Rimozione delle opere su parti comuni

NEWS DI Condominio24 Marzo 2010 ore 14:48
Una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione, la n. 237 dell?11 gennaio 2010, ci permette di tornare ad approfondire la disciplina dell?uso
cose comuni , condomini , inquilino
RimozioneUna recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione, la n. 237 dell'11 gennaio 2010, ci permette di tornare ad approfondire la disciplina dell'uso della cosa comune, il contenuto della domanda giudiziale tesa ad eliminare l'uso illegittimo e legittimità della sentenza resa al termine del giudizio.Ai sensi del primo comma dell'art. 1102, primo comma, c.c. ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purchà non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa.Tale utilizzazione non può, in alcun modo, alterare il decoro architettonico dello stabile nà sostanziarsi in interventi innovativi che possano in qualsiasi maniera modificare la destinazione del bene.In questi limiti, ogni condomino deve ritenersi libero di utilizzare la cosa comune nel modo che meglio crede possa tornargli utile.Come ha affermato la Suprema Corte di Cassazione, infatti, il pari uso della cosa comune non postula necessariamente il contemporaneo uso della cosa da parte di tutti i partecipanti alla comunione, che resta affidata alla concreta regolamentazione per ragioni di coesistenza; che la nozione di pari uso del bene comune non è da intendersi nel senso di uso necessariamente identico e contemporaneo, fruito cioè da tutti i condomini nell'unità di tempo e di spazio, perchà se si richiedesse il concorso simultaneo di tali circostanze si avrebbe la conseguenza della impossibilità per ogni condomino di usare la cosa comune tutte le volte che questa fosse insufficiente a tal fine; che, pertanto, la disciplina turnaria dei posti macchina, lungi dal comportare l'esclusione di un condomino dall'uso del bene comune, – come ritiene la sentenza impugnata, – è adottata per disciplinare l'uso di tale bene in modo da assicurarne ai condomini il massimo godimento possibile nell'uniformità di trattamento e secondo le circostanze; che la delibera, la quale disciplina l'uso di un bene comune può essere legittimamente assunta con le maggioranze di cui all'art. 1136 cod. civ., purchà sia assicurato il pari uso di tutti i condomini, e cioè il massimo godimento possibile, come è avvenuto nel caso in esame (su tutte Cass. 16 giugno 2005 n. 12873).Chiarito ciò vale la pena, anche sulla scorta della recente sentenza succitata, comprendere in che modo debba formularsi la domanda tesa ad ottenere la rimozione dell'opera realizzata in spregio ai divieto contenuto nell'art. 1102 c.c. e, soprattutto, quale debba essere la rispopsta giudiziale.In ambito processuale vige la regola della corrispondenza tra chiesto e pronunciato.Ciò vuol dire che il giudice non può decidere su cose ulteriori rispetto a quelle per le quali gli è stata richiesta giustizia.RimozioneNel fare ciò, ossia nell'esercizio del potere di interpretazione e qualificazione della domanda, il giudice del merito non è condizionato dalla formula adottata dalla parte, dovendo egli tenere conto, piuttosto, del contenuto sostanziale della pretesa come desumibile dalla situazione dedotta in causa e dalle eventuali precisazioni formulate nel corso del giudizio, nonchà del provvedimento richiesto in concreto, con i soli limiti di rispettare il principio della corrispondenza della pronuncia alla richiesta e di non sostituire d'ufficio una diversa azione a quella formalmente proposta” (ex multis Cass. SS.UU. 21 febbraio 2000 n. 27).Per comprendere al meglio quanto detto dalla sentenza appena citata si porta, solitamente, ad esempio, il giudizio d'impugnazione della deliberazione assembleare.Il giudice dovrà dare risposta solamente a questa richiesta ma la valutazione della nullità o annullabilità è questione rimessa alla sua discrezione ed indipendente dalla qualificazione fatta dalla parte richiedente.Nel caso il giudice dovesse andare oltre le richieste delle parti, la sentenza sarebbe viziata da ultrapetizione e la parte che ne ha interesse potrebbe fare valere tale vizio nel grado successivo.Nel caso sotteso alla sentenza n. 237/10, un condominio, in seguito all'apertura, da parte di un condomino, di alcuni varchi su una zona comune , aveva chiesto la riduzione in pristino dello stato dei luoghi.Nel corso del giudizio di secondo grado la Corte d'Appello andando al di là di quanto richiesto dal condominio imponeva la rimozione di un'intera opera eseguita su una parte comune in violazione dell'art. 1102 c.c.La Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi definitivamente sulla vicenda, ha affermato che deve considerarsi viziata da ultrapetizione quella pronuncia che, risolvendo una controversia sulla violazione dell'art. 1102 c.c., non si limiti a definirla in relazione a quanto richiesto dalle parti ma, spingendosi al di là di ciò, ordini la rimozione di altre opere, per le quali, pur se illegittime non era stato chiesto nulla (cfr. Cass. 11 gennaio 2010 n. 237).
riproduzione riservata
Articolo: Rimozione delle opere su parti comuni
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Rimozione delle opere su parti comuni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Rimozione delle opere su parti comuni che potrebbero interessarti
L'inquilino, il condominio ed i danni

L'inquilino, il condominio ed i danni

Condominio - L'inquilino di un un'unità immobiliare in condominio può essere risarcito dal proprietario anche se i danni provengono da parti comuni.
Inquilino moroso per mancata corresponsione della quota condominiale

Inquilino moroso per mancata corresponsione della quota condominiale

Ripartizione spese - In uno stato di morosità, l'amministratore di condominio, oltre al tentativo bonario di recupero del credito, tanto il proprietario, tanto l'usufruttuario, potrebbero essere oggetto di un'azione monitoria per la riscossione coattiva delle somme.
Assemblea condominiale e gestione delle cose comuni

Assemblea condominiale e gestione delle cose comuni

Condominio - L?assemblea è l?organo del condominio avente la funzione di gestione e conservazione delle cose comuni.In sostanza spetta all?assemblea, anche per

Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore

Liti tra condomini - Le liti più frequenti sono quelle tra vicini, soprattutto in condominio. Qual'è il ruolo dell'amministratore di condominio in caso di litigi sul pianerottolo.

Assemblea di condominio e proprietà esclusiva

Assemblea di condominio - L'assemblea di condominio non può decidere su questioni attinenti le proprietà esclusive o sul diritto di proprietà dei condomini sulle cose comuni.

Delibera condominiale e uso delle cose comuni

Condominio - E' regolare la deliberazione che, a maggioranza,decide di delimitare gli spazi pedonali e quelli carrabili in un'area di proprietà comune

Innovazioni e modifiche delle cose comuni in condominio

Parti comuni - Innovazioni e modifiche delle cose comuni sono differenti e tale diversità incide e non poco sui quorum deliberativi di quegli interventi. Come distinguerle?

Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta

Ripartizione spese tra inquilino e proprietario

Ripartizione spese - Confedilizia, associazione dei proprietari, e i tre sindacati degli inquilini hanno aggiornato le tabelle di ripartizione spese tra inquilino e proprietario.
REGISTRATI COME UTENTE
295.549 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Manutenzione condomini Monza e Brianza, Milano
    Manutenzione condomini monza e...
    19.00
  • Manutenzione Stabili, Condomini, Uffici Milano
    Manutenzione stabili, condomini,...
    100.00
  • Rifacimenti esterni
    Rifacimenti esterni...
    500.00
  • Tetra pond algofin ml 250
    Tetra pond algofin ml 250...
    11.71
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.