Rinviata la riforma del catasto

NEWS DI Catasto24 Giugno 2015 ore 10:45
Dopo l'esclusione dal Consiglio dei Ministri di ieri sera, dell'esame del secondo decreto attuativo sul Catasto, è stato di fatto rinviato il processo di riforma.

Rinvio per la riforma del catasto


Nel Consiglio dei Ministri di ieri sera, tra gli altri argomenti fiscali trattati, non c’è stato il previsto esame del secondo decreto attuativo della Riforma del Catasto , che avrebbe dovuto rivelare il nuovo algoritmo da utilizzare per il calcolo delle rendite catastali.

catastoNon è ancora chiaro il motivo del rinvio ma, in base a quanto trapelato da alcune indiscrezioni, gli stessi tecnici dell’Agenzia delle Entrate avrebbero osservato come il metodo di calcolo proposto farebbe lievitare in maniera eccessiva le rendite catastali, addirittura in alcuni casi fino a 8 volte quelle attuali.

Ciò metterebbe a rischio la cosiddetta invarianza del gettito fiscale che dovrebbe essere garantita, in caso di aumento delle rendite, da una contemporanea diminuzione delle aliquote IMU e TASI difficile da programmare e applicare in ambito locale.

Si tratta comunque di un rinvio piuttosto grave, perché il prossimo 27 giugno scade la legge delega che impone al Governo di legiferare sulla riforma e, dopo una prima proroga, pare improbabile una seconda.
Si rischierebbe così di invalidare del tutto due anni di lavoro sulla materia.


Perché la riforma del Catasto


Il Catasto come lo conosciamo nella forma attuale ha origine da una legge risalente all'inizio del secolo scorso.

Dal 2013 è in corso un processo di riforma del Catasto atteso da anni e resosi necessario in questi ultimi tempi soprattutto per far sì che il sistema tributario delle tasse sulla casa diventi più equo.

catastoInfatti in molte città possiamo trovare da un lato immobili ubicati in zone di pregio dei centri storici, classificati in Catasto in categorie popolari e ultrapopolari, e quindi soggetti a rendite molto basse, e dall'altro immobili ubicati in periferia, con rendite molto più elevate solo perché di più recente costruzione.

Ciò determina, quindi, una sperequazione dal punto di vista dell'imposizione fiscale.

Il progetto di riforma della materia è stato inserito nel disegno di legge n. 1058 del 25 settembre 2013, intitolato Disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita, poi approvato in Parlamento come legge n. 23 dell'11 marzo 2013.

I tempi per l'entrata in vigore della legge sono stati piuttosto lunghi, perché la Legge Delega comprende anche provvedimenti su altre materie, come nuovi incentivi per la riqualificazione energetica e architettonica, ma il 12 marzo 2014 è stata finalmente pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 59.

Tuttavia, anche se ormai la legge è stata approvata definitivamente, i tempi perché la riforma diventi effettivamente operativa saranno ancora lunghi, poiché sarà necessario varare una serie di decreti specifici. L'Agenzia delle Entrate ha stimato che occorreranno almeno 5 anni perché tutto il processo sia portato a compimento.

Il primo passo è stato mosso lo scorso 10 novembre 2014, con l'approvazione in Consiglio dei Ministri del decreto sulle commissioni censuarie, gli organismi a cui spetterà il compito di rivedere le rendite catastali e i valori degli immobili.


Contenuti della riforma del Catasto


Per quanto riguarda il valore patrimoniale degli immobili, esso sarà determinato dal valore di mercato, per tipologia immobiliare, calcolato al metro quadrato in base alle quotazioni del triennio precedente l'entrata in vigore della legge.
Pertanto i metri quadri andranno a sostituire, come unità di misura, i vani utilizzati attualmente.

calcolo del valore catastaleAl valore di mercato verranno poi applicati dei coefficienti correttivi che terranno conto di diversi parametri, come l'anno di realizzazione dell'immobile, la sua ubicazione, il piano e l'esposizione, l'eventuale presenza di scale o ascensori, il tipo di impianto di riscaldamento, ecc.

