strumento molto importante per uno Stato che dovrebbe garantire il rispetto delle normative ed il controllo sull’attività edilizia.

Ma bisogna fare attenzione, perchè realizzare regolarmente gli interventi edilizi, oltre a rappresentare una responsabilità civica, è importante per evitare problemi in sede di compravendita dell'immobile.


Conformità urbanistica e catastale


Un'unità immobiliare che ha subito degli interventi di manutenzione straordinaria senza che questi siano stati comunicati al proprio comune e successivamente al catasto dovrà essere regolarizzata prima del rogito o si dovrà riportare l'immobile allo stato originario.

Da Luglio 2010, infatti, per ogni immobile venduto deve essere dichiarata la conformità catastale cioè la corrispondenza tra lo stato di fatto e i dati catastali.

Articolo: Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA)
Valutazione: 4.88 / 6 basato su 51 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 1
  • 0
  • 0
  • 0
Commenta su Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA)
Caratteri rimanenti
  • Andrea76rm
    Martedì 5 Agosto 2014, alle ore 10:47
    Buongiorno, cosa succede se in una CILA a Roma viene dimenticato di allegare il DURC? chi ne risponde il proprietario o il tecnico? quale istanza dovrebbe essere trasmessa al Municipio per questo tipo di illecito? Grazie.
    rispondi al commento
  • Giupan64
    Mercoledì 9 Luglio 2014, alle ore 00:16
    Buonasera. Purtroppo ho terminato da poco dei lavori e non avevo capito che per detrarli dovevo fare la CILA, se non ho capito male posso rimediare facendola e pagando una multa di 258 euro, corretto?Inoltre, per la detrazione la fattura della ditta deve essere con IVA al 10%? e la ditta deve indicare in fattura la numerazione della CILA rilasciata?Sono tre domande, ma sono un po' in confusione....Grazie
    rispondi al commento
  • Tapro
    Venerdì 16 Maggio 2014, alle ore 12:28
    Buongiorno,Sto iniziando i lavori per la ristrutturazione della casa dei miei genitori e avrei bisogno di alcune informazioni.Non ci sono demolizioni muri o apertura porte, solo sostituzione sanitari e piastrelle.In queste condizioni devo fare la CILA? Cosa devo fare per avere la detrazione al 50% oltre ai bonifici appositi per gli acquisti?Cosa devo fare per il 10% di iva sui compensi dell'impresa?
    rispondi al commento
  • Meteoman
    Venerdì 7 Marzo 2014, alle ore 09:31
    Salve, vorrei ribaltare le solite domande per capire esattamente come procedere: sto acquistando casa e mobilio annesso, vorrei usufruire del bonus mobili. Leggendo i vari commenti e risposte mi sembra di capire che non basta una manutenzione ordinaria ma dovrei operare un intervento di manutenzione straordinaria (diciamo sul bagno). questo mi obbliga ad usufruire di un tecnico per la CILA o basta la CIL?
    rispondi al commento
  • Giorgia77
    Venerdì 21 Febbraio 2014, alle ore 18:23
    Salve, devo acquistare 1 porta blindata che separerà l'interno del mio appartamento dal vano scala su cui affacciano anche altri appartamenti 1) è una "Nuova Istallazione di porta blindata" interna o esterna? 2) la detrazione è 50 o 65%? 3) è necessaria SCIA o CILA? Consideri che nel 2014 dovrei ristrutturare anche il bagno (non tocco muri o planimetria ma probabile lavori tubature) e vorrei aprire un'unica pratica avvio lavori, Grazie!
    rispondi al commento
  • V.racioppi84@gmail.com
    Mercoledì 12 Febbraio 2014, alle ore 10:14
    Salve, devo svolgere lavori di ristrutturazione con comunicazione mediante CILA, ma chiedo se è comunque necessario inviare all'agenzia delle entrate la variazione catastale dell'immobile. In tal caso va presentato un DOCFA all'agenzia entro 30 giorni dalla fine dei lavori? E poi vengo a fare controlli?. Inoltre, il progettista che mi fa la CILA è un ingegnere senza partita IVA ma mi farebbe una ritenuta di acconto, va bene lo stesso? Grazie
    rispondi al commento
  • Luigi_massimo@libero.it
    Mercoledì 15 Gennaio 2014, alle ore 18:50
    Come mai alcuni moduli COMUNALI per CILA IN LOMBARDIA riportano la dichiarazione che "all?immobile oggetto della presente comunicazione non sono riconducibili ... opere edilizie in corso di esecuzione o già eseguite negli ultimi 5 anni che comportino od abbiano comportato la corresponsione del contributo di costruzione"
    rispondi al commento
  • Max
    Lunedì 23 Dicembre 2013, alle ore 11:29
    I lavori e gli acquisti li ho già effettuati, mi avevano detto telefonicamente dal call center di Agenzia delle Entrate che fosse sufficiente una "Dichiarazione sostitutiva di ATTO DI NOTORIETÀ (Art. 47- D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)" in carta semplice, da non consegnare a nessuno ma tenere per eventuali accertamenti da parte di Agenzia delle Entrate (quest'ultimo particolare non l'ho trovato per iscritto sul sito).
    Secondo lei ha senso ciò?
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Max
      Giovedì 26 Dicembre 2013, alle ore 13:16
      La legge prevede questa facoltà.
      L'autodichiarazione va fatta solo per datare il periodo di esecuzione dei lavori in caso di accertamento fiscale.
