Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Revoca dell'amministratore e vizi dell'immobile

NEWS Condominio25 Febbraio 2011 ore 14:33
L'amministratore è nominato dall'assemblea ed il suo incarico ha durata annuale. Tuttavia, la stessa assise, può provvedere alle revoca dell'amministratore in qualsiasi momento.

Revoca amministratoreL'amministratore, mandatario dei condomini in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni, è nominato dall'assemblea ed il suo incarico ha durata annuale.
Ai sensi del secondo comma dell'art. 1129 c.c., tuttavia, la stessa assise, con le medesime maggioranze indicate per la nomina, può provvedere alle revoca dell'amministratore in qualsiasi momento.

L'ingiustificata sospensione del rapporto fiduciario, questo quanto meno secondo la Cassazione, può dar luogo al risarcimento del danno per mancato guadagno da parte dell'incaricato revocato (cfr. Cass. SS.UU. 29 ottobre 2004 n. 20957).

Al di là delle scelte puramente discrezionali d'esclusiva competenza dell'assemblea, il codice civile prevede la possibilità, per ogni singolo condomino, di agire per via giudiziale per ottenere la revoca dell'amministratore che abbia compiuto (o omesso di compiere) particolari atti.

Ai sensi degli artt. 1129 e 1131 c.c., infatti, ogni condomino può chiedere l'intervento dell'Autorità Giudiziaria, ai fini dell'ottenimento della revoca quando il mandatario:

a) non ha reso il conto della propria gestione per due anni consecutivi;
b) non ha comunicato all'assemblea provvedimenti amministrativi e cause non rientranti nella sua competenza;
c) sulla sua gestione gravano fondati sospetti di gravi irregolarità.
Tra le cause di revoca, quest'ultima è indubbiamente la più difficile da inquadrare a livello generale.
È chiaro che non si debba trattare per forza di prove vere e proprie, altrimenti non si porrebbe il problema, bensì di sospetti fondati.
Un esempio: ricevere una serie di decreti ingiuntivi di pagamento da parte dei fornitori a fronte dei regolari pagamenti da parte di tutti i componenti della compagine è certamente indizio di una gestione sicuramente poco sana e trasparente.

RevocaDi recente il Tribunale di Salerno è tornato sull'argomento specificando come non sussistano i così detti fondati sospetti di gravi irregolarità in relazione alle azioni giudiziarie da intraprendere contro l'impresa costruttrice dello stabile.
In particolare, s'è detto che in tema di condominio negli edifici, non sussiste il presupposto del fondato sospetto di gravi irregolarità ai fini della revoca dell'amministratore, ai sensi dell'art. 1129, comma 3, c.c., ove si deduca dal condomino ricorrente il pregiudizio o l'impedimento arrecato alla sua possibilità di agire in giudizio nei confronti dell'impresa appaltatrice dei lavori di manutenzione dell'edificio condominiale.
(Trib. Salerno 25 gennaio 2011).

Ciò perché qualora i vizi delle opere appaltate riguardino porzioni del fabbricato di proprietà esclusiva, l'azione risarcitoria nei confronti dell'appaltatore va proposta esclusivamente dai proprietari delle unità danneggiate, e non dall'amministratore del condominio, né tampoco da tutti i condomini in litisconsorzio necessario.

Quanto invece ai danni subiti dalle parti comuni del fabbricato, ciascun condomino, indipendentemente dall'operato dell'amministratore, può agire individualmente per il risarcimento nei confronti dell'appaltatore, a difesa dei propri diritti di comproprietario "pro quota", ovvero intervenire nel giudizio in cui tale difesa sia stata già legittimamente assunta dall'amministratore, o ancora esperire i mezzi di impugnazione necessari ad evitare gli effetti sfavorevoli della sentenza resa nei confronti del condominio.
(Trib. Salerno 25 gennaio 2011).

riproduzione riservata
Articolo: Revoca dell'amministratore e vizi dell'immobile
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 2 voti.

Revoca dell'amministratore e vizi dell'immobile: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.079 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Internorm
  • Wienerberger
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Ristrutturazione della facciata di un immobile Prato e provincia
    Ristrutturazione della facciata di...
    40.00
  • Impermeabilizzazioni Prato e provincia
    Impermeabilizzazioni prato e...
    12.00
  • Ristrutturazioni di pregio
    Ristrutturazioni di pregio...
    500.00
  • Realizzazioni cappotti termici Prato e provincia
    Realizzazioni cappotti termici...
    39.00
Notizie che trattano Revoca dell'amministratore e vizi dell'immobile che potrebbero interessarti


Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Il giudizio di revoca e l'amministratore

Condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario della compagine e riceve l'incarico dall'assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione.

Conferma nomina amministratore condominiale

Condominio - L'assemblea condominiale annuale provvede alla conferma o alla revoca dell'amministratore, ma è obbligatoria solamente nei condomini con più di quattro partecipanti.

Gravi irregolarità dell'amministratore

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario dei condomini e deve agire rispettando determinate regole pena la possibilità di essere revocato anche per via giudiziale.

Amministratore di condominio, diritto alla retribuzione e limiti

Condominio - L?amministratore è il mandatario dei condomini in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni dell?edificio

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.

Quanto dura e come si rinnova l'incarico dell'amministratore di condominio?

Amministratore di condominio - Successivamente alla riforma del condominio, dell'incarico dell'amministratore dura per un anno e allo scadere dell'anno si intende rinnovato per uguale durata.

Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili?

Amministratore di condominio - È consuetudine parlare della revoca dell'amministratore di condominio. Si sa che il legale rappresentante dei condomini può essere revocato in qualsiasi momento dall'assemblea.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img 64brunica
Buona sera,un grazie in anticipo per le eventuali opportune risposte.La mediazione è obbligatoria quando si tratta di chiedere la revoca giudiziaria dell'amministratore del...
64brunica 21 Gennaio 2016 ore 19:28 1
Img rai123
Buonasera,la situazione è la seguente:l'attuale amministratore condominiale ed a interim per il secondo anno consecutivo, l'assemblea condominiale è spaccata non...
rai123 30 Aprile 2014 ore 21:07 2
Img massimozanardi
Buona sera, nel nostro condominio  nato nel 1990 e composto da 42 unità, dal 1992 è  stato amministratore un condomino che non hai mai riscosso la piena...
massimozanardi 01 Giugno 2014 ore 21:14 4