Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Caratteristiche e vantaggi del verde pensile

NEWS Spazio esterno29 Gennaio 2019 ore 14:56
Dai giardini di Babilonia a quelli dei nostri tempi, scopriamo insieme cosa è il verde pensile, che vantaggi ha e come si può realizzare

Cosa si intende per verde pensile


Con l’espressione verde pensile ci si vuol riferire a un giardino realizzato su una terrazza , un balcone o un piano comunque sopraelevato, che quindi non ha contatto con il suolo.


Il verde pensile contribuisce al miglioramento dell'aria nelle città

Il verde pensile contribuisce al miglioramento dell'aria nelle città

Il verde pensile contribuisce al miglioramento dell'aria nelle città
Il tetto giardino garantisce buon isolamento termico ed acustico

Il tetto giardino garantisce buon isolamento termico ed acustico

Il tetto giardino garantisce buon isolamento termico ed acustico
I giardini pensili migliorano l'estetica degli edifici

I giardini pensili migliorano l'estetica degli edifici

I giardini pensili migliorano l'estetica degli edifici
L'impiego del verde sui tetti è un espediente che migliora il microclima interno

L'impiego del verde sui tetti è un espediente che migliora il microclima interno

L'impiego del verde sui tetti è un espediente che migliora il microclima interno

Ne esistono fondamentalmente tre tipologie:

  • Giardino pensile estensivo

  • Giardino pensile intensivo, con la variante di quello intensivo leggero

  • Giardino pensile inclinato


Giardino pensile estensivo


Il giardino pensile estensivo è in semplici parole un prato, caratterizzato quindi da un peso ridotto e una quantità di vegetazione inferiore rispetto agli altri tipi di verde pensile.
È relativamente facile da manutenere proprio per la sua semplicità.

Verde pensile intensivo


La seconda tipologia, cioè quella del verde pensile intensivo, è caratterizzata da uno spessore maggiore, in virtù del fatto che in questo caso c’è molta vegetazione anche di grosse dimensioni. Si capisce, dunque, che anche la manutenzione qui è molto più onerosa.

Nel caso di un tetto giardino intensivo leggero, la vegetazione è limitata solo a qualche specie cespugliosa, arrivando così a una variante che è a metà strada tra il verde estensivo e quello intensivo. Questo è il caso dei giardini cosiddetti fruibili, cioè praticabili, su cui si snodano anche dei percorsi realizzabili con listelli di teak o anche in pietra; ovviamente in questo caso la pendenza deve essere minima.

Giardino inclinato


Infine, c’è il giardino inclinato, che troviamo sulle falde dei tetti spioventi, dove la difficoltà oggettiva della forza di gravità e l’effetto scivolamento costringono ad uno spessore minimo e ad una quantità di flora ridotta.

Sistema Estensivo Inclinato Harpo
In questo caso bisogna adottare alcuni accorgimenti per ridurre l’effetto scivolamento, come l’inserimento di elementi rompitratta che alleggeriscano le spinte dei vari strati.
Harpo Verdepensile propone Sistema Estensivo Inclinato, studiato nei minimi particolari per garantire un’ottima performance.


Quali sono i vantaggi di un giardino pensile?


La scelta di un tetto giardino ci ripaga favorevolmente sotto vari aspetti.

Innanzitutto sono da considerare i benefici per l’ambiente. Un tetto giardino, infatti, ci consente di restituire all’ecosistema lo spazio che abbiamo occupato al suolo, riducendo in questo modo l’impronta ecologica dell’edificio in cui viviamo. Inoltre, il verde che noi andremo a installare contribuirà notevolmente alla purificazione dell’aria della nostra città e alla conservazione della biodiversità, in quanto esso sarà tra l'altro anche l’habitat ideale per gli insetti.

Il verde garantisce anche un buon isolamento dai rumori della strada.

A ciò si aggiunge che esso sarà un ottimo termoregolatore anche per le nostre abitazioni, con un notevole risparmio energetico che potremo facilmente leggere in bolletta.
A questi vantaggi economici si sommano quelli legati al fatto che il verde pensile protegge gli strati di copertura dagli agenti atmosferici, con abbassamento dei costi per il rifacimento degli stessi.

