Come fare un ricorso al Catasto

NEWS DI Catasto07 Aprile 2015 ore 00:07
Se arriva un avviso di accertamento da parte del Catasto, con l'indicazione di una rendita più elevata e di sanzioni da pagare, è possibile presentare un ricorso.

Quando si può presentare un ricorso al Catasto


avviso di accertamento catastaleIn alcune circostanze può accadere che al cittadino arrivi un avviso di accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate, di rettifica della classe o della rendita catastale dichiarate in occasione di un accatastamento o di una variazione catastale, o ancora di contestazione di qualche altra condotta comportante l'irrogazione di sanzioni.

Se il destinatario dell'accertamento lo ritiene infondato, in tutto o in parte, può presentare ricorso all'ufficio provinciale dell'Agenzia delle Entrate che gli ha inviato l'avviso.

Esistono due modi di appellarsi:
• il riesame in autotutela;
• il ricorso, da presentare costituendosi in giudizio, alla Commissione tributaria provinciale.

Il primo non esclude il secondo, in quanto, in caso di insuccesso del riesame in autotutela, il contribuente può sempre presentare ricorso.
Vediamo quindi in che modo si agisce nell'uno e nell'altro caso.


Riesame in autotutela


Il riesame in autotutela viene richiesto all'ufficio del Catasto competente inviando una domanda in carta semplice, corredata della documentazione attestante l'infondatezza dell'irregolarità contestata.

È importante ricordare che il riesame in autotutela non sospende il termine di 60 giorni per la presentazione del ricorso.

riesame in autotutela catastoUna delle possibili contestazioni da inserire nell'istanza di autotutela è la mancanza di motivazione dell'accertamento, se sussiste, in quanto spesso il Catasto omette di specificare le ragioni giuridiche o i criteri tecnici alla base dell'atto, indicando solo la nuova rendita o classe accertate.

Inoltre si potranno confutare le motivazioni tecniche alla base dell'accertamento, come l'aumento dovuto all'ubicazione in zona centrale e a forte densità abitativa dell'immobile, quando esso ricade in zona periferica e popolare.
Per questo motivo, anche se la domanda in autotutela può essere presentata dal semplice cittadino, è sempre opportuno farsi assistere da un tecnico (geometra, architetto o ingegnere), allegando una loro perizia giustificativa.

Un altro possibile motivo di contestazione è che, per verificare la rendita, non sia stato effettuato un sopralluogo, in quanto non è possibile aumentare la rendita attraverso il semplice esame delle mappe catastali.

Se il riesame dà esito negativo o non riceve risposta in tempo utile, può essere opportuno presentare un vero e proprio ricorso.


Ricorso catastale


Come detto, c'è tempo 60 giorni dalla data di notifica dell'accertamento, per presentare un ricorso al Catasto, ma i termini sono sospesi nel periodo compreso tra il 1 agosto e il 15 settembre.

Il ricorso va presentato all'ufficio provinciale del Catasto che ha emesso il provvedimento, costituendosi in giudizio presso la commissione tributaria competente.

La notifica può avvenire nei seguenti modi:
• tramite ufficiale giudiziario;
• con consegna a mano presso lo sportello;
• mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento, senza busta chiusa.

ricorso in commissione tributariaNella presentazione del ricorso il contribuente deve essere assistito da un professionista rientrante nelle seguenti categorie, elencate dall'art. 12 del d.Lgs. 546/1992 (Disposizioni sul processo tributario in attuazione della delega al Governo contenuta nell'articolo 30 della legge 30 dicembre 1991, n 413): avvocato, dottore commercialista, ragioniere, perito commerciale, ingegnere, architetto, geometra, perito edile, dottore agronomo, agrotecnico, perito agrario. Il professionista deve essere iscritto al rispettivo albo o collegio.

La costituzione in giudizio, invece, deve avvenire entro 30 giorni dalla presentazione del ricorso, depositando il proprio fascicolo presso la segreteria della commissione tributaria, oppure inviandolo tramite raccomandata con avviso di ricevimento, senza busta chiusa.

Per costituirsi in giudizio è necessario pagare il contributo unificato, ovvero l'importo dovuto al momento dell'iscrizione a ruolo di una causa, previsto per i contenziosi di valore indeterminabile.
L'importo previsto può essere aumentato fino alla metà del valore, se il difensore omette di indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata o il richiedente, il proprio codice fiscale.

La parte che soccombe nel giudizio può essere condannata a pagare le spese.


Contenuti del ricorso


Nella domanda di ricorso devono essere indicati i seguenti dati:

commissione tributaria di appartenenza;
generalità del richiedente;
codice fiscale del richiedente e del rappresentante in giudizio;
• indirizzo di posta elettronica certificata del richiedente o del difensore;
• rappresentante legale (nel caso in cui il richiedente sia una società o ente);
residenza, sede legale o domicilio del richiedente;
• ufficio provinciale del Catasto contro cui si presenta il ricorso;
numero dell'atto impugnato;
motivi del ricorso;
conclusione con la richiesta di annullamento rivolta alla commissione e dichiarazione che la controversia rientra tra quelle di valore indeterminabile.


