• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Sostituire vasca in doccia, detrazione fiscale 50% e 75% barriere architettoniche

Abbattere le barriere architettoniche in bagno, tutto quello che c'è da sapere per poter eseguire gli interventi giusti per ottenere il bonus 75%
Pubblicato il / Aggiornato il

Bonus Barriere Architettoniche sostituzione vasca con doccia: si può accedere e fino a quando?


Secondo gli ultimi aggiornamenti normativi, fino al 31 dicembre 2025, è stata confermata un'agevolazione, riservata a una serie di interventi, con l'obiettivo di eliminare le barriere architettoniche.

La legge di Bilancio ha confermato un'agevolazione pari al 75% applicabile solo a determinate spese, che può essere ripartita nell'arco di 5 anni con la possibilità dello Sconto in Fattura e la cessione del credito. Il bonus 75%, quindi, non è altro che una detrazione IRPEF, che può essere applicata ai seguenti contesti:

  • In bagno, con l'adeguamento dei servizi igienici per migliorarne la vivibilità e la sicurezza;

  • In casa, in condonominio e nei luoghi pubblici, con l'installazione di ascensori, piattaforme elevatrici, rampe inclinate;

  • In condomino e in casa con l'adeguamento di impianti elettrici e citofonici.

Ma ottenere questo bonus non è sempre così facile, dal momento che per riuscire ad eliminare realmente le barriere architettoniche, ovvero tutti quegli ostacoli che impediscono alle persone disabili e non di svolgere determinate attività, siano esse in bagno, in casa, in condominio etc, è necessario eseguire tutta una serie di opere collaterali che analizzeremo di seguito, e che per la normativa sono considerate necessarie ai fini dell'ottenimento dell'agevolazione fiscale.

Abbattimento barriere architettoniche in bagno con piatto doccia - Cambio VascaAbbattimento barriere architettoniche in bagno con piatto doccia - Cambio Vasca

Uno dei quesiti più frequenti è se basta sostituire la vasca da bagno con una vasca con sportello o con una doccia seppur con piatto doccia a filo pavimento , se basta aggiungere un sedile a ribalta , un rubinetto a leva e doccino a telefono per poter usufruire del Bonus.

Purtroppo tutti questi interventi se pur risolutivi in termini di abbattimento delle barriere architettoniche non bastano per poter usufruire del bonus abbattimento barriere architettoniche del 75%, infatti per ottenere questo bonus è necessario adeguare tutto il bagno per renderlo adattabile, accessibile e visibile per un disabile. Proviamo a fare chiarezza e a capire quali sono gli interventi necessari.


Barriere architettoniche in bagno: tutti gli interventi necessari per eliminarle


Le barriere architettoniche, non sono altro, che ostacoli, in grado di mettere in discussione la nostra sicurezza, soprattutto in bagno, visto che l'80% degli infortuni in casa, avviene per cadute accidentali.



Spesso si incorre nell'errore di pensare che l'unico elemento che ci consente di eliminare le barriere architettoniche in bagno sia sostituire la vasca con una doccia a filo pavimento, ma in realtà ci sono delle problematiche che si potrebbero verificare nel corso dei 5 anni, legate alla eliminazione delle barriere architettoniche in un bagno, sfruttando lo sconto in fattura del 75%, che spesso vengono tralasciate in fase di preventivo.



In realtà, per poter usufruire della detrazione pari al 75%, oltre alla rimozione della vasca e l'aggiunta della nuova doccia a filo pavimento che nella maggior parte dei casi è molto complessa soprattutto per quanto riguarda l'aspetto impiantistico, occorrono una serie di interventi, che necessariamente aumenteranno il costo dell'intero intervento.

Abbattimento delle barriere architettoniche in bagno: cosa dice la normativa


Il Decreto Ministeriale dei Lavori Pubblici, 14 giugno 1989, n.236 (Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche), AL PUNTO 4.1.6. E 8.1.6, indica quali sono tutti gli interventi necessari per poter elimnare le barriere architettoniche in bagno e quindi di conseguenza poter accedere allo sconto del 75%.

