• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Realizzazione fai da te di un vialetto in calcestruzzo

Costruire in fai da te un vialetto in calcestruzzo: preparazione sottofondo, miscela di cemento, ghiaia e sabbia, creando così un pratico percorso nell'outdoor.
Pubblicato il / Aggiornato il

Realizzare in fai da te una stradina in calcestruzzo


La copertura in calcestruzzo di un'area di un cortile oppure di una stradina è un lavoro che può apparire complesso e fuori dalla portata di molti. In realtà, si tratta di un'operazione piuttosto semplice. anche se può risultare senz'altro molto faticosa, oltre che sicuramente adatta ai più pratici e volenterosi.

Vialetto in calcestruzzo: come realizzarlo in fai da te
Un fattore importante che può determinarne la fattibilità, è innanzitutto la dimensione della pavimentazione esterna da realizzare.

Ad ogni modo, se ci si sente pronti per la messa in posa di un vialetto in cemento, si potrà procedere, adoperando sempre e comunque le opportune cautele in termini di sicurezza.
È indispensabile incaricare un tecnico professionista che possa fornire informazioni precise su quali siano le eventuali autorizzazioni di legge, necessarie a porre in opera la pavimentazione dell'area esterna prescelta.

Una volta sbrigate le questioni burocratiche, ci si può accingere al lavoro: si inizia delimitando la porzione di terreno che si intende ricoprire di calcestruzzo, così da realizzare un pratico tragitto o una funzionale superficie calpestabile, sugli spazi esterni di casa.


Delimitazione del vialetto con bordure e picchetti


Occorre acquistare delle assi di legno che abbiano un'altezza di almeno 15 cm; la loro lunghezza dipenderà dal tipo di lavoro che ci si appresta a fare. Le travi di legno dovranno essere almeno cinque, laddove si tratti della pavimentazione per conformare una piccola stradina, così come ho raffigurato nel disegno.

Costruzione fai da te di una stradina in calcestruzzo: disegno illustrativo
Ovviamente, le doghe di legno per definire i contorni saranno necessarie in numero maggiore, se si tratterà di pavimentare una più estesa porzione di giardino.
Comunque sia, occorre fissare con precisione le assi al terreno, così da configurare l'esatto perimetro dell'area da pavimentare poi con il calcestruzzo.

Per bloccare le assi in legno perimetrali, si utilizzano dei picchetti da conficcare in profondità e saldamente al suolo; tali picchetti potranno essere indifferentemente di ferro, legno o plastica, l'importante è che tengano ben stabili le assi entro il terreno.

Si adopera una livella, in maniera tale da uniformare le assi di legno alla stessa altezza.
A seconda delle circostanze, potrebbe essere utile dare una leggera pendenza alla futura pavimentazione. Difatti, al fine di regolare il deflusso dell'acqua piovana, i muratori più esperti hanno cura di conformare un'opportuna pendenza che risulti almeno intorno al 2%.


Sottofondo e rete elettrosaldata fanno da armatura al viale in cemento


Prima di procedere alla colata del calcestruzzo, si dovrà preparare un adeguato strato di sottofondo. Bisogna rimuovere la terra e riempire lo spazio vuoto con del pietrisco oppure con dell'altro materiale simile, così da realizzare un sottofondo che risulti ben stabile.

Per ottenere questo risultato, il sottofondo va schiacciato con vigore, in modo da garantire un'omogenea distribuzione del materiale. Occorre far attenzione che il materiale gettato sia pulito: con un getto d'acqua si asporta la terra o qualsiasi altro detrito, possa impedire una presa ottimale al calcestruzzo che verrà poi disteso sulla superficie.

Pietrisco come sottofondo per vialetto in calcestruzzo
A questo punto, si appoggia sul pietrisco della rete elettrosaldata. Alcuni muratori ritengono possa essere superflua, nella convinzione che il calcestruzzo possa comunque reggere bene nel tempo, anche senza rete. Considerando, però, che questo lavoro viene a essere realizzato in modalità self made, ossia in fai da te, la rete potrebbe mitigare eventuali piccole imperfezioni metodologiche.
L'ideale potrebbe essere una rete elettrosaldata dalle maglie larghe, dai venti centimetri in su.

