La Tariffa Integrata Ambientale è soggetta a IVA?

NEWS DI Fisco casa23 Luglio 2018 ore 16:19
La Corte di Cassazione chiarisce ancora: l'IVA non si paga per la Tariffa di Igiene Ambientale, TIA1, mentre si paga per la Tariffa Integrata Ambientale, TIA2.

Pagamento IVA per Tariffa Integrata Ambientale


Servizio di raccolta dei rifiutiLa sentenza n. 16332 del 2018 della Corte di Cassazione apporta un utile chiarimento a proposito di addebito dell'IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) alla Tariffa di Igiene Ambientale e soprattutto alla Tariffa Integrata Ambientale.

Dato che gli acronimi sono gli stessi, si è pensato di numerarli: TIA1 e TIA2.

Proseguendo il solco già tracciato dalle precedenti sentenze della stessa Corte di Cassazione e della Corte Costituzionale, la sentenza evidenzia le caratteristiche e le distinzioni che esistono per la prima, per cui erà ormai indubbio che non si applica l'IVA, e la seconda, per la quale, evidentemente, qualche dubbio persiste.

La sentenza in commento ci offre un'esposizione della normativa e della giurisprudenza in materia, utili a comprendere cosa siano la TIA1 e la TIA2, cosa le distingue nonché i precedenti giurisprudenziali.

Noi seguiremo, in maniera sintetica, tale ordine espositivo, certamente utile a ben comprendere la questione.


Tariffa di Igiene Ambientale e IVA


Tariffa integrata ambientale e IVALa sentenza parte dalla Tariffa Ingiene Ambientale, detta anche TIA1, per la quale la giurisprudenza ha già affrontato varie volte la questione ed escluso l'assoggettabilità a IVA, dato il suo carattere tributario.

La norma di riferimento è quella prevista dall'art. 49, D.Lgs. n. 22/1997 noto come decreto RONCHI; detto articolo apportò una novità nel settore dei rifiuti, prevedendo l'obbligo dei Comuni di adottare una tariffa, usualmente detta appunto Tariffa di Igiene Ambientale.

La detta tariffa era:

composta da una quota determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per le opere ed ai relativi ammortamenti, e da una quota rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito, e all'entità dei costi di gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimenti e di esercizio (art. 49, co. 4, D.Lgs. n. 22/1997).


La TIA (1) avrebbe sostituito la T.A.R.S.U. ma, mentre della natura pubblicistica della TARSU e dunque dell'esclusione dell'IVA non si era mai dubitato, così non era per la TIA(1): per quest'ultima, veniva usata la parola tariffa, ma al contempo si diceva che doveva sempre coprire i costi.

I dubbi sulla natura pubblicistica o privata dell'istituto furono chiariti dalla giurisprudenza: in particolare, la sentenza n. 238 del 2009 della Corte Costituzionale affermò che la TIA manteneva la natura di tributo già propria della TARSU.

La giurisprudenza di legittimità ha ribadito la natura tributaria della TIA e il concetto per cui l'IVA colpisce la capacità contributiva, la quale si ha quando è versato un corrispettivo a fronte dell'acquisizione di beni e servizi (ai sensi dell'art. 3, D.P.R. n. 633/1972) e non quando si paga un'imposta, sia pure destinata a finanziare un servizio.

Il principio, evidenzia la Corte, è stato varie volte ribadito dalla giurisprudenza di legittimità, sino anche delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sentenza n. 5078/2016).

Servizio di gestione dei rifiuti
La Tariffa Integrata Ambientale, detta invece TIA2, è quella che è stata successivamente prevista dall'art. 238, D.Lgs. n. 152/2006 (c.d. Codice dell'ambiente), in abrogazione della precedente TIA1. Secondo tale articolo:

chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte ad uso privato o pubblico non costituenti accessorio o pertinenza dei locali medesimi, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale, che producano rifiuti urbani, è tenuto al pagamento di una tariffa. La tariffa costituisce il corrispettivo per lo svolgimento del servizio di raccolta, recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e ricomprende anche i costi indicati dall'articolo 15 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 (v. art. 238, co.1, D.Lgs. n. 152/2006);

detta tariffa è inoltre è:

commisurata alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte, sulla base di parametri, determinati con il regolamento di cui al comma 6, che tengano anche conto di indici reddituali articolati per fasce di utenza e territoriali (v. art. 238, co.2, D.Lgs. n. 152/2006).


Caratteristiche ben diverse dalla TIA1, essendo, evidenzia la Corte, la TIA2 strettamente legata alla produzione dei rifiuti, dunque alla fruizione effettiva del servizio e commisurata alla quantità e qualità dei rifiuti prodotti, agli usi e alle attività del produttore del rifiuto, quanitificata anche sulla base di indici reddituali; di tale fruizione la tariffa è quindi corrispettivo.

Così, afferma la Corte, tale costruzione legislativa (Cass. n. 16332/2018) della Tariffa Integrata, la prima a essere espressamente definita come corrispettivo del servizio cui si riferisce, porta a concludere per la sua natura privatistica, con conseguente assoggettabilità all'IVA ai sensi dell'art. 3, D.P.R. n. 633/1972, coerentemente con quanto può desumersi dal principio affermato dalle S.U. (Cass. S.U. n. 5078/2016, e dalla precedente conforme giurisprudenza di legittimità.

E, aggiunge la Corte, non può far propendere per il contrario il fatto che il pagamento sia previsto come obbligatorio della legge , dal momento che, ai sensi dell'art. 3, D.P.R. n. 633/1972, le prestazioni verso corrispettivo di servizi – quale è quella di gestione dei rifiuti - sono soggette a IVA, qualunque ne sia la fonte che da cui sorge l'obbligo.