      Considerata la Sua posizione rimane l'unica strada da percorrere.
      Reputo, comunque, più appropiata la comunicazione, che rappresenta un valido documento attestante, oltre la data, la tipologia dei lavori effettuati.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Paolo
    Martedì 10 Dicembre 2013, alle ore 22:10
    Buonasera, ho iniziato una manutenzione straordinaria per lo spostamento di alcuni tramezzi, ma devo anche effettuare il rifacimento dei bagni cosa che non è indicata nella cila.
    Posso ugualmente detrarre tutti i lavori o devo procedere con un'ulteriore comunicazione al comune.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Paolo
      Giovedì 12 Dicembre 2013, alle ore 08:39
      Anche se non previsti inizialmente nella Cila, ha facoltà di eseguire e detrarre i lavori relativi al rifacimento dei bagni.
      In sede di dichiarazione di ultimazione lavori e di regolare esecuzione, il tecnico firmatario e Direttore dei Lavori, indicherà nella relazione finale tutte nuove le opere realizzate in "variante" (bagni).
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Simone C.
    Lunedì 9 Dicembre 2013, alle ore 20:14
    Per installare un climatizzatore in casa serve una CIL oppure rientra nella manutenzione ordinaria?
    Stessa domanda per l'installazione di inferriate sulle finestre.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Simone C.
      Mercoledì 11 Dicembre 2013, alle ore 09:35
      Se l'immobile non ricade in zone di pregio o di centro storico e non ci sono particolari vincoli, non deve fare nulla!
      Diversamente va presentata una Scia.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Massimo
    Lunedì 9 Dicembre 2013, alle ore 11:57
    Devo ristruturare (rifacimento anche delle condutture idrauliche sottopavimento) bagno e cucina, senza alcuna modifica e/o abbattimento di tramezzi.
    Da quello che leggo nel sito (chiarissimo, complimenti!) è un intervento di manutenzione straordinaria, come tale detraibile (nei limiti dei legge).
    Nonostante la ripsosta a Fabrizio (28 nov 2013), domando nuovamente se è necessaria la CILA o basta la CIL (quindi senza costi aggiuntivi).
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Massimo
      Mercoledì 11 Dicembre 2013, alle ore 09:24
      Per ristrutturare il bagno, senza modifiche alla sagoma (tramezzi), Le confermo che basta presentare una semplice comunicazione in carta libera e beneficiare delle detrazioni fiscali.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Max Pasquale E.
        Martedì 17 Dicembre 2013, alle ore 14:29
        Salve, cortesemente vorrei sapere a chi e quando presentare la "comunicazione in carta libera".
        Telefonicamente ad un call center agenzia entrate non mi avevano detto che fosse necessario nessun documento per rifacimento bagni (oltre a criteri di compilazione del bonifico).
        Grazie mille.
        rispondi al commento
        • Pasquale E. Max
          Mercoledì 18 Dicembre 2013, alle ore 10:55
          Per la ristrutturazione dei bagni, non è necessaria, ma è consigliabile da presentare al Suo comune (Sportello Unico per l'Edilizia) una semplice comunicazione in carta libera, qualche giorno prima o addirittura lo stesso giorno che iniziano i lavori.
          Per quanto riguarda il pagamento con bonifico, c'è un apposito modulo dove vanno inseriti i Suoi dati con codice fiscale, i dati della Ditta con la p. iva e l'oggetto dei lavori).
          Cordiali saluti.
          rispondi al commento
          • Max Pasquale E.
            Mercoledì 18 Dicembre 2013, alle ore 11:39
            I lavori e gli acquisti li ho già effettuati, mi avevano detto telefonicamente dal call center di Agenzia delle Entrate che fosse sufficiente una "Dichiarazione sostitutiva di ATTO DI NOTORIETÀ (Art. 47- D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)" in carta semplice, da non consegnare a nessuno ma tenere per eventuali accertamenti da parte di Agenzia delle Entrate (quest'ultimo particolare non l'ho trovato per iscritto sul sito).
            Secondo lei ha senso ciò?
            rispondi al commento
            • Pasquale E. Max
              Giovedì 19 Dicembre 2013, alle ore 11:38
              La legge prevede questa facoltà.
              L'autodichiarazione va fatta solo per datare il periodo di esecuzione dei lavori in caso di accertamento fiscale.
              Considerata la Sua posizione rimane l'unica strada da percorrere.
              Reputo, comunque, più appropiata la comunicazione, che rappresenta un valido documento attestante, oltre la data, la tipologia dei lavori effettuati.
              Cordiali saluti.
              rispondi al commento
  • Francesco
    Lunedì 2 Dicembre 2013, alle ore 12:19
    Buon giorno dovendo effettuare una MS consistente nell'installare una pompa di sollevamento per acque piovane e le relative tubazioni (il che implica rifare la rampa di accesso al garage) occorre comunicare qualcosa al Comune?
    Se si cosa: CIL CILA o DIA?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Francesco
