Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Superbonus 110: detrazione, sconto in fattura o cessione del credito?

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali15 Settembre 2020 ore 11:38
In caso di lavori rientranti nel Superbonus 110 in alternativa alla detrazione si può fruire dello sconto in fattura o della cessione del credito. Cosa dice l'AdE

Superbonus 110: le alternative alla detrazione fiscale


Coloro che sostengono spese per lavori rientranti nel superbonus 110% possono optare, al posto della detrazione fiscale, per la cessione del credito di imposta o lo sconto in fattura.
La detrazione fiscale pari al 110% di cui si parla molto ultimamente, non è l’unica possibilità concessa al contribuente che effettui dei lavori in casa di riqualificazione energetica e miglioramento antisismico.

Requisito necessario è che le spese vengano effettuate negli anni 2020 e 2021 (dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021). Vediamo nel dettaglio quali sono le alternative spettanti al contribuente, al posto della detrazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi relativa all’anno di riferimento delle spese.


Superbonus 110: lo sconto in fattura


Anziché fruire della detrazione fiscale, il contribuente che ha sostenuto delle spese per le quali ha diritto al Superbonus 110 potrà fruire di un contributo, sottoforma di sconto sul corrispettivo dovuto all’impresa che ha realizzato le opere. Detto contributo non potrà superare il corrispettivo stesso che di fatto viene anticipato dal fornitore dei beni e dei servizi oggetto di agevolazione.

Il fornitore che non ha ricevuto il compenso alla prestazione avrà diritto a recuperare il contributo anticipato sotto forma di credito d’imposta di importo pari alla detrazione spettante al cliente.
La norma prevede la facoltà di successive cessioni del credito ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Superbonus 110 cessione credito
Per meglio chiarire il meccanismo è possibile fare un esempio.

Il contribuente effettua una spesa di 30.000 euro. La detrazione del 110 è pari a 33.000 euro.
Lo sconto in fattura, coincidente con la detrazione fiscale, sarà pari a 33.000 euro. Il fornitore maturerà così un credito di imposta di pari importo. Ricordiamo che l’impresa potrà anche applicare uno sconto parziale.

L’ottenimento dello sconto in fattura è subordinato alla volontà dell’impresa che ha la facoltà di aderire o meno alla richiesta del committente. Laddove l’impresa manifesti una volontà in tal senso, lo sconto in fattura rappresenta una scelta vantaggiosa per il contribuente rispetto all’utilizzo diretto della detrazione fiscale in dichiarazione, in quanto consente al soggetto di non sostenere, in tutto o in parte, un esborso economico. Tra l'altro, qualora si scelga per l'utilizzo diretto, il contribuente, oltre a dover sostenere delle spese anche ingenti, è costretto ad attendere 5 anni prima di rientrare nell’investimento fatto, pur ottenendo l'intero importo.


Superbonus 110: cessione del credito d'imposta


Altra alternativa rispetto alla detrazione fiscale (abbiamo visto sopra lo sconto in fattura) è la cessione del credito di imposta (in tutto o in parte) che corrisponda alla detrazione spettante al contribuente. Il credito d’imposta maturato verrà ceduto all’impresa che ha eseguito i lavori oppure ad altri soggetti come istituti di credito e intermediari finanziari.
A coloro che ricevono il credito spetterà la facoltà di successive cessioni.

Superbonus sconto in fattura
I crediti vengono utilizzati in compensazione avvalendosi del modello F24.
Si usufruirà del credito d’imposta con le stesse modalità di ripartizione in quote annuali impiegate per la detrazione fiscale. L’opzione dovrà essere esercitata in via telematica e a tal fine ci si potrà avvalere delle prestazioni di professionisti abilitati.


La procedura da seguire viene dettagliata nel Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dell’8 agosto 2020 che prevede modulo e istruzioni da seguire. Cosa succede qualora siano più soggetti a sostenere la spesa relativa a interventi eseguiti sul medesimo immobile?

Ciascun contribuente potrà stabilire se fruire direttamente della detrazione o avvalersi delle opzioni previste, a prescindere dalla scelta effettuata dagli altri. Per interventi realizzati sulle parti comuni di uno stabile condominiale non è necessario che il condominio eserciti l’opzione, sconto in fattura o cessione del credito che sia. Alcuni condomini potranno in autonomia, scegliere di beneficiare della detrazione fiscale mentre altri potranno optare per lo sconto o la cessione del credito.

Per rendere il tutto possibile, l’Agenzia delle Entrate ha provveduto ad aggiornare il software per consentire la comunicazione dei crediti e degli sconti. Ricordiamo che tali procedure sono possibili sia per le nuove detrazioni Superbonus (spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio, di efficienza energetica, di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici e di colonnine di ricarica) che per le classiche detrazioni in ambito edile.

Una volta che si è giunti a un accordo con l’impresa o altro soggetto, il contribuente è tenuto a darne comunicazione all’Agenzia delle Entrate. Il dato deve essere comunicato in via telematica a partire dal 15 ottobre 2020.