Rete elettrosaldata per sottofondo vialetto
È altresì opportuno applicare dei piccoli spessori di un paio di centimetri tra la rete e il sottofondo, affinché la successiva gettata di calcestruzzo possa poi avvolgere bene l'armatura così costituita.


Fase di impasto del calcestruzzo per costruire il vialetto


Si procede con la preparazione del calcestruzzo. Innanzitutto, si acquista della sabbia cosiddetta mista, cioè preparata con una certa percentuale di ghiaia. Se si ha possibilità di scelta, è preferibile quella in cui la dimensione della ghiaia varia da 7 a 15 millimetri.

Quindi ci si procura del cemento normale, ossia quello classico, più che adeguato per questo tipo di lavoro. L'impasto è realizzabile in modi diversi, giacché dipende molto dalla quantità di calcestruzzo da dover preparare. Può essere utilizzata l'impastatrice: sul mercato sono disponibili tipologie piccole e leggere, funzionanti con una tensione elettrica normale, come quella di casa, 220 Volts.



Sul sito sono reperibili, a costi contenuti, vari modelli di betoniere per cemento professionali o anche più semplici, utilizzabili in facile modalità fai da te, sempre nel pedissequo rispetto delle norme sulla sicurezza. In alternativa, per miscelare il calcestruzzo si può adoperare la punta a rondella da applicare al trapano, o ancora, semplicemente un badile.

Si controlla che la sabbia sia ben pulita e vi si aggiunge il cemento; dopo averli mescolati con cura, si addiziona l'acqua. Le proporzioni dei componenti da miscelare variano a seconda della secchezza della sabbia e della temperatura ambientale: solitamente, si utilizzano tre parti di sabbia mista e due di cemento.

L'acqua va aggiunta fino a ottenere un impasto morbido ma poco liquido. Nei centri di materiale edile si trovano sacchi da 25 kg di calcestruzzo già pronto. Si può optare anche per questa soluzione, certamente più comoda ma meno economica.


Gettata di calcestruzzo e rifinitura della superficie del vialetto


Una volta pronto il calcestruzzo, va gettato sulla rete con l'ausilio di una carriola.
Per evitare che il sottostrato assorba l'acqua di cui si compone il calcestruzzo, è opportuno bagnare un po' il sottofondo stesso, prima ancora della gettata: in tal modo, si ottiene una ottimale aderenza tra sottofondo e calcestruzzo.

Va considerato che il calcestruzzo offre i risultati migliori se utilizzato entro due ore dalla sua preparazione. A questo punto, utilizzando qualcosa di dritto come un'asse di legno, di alluminio o di qualsiasi altro materiale, occorre livellare la sua superficie.

Scanalature sulla superficie del vialetto in calcestruzzoPer avere un piano uniforme, ci si regola grazie alle assi che fanno da contorno alla gettata, precedentemente fissate al suolo.

Nel caso in cui il lavoro da ultimare sia una stradina con un po' di pendenza e si intende aumentarne il coefficiente antisdrucciolo, si può procedere nel modo seguente.

Quando il calcestruzzo è ancora morbido, si potrà renderlo ruvido passandoci sopra una scopa in modo che le sue setole disegnino sottili tracce. Un altro sistema consiste nel fare delle scanalature a lisca di pesce: queste dovranno essere larghe e profonde almeno 5 centimetri.

Bisogna ricordarsi di lasciare la pavimentazione sempre umida. Per almeno 10 giorni non è possibile calpestarla e sarà carrozzabile non prima di 20 giorni.