      Martedì 3 Dicembre 2013, alle ore 09:14
      Nel Suo caso va presentata al comune una semplice comunicazione in carta libera.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Fabrizio
    Giovedì 28 Novembre 2013, alle ore 17:02
    Buongiorno, ho un dubbio, dovrei ristrutturare l'appartamento (impianto elettrico,idraulico, bagno, cucina).
    Non devo però spostare pareti, tramezzi e in generale non devo modificare la planimetria.
    E' necessaria la Cila o basta la Cil?
    Da quanto leggo sembrerebbe Cila, è così?
    Anche senza modifiche planimetriche?
    Grazie in anticipo.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Fabrizio
      Sabato 30 Novembre 2013, alle ore 08:36
      Trattasi di lavori di manutenzione straordinaria che rientrano tra quelli di Edilizia Libera.
      Considerato che non ci sono variazioni dello stato dei luoghi (demolizioni o rifazioni di tramezzi interni), basta la Cil.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Dina
    Martedì 19 Novembre 2013, alle ore 15:28
    Salve, nella mia nuova abitazione, una villetta a schiera centrale, in accordo con i miei vicini, vogliamo sostituire l'attuale separazione tra i giardini costituita da una semplice rete in ferro, con un muretto basso con cancellata, di uguale fattezza del muretto e della ringhiera di accesso alle varie villette.
    Per la realizzazione di questo muretto di separazione cosa dobbiamo presentare al comune (montichiari BS) SCIA, CILA o CIL?
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Dina
      Giovedì 21 Novembre 2013, alle ore 10:11
      Se nella zona dove ricade il complesso immobiliare non ci sono vincoli ambientali, basta anche una CIL.
      Diversamente necessita di una Scia per il rilascio dei pareri degli Enti preposti ai vincoli.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Alex
    Venerdì 15 Novembre 2013, alle ore 13:49
    Buongiorno, sto per acquistare un appartamento sprovvisto di impianto di riscaldamento.
    Per la sua realizzazione dovrò usare CILA o SCIA?
    Saluti
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Alex
      Venerdì 15 Novembre 2013, alle ore 18:05
      Trattasi di un nuovo impianto, mai esistito prima, va presentata al comune una Cila.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Alex Pasquale E.
        Lunedì 18 Novembre 2013, alle ore 18:37
        In Comune, per lo stesso motivo (nuovo impianto,) mi hanno appena detto che è necessaria una SCIA.
        rispondi al commento
        • Pasquale E. Alex
          Martedì 19 Novembre 2013, alle ore 23:19
          La Scia è nata per semplificare e rendere più agevole pratiche edilizie di una certa complessità, tipo realizzazione di parcheggi a raso e parcheggi pertinenziali, frazionamento di immobili, nuovi volumi per impianti tecnologici, arredo urbano, interventi di consolidamento statico di edifici storici, demolizioni parziali e ricostruzioni, etc.
          Non mi pare che il Suo "impianto di riscaldamento" abbia una tale importanza.
          Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Paolo
    Martedì 12 Novembre 2013, alle ore 20:45
    Buonasera, attorno alla mia casa ho una recinzione fatta con quelle losanghe in conglomerato che andavano negli anni '80.
    Durante l'inverno è parzialmente crollata e ora la vorrei sostituire con una ringhiera in ferrzo zincato.
    Stessa altezza, diverso materiale e "disegno".
    Cosa devo chiedere?
    SCIA o CILA?
    Grazie mille.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Paolo
      Giovedì 14 Novembre 2013, alle ore 08:40
      Se la zona dove ricade l'immobile non ci sono vincoli ambientali, basta anche una Cil per un opera di manutenzione ordinaria.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Andrea Borlenghi Pasquale E.
        Venerdì 15 Novembre 2013, alle ore 12:35
        Buon giorno, nel mio appartamento situato nel comune di Roma, vorrei chiudere due vani porta, rimuovere il pavimento esistente e sostituirlo con uno nuovo.
        E' necessaria la CILA?
        Grazie in anticipo per la risposta.
        rispondi al commento
        • Pasquale E. Andrea Borlenghi
          Venerdì 15 Novembre 2013, alle ore 18:00
          Si! La chiusura dei vani, comporta una diversa distribuzione degli spazi interni.
          Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Thomas
    Sabato 19 Ottobre 2013, alle ore 15:36
    Buongiorno, il bagno di casa è poco più di 1 metro quadro e devo allargarlo.
    E' mia intenzione aprire un varco di almeno 80 cm nel muro divisorio di 11cm, prendere spazio dalla stanza confinante e chiudere con muri in cartongesso.
    Che tipo di domanda devo presentare?
    E' necessaria la firma di un professionista o basta solo la conformità della ditta?
    Vi ringrazio anticipatamente.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Thomas
      Lunedì 21 Ottobre 2013, alle ore 11:27
      Anche se l'intervento è di minima entità, il provvedimento da presentare è la Cila che viene redatta da un tecnico abilitato.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Thomas Pasquale E.
