Usucapione e atti di tolleranza

NEWS DI Normative22 Novembre 2012 ore 00:49
L'usucapione della proprietà, o di un altro diritto reale di godimento, non opera se le attività sul bene sono svolte con la tolleranza del suo proprietario.

PalazzoParlando di usucapione gli operatori del diritto intendono far riferimento ad un modo di acquisto a titolo originario della proprietà e dei diritti reali di godimento (escluse le servitù non apparenti), in virtù di un possesso non vizioso e continuato per un determinato periodo di tempo, che varia a seconda della natura del bene posseduto (Katia Mascia, L'usucapione. La casistica giurisprudenziale di acquisto della proprietà di beni mobili e immobili e di altri diritti reali attraverso il decorso del tempo, Halley editrice, 2007).


D'altra parte è lo stesso art. 1158 c.c. a specificare che la proprietà dei beni immobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni.


Il successivo articolo 1159 chiarisce che in alcuni casi (nella specie acquisto in buona fede dal non proprietario in base a titolo inidoneo ma regolarmente trascritto), acquista per usucapione in dieci anni.


Insomma l'usucapione dà valenza giuridica ad una determinata situazione di fatto protrattasi per un lungo periodo di tempo.



Requisiti per l'acquisto della proprietà ad usucapionem



Pure se parliamo di proprietà, come s'è detto in principio, l'usucapione è istituto che si applica ad ogni altro diritto reale di godimento su cosa altrui, eccezion fatta che alle servitù apparenti.


Il giudice chiamato a pronunciarsi sull'acquisto lo accerta e non lo costituisce; in sostanza al magistrato spetta il compito di appurare se sono presenti tutti gli elementi utili a far operare questa modalità di acquisto della proprietà.


Quali sono questi elementi?


Secondo la Suprema Corte di Cassazione per la configurabilità del possesso ad usucapionem, è necessaria la sussistenza di un comportamento continuo, e non interrotto, inteso inequivocabilmente ad esercitare sulla cosa, per tutto il tempo all'uopo previsto dalla legge, un potere corrispondente a quello del proprietario o del titolare di uno ius in re aliena (ex plurimis Cass. 9 agosto 2001 n. 11000), un potere di fatto, corrispondente al diritto reale posseduto, manifestato con il compimento puntuale di atti di possesso conformi alla qualità e alla destinazione della cosa e tali da rilevare, anche esternamente, una indiscussa e piena signoria sulla cosa stessa contrapposta all'inerzia del titolare del diritto (Cass. 11 maggio 1996 n. 4436, Cass. 13 dicembre 1994n. 10652) (Cass. 23 maggio 2012 n. 8158).



Prova dell'usucapione



GiudizioCome in ogni giudizio nel quale una persona chiede che venga accertato o costituito un diritto, anche nel caso dell'accertamento dell'usucapione, chi domanda in giudizio deve provare il fondamento delle proprie pretese.


Insomma spetta a chi ne vuole beneficiare provare d'aver usucapito.


In tal senso è stato detto che chi agisce in giudizio per essere dichiarato proprietario di un bene, affermando di averlo usucapito, deve dare la prova di tutti gli elementi costitutivi della dedotta fattispecie acquisitiva e, quindi, non solo del corpus, ma anche dell'animus; quest'ultimo elemento, tuttavia, può eventualmente essere desunto in via presuntiva dal primo, se vi è stato svolgimento di attività corrispondenti all'esercizio del diritto di proprietà, sicchè è allora il convenuto a dover dimostrare il contrario, provando che la disponibilità del bene è stata conseguita dall'attore mediante un titolo che gli conferiva un diritto di carattere soltanto personale (Cass. 11 giugno 2010 n. 14092).


Sull'animus possidendi pare utile una precisazione.


Secondo la Cassazione, infatti, l'animus possidendi, necessario all'acquisto della proprietà per usucapione da parte di chi esercita il potere di fatto sulla cosa, non consiste nella convinzione di essere proprietario (o titolare di altro diritto reale sulla cosa), bensì nell'intenzione di comportarsi come tale, esercitando corrispondenti facoltà, mentre la buona fede non è requisito del possesso utile ai fini dell'usucapione.


Di conseguenza, la consapevolezza di possedere senza titolo, ed il compimento di attività negoziali o di altra natura, finalizzate a ottenere il trasferimento della proprietà del bene posseduto o la stabilità sul piano formale della situazione giuridica rispetto ad esso non esclude che il possesso sia utile ai fini dell'usucapione (Cass. 15 luglio 2002 n. 10230).



Usucapione e atti di tolleranza



Uno degli elementi idonei a neutralizzare il passare del tempo e quindi l'acquisto per usucapione sono i così detti atti di tolleranza; in sostanza il proprietario di un fondo accetta il comportamento del vicino o di chicchessia (purché tra questi soggetti vi sia un minimo di conoscenza) senza opporsi ma non per questo rassegandosi all'idea di vedersi privati della sua proprietà.


Che cosa sono effettivamente questi atti di tolleranza (art. 1144 c.c.)?