Pertanto per ottenere il valore patrimoniale dell'immobile (l'attuale valore catastale) su cui calcolare le imposte, bisognerà moltiplicare l'algoritmo ottenuto per i metri quadrati.

Questo metodo di stima vale per gli immobili definiti a destinazione catastale ordinaria, facenti parte delle categorie catastali A, B e C.

Per quanto riguarda invece gli immobili a destinazione catastale speciale, e che fanno parte della categoria D, come capannoni industriali, opifici e alberghi, si applicherà un metodo di stima diretto, con parametri specifici e con un metodo standardizzato.

Per calcolare la rendita catastale, invece, si farà riferimento al valore dei redditi di locazione medi, desunti dall'Osservatorio del mercato immobiliare. A tali valori dovrà essere applicata una riduzione dovuta alle spese annuali come quelle di manutenzione, assicurazione o per adeguamenti tecnici, che si aggirano complessivamente intorno al 47-52%.

Una volta conosciuto il valore del reddito medio per metro quadro per la zona in cui è ubicato l'immobile, si moltiplicherà tale valore per il totale dei metri quadri e si otterrà la rendita.

Sia il valore catastale che la rendita catastale dovranno essere adeguati periodicamente per renderli più aderenti alle condizioni del mercato.

Per gli immobili di valore storico o artistico bisognerà studiare un sistema di riduzioni conseguente alla maggiore difficoltà di manutenzione e ai vincoli più restrittivi per l'utilizzo, la destinazione e la trasformazione.

Gli immobili che risulteranno inagibili perché colpiti da calamità o disastri naturali, potranno subire una riduzione dell'imposizione tributaria in virtù del fatto di non poter essere utilizzati.

La riforma prevede anche la suddivisione in micro zone del territorio comunale e l'individuazione di categorie di immobili tipo.

Inoltre sono allo studio incentivi per premiare le amministrazioni comunali che favoriranno l'emersione degli immobili sconosciuti al Catasto.


Considerazioni sulla riforma del Catasto


riforma del catastoCon questo nuovo metodo di stima del valore catastale e della rendita catastale, che tiene conto del valore di mercato e del reddito da locazione, si metterà in atto un procedimento analogo ai metodi di stima utilizzato dai tecnici per stimare il valore economico di un immobile.

Infatti, nell'estimo si utilizza frequentemente il metodo per confronto, con il quale si considera il valore al metro quadro, o il metodo per capitalizzazione dei redditi, con il quale si considerano i redditi di locazione o, per determinare una stima più precisa, il valore medio tra quelli risultanti tra i due metodi di stima citati.

In questo modo, quindi applicando tale metodo anche in ambito catastale, si otterranno valori più vicini a quelli di mercato e pertanto più realistici.