        Mercoledì 23 Ottobre 2013, alle ore 20:20
        Grazie Pasquale E. per la risposta.
        Potrebbe, indicativamente, darmi un idea dei costi a fronte di 3000 euro di lavori?
        Sono in possesso della documentazione catastale e di pianta in scala 1:50 con le misurazioni.
        Alla fin fine avrei bisogno solo della "firma".
        Saluti.
        rispondi al commento
        • Pasquale E. Thomas
          Giovedì 24 Ottobre 2013, alle ore 18:14
          Il costo di una Cila, compreso la variazione della planimetria catastale, ammonta a euro 1.200 - 1.500,00 circa, che non sono pochi rispetto ai lavori che intende eseguire.
          Cordiali saluti.
          rispondi al commento
          • Thomas Pasquale E.
            Domenica 27 Ottobre 2013, alle ore 16:48
            Grazie di nuovo Pasquale E.
            Approfitto della Sua disponibilità per chiederle un ultima cosa.
            Visto che i costi per la CILA sono alti rispetto a quelli dei lavori cosa mi consiglia di fare?
            Ci sono altre vie?
            Cordialmente.
            rispondi al commento
            • Pasquale E. Thomas
              Lunedì 28 Ottobre 2013, alle ore 17:03
              La via maestra è quella che Le ho già consigliato, altre vie sono illegali.
              Cordiali saluti.
              rispondi al commento
  • Roberto
    Venerdì 18 Ottobre 2013, alle ore 09:26
    Scusate se sono fuori tema, ma per costruire una veranda esterna cosa và presentato?
    La Cila vale anche per questo?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Roberto
      Lunedì 21 Ottobre 2013, alle ore 09:06
      Compatibilmente alla fattibilità e al rispetto delle norme contenute nel regolamento urbanistico del Suo comune, il provvedimento indicato è la Scia.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Roberto Pasquale E.
        Martedì 22 Ottobre 2013, alle ore 09:23
        Grazie per la risposta Pasquale, ti chiederei anche questo: posso iniziare il lavoro immediatamente dopo aver consegnato al comune la SCIA?
        Naturalmente ho pensato di fare prima visionare tutta la documentazione al responsabile tecnico del comune così da avere già la pratica conforme per la presentazione.
        Grazie.
        rispondi al commento
        • Pasquale E. Roberto
          Martedì 22 Ottobre 2013, alle ore 19:38
          Nel decreto del Fare, art. 30 sono inserite altre modifiche al testo unico in materia di edilizia.
          Anche la Scia è in tempo reale, il giorno dopo la presentazione (salvo se l'immobile ricade in zona vincolata o in centri storici).
          E' importante e strategica la Sua idea di sottoporre la pratica al tecnico del comune, per avere il benestare alla presentazione, dopo nessuno Le potrà contestare nulla.
          Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Giulio
    Venerdì 11 Ottobre 2013, alle ore 10:14
    Salve e grazie in anticipo, dovrei togliere un tramezzo (non portante) che separa l'ingresso dalla sala.
    Ho capito che va presentata la CILA e quindi chiederò al mio ing. di farla ma ho un problema: siccome il lavoro me lo faccio da solo, cosa va indicato nella CILA per specificare che il lavoro non è affidato ad alcuna impresa?
    Cordialità.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Giulio
      Venerdì 11 Ottobre 2013, alle ore 20:20
      Per il tipo di provvedimento ha inteso correttamente, ci vuole la Cila.
      Questa procedura, però, non ammette la possibilità di lavorazioni in proprio, anzi va nominata una ditta che sia in regola con il D.U.R.C.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Santina
    Mercoledì 9 Ottobre 2013, alle ore 11:15
    Buongiorno, vorremmo demolire parzialmente una parete (parte alta, porta compresa).
    Quindi crearne una in cartongesso (a metà stanza) con porta scorrevole.
    Serve la CIL o CILA?
    L'eventuale spostamento di interruttori e/o punti luce è da considerarsi di manutenzione ordinaria?
    Ringrazio per la risposta e mi scuso se erano state già poste simili questioni.
    Cordialità.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Santina
      Mercoledì 9 Ottobre 2013, alle ore 19:01
      Gli interventi che intende eseguire comportano una nuova distribuzione degli spazi interni.
      In questo caso il provvedimento più idoneo è la CILA.
      Ed è un valido documento ai fini della detrazione fiscale.
      I lavori scaturenti da queste modifiche indicate, sono tutti di manutenzione straordinaria, quindi, detraibili nella misura del 50% della spesa sostenuta.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Monica
    Mercoledì 9 Ottobre 2013, alle ore 09:13
    Buongiorno, una domanda: la CILA presentata in comune ha una scadenza?
    Lo chiedo perchè ne ho aperta una da ottobre 2012 e non so se devo ricontattare il tecnico per un'eventuale prolungamento o se si intende aperta fino ad una comunicazione di fine lavori (che immagino si debba fare prima o poi no?) Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Monica