Secondo i giudici della Cassazione gli atti di tolleranza, che secondo l'art. 1144 c.c., non possono servire di fondamento all'acquisto del possesso, sono quelli che implicando un elemento di transitorietà e saltuarietà comportano un godimento di modesta portata, incidente molto debolmente sull'esercizio del diritto da parte dell'effettivo titolare o possessore, e soprattutto traggono la loro origine da rapporti di amicizia o familiarità - come nella specie - (o da rapporti di buon vicinato sanzionati dalla consuetudine), i quali mentre a priori ingenerano e giustificano la permissio, conducono per converso ad escludere nella valutazione a posteriori la presenza di una pretesa possessoria sottostante al godimento derivatone.


CasaPertanto nell'indagine diretta a stabilire, alla stregua di ogni circostanza del caso concreto, se un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o altro diritto reale sia stata compiuta con l'altrui tolleranza, e quindi sia inidonea all'acquisto del possesso, la lunga durata dell'attività medesima può integrare un elemento presuntivo, nel senso dell'esclusione di detta situazione di tolleranza, qualora si verta in tema di rapporti non di parentela, ma di mera amicizia o buon vicinato, tenuto conto che nei secondi, di per sè labili e mutevoli, è più difficile il mantenimento di quella tolleranza per un lungo arco di tempo (Cfr. anche Cass. Sentenze n. 04631 del 1990, 08194 del 18/06/2001) (Cass. 20 febbraio 2008 n. 4327).

riproduzione riservata
Articolo: Usucapione e atti di tolleranza
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 14 voti.

Usucapione e atti di tolleranza: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Arezzo29
    Arezzo29
    Venerdì 23 Novembre 2012, alle ore 06:47
    In relazione all'altrui tolleranza (Cass. 2008 n. 4327), l' argomentazione vale anche nel caso di rapporti di parentela (nel mio caso, tra 2 fratelli) ? Grazie in anticipo.
    rispondi al commento
  • Giuseppe
    Giuseppe
    Giovedì 22 Novembre 2012, alle ore 12:13
    Salve, Se cortesemente può darmi alcuni chiarimenti, vorrei risolvere alcuni dubbi inerenti l'usucapione, spiego la situazione:
    Io assieme i miei 3 fratelli siamo proprietari del piano terra adibito a garage con 2 accessi, donato dai miei genitori tramite atto di donazione stipulato da più di 10 anni, in cui recita "proprietari di un quarto indiviso".
    Si precisa che il possesso è da più di 25 anni ed abbiamo avuto assegnato il posto dove posizionare i mezzi per volontà dei miei genitori, sempre per loro volontà si è diviso in due.
    L'informazione che desidero è questa: uno dei miei fratelli può obbligarmi contro la mia volontà a fare un sorteggio dei posti che sono stati assegnati dai miei genitori da più di 20 anni? (usucapione).
    Ringrazio anticipatamente.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Usucapione e atti di tolleranza che potrebbero interessarti
Locazione ed usucapione

Locazione ed usucapione

Affittare casa - Non sempre chi è conduttore di un immobile può reclamare facilmente, trascorso lungo tempo dalla fine del contratto senza che l'abbia consegnato, d'averlo usucapito.
Si possono usucapire i beni condominiali?

Si possono usucapire i beni condominiali?

Condominio - I condomini hanno diritto di usare i beni comuni nel modo che ritengono più consono alle proprie necessità
Atti emulativi, piccolo vademecum

Atti emulativi, piccolo vademecum

Normative - Gli atti emulativi rappresentano un'azione deliberatamente lesiva da parte del proprietario di un fondo verso un'altra persona. Come fare a riconoscerli e come opporsi?

Preliminare di compravendita con effetto anticipato: come funziona?

Comprare casa - Che cos'è un contratto preliminare ad effetti anticipati, come funziona e perché può essere opportuno fare ricorso a questa particolare tipologia contrattuale.

Usucapione, parti comuni e processo

Condominio - Si può chiedere l'accertamento dell'usucapione o la si può eccepire. La differenza è notevole in relazione alle parti che processuali.

Usucapione

Normative - Il diritto di proprieta' su un bene immobile, cosi' come altri diritti reali di godimento, come la servitu', possono essere acquisiti per usucapione, ossia a seguito del possesso prolungato e incontestato nel tempo di un dato bene.

Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Parti comuni - S'ipotizzi che Tizio, proprietario in condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni. Cosa deve fare per ottenere il risarcimento danni.

Usucapione di una servitù

Normative - L'acquisto di una servitù per usucapione, cioè dopo averla utilizzata per un lungo periodo di tempo, è possibile se essa ha carattere apparente. Che cosa vuol dire?

Quali sono le differenze tra proprietà, possesso e detenzione

Proprietà - Proprietà, possesso e detenzione sono molto diversi sotto il profilo giuridico e differenti sono il modo di acquisto e le forme di tutela previsti dalla legge.
REGISTRATI COME UTENTE
295.548 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pittura lavabile Roma e provincia
    Pittura lavabile roma e provincia...
    13.50
  • Montascale a pedana Ascendor
    Montascale a pedana ascendor...
    1.00
  • Ristrutturazione del bagno invalidi
    Ristrutturazione del bagno invalidi...
    500.00
  • Lastra di gesso antiumidità Gyproc Hydro H1
    Lastra di gesso antiumidità...
    5.91
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.