Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Una casa a Luanda

Un coraggioso concorso internazionale di Architettura suggerisce una delle possibili strade per fronteggiare il problema dell'emergenza abitativa nelle aree economicamente più depresse del Mondo.
10 Giugno 2010 ore 12:18 - NEWS Progettazione
casa

L'emergenza abitativa è un fenomeno sempre piu' evidente ed in crescita esponenziale e sara', quasi certamente, una delle emergenze sociali dei prossimi anni, in tutto il globo ed abbracciando enormi porzioni della popolazione mondiale a tutti i livelli ed in quasi tutti gli strati sociali, con la sola eccezione di coloro le cui possibilita' economiche garantiscono ampie possibilita' di scelta e di risoluzione di un'esigenza di questo tipo.

Vista dei pannelli di progetto dei partecipanti ( picture taken from the Jury report pdf. file )Il problema è già drammatico e tenderà al peggioramento in diverse zone del mondo nelle quali a difficili condizioni di vita ed economie fragili ed in via di sviluppo si assommano stati di estrema pressione demografica dovuta a forti spinte migratorie e di inurbamento; da anni questo genere di dinamiche demografiche si osservano e si studiano, con preoccupata attenzione da parte della comunità internazionale, in diversi stati dell'Africa sub-sahariana, dove povertà ed instabilità politica si sovrappongono ciclicamente.

Un interessante modo di confrontarsi, recentemente, con la problematica dell'emergenza abitativa nei paesi in via di sviluppo è stato quello di lanciare un concorso di architettura internazionale per l'ideazione di un modello di casa unifamiliare molto economica da costruire a Luanda, capitale dello stato dell'Angola, concorso ideato e lanciato nell'ambito della Triennale dell'Architettura di Lisbona.

Le caratteristiche di base del modello di abitazione da progettare dovevano includere la possibilità di adattamenti ed ampliamenti futuri, a basso costo e realizzabili in auto-costruzione, per far fronte ai rapidi sviluppi di trasformazione sociale e familiare tipici delle dinamiche urbane di quest'area geografica. Il modello tipologico suggerito ai concorrenti dal bando di concorso prevedeva e suggeriva un tipologia di casa a patio da dimensionare per nuclei familiari mediamente di 7-9 individui (due genitori, 3 figli e due nonni oppure due genitori, 5 figli e due nonni), che dovrebbero essere localizzate in un'area pianeggiante localizzata nel perimetro cittadino di Luanda.

Il maestro Alvaro Siza nel corso delle procedure di valutazione ( picture taken from the Jury Report pdf. file )Le procedure concorsuali, dopo mesi di valutazione da parte di una giuria di 5 architetti, guidata dal noto progettista portoghese Alvaro Siza, che ha valutato ben 588 progetti provenienti da tutto il Mondo, hanno fin qui generato una short-list di 30 progetti, ai cui autori è stato richiesto di produrre un plastico della casa che aiuterà la giuria ad effettuare la selezione finale di 5 progetti, che avverrà nel periodo compreso tra il 28 ottobre 2010 ed il 16 Gennaio 2011, dopo che gli stessi saranno messi in mostra presso il Museu de Electricidade.

A seguito della proclamazione dei vincitori del concorso, gli organizzatori valuteranno, con le autorità dell'Angola e con soggetti imprenditoriali locali interessati, la possibilità di realizzare una o più unità abitative sulla base del progetto vincitore, da “testare” come primo nucleo costruito. In un'ottica di costante confronto con le esigenze sociali di ampi strati della popolazione mondiale, possiamo solo augurarci che questa esperienza abbia un esito positivo e si ponga come modello per affrontare il problema dell'emergenza abitativa, con soluzioni che coniughino economicità, adattamento dei sistemi di costruzione e senso del contesto sociale e culturale in cui si va a realizzare le abitazioni.

www.trienaldelisboa.com/en

riproduzione riservata
Articolo: Una casa a Luanda
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Una casa a Luanda: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.415 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img mip89
Salve,da qualche tempo oltre all'acquisto di una prima casa sto valutando anche la costruzione, o tramite consorzio o singolarmente.Se c'è una cosa che leggo un po' ovunque...
mip89 23 Aprile 2021 ore 13:40 1
Img massy1984
Buongiorno,ho acquisto una casa indipendente in centro storico, da terra a cielo.E' un unità indipendente su due piani più sottotetto.La casa però su un lato...
massy1984 06 Aprile 2021 ore 20:59 1
Img danydp
Buongiorno a tutti,dopo aver letto numerosi post, ho ancora molti dubbi su un'operazione che vorrei fare (è evidente che anche tra i professionisti vi siano spesso dubbi,...
danydp 06 Aprile 2021 ore 10:34 9
Img sandrino1
Quando mi trovo di fronte ad un sistema di antifurto che non funziona correttamente, oppure quando vengono segnalate della anomalie, una delle mie prime domande è: da...
sandrino1 01 Aprile 2021 ore 12:12 1
Img bubini
Buonasera,è normale che il direttore lavori per costruire prima casa, voglia fare da intermediario con la banca per l'erogazione del mutuo?Le sue intenzioni sono chiedere...
bubini 30 Marzo 2021 ore 19:35 1