Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Calcolo massimali e ripartizione spese per Superbonus condomini

Indicazioni su come calcolare i massimali e come procedere alla ripartizione delle spese per interventi eseguiti con Superbonus 110 per un edificio condominiale
- NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Superbonus 110: calcolo massimali e ripartizione spese in condominio


Come calcolare i massimali e come ripartire le spese nei condomini per la detrazione fiscale del 110%?

Il decreto legge Rilancio numero 34/2020, all’articolo 119, prevede una detrazione fiscale nella misura del 110%, applicabile per le spese sostenute per gli interventi edilizi, finalizzati alla riqualificazione energetica e alla riduzione del rischio sismico di un edificio.

Superbonus condomini
Per quanto riguarda i condomini, invece, è possibile intervenire con tre tipi di interventi definiti trainanti sulle parti comuni, che consentono di beneficiare del Superbonus 110%. Questi interventi sono:

  • l'isolamento termico a cappotto;

  • la sostituzione dell’impianto di riscaldamento;

  • gli interventi per la riduzione del rischio sismico.

Il Superbonus 110%, può essere usufruito anche per gli interventi trainati, solo se sono eseguiti congiuntamente a un intervento trainante, dove fa fede la data di inizio e di fine lavori.

Gli interventi trainati sono l’eliminazione delle barriere architettoniche, la riqualificazione energetica delle parti private, il fotovoltaico, le colonnine di ricarica per macchine elettriche, le schermature solari e i sistemi di monitoraggio strutturale continuo a fini antisismici.


Il concetto di residenzialità nel Superbonus 110%


Secondo l’Agenzia delle Entrate, le spese degli interventi eseguiti sulle parti comuni di un edificio, possono essere considerate ai fini del calcolo della detrazione, solamente se riguardano un edificio residenziale nella sua interezza.

Per un edificio “residenziale nel suo complesso”, quando più del 50% della superficie complessiva delle unità immobiliari è destinata a residenza, il Superbonus per interventi eseguiti sulle parti comuni spetta anche ai possessori delle unità immobiliari non residenziali.
Come nel caso del professionista che ha lo studio nel condominio, che però non potrà usufruire del Superbonus per interventi trainati.

Mentre, per un edificio "non residenziale nel suo complesso” quando la superficie complessiva delle unità immobiliari destinata a residenza è inferiore del 50%, il Superbonus per interventi realizzati sulle parti comuni spetta solamente ai possessori delle unità immobiliari residenziali, che potranno, inoltre, beneficiare del Superbonus anche per gli interventi trainati, purché non si tratti di A/1, A/8 e A/9.


Calcolo dei massimali per un condominio


Per il calcolo dei massimali di spesa, come indicato dall’articolo 119 del Decreto Rilancio, occorre moltiplicare il massimale per le unità immobiliari che compongono l’edificio, a prescindere dalla loro categoria catastale.

Per interventi di isolamento termico a cappotto sono previsti euro 40.000 per gli edifici composti da due a otto immobili, euro 30.000 per gli edifici composti da più di otto immobili.

Calcolo massimali
Per esempio, un condominio composto da 10 unità immobiliari e 5 garage (che siano o meno pertinenziali), il massimale di spesa sarà calcolato su 15 unità in questo modo: euro 40.000 x 8 + euro 30.000 x 7 = euro 320.000 + euro 210.000 = euro 530.000.

Per interventi di sostituzione dell’impianto di riscaldamento sono previsti euro 20.000 per gli edifici composti fino a otto immobili e euro 15.000 per gli edifici composti da più di otto immobili.

Nel caso in esempio (condominio con 10 unità immobiliari e 5 garage), il massimale di spesa sarà calcolato su 15 unità in questo modo:
euro 20.000 x 8 + euro 15.000 x 7 = euro 160.000 + euro 105.000 = euro 265.000.

Per interventi di riduzione del rischio sismico sono previsti 96.000 euro per unità immobiliare. Facendo riferimento sempre a un condominio con 10 unità immobiliari e 5 garage, il massimale di spesa sarà calcolato su 15 unità in questo modo: euro 96.0000 x 15 = euro 1.440.000.


Ripartizione delle spese per un condominio


I massimali di spesa indicati nel precedente paragrafo sono complessivi.
Per ogni singolo intervento che riguarda le parti comuni, vi sono delle spese ammissibili al Superbonus e delle spese che non rientrano nella detrazione.

Per il cappotto termico, la norma consente di portare in detrazione solo le spese per l’isolamento di superfici disperdenti, quindi riscaldate.

