Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

La nuova IMU se varia la rendita in corso d'anno

In caso di variazione di rendita catastale in corso d'anno occorre distinguere a seconda che la variazione sia dipendente dal contribuente o sia avvenuta d'ufficio
22 Aprile 2020 ore 09:56 - NEWS Fisco casa

La base imponibile della nuova IMU per i fabbricati


Anche se dal 2020 è entrata in vigore la nuova IMU (Imposta municipale unica) che accorpa anche la TASI (Tassa sui servizi indivisibili), con una disciplina che sostanzialmente cambia di pochissimo rispetto a quella già in vigore fino allo scorso anno, restano ferme le modalità di determinazione della base imponibile su cui applicare l'aliquota d'imposta prevista per le diverse fattispecie di immobili.

Per i fabbricati dotati di rendita catastale, pertanto, continua a valere che la base di calcolo si ottiene partendo dalla rendita catastale medesima iscritta al 1° gennaio dell'anno di riferimento.
Questa verrà rivalutata del 5% e moltiplicata per i seguenti coefficienti:

  1. 160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con esclusione della categoria catastale A/10;

  2. 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;

  3. 80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale D/5;

  4. 80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10;

  5. 65 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D, ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5;

  6. 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1.


Base imponibile fabbricati
Pertanto, ad esempio, per un fabbricato di categoria catastale A/2 con rendita iscritta in catasto al 1° gennaio 2020 di euro 450,00, la base imponibile IMU sarà pari al risultato della seguente operazione (450,00 x 1,05) x 160, ossia 75.600.

La base imponibile, da ragguagliarsi alla percentuale e ai mesi di possesso dell'immobile durante l'anno (si computa per intero il mese in cui il possesso si è protratto per più di 15 giorni) sarà quello cui applicare l'aliquota IMU prevista per tale categoria di immobile.


Variazione di rendita nell'anno


L'IMU è dovuta per anno solare e, come anticipato, in base alla percentuale e ai mesi di possesso. Quindi, per il 2020 il tributo è dovuto dal contribuente possessore (proprietario, usufruttuario, ecc.) in funzione alla percentuale di possesso ed ai mesi di possesso configuratisi per quest'anno stesso.

Potrebbe accadere che durante l'anno d'imposizione avvenga una variazione di rendita catastale dell'immobile oggetto di tassazione perché ad esempio siano intervenuti nel frattempo lavori di ristrutturazione che hanno portato a tale conseguenza, oppure perché c'è stato un accertamento d'ufficio che ha rilevato una rendita più elevata di quella che era iscritta in catasto.

Ci si chiede, quindi, come comportarsi in tale ipotesi ossia se considerare, per il calcolo dell'imposta per l'anno corrente, comunque la rendita per come iscritta in catasto al 1° gennaio dello stesso anno e considerare la nuova solo dall'anno successivo oppure tenere in considerazione la variazione sin da subito?

Variazione rendita
In soccorso arriva lo stesso legislatore, il quale al comma 745 della Legge di bilancio 2020 (la quale dai commi 738 a 780 disciplina la nuova IMU) espressamente sancisce che le variazioni di rendita catastale intervenute in corso d'anno, a seguito di interventi edilizi sul fabbricato, producono effetti dalla data di ultimazione dei lavori o, se antecedente, dalla data di utilizzo.

Ne consegue che, se ad esempio, a seguito di lavori di ristrutturazione il fabbricato nel 2020 cambia rendita con data ultimazione lavori 18 maggio 2020, ai fini del calcolo IMU 2020, per 5 mesi (gennaio – maggio) occorre considerare la rendita come risultante in catasto al 1° gennaio, mentre per i restanti 7 mesi (giugno - dicembre) occorrerà considerare ai fini del calcolo del tributo la nuova rendita.

La manovra, invece, nulla sembra prevedere riguardo il caso in cui la variazione della rendita avvenga d'ufficio. In tal caso, dunque, vale la disposizione generale secondo cui la rendita da prendere a riferimento per l'anno d'imposizione è sempre quella risultante iscritta al catastalo al 1° gennaio dello stesso anno. La nuova rendita accertata e variata d'ufficio andrà presa, invece, a riferimento per l'anno d'imposizione successivo.


Lo sconto sulla base imponibile



Come prevedeva la disciplina previgente anche la nuova annovera alcuni casi in cui la base imponibile del tributo si riduce del 50%. Nel dettaglio la base di calcolo si riduce alla metà:

a) per i fabbricati dichiarati di interesse storico o artistico di cui all'articolo 10 del codice di cui al D. Lgs. n. 42 del 2004;

b) per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni (in questo caso l'inagibilità o inabitabilità deve essere accertata dall'ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione IMU.

