Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Vincoli di destinazione d'uso

NEWS Condominio16 Settembre 2010 ore 16:40
Il regolamento condominiale di origine contrattuale può imporre ai comproprietari dei vincoli alla destinazione d'uso delle unità immobiliari di proprietà esclusiva.

VincoliL'utilizzo delle unita' immobiliari ubicate in un edificio condominiale puo' essere soggetto a delle regole ulteriori rispetto a quelle legislative.

Il riferimento è al regolamento di condominio.

Questo documento, obbligatorio nelle compagini condominiali con più di dieci partecipanti (art. 1138 c.c.) può essere di due tipi: assembleare e contrattuale.


Il primo deve contenere le norme relative all'uso delle cose comuni ed alla ripartizione delle spese, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonché le norme per la tutela del decoro dell'edificio e quelle relative all'amministrazione (art. 1138, primo comma, c.c.).


Per la sua approvazione è necessario il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti all'assemblea che rappresentino almeno la metà del valore millesimale dell'edificio.


Il contenuto del regolamento assembleare è limitato alle materie sopra elencate; viceversa il così detto regolamento contrattuale, ossia quello sottoscritto da tutti i condomini, può contenere clausole ben più stringenti.


In sostanza l'accordo tra tutti i condomini consente allo statuto di condomino non solo di disciplinare l'uso delle cose comuni ma anche di limitare il diritto reale dei comproprietari sulle stesse nonché sulle parti di proprietà esclusiva.


Tra le limitazioni alle unità immobiliari vanno annoverati i così detti vincoli di destinazione d'uso o anche divieto di destinazione d'uso.


VincoliCon questi sintagmi si vuol fare riferimento a quelle norme regolamentari che vietano al condomino di destinare la propria porzione di piano a determinati usi.


Si pensi alla clausola, molto frequente, che vieta di destinare le unità immobiliari ad attività ristorative, a studi medici o ancora ad accogliere attività artigianali, ecc.


È principio consolidato nella giurisprudenza della Corte di Cassazione che i divieti possono essere espressi in due modi:


a) individuando l'attività da vietare;


b) specificando il pregiudizio che s'intende evitare (es. divieto di turbare la tranquillità dello stabile).


È evidente che i vincoli di destinazione d'uso delle unità immobiliari possano derivare solamente dalla prima delle due modalità: è chiaro, infatti, che impedire di turbare la tranquillità dell'edificio non vuol dire negare il diritto di farne ogni uso ma, più semplicemente, vietare che da ogni uso possa giungere un pregiudizio.


Imporre dei vincoli alla proprietà esclusiva di una persona, anche se con il suo consenso, è comunque cosa delicata in quanto si va ad incidere sul principale dei diritti reali (la proprietà) in modo particolarmente invasivo.


Proprio in ragione di ciò è utile domandarsi se esistono dei limiti o meglio delle regole cui bisogna attenersi in relazione alla formulazione delle clausole limitatrici del diritto di proprietà.


VincoliLa risposta è positiva e viene fornita da una serie di pronunce giurisprudenziali che, oramai, si può dire rappresentino il consolidato orientamento della Cassazione.


Secondo la Suprema Corte di Cassazione i divieti e le limitazioni di destinazione delle unità immobiliari di proprietà esclusiva dei singoli condomini, come i vincoli di una determinata destinazione ed il divieto di mutare la originaria destinazione, posti con il regolamento condominiale predisposto dall'originario proprietario ed accettati con l'atto d'acquisto, devono risultare da una volontà chiaramente ed espressamente manifestata nell'atto o da una volontà desumibile, comunque, in modo non equivoco dall'atto stesso, e non è certamente sufficiente, a tal fine, la semplice indicazione di una determinata attuale destinazione delle unità immobiliari medesime, trattandosi di una volontà diretta a restringere facoltà normalmente inerenti alla proprietà esclusiva da parte dei singoli condomini (Cass. 18 settembre 2009 n. 20237).

riproduzione riservata
Articolo: Vincoli di destinazione d'uso
Valutazione: 4.67 / 6 basato su 3 voti.

Vincoli di destinazione d'uso: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Antinisca
    Antinisca
    Mercoledì 3 Luglio 2013, all or 11:59
    Lo stesso criterio può valere nell'utilizzo di posto auto scoperto in proprietà esclusiva e rogitato.
    Tra l'altro ci si paga anche l'IMU.
    In tal caso il proprietario, per necessità, può depositare in tale area privata della legna?
    In considerazione che nel regolamento contrattuale non è previsto tale divieto.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
319.120 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Vincoli di destinazione d'uso che potrebbero interessarti


Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Regolamento condominiale - Il regolamento condominiale non dev'essere rispettato dall'inquilino se il proprietario non l'ha accettato o se non c'è uno specifico accordo

È possibile la formazione di un regolamento condominiale giudiziale?

Regolamento condominiale - In questo articolo viene approfondita la questione relativa alla possibilità, per ogni condomino, di chiedere la formazione di un regolamento condominiale giudiziale.

Regolamento di condominio e vendita dell'appartamento

Regolamento condominiale - Che cosa succede quando un appartamento in condominio viene venduto? Esistono delle norme che impongono all'acquirente di rispettare il regolamento condominiale?

Lavori di ristrutturazione e consultazione del regolamento condominiale

Manutenzione condominiale - Se il condomino deve eseguire lavori di ristrutturazione della propria unità immobiliare, è bene che consulti il regolamento per conoscere eventuali divieti.

Regolamento di condominio e animali, cosa dice la Cassazione

Regolamento condominiale - È usuale che nei regolamenti condominiali ci si imbatta nella clausola che recita: vietata la detenzione di animali domestici. Un'indubbia limitazione del diritto d'uso della propria unità immobiliare.

Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Tabelle millesimali - Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.

Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.

La trascrizione del regolamento condominiale

Regolamento condominiale - La trascrizione è un atto di pubblicità giuridica che può riguardare anche il regolamento condominiale.Che cosa accade se non si effettua?

Asilo nido in condominio? Dipende dal regolamento

Regolamento condominiale - L'apertura di un asilo nido in un condominio può essere vietata da un regolamento contrattuale ed in tal caso l'amministrazione comunale non può non tenerne conto.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img robbie1956
A corredo del mio appartamento vi è già un garage detenuto in proprietà indivisa con altro condomino.L'accesso al box con una autovettura, anche piccola,...
robbie1956 25 Luglio 2007 ore 07:03 5
Img gabrielee
Spiego il più brevemente e chiaramente possibile la situazione. Entro nell'appartamento sabato 1/2/2020. Mi accorgo subito la sera stessa che il citofono non funziona.
gabrielee 20 Marzo 2020 ore 14:30 1
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 7
Img anonimo
Buongiorno,e grazie in anticipo a chi saprà dipanare alcuni dei miei dubbi.Vi spiego le mie perplessità:sono proprietario di una maisonette in una palazzina da 4...
anonimo 06 Novembre 2008 ore 08:21 2