Infine, motivo principale per cui tanti giardini pensili sono stati realizzati nel tempo, il verde pensile migliora l’estetica della nostra casa , ci protegge da sguardi indiscreti e, perché no, aumenta il valore del nostro immobile. Certamente un giardino pensile richiede una manutenzione costante, ma ci sono alcuni sistemi che garantiscono una bassa manutenibilità, come quelli proposti da Perlite Italiana Srl Perliroof giardini estensivi a bassa manutenzione.


La storia dei giardini pensili


Ma vediamo un po’ quando sono nati i giardini pensili.

Le prime testimonianze di questa tipologia di verde risalgono ai Babilonesi. Famosi, infatti, sono i giardini pensili di Babilonia, datati intorno al VI sec. A.C., attribuiti da alcuni al re Nabucodonosor II, da altri alla regina assira Semiramide.

La torre Guinigi a Lucca con i giardini pensili
Relativamente recenti, risalenti con buona probabilità al XIV secolo, sono i giardini pensili della Torre Guinigi a Lucca, su cui svettano ben sette piante di leccio.

Infine, nel corso dei secoli ci sono state molte ricerche relative al tetto giardino eseguite da personalità eminenti come Le Corbusier, Antonio Sant'Elia e Adolf Loos.

Verde pensile: la normativa di settore


Nel realizzare i giardini pensili bisogna tenere conto di due riferimenti normativi.

Il primo riferimento normativo è la norma UNI 11235 “Istruzioni per la progettazione , l’esecuzione e la manutenzione di coperture a verde”, in cui vengono date indicazioni relative agli spessori di un tetto giardino, ai carichi, quindi, che esso deve portare, indicazioni sulle proprietà che il substrato deve possedere, indicazioni sulla gestione dell’acqua che entra nel sistema.

La seconda norma di cui bisogna tenere conto è rappresentata dalle Linee Guida dell’ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale – che completano le indicazioni contenute nella norma UNI, proponendosi di venire in aiuto al progettista per la definizione delle prestazioni dei sistemi e la trattazione degli aspetti botanici, per garantire la biodiversità.

Sistema Harpo Medi WaterSafe
Molto interessante, inoltre, è il fatto che queste linee guida suggeriscono di progettare il verde pensile garantendo un valore minimo di acqua disponibile, tenendo conto della Regione in cui l’intervento si va a realizzare, con una sezione dedicata al risparmio idrico e alla gestione delle acque piovane e con un’attenzione particolare ai sistemi di drenaggio.

Un sistema molto valido per il risparmio idrico nei tetti giardino si chiama Medi WaterSafe ed è prodotto da Harpo Verdepensile. Serve a regolare automaticamente i tempi di irrigazione in modo da portare e mantenere le condizioni di idratazione del substrato al minimo fisiologico, in funzione del tipo di pianta utilizzata.


Come costruire un giardino pensile


É bene prestare attenzione innanzitutto alla stratigrafia di un tetto giardino. Questa, data una parte comune, si differenzia a seconda della tipologia che si va ad installare.

In sequenza, gli strati funzionali di un sistema di tetto giardino sono:

  • Primer bituminoso, che va a rendere omogenea la superficie su cui verranno posti tutti gli strati successivi;

  • Barriera al vapore, per proteggere il tetto dalla condensa;

  • Strato isolante, per coibentare l’edificio e garantire un maggiore risparmio energetico;

  • Membrana impermeabile, per impedire il passaggio dell’acqua;

  • Membrana antiradice, per impedire che le radici della vegetazione vadano ad attraversare gli altri strati;

  • Strato drenante e di accumulo idrico, per la gestione dell’acqua piovana, a volte può essere anche della semplice argilla espansa in granuli;

  • Strato filtrante, delimita lo strato del terreno;

  • Substrato colturale, che consiste in una miscela di minerali e componenti organiche che favoriscono l’attecchimento della vegetazione; lo spessore del substrato varia a seconda delle specie vegetali da mettere a dimora, più sono alte le piante e maggiore sarà lo spessore del substrato;

  • Strato vegetativo.

Stratigrafia Perliroof
Per realizzare un tetto giardino è bene affidarsi a mani esperte, perché le soluzioni fai da te possono andare bene ma possono anche creare molti inconvenienti. Occorrono, infatti, come si è capito fin qui, delle competenze specifiche che non sono da tutti.

Nella realizzazione del verde pensile si procederà innanzitutto con la posa delle fondamenta su cui verrà posato il giardino e in genere si tratta di igloo ad arcate sovrapposte di spessore minimo.