      Mercoledì 9 Ottobre 2013, alle ore 18:28
      La CILA ha una validità di tre anni dalla data di presentazione.
      Entro tale data il Suo tecnico dovrà comunicare l'ultimazione lavori e la conformità urbanistica.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Monica Pasquale E.
        Giovedì 10 Ottobre 2013, alle ore 16:10
        Grazie per la Sua risposta.
        Abbiamo cambiato la disposizione delle stanze e so che è necessario far registrare le modifiche al catasto.
        Bisogna attendere la chiusura lavori o si può farlo anche prima, quando ormai la pianta è quella definitiva e si prosegue con altri lavori meno "importanti"?
        La trasmissione al catasto è una cosa diversa dalla comunicazione di conformità urbanistica di cui ha parlato Lei?
        Grazie ancora.
        Cordiali saluti.
        rispondi al commento
        • Pasquale E. Monica
          Venerdì 11 Ottobre 2013, alle ore 09:58
          La variazione catastale va fatta poco prima o in concomitanza della chiusura lavori.
          Copia dell'avvenuto accatastamento sarà parte integrante della conformità urbanistica che, corredato delle certificazioni impiantistiche, Le permetterà di chiedere/depositare al comune, l'agibilità dell'immobile.
          Cordiali saluti.
          rispondi al commento
          • Monica Pasquale E.
            Lunedì 2 Dicembre 2013, alle ore 11:32
            Buongiorno, una domanda in merito, anche se forse vado "fuori tema": la fattura emessa dal tecnico per la variazione catastale e quella del professionista che ha seguito tutti i lavori (mi è stato detto che non può essere la stessa persona) avranno IVA al 10% e sono prestazioni per cui si ha diritto alle agevolazioni fiscali del 50%?
            Grazie.
            rispondi al commento
            • Pasquale E. Monica
              Martedì 3 Dicembre 2013, alle ore 09:08
              La prestazione professionale viene fatturata con l'aliquota IVA corrente al momento dell'esecuzione del mandato, attualmente del 22%.
              Nel Suo caso non c'è incompatibilità tra il D.L. e il tecnico redattore della variazione catastale.
              Tutte le spese tecniche sono fiscalmente detraibili nella misura del 50%.
              rispondi al commento
              • Barbara Pasquale E.
                Sabato 28 Dicembre 2013, alle ore 11:11
                Buongiorno, mi inserisco per un chiarimento.
                Le detrazioni saranno possibili anche presentando la CILA e quindi avendo la fattura del tecnico nel nuovo anno?
                Grazie.
                rispondi al commento
                • Pasquale E. Barbara
                  Lunedì 30 Dicembre 2013, alle ore 23:04
                  Sì!
                  Rientra anche la fattura per la prestazione del tecnico redattore della Cila nel 2014.
                  Cordiali saluti.
                  rispondi al commento
                  • Barbara Pasquale E.
                    Giovedì 2 Gennaio 2014, alle ore 13:39
                    Grazie per la rapida e cortese risposta.
                    rispondi al commento
                    • Pasquale Barbara
                      Sabato 4 Gennaio 2014, alle ore 11:53
                      Un ringraziamento va a Lei per la fiducia riposta in lavorincasa.it
                      Cordiali saluti.
                      rispondi al commento
  • Gino
    Domenica 6 Ottobre 2013, alle ore 17:52
    Buonasera, vorrei collocare in terreno agricolo con vincolo cimiteriale un TUNNEL MOBILE (chiudibile a fisarmonica) che serva per ricovero macchinari per produrre legna da ardere.
    Serve CILA o SCIA?
    Se monto il tunnel senza permesso, a quali sanzioni vado incontro?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Gino
      Lunedì 7 Ottobre 2013, alle ore 17:56
      Prima dar luogo alla posa del "Tunnel Mobile", è opportuno che Lei presenti una comunicazione, in carta semplice, per l'installazione transitoria e di carattere mobile per il ricovero del macchinario per la produzione di legna da ardere.
      In caso contrario oltre alla sanzione pecuniaria rischia anche una denuncia.
      Non ne vale la pena.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Gino Pasquale E.
        Martedì 8 Ottobre 2013, alle ore 12:00
        Buongiorno Dott. Pasquale.
        La ringrazio per la chiarezza della risposta.
        Abito al Nord e mi hanno detto che il tunnel mobile, chiudendolo a fisarmonica, forma VOLUME EDILIZIO!
        Mi hanno negato addirittura la collocazione di una tettoria costituita da colonne per sostenere la copertura e aperta dai 4 lati, motivando che sono in terreno agricolo.
        Neanche se mettessi le ruote alla tettoia.
        Grazie e cordiali saluti.
        rispondi al commento
        • Pasquale E. Gino
          Mercoledì 9 Ottobre 2013, alle ore 13:13
          I regolamenti vanno rispettati sempre.
          La Sua richiesta, se non inficia al vicinato, dovrebbe essere accolta anche a carattere stagionale del "rinnovo semestrale o annuale" e sulla mobilità del sito.
