Testo unico per l'edilizia e Decreto Sviluppo

NEWS DI Normative24 Luglio 2012 ore 10:57
Nelle bozze del Decreto Sviluppo, in discussione in questi giorni, si leggono modifiche ed ampliamenti alle competenze dello Sportello Unico per l'Edilizia.
testo unico , edilizia , norme , decreto sviluppo

Prima di poter procedere con un intervento edilizio per nuove costruzioni, o nell'ambito della ristrutturazione leggera o pesante del proprio immobile, è necessario presentare i documenti atti ad attestare la realizzazione di lavori in conformità con le leggi vigenti in materia.
Tali documenti vanno presentati, e le valutazioni richieste, presso lo Sportello Unico per l'Edilizia.

Cos'è lo Sportello unico


lavori in casaSi tratta di uno sportello istituito nel 2001 con il Testo Unico per l'edilizia, ossia con il D.P.R. 380/2001.
Tutti i comuni devono esserne dotati.


All'art. 5 comma 1 si afferma: Le amministrazioni comunali, nell'ambito della propria autonomia organizzativa, provvedono a costituire un ufficio denominato sportello unico per l'edilizia, che cura tutti i rapporti fra il privato, l'amministrazione e, ove occorra, le altre amministrazioni tenute a pronunciarsi in ordine all'intervento edilizio oggetto della richiesta di permesso o di denuncia di inizio attività.


Si tratta di un vero e proprio intermediario tra la pubblica amministrazione comunale e il privato.
L'ufficio provvede a fornire informazioni in materia edilizia e a ricevere le denunce di inizio attività e le domande per il rilascio di permessi di costruire o di ogni altro atto amministrativo volto a disciplinare gli interventi edilizi.


A seconda della quantità e delle tipologie di lavori da effettuare, infatti, è possibile richiedere diversi permessi o rilasciare dichiarazioni di inizio lavori.
Una volta ricevute le domande, l'ufficio è tenuto al rilascio dei permessi di costruire, dei certificati di agibilità, delle certificazioni attestanti il rispetto delle norme edilizie e dei piani paesaggistici, ambientali e urbanistici vigenti.

Titoli abilitativi


ristrutturazioneEsistono diversi atti amministrativi che disciplinano gli interventi edilizi, diversificati a seconda della tipologia di lavoro da eseguire: si parte dai lavori effettuabili senza il rilascio di titoli abilitativi, tra questi le opere di manutenzione ordinaria, passando per la denuncia di inizio attività, meglio conosciuta come D.I.A con le varie tipologie di comunicazioni ad essa correlate, C.I.A., S.C.I.A., etc., per opere di manutenzione straordinaria, fino ad arrivare al più oneroso permesso di costruire volto a disciplinare gli interventi di nuova costruzione, ristrutturazione urbanistica ed edilizia con cambiamenti delle volumetrie.

Frammentazione delle competenze


documenti amministrativiUno dei problemi che attanaglia da sempre la nostra pubblica amministrazione è la frammentazione delle competenze tra gli enti.
Spesso il privato cittadino si ritrova spaesato tra la miriade di provvedimenti normativi con il passaggio di competenze tra comuni, province e regioni.
Capita infatti che, l'opera da realizzare sia sita in un luogo di interesse storico-naturalistico, per cui non è semplice districarsi tra le varie competenze, alla ricerca di pareri e nulla-osta.


Per questo motivo e per semplificare le procedure e ridurre le tempistiche, le proposte per il nuovo Decreto Sviluppo prevedono un ampliamento delle competenze dello Sportello Unico.

Novità del Decreto Sviluppo


rilascio autorizzazioniOltre a permessi di costruire, denunce di inizio attività, autorizzazioni ambientali, certificati di conformità edilizia, certificati di agibilità e di prevenzione incendi, autorizzazioni sanitarie, l'ufficio provvederà al rilascio di altri atti, tra cui voci di corridoio indicano anche una Valutazione di impatto ambientale standard senza più distinzioni a livello nazionale o regionale.


Il permesso di costruire, uno dei titoli abilitativi dall'iter piuttosto lungo, sarà svecchiato delle sue procedure: l'amministrazione ha 60 giorni di tempo per esprimersi, e una volta decorso il termine, qualora non siano state rilasciate tutte le autorizzazioni, viene indetta una conferenza dei servizi; gli enti che hanno già espresso parere positivo, possono, inoltre, non presentarsi inviando i documenti richiesti per il titolo da rilasciare.


Infine, per effetto dell'acquisizione d'ufficio dei documenti già in possesso dalla pubblica amministrazione, non sarà più necessario produrre atti già disponibili dall'ente.

