Strutture di fondazione da sottomurare e consolidare

NEWS DI Restauro edile
Le sottomurazioni e i consolidamenti delle strutture di fondazione sono necessari per migliorare la stabilità costruttiva degli edifici. Sono soluzioni efficaci
01 Agosto 2017 ore 15:44
Arch. Loredana Ruggieri

Rinforzo murature e strutture di fondazione


Gli edifici sono soggetti nel tempo a degradarsi, sia per fattori esterni che compromettono lo stato di conservazione e la stessa stabilità dell’edificio, sia per eventuali scavi realizzati in adiacenza all’immobile, ma anche per la tipologia costruttiva adottata, i cedimenti di fondazione, i carichi gravanti sulle strutture, sopraelevazioni, eventi sismici, uso di macchine operatrici grandi piuttosto che mini escavatori.


Consolidamenti Uretek

Consolidamenti Uretek

Consolidamenti Uretek
Rinforzo strutturale Uretek

Rinforzo strutturale Uretek

Rinforzo strutturale Uretek
Consolidamento muri by Uretek

Consolidamento muri by Uretek

Consolidamento muri by Uretek
Rinforzo murature, by Uretek

Rinforzo murature, by Uretek

Rinforzo murature, by Uretek
Consolidamenti strutturali Uretek

Consolidamenti strutturali Uretek

Consolidamenti strutturali Uretek

Tutti questi effetti producono conseguenze di entità differente; secondo i casi, ci possono essere danni lievi oppure crolli parziali delle strutture edilizie o addirittura totali.

In caso di danno dovuto alla caratteristica meccanica del suolo di fondazione, si ricorre da tempo alla sottomurazione, tecnica risolutiva che interviene direttamente sulle strutture di fondazione realizzando scavi a ridosso del paramento murario, fino a una profondità tale da raggiungere la materia più consistente.


Rinforzo strutturale con la tecnica della sottomurazione


La tecnica della sottomurazione agisce per tratti, in punti abbastanza distanti tra loro per garantire sempre la stabilità del fabbricato senza alcuno squilibrio alla struttura in elevazione.

Innanzitutto, si mette a nudo la muratura nella parte frontale e basamentale, poi si realizza uno zoccolo di muratura sotto il paramento esistente, si giunge a una profondità di circa 3 mt sotto la quota del piano stradale, si ottimizza pertanto la resistenza meccanica.

Per meglio descrivere, si rimuove il materiale sottostante la struttura, si realizza un cordolo di calcestruzzo e lo si poggia su un terreno solido, si costruisce un nuovo muro connesso a quello già esistente, si assicura la continuità statica del paramento.

Rinforzo strutturale e tecniche Uretek Italia S.P.A.
La procedura, secondo la tradizione costruttiva storica del luogo, è svolta o con conci di calcare tenero oppure anche con i mattoni pieni connessi tra loro tramite malta cementizia.

Ogni intervento possiede una propria dinamica, è necessario l'apporto professionale di un tecnico esperto e abilitato, un team operativo organizzato specializzato in questo settore, per garantire le migliori condizioni di sicurezza giacché si tratta di lavori realizzati in trincea.
È necessario anche avere lo spazio sufficiente per il movimento e una protezione opportuna contro la caduta di materiale dai cigli e da fronte di scavo.


Consolidamento strutturale con metodi differenti


Oltre al sistema classico delle sottomurazioni, esistono diversi metodi che vanno a consolidare i terreni di fondazione mediante l’impiego di resine espandenti, uno tra questi è quello di Uretek, ovvero Deep Injections®, basato sulla resina brevettata GeoPlus®.

Questa tecnologia per il consolidamento dei terreni consente di verificare in modo diretto l’efficacia dell’intervento in ogni punto in cui è effettuata l’iniezione.

Rinforzi strutturali con Uretek
La resina agisce nell’immediato e soprattutto in modo costante, viene monitorata durante l’azione con un'avanzata tecnologia laser e da squadre di tecnici e ingegneri efficienti e affidabili.

Si tratta dunque di un metodo non invasivo, non provoca disagi agli occupanti dell’edificio interessato e dà modo di continuare le normali occupazioni di tutti i giorni. Innanzitutto, è d’obbligo un sopralluogo preventivo e ispettivo, gratuito, mediante il quale i tecnici valutano le condizioni dell’edificio, la presenza e la dimensione delle crepe e di altre lesioni, raccolgono i primi dati per elaborare una proposta e quindi un preventivo.

A seguire, mediante uno specifico software di calcolo, si elabora ogni parametro meccanico raccolto nella relazione geotecnica del sopralluogo e si progetta l’intervento in modo molto calibrato.

Fasi operative e interventi Uretek
Si realizzano così dei piccoli fori in modo rapido nel terreno di fondazione, senza alcuno scavo, si preparano i punti in cui è iniettata la resina Geoplus, quest’ultima si inserisce allo stato liquido, raggiunge la zona da consolidare, aumenta di volume, si solleva.

Ogni fase operativa è controllata al monitor e solo quando il livello di sollevamento è ottimale, l’intervento si ritiene concluso.


