Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Nuova Imu 2020: sanzioni e ravvedimento in caso di mancato pagamento

NEWS Fisco casa24 Giugno 2020 ore 14:12
Cosa succede in caso di mancato pagamento dell'Imu nei termini previsti dalla legge? Sanzioni e ravvedimento operoso per chi paga in ritardo. Di cosa si tratta?

Nuova Imu 2020: che cos’è il ravvedimento operoso


Nel caso in cui il contribuente non effettui il pagamento dell’Imu entro le scadenze stabilite sono previste sanzioni a carico dell'inadempiente. In cosa consiste il ravvedimento operoso previsto nell’ipotesi di pagamento avvenuto con ritardo?

Il 16 giugno scorso era la data di scadenza prevista per il pagamento dell’acconto Imu 2020.
Nonostante l’emergenza da coronavirus abbia comportato molte proroghe di scadenze fiscali, nessuno spostamento degli adempimenti legati all’Imu è stato predisposto.
Gli slittamenti auspicati in merito al versamento delle imposte sulla casa non sono giunti.

Imu sanzioni
Quali sono le conseguenze per chi non ha rispettato tale termine?

In caso di pagamento avvenuto con ritardo i contribuenti in mora potranno sanare la posizione irregolare di fronte all’amministrazione finanziaria fruendo di una riduzione delle sanzioni applicate.

Per adeguarsi alla normativa relativa alle tasse sulla casa si potrà infatti accedere al ravvedimento operoso. Tramite questo istituto, in caso adempimento tardino o di versamento incompleto, sarà possibile evitare l'avvio di procedimenti forzosi a proprio carico.

All’importo pari all’ammontare del tributo si dovranno aggiungere le sanzioni ridotte e gli interessi di mora. Le percentuali specifiche per il calcolo delle sanzioni aumenteranno progressivamente in funzione del termpo trascorso dal termine previsto per il pagamento e il giorno in cui lo stesso venga effettivamente effettuato.


Nuova Imu 2020: tipologie di ravvedimento operoso



Hai pagato in ritardo la rata dell’Imu rispetto al termine del 16 giugno imposto dalla legge.
Qual è la disciplina del ravvedimento operoso e come deve essere calcolata l’Imu che dovrai versare?

Se il mancato pagamento del tributo implica l’applicazione di una sanzione ordinaria pari al 30% dell’importo dovuto, il versamento tardivo (effettuato entro tempi determinati) implicherà la riduzione della sanzione.

Le sanzioni variano in funzione del ritardo avvenuto, ovvero del tempo intercorso tra la data di scadenza e il momento ell’effettivo pagamento dell’imposta.

Il ravvedimento operoso è dunque l’unica strada da percorrere se non si è pagata l’Imu nei tempi stabiliti.

È lo strumento che mira ad andare incontro alle esigenze di quei contribuenti che comunque hanno manifestato l’intenzione di sanare la propria posizione debitoria.

Il ravvedimento operoso può essere di diverse tipologie:

  • ravvedimento super breve detto anche sprintin questo caso il pagamento viene effettuato entro 14 giorni dalla data di scadenza con una sanzione pari allo 0,1% (ovvero 1 decimo di quella normale che è dell’1%), per ciascun giorno di ritardo;

  • ravvedimento breve: scatta nel caso si effettui il pagamento dell’Imu entro 30 giorni dalla data di scadenza e si applica, a partire dal quindicesimo giorno, una sanzione pari all’1,5% dell’importo da versare;

  • ravvedimento medio: qualora l’Imu venga versata entro 90 giorni dalla scadenza prevista e in questo caso viene comminata una sanzione pari all’1,67%;

  • ravvedimento lungo: l’Imu viene pagata dopo che siano trascorsi 90 giorni ma entro un anno dal termine di scadenza; in questo caso la sanzione applicata sarà pari al 3,75%.


Quali sono le novità introdotte dalla manovra finanziaria 2020


La manovra finanziaria collegata alla Legge di Bilancio 2020 estende anche alla nuova Imu 2020 (derivante dall’accorpamento di Imu e Tasi) la normativa concernente il ravvedimento operoso applicata in riferimento alle altre imposte locali (non solo tributi erariali).

Viene introdotto infatti, in caso di mancato o ritardo nel pagamento dell’Imu il ravvedimento operoso definito lunghissimo.