Effetti positivi


L'adozione di queste misure è finalizzata alla sburocratizzazione che caratterizza i nostri enti e a rendere più agevoli, per cittadini, professionisti ed imprese, la richiesta di autorizzazioni.
Il tutto, si spera, a vantaggio di una maggiore richiesta di opere edilizie.


Non resta che aspettare la conversione del decreto legge in legge e vederne le ricadute positive sull'economia e sulla gestione del territorio.

riproduzione riservata
Articolo: Testo unico per l'edilizia e Decreto Sviluppo
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 6 voti.

Testo unico per l'edilizia e Decreto Sviluppo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Toto67
    Toto67
    Martedì 23 Luglio 2013, alle ore 20:29
    Mi chiedo sempre perchè tutti parlano con leggi a riferimento e non viene mai spiegato in modo semplice il significato, DIA, CIA, SCIA, ect.
    Io vorrei sapere per esempio se tolgo un muro divisorio non portante, per collegare due stanze quindi avere un open space, cosa devo fare?
    Devo fare qualche documento?
    Avvisare il comune?
    O cosa?
    Grazie per l'attenzione.
    rispondi al commento
    • Arch.pizzico
      Arch.pizzico Toto67
      Mercoledì 31 Luglio 2013, alle ore 18:00
      Per Toto67: prima di iniziare i lavori si deve recare presso lo sportello unico del suo Comune per avere informazioni circa la procedura più corretta da seguire (per la norma sulle autonomie locali in materia edilizia, ogni Comune può adottare procedure diverse). In linea di massima, per i lavori da lei menzionati, basterà una CIA, a cui seguirà una comunicazione al catasto circa la variazione dell'assetto interno del suo immobile.
      rispondi al commento
  • Hammer
    Hammer
    Mercoledì 6 Febbraio 2013, alle ore 18:53
    Ciao se vi interessa c'è un app gratuita del testo unico dpr 380/2001 vi lascio il link!
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Testo unico per l'edilizia e Decreto Sviluppo che potrebbero interessarti
Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Leggi e Normative Tecniche - Il Piano Casa della Regione Campania contiene troppe sanatorie ponendosi in contrasto con il Testo Unico dell'edilizia. Lo ha affermato la Corte Costituzionale
Ecodesign: il nuovo decreto

Ecodesign: il nuovo decreto

Normative - L'Italia recepisce le linee guida dell'Unione Europea sull'ecodesign e i nuovi scenari per una progettazione ecosostenibile.
Norme antisismiche e sanatoria edilizia

Norme antisismiche e sanatoria edilizia

Leggi e Normative Tecniche - Il permesso in sanatoria salva dal reato di opere abusive, ma non dai connessi reati di violazione delle norme antisismiche, anche in assenza di pericolo.

Agibilità anche con difformità dal progetto approvato

Leggi e Normative Tecniche - Per il Consiglio di Stato il certifcato di agibilità è un provvedimento scollegato dal titolo abilitativo e può essere concesso anche in difformità da quest'ultimo.

Norme tecniche per le costruzioni

Normative - Il Decreto Ministeriale definisce i principi per il progetto, l'esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni loro richieste in termini di requisiti essenziali di resistenza meccanica e stabilità , anche in caso di incendio, e di durabilità.

Patente a punti per l'edilizia

Normative - All'esame del Consiglio dei Ministri di oggi l'introduzione di una patente a punti per l'edilizia.

Agibilità parziale di un edificio

Leggi e Normative Tecniche - Il certificato di agibilità parziale, introdotto dal Decreto del Fare, può essere richiesto per singoli edifici, porzioni di edificio o unità immobiliari.

Cartello di cantiere: cosa dovrà contenere

Leggi e Normative Tecniche - Quando si eseguono dei lavori edili presso un immobile è obbligatorio esporre all'esterno del cantiere un cartello che riporti una serie di informazioni sui lavori da eseguire.

Circolare di chiarimento per la SCIA

Leggi e Normative Tecniche - Con la circolare del 16 settembre 2010 il Ministero per la semplificazione normativa conferma l'applicabilità della SCIA in edilizia.
REGISTRATI COME UTENTE
295.488 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Olimpia splendid climatizzatore monoblocco unico air 8
    Olimpia splendid climatizzatore...
    790.00
  • Maxi box mobile
    Maxi box mobile...
    8700.00
  • Maxi box base
    Maxi box base...
    8370.00
  • Olimpia splendid climatizzatore monoblocco pompa calore unico
    Olimpia splendid climatizzatore...
    1210.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.