• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Valvole termostatiche: servono davvero per risparmiare in bolletta?

Cosa sono le valvole termostatiche? Qual è la loro funzione più importante? È davvero possibile risparmiare installandole? Scopriamolo insieme in questa guida.
Pubblicato il

Valvole termostatiche: cosa sono e perché vengono installate


Oggi più che mai è necessario sfruttare le tecnologie disponibili per diminuire il dispendio di energia legato al funzionamento degli impianti di termoregolazione.

A tale scopo, sono stati realizzati nuovi sistemi di riscaldamento, i quali, oltre a essere più ecocompatibili, consentono anche di abbattere i costi in bolletta.

Tra gli strumenti più innovativi, creati appositamente per garantire un maggiore risparmio energetico, vi sono le valvole termostatiche, piccoli accessori che, una volta installati, permettono di controllare in maniera completamente autonoma l'erogazione di calore dei termosifoni.

Valvole termostatiche, obbligo installazione
A partire dal 1° gennaio 2017, a seguito della direttiva europea 2012/27/UE, per ogni immobile dotato di riscaldamento centralizzato è divenuto obbligatorio installare le valvole termostatiche con contabilizzatore di calore.

Al contrario di quanto si pensi, questi strumenti hanno un meccanismo di funzionamento semplice e intuitivo: quando viene scelta la temperatura interna desiderata, le valvole termostatiche bloccano l'erogazione di calore, impedendo così ai caloriferi di riscaldare gli ambienti.
Viceversa, nel caso in cui la temperatura si abbassi, tali accessori rimettono in funzione i termosifoni.


Contabilizzatori di calore: come funzionano?


Come già accennato in precedenza, la nuova direttiva europea ha introdotto l'obbligo di installare su tutti i termosifoni presenti all'interno di un immobile con riscaldamento centralizzato, anche i contabilizzatori di calore.

I contacalorie, detti anche ripartitori, sono strumenti la cui funzione è proprio quella di monitorare l'effettivo calore emanato da ogni singolo radiatore. Anche in questo caso, si tratta di piccoli accessori, i quali, se montati correttamente garantiscono un maggior risparmio economico e un minor impatto ambientale.

Contabilizzatori di calore
In commercio sono disponibili numerose tipologie di ripartitori: i modelli più all'avanguardia sono senza dubbio quelli che consentono di effettuare una lettura telematica dei dati, che vengono così comunicati e archiviati dalle aziende competenti. In questo modo, ogni utente può conoscere precisamente il consumo di calore relativo alla propria abitazione e ottenere una bolletta più chiara ed equa.

Valvole termostatiche wifi homexpert
I costi relativi al riscaldamento dopo l'installazione dei contabilizzatori sono ripartiti in due quote: una fissa, che si basa sui calcoli eseguiti seguendo una tabella millesimale del riscaldamento, e una variabile, stabilita a seconda dei consumi effettuati da ogni singolo utente, misurati dai ripartitori.

Generalmente, la quota variabile viene decisa durante l'assemblea condominiale e si aggira intorno al 70%; quella fissa è invece del 30%.

Prima della direttiva UE, la ripartizione veniva effettuata considerando l'ampiezza di ogni abitazione e risultava quindi meno coerente con il consumo effettivo.
Oggi, grazie all'installazione di questi utili accessori, le misurazioni sono più precise: gli appartamenti situati al primo piano o gli attici, che normalmente necessitano di una maggior quantità di calore, avranno consumi nettamente superiori rispetto agli altri piani e così via.


Valvole termostatiche e contabilizzatori: quanto costa installarli?


Installare le valvole termostatiche è un'operazione semplice e veloce, per la quale non è necessario svolgere alcun lavoro sulle parti in muratura.

A volte, può essere opportuno effettuare interventi più specifici se i termosifoni sono a stretto contatto con mensole o nicchie, che potrebbero compromettere il funzionamento dei dispositivi. In ogni caso, per eseguire al meglio l'installazione, è opportuno affidarsi a professionisti del settore, che valuteranno caso per caso il da farsi.
Valvole termostatiche wifi HoneywellIl prezzo medio relativo all'installazione di una valvola termostatica e di un ripartitore è di circa 120 euro, anche se il costo può variare notevolmente in base al modello scelto, alla zona geografica in cui ci si trova e alla complessità di montaggio riscontrata.

È possibile recuperare una parte della spesa sostenuta grazie alle agevolazioni fiscali messe a disposizione dal nuovo bonus casa 2019.

Fino al 31 dicembre 2019, con l'installazione delle valvole termostatiche e dei contabilizzatori, si ha diritto alla detrazione IRPEF del 50%, ripartita in 10 anni, per un massimo di 96.000 euro ad immobile.

