Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Che succede se il divano ha un colore diverso da quello ordinato?

Che succede se si riceve un divano di una tonalità diversa da quella ordinata? E se il divano viene poi anche venduto, si ha comunque diritto a un risarcimento?
18 Febbraio 2021 ore 15:35 - NEWS Divani e poltrone

Divano di diversa tonalità come vizio di conformità non grave


Un consumatore si rivolge al Giudice di Pace per chiedere la risoluzione di un contratto di vendita di un divano per vizi della cosa venduta.

Consegna divano con tono diverso

La richiesta viene accolta, ma il venditore fa appello e il Tribunale gli dà ragione; il consumatore fa quindi ricorso in cassazione, ma qui perde.

In sintesi, la Corte - nella sentenza n. 10456 del 2020 - afferma che bene ha fatto il Tribunale a inquadrare la questione come vizio di conformità non lieve del bene venduto, come tale, compensabile secondo il Codice del Consumo e cioè con i rimedi della riparazione o della sostituzione.

Il consumatore però ha venduto il divano. Dunque, non avendo chiesto la sostituzione e non avendo in grado di appello riproposto la richiesta di riduzione del prezzo, non poteva che concludersi che egli aveva rinunciato a tale richiesta.

Vediamo, quindi, quali sono le questioni trattate nei vari gradi di giudizio e in particolare il contenuto della sentenza della Corte di Cassazione.


La diversità del divano rispetto all’ordine nella valutazione del Tribunale


In grado di appello, nel valutare la questione, il Tribunale ritiene che la differenza riguardo al tessuto, tra quello ordinato, il velluto, e quello del divano che era stato realizzato, la moquette, fosse stato accettata dall'acquirente.

Quanto poi alla differenza di tonalità tra il colore richiesto, il verde smeraldo, e quello realizzato, di colore verde marcio, questa non poteva considerarsi un elemento essenziale nell'economia del contratto, perché dall'istruttoria era emerso che l'attore non aveva espressamente richiesto che il colore fosse intonato alla tonalità dei mobili.

In ogni caso, il consumatore non aveva richiesto immediatamente alla consegna la sostituzione, nonostante si trattasse di un elemento facilmente rinvenibile, nè al momento della posa in opera, avendo poi anche comunicato i dati per la fatturazione.


Divano di diverso tono, le norme del Codice del Consumo applicate


Il giudice d'appello nella sua decisione applica le norme Codice del Consumo (il D. Lgs. n. 206/2005).

In particolare, per quel che qui rileva, quelle dell’art. 132, secondo cui il difetto dev’essere denunciato entro due mesi dalla scoperta.
Questo, salvo che il venditore ne abbia riconosciuto l’esistenza, cosa che nella specie era avvenuta solo per il difetto di tonalità e non anche per i cuscini.

Dunque, non vi era stata denuncia tempestiva del difetto relativo ai cuscini.

No risoluzione se il difetto è lieve
Un’altra norma applicata dal Tribunale è contenuta nell’art. 130 del Codice, secondo cui, sempre per quanto qui interessa in caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto alla riparazione o alla sostituzione, ovvero a una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto.
Inoltre, l’ultimo comma dell’art. 130 stabilisce che un difetto di conformità di lieve entità per cui non è stato possibile oppure è eccessivamente oneroso esperire i rimedi della riparazione o della sostituzione, non dà diritto alla risoluzione del contratto.

Per il Tribunale la differenza di tonalità è un caso di difformità di lieve entità, che quindi non può dare luogo alla risoluzione del contratto, e ciò tanto più che non erano state allegate le foto della mobilia dell’appartamento che, successivamente, era stato venduto unitamente ai mobili.

In conclusione, dal momento che l'attore non aveva chiesto la sostituzione del divano, nè la restituzione, ma anzi lo aveva venduto, l'unico rimedio esperibile rimaneva la riduzione del prezzo. Rimedio che però l’uomo non aveva chiesto nuovamente in grado di appello e dunque tale richiesta si doveva intendere rinunciata.


Divano di diverso tono: la Cassazione conferma il difetto di conformità


Il consumatore ricorre quindi in cassazione.

Il ricorso contiene un unico motivo, cioè afferma la violazione e falsa applicazione di alcune norme del Codice del Consumo e cioè gli artt. 129 e art. 130, co. 7 e 10, art. 115 c.p.c.

Divano, stesso colore ma tono diverso
Secondo il ricorrente il Tribunale ha errato nel qualificare la vicenda, e cioè la consegna del divano di una tonalità diversa da quella richiesta, come vizio di lieve entità, mentre si tratterebbe di una ipotesi di vendita aliud pro alio.

In ogni caso, egli avrebbe chiesto la sostituzione in occasione della consegna del divano di un tessuto diverso da quello ordinato, sì da rendere superflua un'ulteriore richiesta di sostituzione. Il giudice d'appello non avrebbe considerato, infine, i gravi disagi derivanti dalla consegna di un bene affetto da vizi e dai disagi derivanti dal contenzioso promosso nei confronti della società venditrice. Cass. n. 10456/2020


Cos’è la vendita di aliud pro alio


Si si trattasse di vendita di aliud pro alio, si dovrebbe ammettere la risoluzione del contratto.

Per i giudici di Legittimità, però, la contestazione non è fondata.