          Questi permessi non sono permanenti.
          Cordiali saluti.
          rispondi al commento
          • Gino Pasquale E.
            Giovedì 10 Ottobre 2013, alle ore 10:28
            Buongiorno Dott. Pasquale.
            Grazie.
            Mi farò forza e tornerò all'Ufficio tecnico comunale.
            Buona giornata con cordiali saluti.
            rispondi al commento
            • Pasquale E. Gino
              Giovedì 10 Ottobre 2013, alle ore 23:32
              Speriamo che trovino la chiave e ci tenga informati.
              Cordiali saluti.
              rispondi al commento
  • Giorgio
    Venerdì 4 Ottobre 2013, alle ore 15:45
    Salve, devo rifare il terrazzo (massetto, guaina e piastrelle) causa infiltrazioni.
    Devo fare la Scia, o basta la Cila?
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Giorgio
      Lunedì 7 Ottobre 2013, alle ore 11:02
      I lavori di manutenzione al terrazzo rientrano tra quelli di Edilizia Libera.
      Va presentata una semplice comunicazione, in carta libera, al proprio comune e immediatamente dare inizio ai lavori.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Manuela
    Venerdì 27 Settembre 2013, alle ore 12:26
    Salve, sono un tecnico ma ho un dubbio sull'utilizzo della CILA.
    Devo riasfaltare un parcheggio e per questo sarebbe sufficiente una CILA, ma devo anche costruire due scale in cls prefabbricate per un miglior accesso alle varie aree.
    Per questo la CILA è ancora sufficiente?
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Manuela
      Venerdì 27 Settembre 2013, alle ore 22:38
      La Sua osservazione è fondata.
      Il provvedimento più indicato per i lavori descritti è la Scia.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Andrea
    Venerdì 13 Settembre 2013, alle ore 11:10
    Ho presentato CIL per l'installazione di un impianto di aria condizionata centralizzata.
    La richiesta è stata correttamente protocollata e ho dato inizio ai lavori anche se non avevo la relazione di un tecnico, in quanto, come da comunicazione del comune non era necessaria per questo lavoro in quanto ci sarà poi la dichiarazione di conformità finale.
    A lavori iniziati arriva una lettera in cui mi viene richiesta.
    Posso ingnorare tale lettera?
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Andrea
      Venerdì 13 Settembre 2013, alle ore 17:44
      Per Andrea: Non va mai tralasciata una richiesta di integrazione.
      Molti casi sono finiti al Tar per non aver dato una semplice risposta (es. ... per l'installazione di ... di potenza non superiore a ... non va allegata ed in sede di collaudo sarà rilasciata la dichirazione di conformità).
      La giusta procedura da Lei intrapresa, da parte del comune potrebbe invalidarsi e rendere il tutto abusivo.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Maria
    Giovedì 12 Settembre 2013, alle ore 18:21
    Per Pasquale E.: è proprio il punto sul quale avevo dubbi, ma l'aggiunta di un bagno se non erro è comunque classificato come "manutenzione straordinaria".
    Semmai avrò l'obbligo di variazione Catastale, cambiando i parametri urbanistici.
    Il regolamento del mio comune non è mai stato modificato dopo la 73/2010, la Cila non è nemmeno menzionata si parla di "semplice comunicazione" per la manutenzione ordinaria o SCIA per la "straordinaria".
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Maria
      Venerdì 13 Settembre 2013, alle ore 16:54
      Per Maria: Lei presenti la Cila con gli allegati di rito (grafici dello stato dei luoghi e quelli di progetto, oltre ad un paio di sezioni) accompagnata da una relazione dettagliata e non credo che ci siano particolari problemi.
      Come Le è già noto, al termine dei lavori apporterà la variazione catastale della nuova distribuzione interna.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Toroazul Pasquale E.
        Mercoledì 13 Novembre 2013, alle ore 11:38
        Salve, grazie in anticipo.
        Mi accingerò a ristrutturare tutto l'appartamento in Roma con i seguenti lavori particolari: Ricavare un nuovo bagno in una delle due camere, Spostare una porta di accesso alla cucina da una parte ad un'altra, Fare un soppalco nel corridoio ed abbattere una tramezzatura che "ostruiva" l'accesso al corridoio dall'ingresso.
        Dovrò fare una CILA?
        Per le detrazioni, la fattura del tecnico dovrà essere intestata a me o alla ditta?
        rispondi al commento
        • Pasquale E. Toroazul
          Giovedì 14 Novembre 2013, alle ore 08:54
          Sì!
          Deve presentare al comune di Roma una Cila asseverata.
          Per quanto riguarda l'intestazione della fattura per le competenze tecniche, va fatta a Suo nome.
          Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Maria
    Martedì 10 Settembre 2013, alle ore 21:51
    Questi i lavori che devo fare: trasformare un ripostiglio in un bagno aggiuntivo con aerazione forzata con scarico al tetto (già predisposta).
    Spostamento di una porta interna di circa 50 cm.
    Sostituzione completa di pavimenti e rivestimenti.