Se occorre sostituire l'impianto di riscaldamento obsoleto e si sceglie di installare una caldaia a condensazione di classe superiore alla A, insieme alle valvole e ai ripartitori, è possibile usufruire dell'agevolazione al 65%, relativa al miglioramento dell'efficienza energetica dell'abitazione.


Chi può installare le valvole termostatiche e i contabilizzatori?


Per installare le valvole termostatiche e i ripartitori è necessario rivolgersi a termotecnici specializzati, i quali hanno sufficiente esperienza nello svolgere questo tipo di operazioni.

Dopo aver comunicato al professionista incaricato le informazioni necessarie relative all'immobile (planimetria, dati strutturali, tipologia di impianto di riscaldamento, rilievi dei punti di dispersione termica ecc...) verrà effettuato un sopralluogo, e infine, saranno installati i dispositivi.

Valvole termostatiche e contabilizzatori: chi li installa?
L'installazione delle valvole termostatiche non prevede alcun intervento sulla muratura: il tecnico rimuoverà le vecchie manopole dei caloriferi, sostituendole appunto, con le valvole.


Valvole termostatiche e ripartitori: quanto si risparmia?


Nonostante l'investimento iniziale sia piuttosto elevato, installare le valvole termostatiche e i contabilizzatori di calore garantisce un effettivo risparmio sulla bolletta del gas.

Grazie a questi strumenti è infatti possibile misurare i consumi in modo preciso e pagare il giusto. Non bisogna dimenticare che la termoregolazione è vantaggiosa anche per l'ambiente, poiché comporta una riduzione delle emissioni di CO2.


Installare le valvole termostatiche è obbligatorio per tutti?


L'installazione delle valvole termostatiche è obbligatoria per:
- immobili nei quali è presente un sistema di riscaldamento centralizzato;
- nuovi immobili costruiti dal 2007 in poi anche con impianto di riscaldamento autonomo;
- immobili ristrutturati dal 2007 in poi anche con impianto di riscaldamento autonomo;
- immobili in cui sia sostituita la caldaia o impianto di riscaldamento sempre a partire dal 2007.

In alcuni casi, l'obbligo decade anche quando non è possibile configurare gli accessori di termoregolazione a causa di difficoltà tecniche.


Mancata installazione delle valvole termostatiche: le sanzioni


Nel caso in cui non si provveda all'installazione dei dispositivi di termoregolazione come previsto dalla normativa vigente, oltre a una diffida che obbliga ad adeguare gli impianti entro 45 giorni, sono previste sanzioni che vanno da 500 a 2.500 euro ad appartamento, più una multa a carico del condominio.


Problemi comuni dei termosifoni e come risolverli

I riscaldamenti sono rumorosi?

Forse è perché non sono presenti dispositivi che regolano il flusso dell'acqua in base all'apertura o alla chiusura delle valvole dei radiatori. Un'altra ipotesi è che la stessa valvola si sia bloccata, a causa di uno scarso utilizzo dell'impianto.

Per risolvere il primo problema è possibile installare una pompa a flusso variabile o una valvola bypass, per far sì che il liquido circoli in modo omogeneo.

Per quanto riguarda invece lo sblocco della valvola, è sufficiente tenere aperte le valvole termostatiche anche quando non si accende il riscaldamento, e infine, aprirle spesso durante il periodo di funzionamento dell'impianto.

Honeywell valvole termostatiche da impostare con App
I termosifoni sono spenti dopo l'accensione? Questo inconveniente accade spesso e può essere causato dalla copertura dei radiatori con tende, panni o altro. In tale frangente, la valvola termostatica percepisce una temperatura maggiore, quindi si chiude, bloccando l'erogazione di calore. Per rimediare, è sufficiente collocare i dispositivi di termoregolazione in una zona con un buon ricircolo d'aria; nel caso non sia fisicamente possibile, si può provvedere a montare valvole specifiche dotate di una sonda remota, situata a poca distanza dal radiatore.


I consigli di Selectra per risparmiare sul riscaldamento


Risparmiare riducendo i consumi e la bolletta del gas è possibile, basta mettere in atto piccole azioni quotidiane. Ecco i consigli pratici di SELECTRA SpA, web company specializzata nell'informare e orientare i consumatori riguardo alle tariffe dei fornitori Luce, Gas, Internet e GPL.

Favorire il ricircolo d'aria in casa: far respirare i muri è conveniente, ma occorre farlo in modo sensato; spesso, per cambiare l'aria di una stanza è sufficiente aprire le finestre per soli 5 minuti.

Favorire il ricircolo d'aria in casa
Non coprire i radiatori: oltre a diminuire l'erogazione di calore dei termosifoni, c'è il rischio di compromettere il funzionamento dei contabilizzatori.