In alternativa, il contribuente ha facoltà di presentare una dichiarazione sostitutiva che attesti la dichiarazione di inagibilità o inabitabilità del fabbricato da parte di un tecnico abilitato, rispetto a quanto previsto dal periodo precedente. I comuni possono, comunque, disciplinare le caratteristiche di fatiscenza sopravvenuta del fabbricato, non superabile con interventi di manutenzione);
Riduzione a metà
c) per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado (si tratta di genitori e figli) che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato all'Agenzia delle Entrate e che il comodante possieda una sola abitazione in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato (il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all'immobile concesso in comodato, possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, a eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9).

Il beneficio d i cui alla lett. d) si estende, in caso di morte del comodatario, al coniuge di quest'ultimo in presenza di figli minori.


Base imponibile per terreni e aree edificabili


Salvo i caso di esenzione specificamente previsti per terreni agricoli e aree edificabili, la base imponibile del tributo è rappresentato per i terreni dal reddito dominicale risultante in catasto, vigente al 1° gennaio dell'anno di imposizione, rivalutato del 25%; per le aree fabbricabili dal valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell'anno di imposizione, o a far data dall'adozione degli strumenti urbanistici, avendo riguardo alla zona territoriale di ubicazione, all'indice di edificabilità, alla destinazione d'uso consentita, agli oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche.

IMU terreni
Ci sono poi i fabbricati classificabili nel gruppo catastale D, non iscritti in catasto (quindi, privi di rendita), interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, per i quali, fino al momento della richiesta dell'attribuzione della rendita la base imponibile è determinata, alla data di inizio di ciascun anno solare, ovvero, se successiva alla data di acquisizione, secondo i criteri stabiliti nel penultimo periodo del comma 3 dell'articolo 7 del decreto-legge n. 333 del 1992 (convertito, con modificazioni, dalla Legge 8 agosto 1992, n. 359) applicando i coefficienti ivi previsti e aggiornati annualmente con apposito decreto del Ministero dell'economia e delle finanze.

riproduzione riservata
Articolo: Variazione rendita in corso di anno: come agire per IMU
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Variazione rendita in corso di anno: come agire per IMU: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.735 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Variazione rendita in corso di anno: come agire per IMU che potrebbero interessarti


Classamento Catastale

Catasto - Che cosa è il classamento catastale per un immobile e a cosa serve? In base a quali parametri di solito viene assegnato ad un immobile il classamento catastale.

Proroga sanatoria catastale

Catasto - Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.

Visure catastali on line

Normative - In questi giorni l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul canale You Tube un video illustrativo che mostra come fare per ottenere una visura catastale on line.

Accatastamento

Catasto - L'accatastamento è obbligatorio non solo per nuove costruzioni, ma anche per qualunque intervento che possa comportare una modifica della rendita catastale.

La riforma del catasto non sarà presente nella Nadef

Catasto - Saltata la riforma del catasto 2020 nella nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza. Possiamo dire addio alla revisione del sistema catastale.

Particella catastale

Catasto - Per ottenere una visura catastale, se essa non è nominativa ma si basa invece sulla particella catastale, siamo tenuti a conoscere una serie di dati.

Visure catastali alle Poste

Normative - Oggi è possibile richiedere le visure catastali presso gli uffici postali, per ottenere un certificato catastale sarà sufficiente fornire il proprio codice fiscale o i dati identificativi dell?immobile.

Sanatoria catastale

Normative - La manovra finanziaria approvata ieri contiene, tra le altre misure, una nuova forma di condono edilizio.

Rendita Catastale

Catasto - Trova online la tua rendita catastale utile per il calcolo IMU, inoltre cos'è la rendita catastale, come viene determinata e come si usa per il calcolo delle imposte.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabioanaclerio
Buonasera e grazie a chi avrà la gentilezza di rispondermi. Ho acquistato casa il 26 Giugno ma il precedente possessore mi ha dato le chiavi, effettivamente il 3 Novembre.
fabioanaclerio 05 Dicembre 2020 ore 10:32 1
Img p.giannone@gmx.ch
Buona sera, ho bisogno di un esperto, dovrei vendere una casa ereditata. Questa casa ha un sottoterra, piano terra e primo piano, è stata accatastata: - primo piano,...
p.giannone@gmx.ch 12 Ottobre 2020 ore 11:10 1
Img riccardotorretta
Buonasera, sto per trasferirmi in affitto in un appartamento la cui porta blindata di ingresso è stata lasciata con sopra la sua pellicola protettiva per credo almeno 3 o 4...
riccardotorretta 25 Agosto 2020 ore 18:18 3
Img m.n.
Buongiorno, guardate la foto allegata, vorrei togliere le piastrelle (colore grigio) che sono state posate come paraschizzi attorno al lavandino, dal rivestimento della cucina...
m.n. 20 Agosto 2020 ore 10:31 1
Img santa esmeralda
Buonasera. Ho preso casa che era di mia nonna e mi sono ritrovato con una stanza tinta di blu con un tipo di pittura che non conosco. È una pittura che mio padre ricorda da...
santa esmeralda 30 Aprile 2020 ore 09:08 1