Per la sostituzione dell’impianto, invece, potranno essere portate in detrazione solo le spese che riguardano la sostituzione di un impianto esistente.



Nell’ipotesi di facciata in cui sono presenti superfici non riscaldate, soddisfatto il requisito del 25% della superficie disperdente lorda, c’è chi porta in detrazione tutte le spese giustificando le porzioni non riscaldate sia per motivi tecnici (eliminazione ponti termici) che urbanistici (il decoro di una facciata che non può essere isolata a macchia di leopardo).

Chi, invece, porta in detrazione solo alcune porzioni non riscaldate facendo precisi calcoli per l’eliminazione dei ponti termici. Così come c'è chi decide di non portare completamente in detrazione le spese su superfici non riscaldate.


Ripartizione delle spese secondo le tabelle millesimali


Alla luce di quanto sopra riportato, si comprende che allo stato attuale non esiste una verità assoluta e un eventuale confronto in sede di contenzioso porterà a considerazioni diverse da Comune a Comune.

Ciò premesso, però, a meno che non esistano accordi diversi, le spese che riguardano le parti comuni seguono la ripartizione stabilita dalle tabelle millesimali.

Tabelle millesimali
Le tabelle millesimali servono a stabilire l’entità del contributo di ciascun condòmino nella ripartizione delle spese sui beni comuni.

Nell’ipotesi di un intervento edilizio di manutenzione straordinaria della facciata, le relative spese vengono ripartite sulla base della Tabella A, detta anche tabella generale.

Ciò sottolineando ancora una volta, che alcune spese saranno ammissibili al Superbonus (che probabilmente godranno dell’opzione dello sconto in fattura o della cessione del credito), altre saranno ammissibili con altri tipi di incentivi.

In conclusione, le spese non ammissibili al Superbonus dovranno essere ripartite sempre tra tutti i condòmini. Poco conta se la non ammissibilità deriva dalla superficie non riscaldata di una o più unità immobiliari.

riproduzione riservata
Articolo: Superbonus condomini: calcolo massimali e ripartizione spese
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Superbonus condomini: calcolo massimali e ripartizione spese: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
333.982 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Superbonus condomini: calcolo massimali e ripartizione spese che potrebbero interessarti


Guida ENEA sulla ripartizione delle spese per i consumi termici in condominio

Ripartizione spese - Approvata dal MITE, è online la Guida ENEA sulla ripartizione delle spese dei consumi di energia termica nei condomini utile sia a privati che ai professionisti

Tabelle millesimali

Condominio - Le tabelle millesimali servono a ripartire le spese condominiali in modo proporzionale alla superficie e alle caratteristiche delle singole unità immobiliari.

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Le spese per la manutenzione del tetto

Ripartizione spese - Quali sono le norme cui fare riferimento ai fini della ripartizione delle spese in condominio nel caso d'interventi al tetto? La risposta nell'articolo 1123 C.C.

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.

Condominio minimo: come calcolare e approvare le tabelle millesimali

Tabelle millesimali - Tabelle millesimali, strumento necessario per il corretto funzionamento dell'assemblea e la ripartizione delle spese: servono anche nel caso di condominio minimo?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alexs49
Nel mio condominio, in città, da parecchi anni non viene effettuato alcun lavoro, per evitare le infiltrazioni di acqua negli appartamenti.Tempo fà si usava passare...
alexs49 17 Novembre 2021 ore 14:02 1
Img pascal bianzina
Buongiorno a tutti, sono francese di origine italiana e possiedo un appartamento per vacanze in famiglia in Italia.Questo appartamento è in un condominio.Non percepisco...
pascal bianzina 11 Novembre 2021 ore 23:50 7
Img giodeco
Buongiorno, nel mio condominio il consumo dell'acqua viene diviso in base ai millesimi, essendoci un unico contatore.Nel mio caso sono penalizzato in quanto in appartamento siamo...
giodeco 06 Novembre 2021 ore 19:20 7
Img rosarial71
Sale a tutti,Ho un impianto centralizzato condominiale e vorrei mettere le valvole Termostatiche Wi-Fi ai radiatori per poterli utilizzare più comodamente e risparmiare...
rosarial71 05 Novembre 2021 ore 13:21 1
Img impele
Signori buongiorno, mi chiamo Giovanni Puddu e abito a Cagliari, la domanda è relativa alla ripartizione delle spese relative al rifacimento cortile e spazi di manovra...
impele 04 Novembre 2021 ore 14:57 2