    Rifacimento impianto idrosanitario, modifiche dell'impianto elettrico.
    E' sufficiente fare una C.I.L.A. o è necessaria la SCIA?
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Maria
      Mercoledì 11 Settembre 2013, alle ore 20:25
      Per Maria: Certo che la realizzazione del secondo bagno mette in "crisi" la CILA modificando i parametri urbanistici.
      E' fondamentale chiedere all'UT del Suo comune il regolamento edilizio, modificato in malomodo più volte negli ultimi tempi, prevede come penso, una semplice Cila.
      Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Francesco
    Domenica 4 Agosto 2013, alle ore 16:54
    Sono un architetto iscritto all'Albo (che non svolge attività da libero professionista). Devo eliminare un tramezzo e sostituire due porte in un appartamento di mia proprietà di cui è usufruttuaria mia madre. Posso presentare la CILA firmata da me?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Francesco
      Giovedì 8 Agosto 2013, alle ore 10:38
      Per Francesco: a mio parere sì, ma le consiglio comunque di sentire il suo ordine di appartenenza.
      rispondi al commento
  • Humby
    Lunedì 22 Luglio 2013, alle ore 07:57
    Non ho presentato la CILA al mio comune.
    Le opere sono terminate da una settimana ed ho pagato anche la Ditta dei Lavori. Ho visto però che posso ovviare facendo una CIL o CILA in sanatoria.
    I lavori effettuati sono: rifacimento impianto elettrico (anche tracce) - predisposizione impianto di riscaldamento autonomo con acquisto caloriferi - Acquisto e posa in opera 4 Condizionatori - acquisto e posa in opera 10 porte.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Humby
      Mercoledì 24 Luglio 2013, alle ore 21:37
      Per Humby: Si, è possibile rimediare presentando una richiesta in sanatoria.
      Sarebbe opportuno, però, chiedere all'Ufficio Tecnico del comune tutte le informazioni del caso e la procedura da seguire.
      Un cordiale saluto.
      rispondi al commento
  • Marco De Santis
    Mercoledì 10 Luglio 2013, alle ore 19:56
    Ma è mai possibile che per istallare due parapedonali in un giardino condominiale privato bisogna fare la C.I.L.A.?
    Il IX Municipio di Roma ha avviato un procedimento di disciplina edilizia nei confronti del mio condominio perchè li abbiamo istallati senza dire niente a nessuno.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Marco De Santis
      Giovedì 11 Luglio 2013, alle ore 23:19
      Per Marco De Santis: Ha tutta la comprensione di questo mondo!
      Purtroppo l'ordinamento comunale prevede un progetto asseverato a firma di un tecnico abilitato corredato da grafici e relazione, come una "casa".
      Nel nostro paese non ci sono le mezze misure.
      rispondi al commento
  • Roberta
    Venerdì 5 Luglio 2013, alle ore 15:23
    Nella nuova casa che ho comprato vorrei abbattere una parete (è un tramezzo) che divide cucina e soggiorno e nel bagno creare due ambienti separati da una parete di cartongesso con porta scorrevole su un binario.
    Non riesco a capire se per questi lavori è necessaria la SCIA o la CILA.
    Potrebbe aiutarmi a capire?
    Grazie mille.
    rispondi al commento
    • Pasquale E. Roberta
      Venerdì 5 Luglio 2013, alle ore 22:22
      Per Roberta: In termini pratici parliamo dello stesso provvedimento che a seguito di modifiche legislative atte a snellire le procedure edilizie oggi è comunemente chiamata CILA. Trattasi di lavori soggetti ad asseverazione da parte di un tecnico abilitato che ne segue l'iter fino al termine dichiarandone, poi, l'agibilità.
      rispondi al commento
  • Alvaro
    Martedì 21 Maggio 2013, alle ore 22:32
    Breve ma estremamente esauriente. Grazie.
    rispondi al commento
  • Giovanni
    Mercoledì 14 Novembre 2012, alle ore 12:04
    Avrei bisogno di un'informazione: sono in procinto di cambiare abitazione e nella nuova, vorrei fare una cabina armadio soppalcata e con dei massetti laterali larghi circa 60 cm e alti circa 2,50 mt sui lati delle porte scorrevoli ma il proprietario mi ha detto di non farla perchè altrimenti dovrà sanarla agli uffici competenti.
    È vero? Nel caso, con dei materiali specifici (cartongesso) potrà essere fatta senza sanatoria?
    Posso avere sulla mia mail articoli di legge riguardo questo problema? Grazie
    rispondi al commento
    • Vito Giovanni
      Mercoledì 14 Novembre 2012, alle ore 13:01
      Per Giovanni: Se costruita in cartongesso non necessita di nessuna comunicazione e sanatoria, poichè viene considerata struttura non fissa, per i consigli una lista di articoli riguardanti sia il cartongesso che le cabine armadio. Saluti
      rispondi al commento
      • Alberto Vito
        Lunedì 15 Luglio 2013, alle ore 22:03
        Per Vito: ma il DPR 380/2001 non fa distinzioni tra fisso e non fisso.
        Il cartongesso è solamente il materiale del quale è costituito il tramezzo.
        Ma sempre di tramezzo si tratta.
        rispondi al commento
Notizie che trattano Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA) che potrebbero interessarti
Comunicazione Inizio Lavori (CIL)

