Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Separazione e vendita della prima casa

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali03 Dicembre 2019 ore 11:20
Prima casa e accordo di separazione: se si vende la ex casa coniugale prima dei cinque anni e non se ne riacquista un'altra entro l'anno si perdono i benefici?

Accordo di separazione e benefici prima casa, Risoluzione n. 80E/2019


Se con l’accordo di separazione i coniugi stabiliscono di vendere l’abitazione acquistata con i benefici prima casa e ciò avviene prima dei cinque anni dall’acquisto e non si riacquista un nuovo immobile entro l’anno, si perdono i benefici prima casa?

separazione

Interrogata sul punto, l’Agenzia delle Entrate risponde con la Risoluzione n. 80 del 9 settembre 2019.

Prima di giungere alla conclusione – che, lo anticipiamo, è di escludere la perdita dei detti benefici - l’Agenzia compie un utilissimo excursus normativo-giurisprudenziale.

Per capire come l’Ufficio giunge alla sua conclusione, premettiamo i necessari cenni normativi e poi vediamo appunto quali sono stati i passaggi compiuti in questi anni dai giudici e dalla stessa Agenzia, riportati dalla stessa Risoluzione del 2019.


Prima casa e separazione: cenni normativi


Il motivo per cui il contribuente va in allarme è dato dal contrasto tra due gruppi di norme, quelle relative al mantenimento dei benefici prima casa e quelle relative al regime fiscale in caso di separazione tra coniugi.

Separazione e casa di proprietà

Per quanto riguarda le condizioni per usufruire dei benefici prima casa, la nota 2bis (all’art.1, Parte Prima) del D.P.R. n. 131 del 1986, il Testo Unico sull’imposta di registro, prevede tra l’altro che l’abitazione acquisita fruendo dei detti benefici non deve essere venduta prima dei cinque anni dall’acquisto; al fine di mitigare parzialmente detto divieto, si ammette il mantenimento dei benefici prima casa , se, pur avendo venduto l’abitazione prima dello scadere dei fatidici cinque anni, si proceda all’acquisto di altro immobile da adibire ad abitazione principale entro un anno dalla vendita.

Se ciò non accade, si ha la perdita dei benefici, che consiste nel dover pagare

le imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura ordinaria, nonché una sovrattassa pari al 30 per cento delle stesse imposte.

Se si tratta di cessioni soggette all'imposta sul valore aggiunto, l'ufficio dell'Agenzia delle entrate presso cui sono stati registrati i relativi atti deve recuperare nei confronti degli acquirenti la differenza fra l'imposta calcolata in base all'aliquota applicabile in assenza di agevolazioni e quella risultante dall'applicazione dell'aliquota agevolata, nonché irrogare la sanzione amministrativa, pari al 30 per cento della differenza medesima. Sono dovuti gli interessi di mora… (v. nota 2bis citata, comma 4).



Dall’altro lato, vi sono invece le norme (in particolare, l’art. 19 della Legge n. 74 del 1987) che prevedono l’esenzione dall’imposta di bollo, di registro e di ogni altra tassa, per tutti gli atti, i documenti ed i provvedimenti relativi al procedimento di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché ai procedimenti anche esecutivi e cautelari diretti ad ottenere il pagamento o la revisione degli assegni di cui agli articoli 5 e 6 della legge sul divorzio (L. n. 898/1970).

La Corte Costituzionale (sent. n. 154/1999) ha statuito che detta esenzione vale anche in caso di separazione.

Dal canto suo, la Corte di Cassazione ha più volte affermato che con l’esenzione in parola si è voluto favorire gli:

atti e convenzioni che i coniugi, nel momento della crisi matrimoniale, pongono in essere nell’intento di regolare sotto il controllo del giudice i loro rapporti patrimoniali conseguenti alla separazione o divorzio, ivi compresi gli accordi che contengono il riconoscimento o il trasferimento della proprietà esclusiva di beni immobili all’uno o all’altro coniuge.


Ciò, al fine:

di favorire e promuovere, nel più breve tempo, una soluzione idonea a garantire l’adempimento delle obbligazioni che gravano sui coniugi (tra tante, è richiamata l’ordinanza n. 22023/2017).



Risoluzione n. 80E del 2019, il caso concreto


Ed è sulla base della previsione di tale esenzione che il contribuente ritiene che la soluzione della questione sia nell’escludere la perdita dei benefici in parola.

Nel caso all’esame dell’Agenzia l’abitazione è stata venduta prima dei cinque anni dall’acquisto (con l'applicazione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura prevista per gli atti di trasferimento della prima casa) e la contribuente dichiara di non avere le possibilità economiche di procedere al successivo acquisto entro l’anno; ella, come detto, ritiene di non essere nella condizione di perdere i benefici acquisti.

Tale convinzione si basa sull’esclusione prevista dall’art. 19 cit. nonché sull’ordinanza n. 7966 del 2019 della Corte di Cassazione.