Contenuti del fascicolo


Nel fascicolo depositato presso la segreteria della commissione tributaria devono invece essere contenuti i seguenti documenti:

fascicolo del ricorso al catastooriginale del ricorso, se è stato presentato tramite ufficiale giudiziario, oppure una copia se è stato presentato a mano o inviato per posta;
• fotocopia della ricevuta del deposito del ricorso o dell'avviso di ricevimento della raccomandata;
• ricevuta del versamento del contributo unificato dovuto;
fotocopia dell'atto di accertamento impugnato;
nota di iscrizione a giudizio con indicati: la parte, il difensore, l'atto impugnato, la materia del contendere, la data di notifica del ricorso, la controversia di valore indeterminabile.

riproduzione riservata
Articolo: Ricorso al Catasto
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 7 voti.

Ricorso al Catasto: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Simonetocco
    Simonetocco
    Mercoledì 8 Aprile 2015, alle ore 09:56
    Ciao, vi sottopongo una domanda. Ho acquistato un immobile rustico e avanzato un progetto di variante. Al Genio Civile mi hanno bloccato dicendomi che il precedente proprietario non aveva presentato la dichiarazione di inizio lavori e che quindi dovranno segnalarmi alla Procura della Repubblica come se il reato l'avessi commesso io. Come devo comportarmi?
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Simonetocco
      Mercoledì 8 Aprile 2015, alle ore 10:09
      E' così: se ha acquistato un immobile con una irregolarità diventa lei responsabile. Ora può solo sanare la sua situazione, in futuro potrà provare a rivalersi sul vecchio proprietario.
      rispondi al commento
      • Simonetocco
        Simonetocco Anonymous
        Mercoledì 8 Aprile 2015, alle ore 10:20
        Grazie mille per la risposta. A rigor di logica però credo che il reato sia afferente al codice penale e non al civile pertanto un reato di questo tipo non è trasferibile tra soggetti. Credo che la Procura dovrà direttamente rivolgersi al vecchio proprietario non trova?
        rispondi al commento
        • Anonymous
          Anonymous Simonetocco
          Mercoledì 8 Aprile 2015, alle ore 10:22
          Non è semplice dare una risposta non conoscendo direttamente la questione. Il problema è che possono non esserci prove che i lavori siano stati iniziati dal vecchio proprietario: in tal caso la mancata comunicazione dell'inizio dei lavori potrebbe essere imputata a lei.
          rispondi al commento
          • Simonetocco
            Simonetocco Anonymous
            Mercoledì 8 Aprile 2015, alle ore 10:34
            Quando ho fatto il rogito di acquisto nell'atto c'è scritto chiaramente che ho acquistato un terreno con rustico, senza poi parlare di eventuali prove terze come foto satellitari ecc.
            rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Ricorso al Catasto che potrebbero interessarti
Sanatoria catastale e elenco immobili fantasma

Sanatoria catastale e elenco immobili fantasma

Catasto - Il 30 novembre 2012, sulla G. U. n°280, è stato reso noto l'elenco di quei Comuni in cui si sono rilevati immobili esistenti e non denunciati regolarmente al Catasto.
Interpello per chiarire dubbi su detrazioni fiscali

Interpello per chiarire dubbi su detrazioni fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'interpello è un'istanza che il contribuente rivolge all'Agenzia delle Entrate per ottenere chiarimenti su una norma, da applicare a casi concreti e personali.
Concetti di segnalante, vicino di casa e controinteressato in edilizia

Concetti di segnalante, vicino di casa e controinteressato in edilizia

Leggi e Normative Tecniche - Il vicino di casa che segnala l'abuso edilizio e chiede l'annullamento del titolo edilizio, va coinvolto nel giudizio instaurato col ricorso contro l'annullamento?

Pagamento sanzioni catastali con F24

Catasto - Dal 1 giugno 2015 le sanzioni catastali, dovranno essere pagate usando il modello di versamento unificato F24. Novità anche per il ravvedimento operoso.

Nuovo iter per il Catasto

Catasto - Avviata una fase sperimentale per la nuova procedura di iscrizione in Catasto di immobili di nuova costruzione.

Aggiornamento catastale

Normative - La pubblicazione sulla G.U. del Decreto Legge n. 78 del 31 maggio 2010 ha escluso la possibilita' che le procedure nascondano una sorta di condono mascherato.

Quando richiedere un accertamento tecnico preventivo

Leggi e Normative Tecniche - Se si ha l'urgenza di far esaminare la consistenza dei luoghi da parte di un pubblico ufficiale, si può richiedere un accertamento tecnico o un'ispezione giudiziale.

Accatastamento

Catasto - L'accatastamento è obbligatorio non solo per nuove costruzioni, ma anche per qualunque intervento che possa comportare una modifica della rendita catastale.

Proroga sanatoria catastale

Catasto - Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.
REGISTRATI COME UTENTE
295.599 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione villa
    Ristrutturazione villa...
    89.00
  • Ristrutturazione facciata Caserta
    Ristrutturazione facciata caserta...
    90.00
  • Ristrutturazione appartamento Caserta e dintorni
    Ristrutturazione appartamento...
    400.00
  • Ristrutturazione appartamento 80 mq Caserta
    Ristrutturazione appartamento 80...
    700.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.