Abbattimento barriere architettoniche in bagno - Cambio VascaAbbattimento barriere architettoniche in bagno - Cambio Vasca

Al punto 4.1.6. Servizi igienici si riporta quanto segue:

Nei servizi igienici devono essere garantite, con opportuni accorgimenti spaziali, le manovre di una sedia a ruote necessarie per l'utilizzazione degli apparecchi sanitari. Deve essere garantito in particolare:

- lo spazio necessario per l'accostamento laterale della sedia a ruote alla tazza e, ove presenti, al bidet, alla doccia, alla vasca da bagno, al lavatoio, alla lavatrice;

- lo spazio necessario per l'accostamento frontale della sedia a ruote al lavabo, che deve essere del tipo a mensola;

- la dotazione di opportuni corrimano e di un campanello di emergenza posto in prossimita' della tazza e della vasca.

Si deve dare preferenza a rubinetti con manovra a leva e, ove prevista, con erogazione dell'acqua calda regolabile mediante miscelatori termostatici, e a porte scorrevoli o che aprono verso l'esterno delle barriere architettoniche)
. Gazzetta Ufficiale

Al punto 8.1.6. Servizi igienici vengono riportate invece tutte le specifiche tecniche, consultabili al seguente link della Gazzetta Ufficiale.

In sintesi quindi non basta eseguire solo la sostituzione di una vasca con una doccia per poter eliminare le barriere architettoniche, ma dovranno essere eseguiti anche altri interventi seguendo le prescrizioni tecniche del Decreto Ministeriale tra cui:

  • Rendere conforme il pavimento del bagno con materiale antiscivolo;

  • Installare un piatto a filo pavimento;

  • Installare un sedile a ribalta e un doccia a telefono;

  • Apportare tutti gli interventi necessari ai sanitari per l'accessibilità delle persone disabili (quindi posizionati ad un'altezza tra i 46 cm e i 50 da terra);

  • Modificare gli impianti presenti in bagno;

  • Installare un lavabo ad un'altezza di cm 80 senza semicolonna con sifone a vista per accesso agevole con una carrozzina, in altre parole senza mobile bagno sottostante.

Soluzioni per abbattimento barriere architettoniche in bagno - Cambio Vasca Soluzioni per abbattimento barriere architettoniche in bagno - Cambio Vasca

E tante altre prescrizioni tecniche presenti nel decreto citato precedentemente, inoltre dovrà essere realizzata una pratica edilizia con specifiche tecniche ed elaborati per la movimentazione di una carrozzina all'interno dell'ambiente bagno.

Realizzando tutti questi accorgimenti si avranno i requisiti necessari per poter accedere al bonus 75% relativo all'abbattimento delle barriere architettoniche.

Intervistiamo di seguito l'esperto Omar Scotti responsabile dell'azienda Cambiovasca.it sul tema delle detrazioni fiscali e agevolazioni relative al bonus 75%, su una serie di aspetti che in molte circostanze non vengono considerati quando si ristruttura un bagno cercando di eliminare le barriere architettoniche.


Chi è responsabile delle richiesta di detrazione in caso di verifica dell'Agenzia delle Entrate?


“Innanzitutto è importante mettere in evidenza, che la persona che richiede la detrazione e che poi è responsabile in caso di verifica dell'Agenzia delle Entrate è il singolo utente, non la ditta o l'azienda alla quale ci si affida per eseguire l'intervento di abbattimento delle barriere architettoniche che in questo caso non è altro che un mero esecutore.

Per questo motivo, prima di procedere con la richiesta ufficiale del bonus 75% e con l'affidamento dell'incarico ad una ditta specializzata nel settore è preferibile informarsi, su tutti gli interventi da effettuare in bagno, per essere sicuri di rientrare nel bonus e usufruire effettivamente della detrazione”


Chi deve effettuare la verifica prima della richiesta ufficiale del bonus 75% per l'abbattimento delle barriere architettoniche?


“Questa verifica dovrà essere eseguita da parte di tecnici professionisti che vi dovranno indicare sia il possesso di tutti i requisiti per poter accedere al bonus sia tutti gli interventi da eseguire nel bagno secondo quanto prescritto dal Decreto Ministeriale”, e non da venditori incaricaricati da aziende del settore che potrebbero essere non sufficientemente preparati sull'argomento, soprattutto sui dettagli di aspetto puramente tecnico.