Successivamente si procede con il costruire la struttura del giardino, per poi posare il sistema di drenaggio. Quest’ultimo è molto importante, perché garantisce la giusta gestione dell’acqua sia come irrigazione sia come impermeabilizzazione.

Quindi, si passa alla posa del terriccio, sul quale andrà messo a dimora il prato.

Infine, nei casi in cui il progetto lo prevede, verranno piantumate le specie arboree e arbustive scelte.


Quanto costa realizzare un giardino pensile?


Veniamo ora ad un discorso più propriamente economico.
Realizzare un giardino pensile può costare dai 45 ai 200 euro al metro quadro.
Nello specifico, se si tratta di un giardino pensile estensivo i costi sono ovviamente più ridotti, ossia si aggirano dai 45 ai 160 euro al metro quadrato.

Nel vaso, invece, di verde pensile intensivo, dove le stratigrafie sono più complesse e c’è anche da piantumare le specie vegetali, si parte dai 55 e si arriva ai 200 euro al metro quadrato.

La buona notizia è che per la realizzazione di tetti verdi si può usufruire delle detrazioni fiscali.

In particolare, si può accedere al bonus verde, che prevede una detrazione lorda dell’IRPEF per una percentuale pari al 36% delle spese sostenute.

Roofingreen Nature
Nel caso in cui l’intervento consenta anche un risparmio energetico nell’ambito di un intervento di riqualificazione energetica totale dell’edificio, si può usufruire dell’ecobonus che porta la detrazione al 65% della spesa sostenuta.

Un esempio è il sistema Roofingreen Nature di Roofingreen, sistema modulare che assembla manti di erba sintetica e strati isolanti che garantiscono un buon isolamento termico e acustico.

riproduzione riservata
Articolo: Verde pensile: caratteristiche e vanteggi
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 7 voti.

Verde pensile: caratteristiche e vanteggi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.106 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Weber
  • Faidatebook
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Prato terrazzo spessore
    Prato terrazzo spessore...
    51.72
  • Guaina drenante Schluter-TROBA
    Guaina drenante schluter-troba...
    14.03
  • Granulato di verde alpi mm. 9-12
    Granulato di verde alpi mm. 9-12...
    410.00
  • Ciottoli di verde alpi mm. 15-25
    Ciottoli di verde alpi mm. 15-25...
    530.00
  • Telo copertura frangivista per ringhiera
    Telo copertura frangivista per...
    27.99
  • Tagliaerba elettrico Black+Decker
    Tagliaerba elettrico black+decker...
    84.99
Notizie che trattano Verde pensile: caratteristiche e vanteggi che potrebbero interessarti


Vantaggi verde pensile

Orto e terrazzo - Tetti verdi e giardini in copertura, per migliorare il clima, il microclima dell'edificio, oltre che agire sull'isolamento, con conseguente risparmio energetico

Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra le novità della Legge di Bilancio c'è il bonus verde, ovvero, la possibilità di detrarre una parte delle spese sostenute per riqualificare il verde privato.

Giardininterrazza 2011

Giardino - Alll'Auditorium Parco della Musica di Roma, la prima manifestazione italiana dedicata al verde urbano.

Tipologie per Coperture a verde

Progettazione - Le coperture a verde pensile sono realizzabili in diversi modi,con strati e vegetazione intensiva ed estensiva diversa a seconda del risultato finale da ottenere.

Nuova legge sul verde urbano

Normative - Approvato un nuovo provvedimento sulla gestione del verde pubblico e privato: giardini pensili, cinture verdi nelle periferie e nuovi alberi per le grandi citta' italiane.

Progettare un giardino pensile con il bando di concorso Myplant & Garden

Spazio esterno - Bando di concorso indetto da Myplant & Garden per la realizzazione di un giardino pensile che fungerà da palestra a cielo aperto, in una struttura ospedaliera.

Bonus verde: è possibile la detrazione delle spese di progettazione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate fornisce dei chiarimenti sul bonus verde: possibile effettuare la detrazione anche delle spese sostenute per la progettazione dei lavori.

I maestri del paesaggio a Bergamo Alta

Giardino - Nella splendida cornice della città lombarda torna il paesaggio e le sue mille sfumature, con eventi e laboratori incentrati sul verde.

Perché realizzare un giardino pensile

Spazio esterno - Il giardino pensile rappresenta la soluzione ideale per sfruttare al meglio la copertura di un edificio con vantaggi dal punto di vista ambientale ed economico.