• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Come si chiede lo sconto in fattura: procedura e comunicazioni

Quali sono le modalità per richiedere lo sconto in fattura: come funziona, documentazione e quando fare la comunicazione all'Agenzia delle Entrate. Ecco le regole
Pubblicato il

Lo sconto in fattura come funziona


Coloro che eseguono dei lavori rientranti nei bonus casa devono essere a conoscenza di quella che è la procedura per poter fare richiesta dello sconto in fattura.

Il susseguirsi di norme sull'argomento non rende facile districarsi nell'ambito di un settore che è in continua evoluzione e i cui aspetti burocratici rendono il tutto alquanto complicato.

Per iniziare, vediamo in cosa consiste lo sconto fattura.


Che cos'è lo sconto in fattura


In base all'articolo 12 comma 1 del Decreto Rilancio che ha introdotto il Superbonus 110%, in alternativa alla detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi, è possibile fruire dello sconto in fattura o della cessione del credito.

Il cosiddetto sconto in fattura da parte dell'impresa che esegue i lavori è un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore del servizio.

Sconto in fattura
Siamo dunque di fronte a un vero e proprio sconto applicato dalla ditta esecutrice fino a un importo che non può superare il costo dell'intervento.

L'impresa, in pratica, anticipa al committente/contribuente la spesa che sarebbe detraibile.

La ditta che ha applicato lo sconto per i suoi servizi, a sua volta recupera il corrispettivo sotto forma di credito di imposta nei confronti dell'Agenzia delle Entrate.

Il credito potrà essere utilizzato in compensazione oppure potrà essere ulteriormente ceduto a terzi (incluse banche o altri intermediari finanziari).


Esempio pratico di sconto in fattura


Come funziona lo sconto in fattura?

Facciamo qualche esempio pratico per capire meglio il funzionamento dello sconto in fattura.

In caso di Superbonus 110% si può optare per la restituzione in 5 anni del 110% della somma da corrispondere all'impresa oppure si può richiedere al fornitore direttamente lo sconto in fattura, ovvero l'anticipo del 100% della spesa per l'intervento.


In caso di bonus casa diverso dal Superbonus 110%, ipotizziamo il Bonus ristrutturazioni, per una spesa pari a 10.000 euro si può fruire della detrazione sulle tasse pari al 50% oppure dello sconto in fattura sempre pari al 50%.

In pratica si spendono solo 5.000 euro e i restanti 5.000 euro vengono anticipati dall'impresa che a sua volta cede il credito d'imposta a terzi.


Con quali bonus casa si può scegliere lo sconto in fattura?


Un altro aspetto da chiarire concerne i bonus casa per i quali è prevista l'opzione dello sconto in fattura. Oltre al Superbonus 110%, l'opzione dello sconto in fattura (così come della cessione del credito) può essere effettuata per Bonus fiscali diversi dal bonus 110%, relativi agli interventi di:

  • Recupero del patrimonio edilizio di cui all'articolo 16-bis, comma 1, lett. a), b) e d) del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir), approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 e all'articolo 16, comma 1, del D.L. n. 63 del 2013;

  • Efficienza energetica di cui all'articolo 14 del D.L. n. 63 del 2013;

  • Adozione di misure antisismiche di cui all'articolo 16, commi da 1-bis a 1-septies del D.L. n. 63 del 2013;

  • Recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, di cui all'articolo 1, commi da 219 a 224, della legge 27 dicembre 2019, n. 160;

  • Installazione di impianti fotovoltaici di cui all'articolo 16-bis, comma 1, lett. h), del D.P.R. n. 917 del 1986, ivi compresi gli interventi di cui all'articolo 119, commi 5 e 6 del D.L. n. 34 del 2020;

  • Installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici di cui all'art. 16-ter del D.L. n. 63 del 2013;

  • Superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche di cui all'articolo 119-ter del D.L. n. 34 del 2020.


Adempimenti necessari per accedere ai bonus casa


Al fine di contrastare gli abusi verificatisi nell'ambito delle agevolazioni fiscali per interventi edili, sono state introdotte importanti novità con il decreto legge 157 del 2021, poi recepito nella Legge di bilancio 2022, qualora si opti per lo sconto in fattura o per la cessione del credito di imposta.

Se per i bonus minori, diversi dal Superbonus 110%, gli adempimenti necessari sono previsti solo in caso di sconto in fattura o cessione, in riferimento al Superbonus 110% le cautele sono maggiori. Essi sono previsti anche qualora si utilizzi la detrazione fiscale riconosciuta tramite la dichiarazione dei redditi.

Asseverazione e visto di conformità


Uno degli adempimenti richiesti in caso di sconto in fattura, per Superbonus 110% e per i Bonus minori, è il visto di conformità da parte di un professionista abilitato (commercialista, consulente del lavoro, Caf, ecc...) con il quale si attestano tutti i presupposti di diritto per il riconoscimento del beneficio fiscale.

