• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Superbonus 110 e cessione del credito in 10 anni, da maggio

Pubblicato il provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate a chiarimento delle modalità applicative della diluizione del credito d'imposta in dieci anni
Pubblicato il

Cessione del credito da Superbonus in dieci anni


Qualche giorno fa, martedì 18 aprile, l'Amministrazione finanziaria ha pubblicato il provvedimento n. 132123, recante le modalità di attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 9, comma 4, del decreto-legge 18 novembre 2022, n. 176 – fruizione in dieci rate annuali dei crediti residui derivanti dalla cessione o dallo sconto in fattura relativi alle detrazioni spettanti per taluni interventi edilizi.

Cessione crediti
Si tratta, in particolare, di chiarimenti principalmente di ordine pratico, per la fruibilità di un più ampio termine per l'utilizzo dei crediti d'imposta, derivanti dall'esercizio delle opzioni di sconto sul corrispettivo o di cessione del credito.

La scelta del Legislatore di prevedere un più ampio termine per l'utilizzo dei crediti di imposta maturati, è essenzialmente dettata dalla necessità dare respiro a un sistema economico messo in ginocchio dalle continue battute d'arresto decise dagli ultimi Governi, garantendo la ripartenza del comparto edilizio.


Bonus edilizi e superbonus cessione credito ultime notizie


L'art. 9, comma 4, D.L. 18 novembre 2022, n. 176 ha introdotto la possibilità di utilizzare in 10 rate annuali di pari importo i crediti d'imposta derivanti dalle comunicazioni di cessione o di sconto in fattura, di cui all'art. 121 del D.L. n. 34/2020, inviate all'Agenzia delle Entrate entro il 31 ottobre 2022 e non ancora utilizzati.

È importante precisare che tale facoltà è prevista per le opzioni esercitate con riferimento alla prima cessione o per lo sconto comunicate all'Agenzia delle Entrate (ris. Agenzia delle Entrate 7 dicembre 2022 n. 71).

superbonus 110 cessione credito
Per effetto delle modifiche introdotte dalla L. 11 aprile 2023 n. 38, di conversione del DL 11/2023, la platea di soggetti ammessi alla fruibilità dell'opzione nel più ampio termine è stata decisamente estesa a favore dei crediti d'imposta derivanti da interventi Superbonus, di cui all'art. 119, D.L. n.34/2020 bonus barriere architettoniche 75%, di cui all'art. 119-ter del DL 34/2020, e al sismabonus, di cui ai commi da 1-bis a 1-septies dell'art. 16, D.L. n. 63/2013.

Ai fini dell'utilizzazione della diluizione prevista per l'utilizzo del credito di imposta, occorre fare esclusivamente riferimento ai crediti d'imposta, che devono essere non ancora utilizzati.


Diluizione della cessione crediti e rate interessate


Il provvedimento del direttore delle Entrate ha chiarito che il più ampio termine di fruizione è esercitabile per la quota residua non ancora utilizzata delle rate dei crediti riferite alle spese sostenute:

  • nel 2022 e seguenti, per le comunicazioni per Superbonus inviate fino al 31 ottobre 2022;

  • negli anni 2023 e seguenti, per comunicazioni inviate tra il 1° novembre 2022 e lo scorso 31 marzo 2023 per interventi previsti dal Superbonus, ovvero inviate fino al 31 marzo 2023 per i lavori rientranti nel Sismabonus e Bonus barriere architettoniche.


Modalità applicative pratiche per la comunicazione


Come per la maggior parte dei servizi di natura fiscale, l'opzione per il periodo più ampio deve essere comunicata telematicamente all'Agenzia delle Entrate, accedendo alla propria area riservata.

A decorrere dal prossimo 2 maggio sarà operativo il nuovo sistema di comunicazione all'interno della “Piattaforma cessione crediti”.

Dal prossimo 3 luglio la comunicazione potrà essere inviata, a mezzo del medesimo servizio web, anche avvalendosi della consulenza fornita da un intermediario di cui all'art. 3, comma 3, D.P.R. n. 322/98 e successive modificazioni, munito di delega alla consultazione del cassetto fiscale del titolare dei crediti.