Quali sono i costi reali per l'adeguamento per il bagno così da abbattere tutte barriere architettoniche presenti?


“Per avere tutte le carte in regola e per poter ricevere lo sconto del 75%, si dovranno prevedere una serie di interventi di adeguamento per il bagno così da abbattere tutte barriere architettoniche presenti. Tutti questi interventi aggiuntivi di adeguamenti possono far lievitare il costo fino a 20.000€ / 25.000€ e più.

Messa in sicurezza bagno con le soluzioni di Cambio VascaMessa in sicurezza bagno con le soluzioni di Cambio Vasca

Sulla scorta di questi interventi fatti poi si potrà far richiesta per ottenere il bonus, che comunque potrà essere soggetto a verifiche da parte dell'Agenzia delle Entrate".


Quali invece sono i costi per la sostituzione della vasca con doccia senza la richiesta del bonus 75% sulle barriere architettoniche?


"In questo caso se si ha la necessità a costi contenuti di sostituire solo la vasca con doccia conviene non richiedere il bonus 75%, nè il bonus 50% in quanto la semplice sostituzione da vasca a doccia o vasca con sportello non è contemplata all'interno delle spese di ristrutturazione in quanto opera minore come da circolare Agenzia delle Entrate N 3/E DEL 02/03/2016, anche perché il costo si aggirerebbe in media sui 2.500€/3.000€".


Fine Articolo
LA REDAZIONE CONSIGLIA



Abbattimento barriere architettoniche in bagno, dove trovare maggiori informazioni


Logo CambioVascaChi cerca un intervento specializzato e professionale per eliminare le barriere architettoniche in bagnoe e per trasformare vasca in doccia, può rivolgersi a Cambiovasca.it.

Sul sito è possibile richiedere un preventivo gratuito per trasformare la vasca in doccia e ottenere tutte le informazioni necessarie e una consulenza personalizzata.


riproduzione riservata
Sostituire vasca in doccia detrazione fiscale 50% e 75%
Valutazione: 5.92 / 6 basato su 12 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter
CAMBIO VASCA è un marchio specializzato nel sostituire da vasca a doccia e nella sovrapposizione del piatto doccia.Serviamo principalmente le Province di Brescia, Bergamo, Cremona, Mantova, Verona, Piacenza e Milano.

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Ciro Briglia
    Ciro Briglia
    Lunedì 6 Maggio 2024, alle ore 09:38
    Quindi a quanto pare non conviene in nessun caso chiedere il bonus fiscale 50% e 75%.
    A parte i lavori aggiuntivi da farsi per rientrare nel bonus, ma recuperare il credito fiscale in 10 anni è veramente una presa per i fondelli.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img manu89ft
Ciao, sto per fare una ristrutturazione abbastanza pesante di un appartamento, con CILA per modifiche spazi interni, pavimenti, tutti gli impianti e bagni.Ho visto il bonus...
manu89ft 05 Ottobre 2023 ore 14:14 3
Img cristian36
Salve siccome sono in procinto di effettuare i lavori di ristrutturazione volevo approfittare della detrazione fiscale del 50% ma ho un dubbio siccome in accordo con la ditta...
cristian36 09 Luglio 2023 ore 14:11 1
Img antonio di pancrazio
Buongiorno, posso accedere secondo voi al bonus barriere architettoniche 75% per il rifacimento dell'impianto elettrico, con sistemazione di tutte le prese elettriche e la...
antonio di pancrazio 28 Giugno 2023 ore 19:20 2
Img marco desiderio
Salve a tutti. Sento sempre più casi di persone che per rifare i serramenti utilizzano il bonus sulle barriere architettoniche. Che ne pensate?...
marco desiderio 28 Giugno 2023 ore 13:36 2
Img marco roseo
Buonasera a tutti, posso detrarre al 50 una nuova caldaia+installazione? L'impianto è nuovo come la casa, al momento quindi non c'è nessuna caldaia da sostituire...
marco roseo 05 Giugno 2023 ore 18:14 1