Asseverazione e visto di conformità
Altro adempimento, ora esteso anche ai Bonus minori, è quello dell'asseverazione da parte di un tecnico abilitato che certifichi la congruenza dei costi e la rispondenza dell'intervento ai requisiti tecnici. In riferimento ai bonus diversi dal Superbonus 110%, è sufficiente la mera attestazione della congruità dei prezzi.

L'asseverazione può avere per oggetto gli interventi conclusi o uno stato di avanzamento dei lavori, nei limiti previsti all'art. 119, comma 13-bis del decreto rilancio.


Quali sono le tappe da seguire per ottenere lo sconto in fattura


La prima cosa da fare nel momento in cui si ha l'intenzione di fruire dello sconto in fattura al posto della detrazione fiscale, è rivolgersi alla ditta che eseguirà i lavori e far presente che si è scelta tale opportunità.

Dobbiamo tener presente che però l'impresa non è obbligata ad accettare lo sconto in fattura. Siamo di fronte a un'opzione che il contribuente può effettuare solo previo consenso del fornitore del servizio.

Richiesta sconto in fattura
In caso di riscontro positivo da parte della ditta, lo sconto che verrà applicato sulla fattura al momento del pagamento del lavoro, sarà pari alla detrazione spettante al contribuente, secondo le diverse percentuali applicabili.

Nel caso di Superbonus lo sconto sarà del 100%, quindi non ci sarà alcun tipo di esborso a carico del committente dei lavori.

Come seconda incombenza ci sarà quella di rivolgersi a un professionista abilitato (ingegnere, architetto, geometra, ecc..) per il rilascio dell'asseverazione tecnica e a un altro professionista per il rilascio del visto di conformità.

Comunicazione all'Agenzia delle Entrate


Ultimo passo è la comunicazione all'Agenzia delle Entrate della scelta effettuata.

La comunicazione deve essere fatta esclusivamente in via telematica, entro il 16 marzo (data spostata al 29 aprile) dell'anno successivo al sostenimento della spesa.

Dovrà essere effettuata avvalendosi della procedura web sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate, direttamente dal beneficiario della detrazione fiscale oppure incaricando un intermediario abilitato.


Quali sono le modalità di pagamento della spesa per i lavori?


Per ottenere il riconoscimento della detrazione fiscale, anche sotto forma di sconto in fattura, il pagamento deve essere effettuato osservando delle formalità ben precise.

La cifra che deve essere eventualmente versata al netto del beneficio fiscale dovrà essere corrisposta mediante bonifico parlante (bonifico bancario o postale).

Dal bonifico devono risultare i seguenti elementi:

  • numero e data della fattura pagata;

  • la causale del versamento;

  • dati del beneficiario del bonus casa (il codice fiscale del contribuente beneficiario della detrazione fiscale;

  • dati dell'impresa che ha eseguito i lavori e beneficiaria del bonifico di pagamento (ad esempio il numero di partita IVA).


Tra i documenti da conservare certamente le fatture o le ricevute fiscali del bonifico bancario o postale sono prove delle spese effettivamente sostenute e pertanto devono essere debitamente conservate.

riproduzione riservata
Sconto in fattura: come richiederlo
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Dume
    Dume
    Domenica 27 Novembre 2022, alle ore 17:37
    Interessante e di aiuto.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.967 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giuse05
Buongiorno,avrei bisogno delle delucidazioni sull'installazione di una nuova ascensore.In pratica nel condominio dove abito, nel 2022 anche approffittando dello sconto in fattura...
giuse05 29 Giugno 2023 ore 11:57 4
Img nicleri
Buongiorno,ho un problema con i lavori che sto eseguento usufruendo del bonus 110: stiamo quasi per finire e l'azienda appaltatrice si è accorta ora, che una parte di...
nicleri 20 Febbraio 2023 ore 11:52 2
Img alessandro la ventura
Buongiorno,a breve inizierò i lavori a casa e volevo un chiarimento:Molto probabilmente mi affiderò a Leroy Merlin per la maggior parte dei lavori sui quali...
alessandro la ventura 15 Gennaio 2023 ore 18:47 1
Img marcor91
Buonasera, vorrei chiedere alcuni pareri e opinioni sul mio solo TENTATIVO di effetture il bonus per mesi senza aver mai alla fine concluso nulla.Allora, per almeno sei mesi da...
marcor91 03 Gennaio 2023 ore 18:14 2
Img ufficio1973b@gmail.com
Buongiorno una domanda per favore e complimenti per la vs professionalità.Scusate una fare una domanda molto semplice;Ho cambiato la caldaia a casa mia con modalità...
[email protected] 14 Novembre 2022 ore 14:10 2