• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Superbonus villette anche con destinazione di abitazione principale

Per i lavori eseguiti sulle villette unifamiliari avviati dal 1° gennaio 2023 è possibile usufruire del Superbonus 90% purché si rispettino determinate condizioni
Pubblicato il

Superbonus villette 90%: i requisiti da rispettare


Di recente, l'Agenzia delle Entrate è tornata sul tema del Superbonus 90% per gli edifici unifamilairi, più comunemente indicati con il termine villette.

In particolare, il Fisco, con la risposta n. 377 del 2023, precisa dei chiarimenti in merito ai requisiti che devono sussistere per poter usufruire del Superbonus 90% delle unifamiliari 2023 in caso di demolizione e ricostruzione rudere.

Superbonus 90% per lavori villette previo determinati requisiti
Per i lavori iniziati dal 1° gennaio 2023 su unità immobiliari di proprietà di persone fisiche (eccetto quindi l'esercizio di un'attività d'impresa, arti e professioni), il Superbonus ammonterà al 90% per le spese sostenute entro la fine del 2023.

Tuttavia, per poter beneficiare di questa agevolazione è necessario essere in possesso di specifici requisiti. Nello specifico:

  • Essere titolare sull'unità immobiliare oggetto degli interventi, o di diritto di proprietà o di diritto reale di godimento

  • L'unità immobiliare in questione deve essere adibita ad abitazione principale, sulla base della definizione fornita dall'articolo 10, comma 3, del TUIR (Testo Unico delle Imposte sui Redditi)

  • Il reddito ISEE non deve essere superiore a 15.000 euro


Nella recente circolare n. 13/E 2023, viene specificato che la verifica del rispetto dei predetti requisiti viene applicata soltanto ai lavori iniziati dal 1° gennaio 2023.

Nella medesima circolare, viene altresì chiarito che, per interventi iniziati, si intendono quelli per cui la CILA è stata presentata da tale data, e la data d'inizio lavori indicata nella CILA stessa è posteriore al 31 dicembre 2022.

Si può usufruire dei benefici previsti dalla nuova disciplina anche per gli interventi relativamente ai quali la presentazione della CILA è antecedente il giorno 1° gennaio 2023. Affinché ciò sia possibile, occorre dar prova che i lavori siano iniziati a partire dall'anno 2023, dando prova di ciò attraverso la data d'inizio lavori indicata nella CILA oppure esibendo una attestazione del Direttore dei lavori.

Infine, sempre nella medesima circolare viene specificato cosa si intende per abitazione principale, facendo riferimento alla definizione del TUIR, secondo cui:

per abitazione principale si intende quella nella quale la persona fisica, che la possiede a titolo di proprietà o altro diritto reale, o i suoi familiari dimorano abitualmente.


Ne consegue pertanto che, se a inizio lavori, l'unità immobiliare non è adibita ad abitazione principale, si può beneficiare del Superbonus purché l'immobile diventi abitazione principale alla fine dei lavori.

riproduzione riservata
Superbonus su villette anche con destinazione abitazione principale
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alfio22
Buonasera,qlc conosce bene i requisiti per fare domanda restauro casa con il superbonuis 90% ?Ho una pensione inail causa infortunio, viene considerata come reddito?viene...
alfio22 30 Gennaio 2023 ore 13:06 4