I vantaggi del consolidamento muri


La soluzione e metodo Deep Injections® presenta diversi vantaggi:
- è una tecnologia rapida rispetto ad altri sistemi;
- è pulita;
- risolve il problema dell’abbassamento all’istante;
- non è invasiva;
- non occorre alcun tipo di cantiere per procedere con l’intervento.

Non sono necessari neanche i lavori di muratura, non viene rilasciato alcun materiale di scarto, insomma non sporca né inquina, è perfetta per spazi di lavori ristretti come case in centri storici oppure case a schiera.

Consolidamento fasi operative
Il sollevamento della resina è preciso proprio grazie al controllo millimetrico compiuto con il laser, è una soluzione affidabile per il sistema di calcolo preciso per dimensionare l’intervento, è conveniente da tutti i punti di vista grazie ai costi e tempi d’intervento.

Addirittura si possono godere di interessanti agevolazioni fiscali eliminando le crepe pericolose dell’abitazione, si può detrarre la spesa del 50% giacché è a tutti gli effetti un costo di manutenzione straordinaria.


Esempio di consolidamento murature e terreni


L’azienda Uretek è intervenuta nel consolidamento di un edificio a Valenza composto da due corpi separati da un giunto strutturale, complesso costruito negli anni ’90 su sei livelli fuori terra più due livelli interrati a uso cantine e autorimesse, fondazioni caratterizzate da cordolo perimetrale in cemento armato e plinti isolati nello stesso materiale.

Uno dei due corpi di fabbrica, poco dopo la realizzazione, ha cominciato a mostrare fenomeni fessurativi che si sono progressivamente aggravati nel tempo fino a evidenziare un distacco massimo di 5 cm alla sommità della zona di giunzione fra i due corpi.

La soluzione è stata quella di consolidare riempiendo i vuoti presenti nel terreno di fondazione con il metodo fin qui descritto, aumentando la capacità portante.

Caso d'intervento Uretek
L’intervento si è svolto in due fase, a partire da una compattazione superficiale con iniezioni eseguite nell’intradosso delle fondazioni,allo scopo di migliorare le caratteristiche geomeccaniche del terreno e riempire i vuoti macroscopici presenti nell’interfaccia terreno.

La seconda fase ha riguardato il consolidamento in profondità, ovvero l’esecuzione di iniezioni su due livelli ulteriori di profondità, proprio nel volume di terreno interessato dai carichi trasmessi dall’edificio.

L’intera operazione è stata tutta monitorata per verificare in diretta l’efficacia e poi si sono compiute anche prove penetrometriche post intervento. Complessivamente è stato consolidato il terreno sottostante 75 plinti, 176 ml di fondazione nastriforme e 4 platee in 31 giorni.


Sottomurazioni e consolidamenti strutturali in fondazione

Sottomurazioni e consolidamenti strutturali in fondazione: a chi rivolgersi?


Logo Uretek Italia S.P.A.Se si ha la necessità di consolidare strutturalmente le fondazioni e si desidera scegliere un metodo poco invasivo, rapido ed efficiente, è consigliabile prendere contatto con l’azienda Uretek Italia S.P.A., fondata nel 1990 con il nome di Uretek S.r.l..

La realtà aziendale si occupa da sempre di iniezioni di resina espandente, è molto attenta alle innovazioni, investe costantemente ingenti risorse umane ed economiche nel campo della ricerca applicata, nello sviluppo di nuove tecnologie, ha ottenuto diversi brevetti internazionali, collabora con prestigiose università italiane ed europee.

Uretek tratta l’intero volume di terreno in profondità, utilizza resine a rapida espansione, permettendo la verifica diretta con laser di precisione e l’efficacia dell’intervento in ogni punto di iniezione, garantisce un’assicurazione decennale post intervento di una primaria compagnia assicurativa a livello mondiale.


URETEK ITALIA SPA
Via Dosso del Duca, 16
37021 Bosco Chiesanuova (VR)
Tel. 045 6799111
Per maggiori informazioni: www.uretek.it

riproduzione riservata
Articolo: Sottomurazioni e consolidamenti strutturali in fondazione
Valutazione: 5.83 / 6 basato su 6 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs
Cedimenti? Consolidamenti preventivi? Uretek Deep Injections: la soluzione ai problemi di portanza del terreno.

Sottomurazioni e consolidamenti strutturali in fondazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Sottomurazioni e consolidamenti strutturali in fondazione che potrebbero interessarti
Le carenze strutturali degli edifici in muratura

Le carenze strutturali degli edifici in muratura

Elementi importanti per la sicurezza dell'edificio evidenziate le carenze strutturali degli edifici in muratura.
Le indagini strutturali sugli edifici

Le indagini strutturali sugli edifici

Indagini strutturali sugli edifici.
Sicurezza delle opere in laterizio non strutturali

Sicurezza delle opere in laterizio non strutturali

Errori da evitare nella realizzazione dei tamponamenti e tramezzature in zona sismica.
Fondazioni a Vite

Fondazioni a Vite

Sia per piccole che per grandi strutture le fondazioni a vite sostituiscono i plinti in cemento armato riducendo tempi e costi di esecuzione su tutti i tipi di suolo.
Riprese strutturali resistenti

Riprese strutturali resistenti

Come procedere per ampliare ed unire parti strutturali realizzate in tempi diversi.
cookie

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.
ok