riproduzione riservata
Articolo: Riforma del catasto
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 61 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Riforma del catasto: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Tovi
    Tovi
    Lunedì 24 Marzo 2014, alle ore 08:09
    Gli attuali politici, incapaci di gestire la Nazione, non fanno altro che tassare i sacrifici della povera gente. Sulle case ci sono sacrifici di più generazioni e non è onesto continuare a tassarle. I soldi si recuperano eliminando gli sprechi pubblici, gli stipendi e le pensioni d'oro, scoprendo i corrotti degli appalti pubblici, eliminando gli Enti pubblici inutili , mandando nei loro Paesi d'origine i detenuti stranieri ecc. ecc.
    rispondi al commento
  • Valentina_zenzerina
    Valentina_zenzerina
    Venerdì 21 Marzo 2014, alle ore 14:06
    Al catasto risultano per il mio appartamento 4 vani (quindi circa 80 mq) e sto pagando le tasse locali di smaltimento dell'immondizia per tale metratura.... tutto normale se non fosse che il mio appartamento ha solo 2 vani e sarà circa 50 mq. Con questa novità al catasto come posso fare per far modificare i vani in metri quadrati? Grazie!!
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Valentina_zenzerina
      Lunedì 24 Marzo 2014, alle ore 09:41
      Se è vero ciò che dice perchè non ha incaricato un architetto di rettificare la situazione al catasto? La Riforma, come scritto, sarà operativa tra qualche anno.
      rispondi al commento
  • Rimba.rufus
    Rimba.rufus
    Giovedì 20 Marzo 2014, alle ore 22:38
    IL VALORE DI MERCATO E' ALEATORIO METODO SBALLATO,,,,,,, IL MIO IMMOBILE E' STATO STIMATO PARI A 300.000 ?, MA L'AGENZIA DI VENDITA MI HA DETTO CHE AL MASSIMO NE PRENDERO' 150.000 COME LA METTIAMO? HO CHIESTO PER CURIOSITA' AL MIO COMUNE SE ME LO PAGA LUI, HA DETTO DI NO,NON LO COMPRA......E' UNA TRUFFA IL VALORE IMMOBILIARE NON E' COME COMPRARE UNA VETTURA CHE HA PREZZI DI LISTINO
    rispondi al commento
    • Giusyachino
      Giusyachino Rimba.rufus
      Venerdì 21 Marzo 2014, alle ore 10:30
      Le chiedo cortesemente chi ha fatto la valutazione del suo immobile se un'agente immobiliare o un perito perchè la differenza tra perizia e valore di vendita è sproporzionato. Sicuramente il valore di mercato è cambiato negli anni ma ( dipende dalle zone naturalmente) 50% in meno sono veramente molti.
      rispondi al commento
  • Giusyachino
    Giusyachino
    Giovedì 20 Marzo 2014, alle ore 10:22
    Grazie del chiarimento, una domanda però bisognerà comunque continuare a moltiplicare la rendita per 115,50?grazie
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Giusyachino
      Giovedì 20 Marzo 2014, alle ore 11:29
      Questo parametro di rivalutazione vale per il metodo attuale di calcolo del valore catastale, in futuro la procedura sarà diversa.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Riforma del catasto che potrebbero interessarti
Proroga sanatoria catastale

Proroga sanatoria catastale

Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.
Sanatoria catastale

Sanatoria catastale

La manovra finanziaria approvata ieri contiene, tra le altre misure, una nuova forma di condono edilizio.
Rendita Catastale

Rendita Catastale

Trova online la tua rendita catastale utile per il calcolo IMU, inoltre cos'è la rendita catastale, come viene determinata e come si usa per il calcolo delle imposte.
Visura catastale e ipotecaria

Visura catastale e ipotecaria

Cosa sono e a che cosa servono la visura ipotecaria e quella catastale.
Particella catastale

Particella catastale

Per ottenere una visura catastale, se essa non è nominativa ma si basa invece sulla particella catastale, siamo tenuti a conoscere una serie di dati.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.482 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Fertilizzante idrosolubile icl sportsmaster wsf high k
    Fertilizzante idrosolubile icl...
    49.40
  • Gres porcellanato ORIGINI effetto cemento
    Gres porcellanato origini effetto...
    42.00
  • Miniascensore Wessex
    Miniascensore wessex...
    1.00
  • Pittura di argilla Clayfix di Yosima
    Pittura di argilla clayfix di...
    19.82
  • Credenza doppio corpo est europea
    Credenza doppio corpo est europea...
    938.00
  • Pavimentazione a coda di pavone, Marino di Roma
    Pavimentazione a coda di pavone,...
    70.00
  • Lavabo in muratura
    Lavabo in muratura...
    300.00
  • Controsoffitto saturno
    Controsoffitto saturno...
    1.40
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 400.00
foto 5 geo Bari
Scade il 01 Giugno 2019
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.