Essi spiegano che la vendita di aliud pro alio si ha quando il bene consegnato è completamente diverso da quello venduto, in quanto:

appartenente a un genere differente oppure con difetti che gli impediscono di assolvere alla sua funzione naturale o a quella concreta assunta come essenziale dalle parti (Cassazione civile sez. II, 24/04/2018, n. 10045) (Cass. 10456/2020).


Tornando dunque al caso sottoposto al suo esame, la Corte afferma che:

la consegna di un divano dello stesso colore ma di tonalità diversa da quella pattuita non costituisce un vizio tale da impedire l'utilizzo del bene secondo la sua destinazione. (Cass. n. 10456/2020).


Rimedi utilizzabili nel caso di difetto di conformità di lieve entità


Il Tribunale, proseguono i giudici, ha applicato le norme del Codice del Consumo e quindi ha qualificato il vizio denunciato come difetto di conformità, per il quale, come detto, il consumatore può chiedere, senza spese, il ripristino della conformità tramite riparazione o sostituzione, ovvero una riduzione adeguata del prezzo o la risoluzione del contratto.

Quest’ultima, però, è esclusa qualora il difetto di conformità sia di lieve entità e non sia possibile, oppure sia eccessivamente oneroso ricorrere ai rimedi della riparazione o della sostituzione.

Osservano poi i giudici che il Tribunale ha ritenuto si trattasse di difetto di conformità di lieve entità, basandosi sia su un criterio oggettivo, e cioè prendendo in considerazione il fatto che si trattava di diversa tonalità dello stesso colore, sia sul comportamento tenuto dal compratore, il quale subito dopo la consegna, aveva inviato i dati per l'emissione della fattura, senza svolgere alcuna contestazione nè allora né dopo, avendo venduto l'appartamento insieme con il mobilio.


L’attore ha rinunciato alla riduzione del prezzo del divano


In realtà, osservano i Giudici, il ricorrente non contesta nella sentenza la presenza di un vizio di violazione e falsa applicazione di legge, ma l'apprezzamento del giudice di merito sulle ragioni in base a cui ha ritenuto che si trattasse di un difetto di conformità di lieve entità.



A tali valutazioni, egli contrappone diverse motivazioni di fatto che non possono essere valutate dalla Corte, che è Giudice di Legittimità.

Non vi è quindi una violazione di legge dell'art. 115 c.p.c. – secondo cui per quanto interessa:

salvi i casi previsti dalla legge, il giudice deve porre a fondamento della decisione le prove proposte dalle parti o dal pubblico ministero, nonché i fatti non specificatamente contestati dalla parte costituita (art. 115, co.1 c.p.c.)

Vi è invece una valutazione delle risultanze istruttorie, rispetto a quanto sostenuto dal ricorrente.

In conclusione, dall’istruttoria era emerso che il difetto contestato era di lieve entità, che l'attore non aveva chiesto la sostituzione del divano, nè la restituzione del bene.

Per altro lo aveva venduto e quindi l'unico rimedio utilizzabile restava la riduzione del prezzo, che però non era stata nuovamente richiesta in grado di appello davanti al Tribunale, e dunque (ai sensi dell'art. 346 c.p.c.), si intendeva rinunciata.

riproduzione riservata
Articolo: Rimedi alla consegna di un divano di colore diverso dall'acquisto
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Rimedi alla consegna di un divano di colore diverso dall'acquisto: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
325.716 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Rimedi alla consegna di un divano di colore diverso dall'acquisto che potrebbero interessarti


Tutela per compravendita immobiliare

Normative - Pubblicata dal Notariato e dalle Associazioni dei consumatori una Guida all'acquisto di immobili in costruzione.

Acquisto arredamento, garanzie di conformità alla luce della riforma codice del consumo

Burocrazia e utenze - L'acquisto di arredamento per la propria abitazione consente al consumatore di esercitare determinati diritti rafforzati dalle innovazioni al codice del consumo.

Garanzia per l'installazione degli impianti negli edifici

Leggi e Normative Tecniche - Per l'installazione degli impianti negli edifici l'impresa esecutrice deve prestare garanzia per la corretta esecuzione dell'opera anche ai sensi del codice del consumo.

Pannelli Solari: Marchi e Garanzie

Impianti - La qualità dei componenti di un impianto a pannelli solari è identificata da un marchio internazionale, il keymark, le cui garanzie sono legali e convenzionali.

Buono sconto per acquisto divano

Arredamento - Santambrogio, specializzata nella produzione di ogni tipologia di divano offre a tutti i lettori di Lavorincasa.it un buono sconto di ? 500,00 sull'acquisto di un nuovo divano.

Responsabilità per prodotti difettosi secondo il codice del consumo

Leggi e Normative Tecniche - Il Codice del Consumo agli artt. 114-127 prevede a carico del produttore (e del fornitore) una forma particolare di risarcimento del danno causato da prodotti difettosi.

Garanzia sugli elettrodomestici

Piccoli elettrodomestici - Diritti dei consumatori in relazione alla garanzia di buon funzionamento degli elettrodomestici.

Ecodesign, CE

Normative - Il noto simbolo CE, visibile su tanti prodotti disponibili in commercio, identifica la conformità alla direttiva 125/2009/CE ed ai suoi dettami complessivi.

Energia e gas: da luglio 2020 mercato libero per tutti

Burocrazia e utenze - Dall'1 luglio 2020, salvo ulteriori rinvii, si passa al mercato libero obbligatorio per le piccole utenze di energia elettrica e gas. Vediamo qui cosa cambierà.