Separazione prima casa, la giurisprudenza


L’Agenzia ricorda come, in un caso relativo al trasferimento dell’immobile all’altro coniuge prima dello scadere dei cinque anni in esecuzione di un accordo di separazione, la Corte di Cassazione abbia escluso la perdita dei benefici (sent. n. 8104/2017).

Separazione e divorzio
In un’altra decisione (n. 3753/2014), la Corte ha statuito che l'attribuzione al coniuge della proprietà della casa coniugale in adempimento di una condizione inserita nell'atto di separazione consensuale, non può essere considerata una forma di alienazione dell'immobile rilevante ai fini della decadenza dei benefici prima casa; infatti si tratta di una forma di utilizzazione dello stesso ai fini della migliore sistemazione dei rapporti fra i coniugi, sia pure al venir meno della loro convivenza (anzi, proprio in vista della cessazione della convivenza stessa).

Infine, non va dimenticata la sentenza n. 7966 del 2019 (richiamata anche dal contribuente) che ha escluso la perdita dei benefici prima casa nel caso, come quello in esame, di vendita a terzi della casa coniugale in esecuzione degli accordi di separazione consensuale (ravvisando la portata generale del principio espresso già dalla stessa Corte nella sentenza n. 2111 del 2016).

In conclusione, al quesito posto l’Agenzia risponde con l’escludere che la contribuente perda i benefici prima casa a seguito di vendita nel quinquennio per esecuzione dell’accordo di separazione e che dunque la Circolare n. 21 giugno 2012, n. 27/E (par. 2.2), nella parte in cui si esaminano le conseguenze fiscali, in materia di decadenza dell’agevolazione ‘prima casa’, nell’ipotesi di cessione dell’immobile a terzi deve ritenersi superata.

In quella occasione il quesito posto riguardava la vendita a terzi – in esecuzione di un accordo di separazione o divorzio - con rinuncia da parte di uno dei coniugi a favore dell’altro, dell’intero ricavato.

La risposta dell’Agenzia fu nel senso che, onde evitare di perdere i benefici prima casa il coniuge che riceveva l’intero pagamento della vendita avrebbe dovuto procedere al nuovo acquisto entro l’anno.

riproduzione riservata
Articolo: Vendita prima casa e separazione dei coniugi
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Vendita prima casa e separazione dei coniugi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.309 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Natale in Casa
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Guaina di separazione Schluter-DITRA 25
    Guaina di separazione...
    15.33
  • Sistema riscaldamento elettrico Schluter-DITRA-HEAT
    Sistema riscaldamento elettrico...
    435.00
  • Pannelli in lana di vetro Isover PAR 4+
    Pannelli in lana di vetro isover...
    3.15
  • Pannelli in lana di vetro Isover Mupan 4+ e K 4+
    Pannelli in lana di vetro isover...
    5.06
  • Luxmetro digitale di precisione
    Luxmetro digitale di precisione...
    37.64
  • Radio da cantiere Makita
    Radio da cantiere makita...
    118.99
Notizie che trattano Vendita prima casa e separazione dei coniugi che potrebbero interessarti


Arriva la cedolare secca per locazioni commerciali con canone variabile

Affittare casa - Cedolare secca per locazioni commerciale. Il contratto prevedere un canone variabile. È quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate con risposta ad interpello.

Cassazione: bollette molto basse, la casa non è abitazione principale

Fisco casa - Per la Corte di Cassazione la presenza di consumi bassi è un indice del fatto che l'abitazione non è quella principale: scatta così l'imposta sulla plusvalenza.

Bonus ristrutturazione per sostituzione infissi: chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Novità dall'Agenzia delle Entrate: al contribuente viene riconosciuto il bonus ristrutturazione per la sostituzione di infissi rientrante nell'edilizia libera

Pace fiscale per i tributi comunali: ecco di cosa si tratta

Fisco casa - Non solo multe e bollo auto potranno beneficiare della pace fiscale; il condono è consentito anche per quei tributi comunali sulla casa come IMU, TASI e TARI.

Bonus casa 2019: le novità in arrivo con la Legge di Bilancio

Leggi e Normative Tecniche - Approvata la manovra fiscale del governo con proroga per tutto il 2019 delle detrazioni fiscali relative a spese sulla casa. Ecco quali sono gli sconti previsti

Revisione catastale del Comune: le regole della Cassazione

Catasto - Il Comune deve motivare la revisione catastale che determina un aumento del valore dell'immobile. Lo afferma la Corte di Cassazione con una recente sentenza.

Bonus casa: possibile modificare il 730 precompilato 2019

Fisco casa - Disponibile online la dichiarazione dei redditi precompilata 2019: possibile modificare tutti dati presenti e integrare gli importi relativi ai bonus sulla casa.

Dal 2019 la dichiarazione di successione sarà soltanto online

Proprietà - Con un recente provvedimento l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il nuovo modello per la trasmissione della dichiarazione di successione in modalità telematica

A Pordenone Fiere parte l'edizione 2019 del Sicam

Materiali edili - Undicesima edizione di Sicam: a Pordenone, 10 padiglioni e tanti professionisti per quattro giorni dedicati all'esposizione di componenti e accessori per il mobile