Servizio di raccolta dei rifiuti

La stessa Corte Costituzionale, nella citata sentenza 238 evidenziò la distinzione che esisteva tra le due tariffe e, in particolare, che il termine corrispettivo era stato usato dalla legge solo con riferimento alla Tariffa Integrata (v. art. 238, Codice Ambiente) e non anche per la Tariffa di Igiene Ambientale (v. art. 49 Decreto Ronchi), peraltro non oggetto di quel procedimento di legittimità.

Aggiungeva in quella sede la Corte Costituzionale che l'ordinamento comunitario, nel prevedere che vi fosse una proporzionalità tra la produzione del rifiuto ed il pagamento da parte del produttore dello stesso, dei costi dello smaltimento, non aveva però indicato come necessario che ciò avvenisse mediante un tributo, oppure un corrispettivo di tipo privatistico.

Rammenta inoltre la Corte, nella sentenza in esame, che il carattere privatistico della TIA2 è stato poi espressamente sancito dall'art. 14, co.33, D.Lgs. n. 78/2010, che ne ha negato il carattere tributario ed ha dunque fugato ogni dubbio in proposito, perlomeno dal momento della sua emanazione in poi.

La Corte poi conclude che l'art. 14, co. 33, D.L. n. 78/2010, ha confermato la natura non tributaria della TIA2, quale è già si può evincere dalla norma che lo prevede nel codice dell'ambiente, con una disposizione che, è di interpretazione autentica dell'art. 238 di detto codice (e, quindi, della TIA2) e non anche della TIA1, e dichiara il principio secondo cui la c.d. TIA2, come è interpretata dall'art. 14, co.33, D.L. n. 78/2010, ha natura privatistica, ed è dunque soggetta ad IVA ai sensi degli artt. 1 e 3, art. 4, co. 2 e 3, D.P.R. n. 633/1972.


Regime transitorio tra TIA1 e TIA2


La Corte non manca di descrivere il regime normativo del periodo di transizione tra le due figure della TIA1 e della TIA2.

Nonostante con il codice dell'ambiente fosse stata abolita la TIA1, in realtà, nell'attesa del regolamento ministeriale relativo alla TIA2, i regimi precedenti (TARSU e TIA1) furono prorogati.

Successivamente, si stabilì (D.L. n. 208/2008) che, ove non fosse stato adottato il detto regolamento entro un certo termine, poi prorogato per alcuni anni, i Comuni avrebbero potuto scegliere di dotarsi della TIA2.

riproduzione riservata
Articolo: Tariffa Integrata Ambientale soggetta a IVA
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Tariffa Integrata Ambientale soggetta a IVA: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Tariffa Integrata Ambientale soggetta a IVA che potrebbero interessarti
Tariffa rifiuti: niente IVA sulla TIA

Tariffa rifiuti: niente IVA sulla TIA

Fisco casa - La Corte costituzionale e ora una sentenza della Cassazione confermano che la TIA, la tariffa di igiene ambientale, è un tributo e come tale non soggetto all'IVA.
Tarsu e Tia  non soggette ad IVA

Tarsu e Tia non soggette ad IVA

Normative - Con una sentenza dello scorso luglio la Corte Costituzionale afferma che non è possibile assoggettare ad IVA le tasse per lo smaltimento dei rifiuti.
Riscaldamento a pompa di calore: nuova tariffa elettrica

Riscaldamento a pompa di calore: nuova tariffa elettrica

Impianti di riscaldamento - L'Autorità per l'Energia ha annunciato che dal 2014 sarà in vigore una nuova tariffa elettrica agevolata per impianti di riscaldamento domestico a pompa di calore.

Tares, nuova imposta sui rifiuti

Normative - Slitta a luglio 2013 il pagamento della prima rata della Tares, la nuova imposta sui rifiuti: si spera così che il nuovo Governo possa apportare delle modifche.

Come si calcola la TARI

Fisco casa - Ecco le istruzioni e le regole per il calcolo della Tari, la tassa sui rifiuti, introdotta con la IUC, insieme a IMU e Tasi, per sostituire la Tares e la Tarsu.

Esenzione TARSU: onere di informazione a carico del contribuente

Fisco casa - Secondo la Cassazione è onere del contribuente informare il comune per ottenere l'esclusione di alcune aree dalla superficie tassabile e fruire dell'esenzione Tarsu.

RES: nuova tassa sui rifiuti

Leggi e Normative Tecniche - Manca poco più di un anno all'entrata in vigore della nuova tassa sui rifiuti, che andrà a sostituire le attuali TARSU e TIA.

Canone di depurazione delle acque in assenza di servizio

Leggi e Normative Tecniche - Le somme richieste in fattura per la depurazione delle acque quando il relativo servizio non esiste non sono dovute e se pagate possono essere richieste indietro

Tariffe elettriche: cosa cambierà dal 1 gennaio 2016

Fisco casa - Dal 1 gennaio 2016 fino al 2018, sarà attuata una riforma graduale delle tariffe elettriche, che permetterà a 30 milioni di utenti di pagare in base ai consumi.
REGISTRATI COME UTENTE
294.511 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Idraulico Roma e provincia
    Idraulico roma e provincia...
    80.00
  • Realizzazioni cappotti termici Prato e provincia
    Realizzazioni cappotti termici...
    39.00
  • Guanciale belsonno permaflex
    Guanciale belsonno permaflex...
    27.00
  • Scaldabagno elettrico Ariston ad accumulo
    Scaldabagno elettrico ariston ad...
    169.01
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Pensiline.net
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.