Comunicazione Inizio Lavori (CIL)

La Comunicazione inizio lavori (CIL) introdotta nel 2010 dalla Legge 73/10 permette di semplificare l'iter per alcuni interventi tra cui la manutenzione straordinaria.
Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA)

Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA)

La SCIA sostituisce la DIA e semplifica l'iter permettendo di realizzare i lavori dal giorno della presentazione al comune. Tempi, procedure e interventi.
Denuncia di inizio attività e opere illegittime

Denuncia di inizio attività e opere illegittime

In materia di autorizzazioni amministrative inerenti le opere edilizie, che cosa può fare l'amministrazione comunale se si rende conto che il silenzio assenso è sbagliato?
Pratiche edilizie

Pratiche edilizie

In questo articolo illustriamo quali sono le pratiche necessarie a seconda degli interventi edilizi, rimandandovi a ciascun articolo specifico per maggiori dettagli.
Interventi edili e responsabilità del committente

Interventi edili e responsabilità del committente

In caso di lavori edili, anche di piccola entità, il committente ha delle responsabilità sia per la regolarità urbanistica che per la sicurezza nei cantieri.
IMMOBILIARE
prezzi ristrutturazione
costi ristrutturazione
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Sicurezzapoint
  • WaterBarrier
  • Novatek
  • Casa.it
  • Geosec
  • Uretek
  • Velux
  • Zaccaria Monguzzi
  • Murprotec
  • Officine Locati
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Isolamento acustico
      Isolamento acustico...
      450.00
    • Urban concrete rett 30x60
      Urban concrete rett 30x60...
      59.00
    • Inerti, sabbia, ghiaia, pietrame
      Inerti, sabbia, ghiaia, pietrame...
      15.00
    • Portland325 dove grey 60x60
      Portland325 dove grey 60x60...
      51.00
    • Larix fume' 20x170
      Larix fume' 20x170...
      90.00
    • Promozione progettazione e pratiche cila
      Promozione progettazione e...
      1800.00
    • Ristrutturazione cucina
      Ristrutturazione cucina...
      4000.00
    • Impianti elettrici, idraulici e automazioni
      Impianti elettrici, idraulici e...
      28.00
    • Ristrutturazione bagno
      Ristrutturazione bagno...
      6500.00
    • Posa cartongesso, pitture e pavimentazioni
      Posa cartongesso, pitture e...
      36.00
    • Dakota tortora 40x170
      Dakota tortora 40x170...
      115.00
    • Misura campi elettromagnetici
      Misura campi elettromagnetici...
      200.00

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Progettazione
  • Facebook
  • Faidatebook
  • Preventivi