Bordure metalliche decorative per definire i margini dei vialetti


La sequenza di foto mostra alcuni esempi di bordure decorative, utilizzabili in fai da te per delimitare i bordi laterali dei vialetti in calcestruzzo, così da definire delle aree esterne transitabili in tutta sicurezza, ma anche particolarmente gradevoli sotto il profilo puramente estetico.

MAT Linea Garden azienda specializzata nella produzione di profili e accessori in metallo per arredo giardino, propone una vasta gamma di resistenti bordure realizzate in acciaio Cor-Ten, adattabili con successo nei più svariati ambiti dell'outdoor; sono disponibili, altresì, accessori metallici quali picchetti singoli, doppi o angolari, posizionabili a intervalli regolari per garantire maggiore stabilità al terreno e per la giunzione dei profili.

La sigla Cor-Ten sta a designare una tipologia di acciaio caratterizzato da un'alta resistenza alla CORrosione, oltre che da un'elevata TENsile strength, ossia notevole forza meccanica.
Questa tipologia di acciaio basso legato o patinabile, nasce da una combinazione ben congegnata di elementi particolari, quali il cromo, il rame il fosforo, il nichel e altre sostanze, in percentuali variabili.

La peculiarità del Corten sta nell'insita capacità di autoprotezione dalla corrosione elettrochimica: ciò avviene, paradossalmente, proprio attraverso la formazione di una patina superficiale compatta, costituita dagli ossidi dei suoi stessi elementi di lega, così da impedire il progressivo estendersi della corrosione.

Questa patina protettiva può variare di tonalità col passare del tempo, di solito presenta una colorazione bruna, che conferisce un tipico aspetto anticato alla superficie metallica.

Bordogiardino, azienda specializzata con sede nella provincia di Treviso, presenta molteplici sistemi di bordure da giardino in acciaio corten sagomate e decorative, già pronte all'uso; possono presentare i margini ondulati o traforati e si rivelano ideali per confinare i vialetti di calcestruzzo, creando così dei raffinati e pratici percorsi negli spazi esterni di casa.
.
Materiali di qualità e tecniche di lavorazione innovative permettono di conformare delle pavimentazioni esterne originali e fantasiose, uniche nel loro genere.

In modalità fai da te è possibile realizzare alcuni piccoli lavori, sempre attenendosi alle ineludibili norme sulla sicurezza; attraverso, invece, una consulenza specialistica e interventi tecnici specializzati, si potranno progettare gli spazi interni ed esterni di casa, creando un giusto equilibrio tra estetica e razionalità nell'utilizzo degli ambienti.

riproduzione riservata
Vialetto in calcestruzzo fai da te
Valutazione: 5.07 / 6 basato su 15 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.955 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img maurizio35
Ho un terrrazzo che devo ripavimentare.Utilizzerò piastrelle diverse da quelle esistenti per forma e materiale.É possibile usufruire di detrazione fiscale?...
maurizio35 04 Giugno 2024 ore 15:15 1
Img cesare luca
Buongiorno a tutti,qualcuno può consigliarmi come pulire dalla vernice queste mattonelle in cemento esterne?La casa mi è appena stata consegnata e durante la...
cesare luca 12 Febbraio 2024 ore 14:44 2
Img alesonic nacchia
Buonasera,il mio Vicino ha realizzato una pavimentazione in Cemento e Piastrelle nel suo Giardino.Sotto quella pavimentazione che sino a oggi non è mai esistita passano i...
alesonic nacchia 07 Dicembre 2023 ore 16:32 3
Img maxfi
Buonasera a tutti,a breve realizzerò una pavimentazione con autobloccanti drenanti dove attualmente ho un giardino con erba. Leggendo la guida dell'agenzia dell'entrate...
maxfi 22 Novembre 2023 ore 11:23 2
Img 5maur
Salve devo realizzare una pavimentazione esterna su un area ancora non pavimentata, sapete se ci sono detrazioni fiscali quali lo sconto in fattura 50%?Allo stesso tempo dovrei...
5maur 06 Aprile 2022 ore 17:32 3