Non coprire i termosifoni
Posizionare le valvole termostatiche ai livelli massimi durante i mesi più caldi: da aprile a ottobre è utile impostare i dispositivi a 5 o a 10 per scongiurare eventuali problematiche legate agli sbalzi di pressione durante la riattivazione nel periodo invernale.

Sfiatare i termosifoni: l'aria presente all'interno dei caloriferi impedisce all'acqua calda di scorrere in modo omogeneo, pertanto, è opportuno svolgere questa operazione di frequente, anche in autonomia.

Impostare temperature differenti all'interno di ogni stanza: se un locale non viene utilizzato spesso, è bene impostare le valvole al minimo, mentre, per quanto riguarda gli altri ambienti, è sufficiente avere una temperatura di circa 20°C in soggiorno e di circa 18°C nelle stanze restanti.

Non spegnere i termosifoni, ma tenerli accesi con la temperatura minima: per risparmiare è meglio tenere i riscaldamenti sempre accesi, ma al minimo, in modo da mantenere costante la temperatura in casa.

Condividere le informazioni riguardanti il risparmio energetico con i condomini: parlare con tutte le persone che abitano all'interno del proprio condominio è vantaggioso, poiché, così facendo, ognuno ha la possibilità di mettere in atto comportamenti corretti nella gestione dell'impianto di riscaldamento, con un conseguente consumo complessivo ridotto e soprattutto, un minor impatto ambientale.

riproduzione riservata
Valvole termostatiche risparmio sull'impianto di riscaldamento
Valutazione: 4.71 / 6 basato su 7 voti.
gnews

Valvole termostatiche risparmio sull'impianto di riscaldamento: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Ing. Guido Cappio
    Ing. Guido Cappio
    Sabato 9 Novembre 2019, alle ore 12:36
    Non è vero che per gli impianti autonomi non sono necessarie le valvole termostatiche, perché anche un impianto autonomo deve raggiungere comunque un determinato rendimento globale medio stagionale, che in assenza di termostatiche non si riesce a raggiungere.
    Inoltre le valvole termostatiche, oltre a far risparmiare perché permettono di riscaldare gratuitamente grazie agli apporti solari e gli apporti interni, permettono anche di avere dei ritorni più freddi alla caldaia a condensazione e quindi aumentano il rendimento di produzione della caldaia, oltre al vantaggio che si può regolare la temperatura in ogni singolo ambiente.
    rispondi al commento
    • Andre22000
      Andre22000 Ing. Guido Cappio
      Domenica 24 Novembre 2019, alle ore 18:51
      Quindi lei consiglia di installare le termovalvole anche in presenza di un riscaldamento autonomo a metano con termostato tradizionale?
      E come si può gestire in questo caso?
      rispondi al commento
      • Ing. Guido Cappio
        Ing. Guido Cappio Andre22000
        Lunedì 25 Novembre 2019, alle ore 23:17
        Il termostato non si usa più cioè basta per esempio, impostarlo a 28° C, se è un cronotermostato lo si usa solo come orologio, e sono poi le varie termostatiche ad intervenire quando si raggiunge la temperatura impostata sulla testina (per es. posizione 3 equivale ad una temperatura di circa 20 °C, quindi la termostatica chiuderà a 20 °C e riaprirà se la temperatura scende a 19 - 19,5 °C.
        rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.259 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img enrico ruggiero
Non uso più la stufa a pellet fra fumista e tecnici quest'anno avrò speso sui 1500 euro solo per questo, ritrovandomi al punto da capo. Stavo analizzando quindi un...
enrico ruggiero 23 Febbraio 2024 ore 17:32 2
Img giomar68
Buongiorno,a fine gennaio 2023 ho acquistato una stufa a pellet Marca Moretti Design canalizzata.Fin da subito ho riscontrato qualche difficoltà di accensione, con messaggi...
giomar68 27 Gennaio 2024 ore 15:15 1
Img andrea19781
Salve a tutti! Come da oggetto, vorrei caoire la fattibilità dell'impresa. Potrei acquistare l'appartamento sotto il mio, ma per collegatli dovrei forare il mio pavimento...
andrea19781 02 Gennaio 2024 ore 10:05 2
Img s kote
È possibile sovrapporre altre mattonelle su un pavimento con riscaldamento e raffreddamento a pavimento o quali soluzioni ci sono per poter cambiare pavimento? Grazie...
s kote 21 Dicembre 2023 ore 14:59 1
Img alessandro de chiara
Buongiorno.Nel display utilizzatore della caldaia Daikin è possibile impostare il prezzo dell'energia elettrica e quello del gas, per decidere la convenienza (lo fa la...
alessandro de chiara 09 Dicembre 2023 ore 20:58 5