IMU ravvedimento operoso
L'introduzione di questa nuova modalità è l'effetto dell'abrogazione del comma 1-bis dell'articolo 13 del D.lg.s 472/1997.

Il contribuente, pur essendo trascorso più di un anno senza aver effettuato alcun pagamento, sarà ancora in tempo per poter regolarizzare la propria posizione debitoria, beneficiando di sanzioni ridotte.

Anche superati i 12 mesi si potrà ancora evitare di dover pagare, oltre all'ammontare del tributo, anche la sanzione ordinaria che abbiamo visto essere calcolata nella misura del 30% rispetto all'importo dovuto.

Mancato pagamento Imu
A seguito della revisione della normativa in ambito Imu, effettuata nell'ottica di perseguire obiettivi di semplificazione, da quest'anno, qualora il versamento dell'imposta avvenga entro 2 anni dalla data di scadenza del tributo, si applicherà una sanzione ridotta pari al 4,29%.

In caso di violazione e pagamento avvenuto oltre i due anni, purché entro la data di ricevimento del verbale di contestazione, la sanzione applicata sarà ancora ridotta e pari al 5%.

La sanzione potrà arrivare a essere pari al 6% qualora il pagamento della tassa avvenga dopo il ricevimento del verbale di constatazione ma entro la data di notifica dell’atto di accertamento.
In sostanza, sarà possibile ancora beneficiare di una sanzione ridotta nel caso in cui il contribuente renda evidente la volontà di sanare la situazione debitoria prima dell’emissione della cartella esattoriale.

Si deve ricordare che, oltre al versamento della somma corrispondente al tributo e alle sanzioni conseguenti alla violazione, si devono aggiungere gli interessi di mora che maturano giornalmente, con un tasso pari, per il 2020, allo 0,05%, in considerevole diminuzione rispetto allo 0,8% previsto per il 2019.

riproduzione riservata
Articolo: Sanzioni e ravvedimento per mancato pagamento Imu
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Sanzioni e ravvedimento per mancato pagamento Imu: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
319.120 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Sanzioni e ravvedimento per mancato pagamento Imu che potrebbero interessarti


IMU e TASI: ravvedimento operoso per chi non ha pagato

Fisco casa - In caso di ritardo nel pagamento di IMU e TASI si potrà fruire del ravvedimento operoso, un beneficio in base al quale si potrà ridurre la sanzione applicata.

Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Fisco casa - Scade oggi 17 giugno il termine per pagare la prima rata dell'IMU e TASI per l'anno 2019. Ecco chi deve pagare e come fare se si è in ritardo con il pagamento.

Ravvedimento per regolarizzare contratti di locazione

Affittare casa - Per alcune violazioni fiscali in materia di contratti di locazione ed entro certi termini si può regolarizzare la propria posizione mediante il ravvedimento operoso.

Ravvedimento IMU e Tasi: nuova scadenza il 16 marzo 2015

Fisco casa - La Legge di Stabilità, introducendo il ravvedimento medio, prevede la facoltà di pagare il saldo IMU e Tasi 2014 entro il 16 marzo 2015 con la sanzione ridotta al 3,33%.

TASI: come pagare in ritardo

Fisco casa - I contribuenti che non rispettano le scadenze previste dalla Legge per pagare la TASI, possono fruire del ravvedimento operoso e versare sanzioie ridotte e interessi.

Come mettersi in regola in caso di affitti in nero

Affittare casa - Tutte le novità previste dalla Legge di Stabilità 2016 per gli affitti in nero e come mettersi in regola con il Fisco, con l'istituto del ravvedimento operoso.

Pagamento sanzioni catastali con F24

Catasto - Dal 1 giugno 2015 le sanzioni catastali, dovranno essere pagate usando il modello di versamento unificato F24. Novità anche per il ravvedimento operoso.

Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Fisco casa - Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo

Credito d'imposta per chi vende e riacquista casa

Comprare casa - Chi vende un immobile per il quale ha usufruito dei benefici fiscali prima casa e ne riacquista un altro entro un anno può usufruire di un credito d'imposta.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img silicio
Se il committente non avesse i necessari permessi per i lavori (DIA ecc..) l'impresa che li esegue è perseguibile con qualche sanzione o risponde solo il proprietario?O il...
silicio 20 Febbraio 2008 ore 17:38 7