Adempimenti necessari ai fini del Superbonus 110


Prima di entrare nel merito di quelli che sono gli adempimenti da espletare al fine di fruire effettivamente dei vantaggi derivanti dal Superbonus 110 dobbiamo precisare che le nuove disposizioni inerenti la maxi agevolazione si aggiungono a quelle già in vigore relative alle detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione, ecobonus e sismabonus.

A differenza delle altre detrazioni sopra indicate per il sismabonus la detrazione è ripartita in 5 quote annuali di pari importo.

Cessione credito Agenzia delle Entrate
Ai fini dell’opzione per la cessione del credito d’imposta o lo sconto in fattura il contribuente dovrà acquisire il visto di conformità rilasciato da un professionista abilitato (si pensi ad un commercialista). Quest’ultimo attesta la conformità dei dati contenuti nella documentazione a quelli che sono i presupposti per accedere al sismabonus e alle sue agevolazioni da un punto di vista fiscale.
Un professionista tecnico dovrà altresì rilasciare delle asseverazioni che certifichino da un punto di vista tecnico e sempre ai fini dello sconto in fattura e della cessione del credito di imposta il rispetto dei requisiti tecnici degli interventi effettuati nonché la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi oggetto di agevolazione.

riproduzione riservata
Articolo: Superbonus e cessione del credito: il provvedimento delle Entrate
Valutazione: 4.67 / 6 basato su 6 voti.

Superbonus e cessione del credito: il provvedimento delle Entrate: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Mimmo
    Mimmo
    4 giorni fa
    Se una persona fisica ha un reddito annuo al di sotto di 1.200 euro, posso aderire al bonus 110% se ho una spesa del cappotto termico e infissi con un valore di 30.000 euro?
    Cosa significa Visto di Conformità di un Commercialista?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.514 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Superbonus e cessione del credito: il provvedimento delle Entrate che potrebbero interessarti


Ecobonus 2018 e cessione del credito: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate, con circolare del 18 maggio fornisce ai contribuenti dei chiarimenti in merito alla cessione del credito per la fruizione dell'Ecobonus

Superbonus 110%: ci si avvia all'estensione alle seconde case e proroga al 2022

Fisco casa - Novità in tema di superbonus 110% a fronte di alcuni emendamenti al Decreto Rilancio: si preannuncia estensione al 31 dicembre 2022, alle seconde case e alle imprese

Le agevolazioni fiscali per ricaricare l’auto da casa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Incentivi per l’installazione delle colonnine di ricarica d'auto e veicoli elettrici. Vediamo le novità introdotte col Decreto Rilancio in materia di Superbonus

Superbonus 110%: al via i decreti attuativi del Mise

Leggi e Normative Tecniche - Definiti requisiti tecnici minimi e asseverazioni del professionista per poter beneficiare della super detrazione 110%. Le novità dei decreti attuativi del Mise

Ecobonus e Sismabonus al 110%: le novità del decreto di maggio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con il decreto maggio 2020 sale al 110% l'incentivo fiscale legato agli interventi di risparmio energetico e alle misure antisismiche. Ecco quali sono le novità

Superbonus 110%: requisiti per accedere secondo la circolare dell’Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i requisiti per poter accedere al superbonus 110%? I chiarimenti al riguardo sono forniti dall'Agenzia delle Entrate con la circolare 24 dell'8 agosto

Modifiche Ecobonus dopo l'approvazione del Decreto Rilancio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Modifiche al superbonus 110% con l’approvazione della legge di conversione del Decreto Rilancio. Quali sono le ultime notizie in merito ad Ecobonus e Sismabonus.

Superbonus 110%: possibile proroga fino al 2024

Fisco casa - Secondo il Ministro per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, in audizione sul Recovery Fund, potrebbe esserci una revisione della durata del Superbonus 110%.

Superbonus 110%: sconto in fattura e cessione del credito

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Ritorna la possibilità di richiedere, in luogo della detrazione fiscale, lo sconto diretto in fattura o la cessione del credito e ciò anche per gli ordinari lavori di ristrutturazione
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img floriano g
Salve, sono il proprietario di un condominio e sto cercando un'impresa edile per la ristrutturazione totale con la cessione del credito.Consigli ?...
floriano g 23 Marzo 2019 ore 17:53 7
Img gianpi60
Ciao, abito in una casa semindipendente (siamo due appartamenti ), e avremmo intenzione di rifare il tetto visto il decreto ristrutturazione. Abbiamo un problema, io sono...
gianpi60 11 Giugno 2020 ore 11:16 1
Img marcofg
Buongiorno,vorrei installare un impianto di allarme nel mio appartamento.Ho chiuso la SCIA dei lavori di ristrutturazione l'anno scorso.Credo che non posso usufruire...
marcofg 12 Maggio 2015 ore 11:46 5
Img enso
Buonasera a tutti, scrivo dalla provincia di Reggio Emilia con la speranza di farmi un po' di chiarezza da tutte queste leggi per accedere alle detrazioni in continuo rinnovo. Nel...
enso 01 Agosto 2017 ore 21:52 1
Img 64brunica
Buona sera, per quanto riguarda l'amministratore ha un obbligo verso i beneficiari a trasmettere oltre alla dichiarazione anche copia del bonifico parlante, oppure resta una...
64brunica 09 Ottobre 2017 ore 17:13 1