Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Rispunta il condono

Prontamente ritirato l'ennesimo emendamento alla manovra finanziaria, contenente ipotesi di nuovo condono edilizio.
22 Giugno 2010 ore 11:39 - NEWS Normative
condono

È sufficiente che nel corso dell'iter parlamentare della Manovra Finanziaria venga presentato qualche migliaio di emendamenti, che l'attenzione mediatica si sposti su altri temi, ed ecco che, tra i provvedimenti proposti, rispunta l'ipotesi di un condono edilizio. Salvo poi la promessa di ritirare l'emendamento incriminato da parte del primo firmatario, di fronte alle proteste dell'opposizione e allo sdegno della stessa maggioranza. Ma allora perché è stato presentato?

EdiliziaRicapitoliamo quanto accaduto: tra i circa 2550 emendamenti alla manovra presentati ieri, tre in particolare, a firma del senatore del PdL Paolo Tancredi, riguardano la sanatoria di abusi edilizi. Uno proponeva una riapertura dei termini del condono edilizio del 2003, estendendolo ad abusi commessi in aree protette, proposta prontamente bocciata dallo stesso esecutivo.

Una parte dell'emendamento, infatti, prevede che possano essere sanati anche gli abusi commessi in quelle aree sottoposte alla disciplina del Codice dei beni culturali e paesaggistici (D. Lgs. 4272004), quindi vincolate, commessi prima del 31 marzo 2010, per i quali potrebbe essere presentata domanda anche in caso di precedente diniego di condono edilizio.
La proposta prevede anche la possibile acquisizione da parte del Comune dell'edificio abusivo da rivendere all'asta con prelazione per colui che ha commesso l'abuso. Il ricavato si utilizzerebbe in bilancio ai fini del risanamento ambientale.

Tra gli altri emendamenti, uno riguarda la possibilità di sanare abusi fino al 20% e non oltre i 100 metri cubi che abbiano compatibilità paesaggistica.
L'ultimo prevede di estendere la Dia anche per la chiusura di balconi e terrazze e di aree fino a 50 metri quadri.

L'anticipazione dei contenuti ha, ovviamente, suscitato le proteste delle associazioni ambientaliste. Il Governo si è però affrettato a smentire l'accettazione della misura riguardante un condono edilizio, così come altre relative a nuovi condoni fiscali.

Atto di compravenditaMa tra gli oltre duemila emendamenti ce ne sono altri riguardanti il settore immobiliare. Ad esempio è previsto che in caso di trasferimento di un immobile, come compravendita o locazione, negli atti vadano riportati non solo i dati catastali, ma anche i riferimenti alle planimetrie conservate in Catasto e la dichiarazione di conformità di tali planimetrie allo stato di fatto.
Tale dichiarazione da parte dei proprietari potrebbe essere sostituita da una asseverazione redatta da un professionista abilitato per la presentazione di documenti tecnici e catastali.

Tra le richieste avanzate da più parti, tra cui Confindustria, inoltre, c'è quella di cui si parla da alcuni mesi, di proroga delle detrazioni fiscali del 55% per interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti, in scadenza il 31 dicembre di quest'anno.
Il provvedimento, infatti, oltre ad aver rappresentato una boccata d'ossigeno per numerosi comparti industriali, ha contribuito effettivamente a migliorare l'efficienza energetica del patrimonio immobiliare esistente, aiutando l'Italia ad allinearsi ai parametri europei per la riduzione delle dispersioni energetiche.

riproduzione riservata
Articolo: Rispunta il condono
Valutazione: 4.67 / 6 basato su 3 voti.

Rispunta il condono: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Rispunta il condono che potrebbero interessarti


Condono edilizio 2017: i criteri per stabilire demolizione o condono

Leggi e Normative Tecniche - Condono edilizio: il Ddl Falanga in fase di approvazione, consentirebbe di stabilire nuovi criteri per decidere quando condonare e quando demolire un'immobile.

Condono per mini abusi

Normative - Allo studio un condono per le piccole irregolarita' edilizie, prima della presentazione della Manovra Finanziaria in Commissione Bilancio.

Condono abusi ambientali

Normative - In discussione in Senato un emendamento al decreto Milleproroghe che aprirebbe i termini per un condono degli abusi edilizi commessi su beni sottoposti a vincolo paesaggistico ed ambientale.

Decreto Sblocca Cantieri: niente mini condono per piccoli abusi edilizi

Leggi e Normative Tecniche - Il mini condono sfugge dal decreto Sblocca Cantieri: il provvedimento al vaglio del Consiglio dei Ministri senza la misura volta a sanare i piccoli abusi edilizi

Condono e rinnovabili

Normative - Tra condono fiscale e condono edilizio sta circolando insistentemente la voce di un condono delle rinnovabili, cioe' una sanatoria degli impianti installati senza autorizzazioni.

Decreto semplificazioni: bocciato il condono, si lavora sulle regole per appalti

Leggi e Normative Tecniche - Si sta ancora discutendo al Governo sul destino del Decreto Semplificazioni. Al momento salta la norma sul condono e si lavora alle nuove regole per gli appalti

IMU e TASI: niente rottamazione!

Fisco casa - Non si farà la sanatoria per il mancato pagamento delle imposte sulla casa, IMU e TASI; sono queste le ultime novità. I Comuni sono esclusi dalla pace fiscale

Riapertura Condono Edilizio in Campania

Leggi e Normative Tecniche - Il CdM impugna la legge regionale n. 16/2014 della Campania, che aveva prolungato i termini entro cui i comuni potevano pronunciarsi sulle istanze di condono '85 e '94.

Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Leggi e Normative Tecniche - Con la sentenza 05/02/2015 n. 554, il Consiglio di Stato ha sancito che la sanatoria per opere edilizie abusive possa essere concessa solo per immobili ultimati.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img godnalyd
Ho acquistato una villetta. Sto facendo le pratiche ecobonus, ma mi hanno fatto notare che la casa ha delle tettoie non condonate. Perciò mi bocciano le pratiche. Che posso...
godnalyd 13 Settembre 2020 ore 20:02 5
Img cloubuubuclo
Buongiorno, ho acquistato da due settimane un immobile nel comune di Milano.Dato che vorrei fare alcuni lavori con detrazioni fiscali, mi sono confrontato con un tecnico di...
cloubuubuclo 31 Gennaio 2020 ore 16:02 2
Img giuseppe.gianna
In un immobile condonato A/3 con regolare concessione nel comune di Roma, privo di agibilità, vengono eseguite opere edilizie con una SCIA alternata al PDC (Permesso di...
giuseppe.gianna 08 Giugno 2019 ore 16:26 2
Img giulietta14
Buongiorno, ho comprato 13 anni fa un piccolo appartamento ultimo piano con veranda costruita dal precedente proprietario e regolarizzata. Non ho mai abitato perché subito...
giulietta14 14 Marzo 2019 ore 10:45 2
Img silviarossi
Ho acquistato una abitazione con l'intenzione di presentare il Piano Casa, dietro rassicurazione da parte dei tecnici (compreso un funzionario del comune) che fosse possibile...
silviarossi 31 Ottobre 2016 ore 08:21 1