In ogni caso, al riguardo il provvedimento precisa che, nelle ipotesi in cui si opti per l'invio a mezzo di intermediario, il titolare dei crediti è avvisato tramite messaggio di posta elettronica certificata all'indirizzo presente nell'Indice Nazionale degli indirizzi PEC delle imprese e dei professionisti (INI-PEC) istituito presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy.


La scelta della cessione credito c.d. diluita è irrevocabile


È importante precisare che l'opzione per fruire del più ampio termine per cessioni del credito, una volta comunicata all'Agenzia delle Entrate sia se inoltrata direttamente sia a mezzo dell'intermediario è irrevocabile e immediatamente efficace e senza possibilità di rettifica o annullamento e non consente cessioni a terzi delle rate diluite.

Ciò significa che le rate possono essere utilizzate esclusivamente dal fornitore o cessionario che ha optato per la diluizione esclusivamente in compensazione sul modello F24 nel rispetto del nuovo arco temporale di anni dieci e non potranno essere a sua volta ceduta, né ulteriormente ripartita.

Eventuali somme residue non potranno essere oggetto di ulteriori cessioni ad altri soggetti.


Un esempio pratico per chiarire la nuova finestra temporale della cessione del credito


Con il citato provvedimento direttoriale, l'Agenzia, al fine di chiarire le modalità attuative della nuova fruibilità dell'opzione di cessione del credito e sconto in fattura, riporta un esempio chiarificatore, che si ritiene utile riportare.

Nel provvedimento, infatti, si riporta l'esempio, di un soggetto che dispone della rata del 2023 relativa a crediti di tipo Sismabonus dell'importo di 100 euro e prevede di non avere sufficiente capacità per assorbire tale quota in compensazione tramite modello F24 entro il 31 dicembre 2023.

L'agenzia chiarisce che tale soggetto potrà, alternativamente:


• stimare la quota della rata del 2023 che riuscirà a utilizzare in compensazione entro la fine dell'anno, per ipotesi pari a 60 euro e comunicare all'Agenzia delle Entrate la restante parte della rata che non prevede di utilizzare, pari a 40 euro.
Tale importo residuo sarà ripartito in dieci rate annuali di 4 euro ciascuna, utilizzabili in compensazione dal 1° gennaio al 31 dicembre degli anni dal 2024 al 2033 e non cedibili o ulteriormente rateizzabili. Se alla fine del 2023 avrà altri crediti residui non compensabili, potrà comunicare all'Agenzia di ripartirli nei successivi dieci anni;

• attendere la fine del 2023 per avere contezza dei crediti residui non compensabili e comunicare all'Agenzia di ripartirli nei successivi dieci anni.

riproduzione riservata
Superbonus cessione in 10 annualità, la richiesta dal 2 maggio
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.801 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img simonepieretti
Buongiorno a tutti,ho ristrutturato casa con intenzione di portarmi in detrazione il bonus per 10 anni, dal momento che nessuno faceva più sconto in fattura o cessione del...
simonepieretti 26 Ottobre 2023 ore 16:17 3
Img emanuele santia
Buon pomeriggio,mi sono appena iscritto al gruppo per cercare di capirci qualcosa in più per il riscatto de sisma bonus.Chiedo scusa in anticipo se è un post doppio...
emanuele santia 02 Ottobre 2023 ore 09:44 2
Img robi77
Buongiorno,ho modesta unifamiliare, Cilas e relazione termotecnica per fotovoltaico/efficientamento presentata in Comune entro 30 giugno per superbonus fallito per crediti...
robi77 31 Maggio 2023 ore 19:50 3
Img claman21
Buona sera a tutti .Vi chiedo un chiarimento in merito al bonus casa 50%.Nel 2022 ho aperto la pratica per il superbonus 110 e chiusa poi questo mese, marzo2023 ... il tutto con...
claman21 27 Marzo 2023 ore 17:00 3
Img farlocco antonia2
Buongiorno,abito in um mini condominio dove a giorni inizieranno i lavori.L'impresa mi ha comunicato che la società con cui ha un accordo quadro che gli acquisterà...
farlocco antonia2 08 Febbraio 2023 ore 15:10 2