archiviato

Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

NEWS DI Fisco casa22 Novembre 2017 ore 16:37
Si avvicina l'appuntamento annuale con le imposte sulla casa: fissata al 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi, la tassa su servizi indivisibili

Saldo Tasi 2017: come pagare


Fissata al prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi per l’anno 2017.
È quanto emerso dal Comunicato del Dipartimento delle Finanze del Mef emanato nei giorni scorsi.

La seconda rata rappresenta il saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno in corso, con eventuale conguaglio sulla prima rata pagata. Come avviene ogni anno, l’importo della Tasi viene diviso in due rate costituite da un acconto che viene versato entro il 16 giugno e un saldo che per legge deve essere effettuato il 16 dicembre.

Quest’anno, poiché il 16 dicembre cade di sabato, il termine ultimo per il versamento della seconda rata sarà spostato a lunedì 18 dicembre. L’acconto è costituito da metà dell'imposta.
È possibile anche versare l’intero importo ma qualora si decidesse di dividere il pagamento in due tranche, con la seconda rata si provvederà a versare il restante 50%.

Tasi: scadenza seconda rata
Ai fini della determinazione delle aliquote applicate dai Comuni dove sono situati gli immobili, si dovrà tenere in considerazione le indicazioni fornite dal Dipartimento delle Finanze.

Come stabilito nella circolare il versamento deve essere effettuato sulla base delle delibere approvate dal Comune per l’anno 2017, nel rispetto delle seguenti condizioni:

a) la delibera deve essere stata adottata entro il 31 marzo 2017;
b) la delibera deve essere stata pubblicata sul sito www.finanze.it entro il 28 ottobre 2017;
c) le aliquote non possono subire alcun aumento rispetto a quanto applicato nell’anno 2015.

Sono obbligati a pagare la Tasi coloro che possiedono o detengono, a qualsiasi titolo, fabbricati e aree edificabili, eccezione fatta per terreni agricoli e abitazione principale.
L’imposta è dovuta sulla abitazione principale solo qualora si tratti di case di lusso (categorie catastali A/1, A/8, A/9).

Come avviene il pagamento? L’importo della Tasi può essere versato tramite bollettino su conto corrente postale o mediante modello F24. In questo secondo caso chi ha più immobili può gestire tutto in un unico pagamento. Si può inoltre effettuare la compensazione con eventuali crediti nei confronti del fisco.

riproduzione riservata
Articolo: TASI 2017: scadenza seconda rata
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

TASI 2017: scadenza seconda rata: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano TASI 2017: scadenza seconda rata che potrebbero interessarti
Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo...
Acconto IMU-TASI 2015: doppia scadenza 16 giugno

Acconto IMU-TASI 2015: doppia scadenza 16 giugno

In scadenza il 16 giugno 2015 il termine per versare il doppio acconto sia dell'IMU che della Tasi: chi sono i soggetti obbligati, come si calcolano e come si pagano.
Scadenza Imu: previsto il pagamento entro il 18 dicembre 2017

Scadenza Imu: previsto il pagamento entro il 18 dicembre 2017

Il 18 dicembre è la data prevista per il pagamento della seconda rata dell'Imu, l'imposta municipale unica sugli immobili; quali sono le modalità di pagamento?...
TASI: come pagare in ritardo

TASI: come pagare in ritardo

I contribuenti che non rispettano le scadenze previste dalla Legge per pagare la TASI, possono fruire del ravvedimento operoso e versare sanzioie ridotte e interessi.
TASI: come si calcola

TASI: come si calcola

Breve guida al calcolo della Tasi, la tassa sui servizi indivisibili comunali che devono pagare sia i proprietari di casa che gli inquilini che vivono in affitto.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.