Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

La diligenza dei cessionari per i crediti da bonus edilizi

Recenti interventi normativi hanno attenuato la responsabilità dei cessionari limitandola ai casi di colpa grave o dolo. Sul punto è intervenuta anche l'Agenzia
- NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali
Barra Progettazione Online

Responsabilità del cessionario in materia di bonus fiscali


Un tema ricorrente sin dall’entrata in vigore del Superbonus, ma poi in seguito ampliato anche per gli altri bonus edilizi, riguarda la responsabilità solidale dei cessionari per crediti derivanti da interventi che danno diritto ai bonus edilizia.

Sul punto, si è registrato un progressivo aumento della documentazione richiesta a supporto per la cessione credito scelta dalla maggior parte dei beneficiari in luogo delle detrazioni fiscali 2022.

Responsabilità cessionario bonus fiscali
Strettamente connesso al tema della cessione di credito è la problematica relativa alla responsabilità dei cessionari di crediti, da sempre sotto una lente di ingrandimento da parte del Fisco.

La responsabilità deve essere intesa come diligenza richiesta per sottrarsi a contestazioni di concorso in comportamenti contrari alle norme agevolative e rileva soprattutto nei casi di mancata effettuazione dei lavori, ricompresa dalla circolare 6 ottobre 2022, n. 33, come un indice per la configurabilità del concorso nella violazione.


Cessione del credito responsabilità solidale


In merito alla cessione credito d'imposta responsabilità, l’art. 121, comma 6, D.L. n. 34/2020, nella sua originaria formulazione, stabiliva che l’accertamento della mancata sussistenza, anche parziale, dei requisiti che danno diritto alla detrazione d’imposta, legittima l’Agenzia delle Entrate al recupero degli importi nei confronti del soggetto beneficiario, responsabilità in solido del fornitore e dei cessionari in presenza di concorso nella violazione.

La norma è stata oggetto di importanti modifiche a opera dell’art. 33-ter del DL 115/2022 che, come noto, ha inserito il comma 1bis1 all’art. 14 del DL 50/2022.

Per effetto di tali modifiche la responsabilità in solido è prevista in presenza di concorso nella violazione con dolo o colpa grave.

Su tali nozioni si è soffermata l’Agenzia delle Entrate, la quale, con la recente circolare n. 33/2022, ha rinviato al d.lgs. n. 472 del 1997, che reca disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie e ai chiarimenti già forniti con la circolare n. 180 del 10 luglio 1998.

Secondo la circolare dell'Agenzia Entrate sulla cessione credito, ai fini della configurabilità della responsabilità solidale superbonus del cessionario, occorre che la omessa diligenza sia di rilevante entità, ad esempio, nel caso in cui l’acquisto dei crediti sia stato eseguito in assenza di documentazione richiesta a supporto degli stessi o in presenza di una palese contraddittorietà della documentazione prodotta dal cedente.


Cessione del credito e valutazione della responsabilità


Chiariti i parametri per valutare la sussistenza dell’elemento soggettivo del dolo o della colpa, secondo l’Amministrazione finanziaria, in sede di acquisto di crediti derivanti da bonus fiscali, occorre sempre avere riguardo alla natura dell’attività professionale o d’impresa svolta dal cessionario, richiedendosi un livello di diligenza particolarmente qualificato, ad esempio, nei casi in cui il soggetto sia tenuto al rispetto di normative regolamentari e alle indicazioni delle autorità di vigilanza preposte.

Cessione credito valutazione responsabilità
L’amministrazione finanziaria ha precisato che il dolo ricorre allorquando il cessionario sia consapevole dell’inesistenza del credito se il carattere fittizio del credito sia manifestamente evidente già a un primo esame.
La colpa grave, invece, si configura quando il cessionario abbia commesso errori, in termini macroscopici.

Un esempio di colpa grave si verifica quando si produce una asseverazione generica che non si riferisca all’immobile in questione oggetto di intervento.

L’Amministrazione finanziaria fa un passo in avanti fornendo, nei propri provvedimenti di prassi, alcuni indici di valutazione legati ai profili soggettivi e oggettivi per valutare la diligenza necessaria del cessionario.

Esemplificando, ma senza pretese di tassatività, gli indici presi in considerazione dall’Agenzia delle entrate sono:

  • mancanza di documentazione o palese contraddittorietà rispetto al riscontro documentale prodotto;

  • incoerenza reddituale e patrimoniale tra il valore e l’oggetto dei lavori eseguiti e il profilo dei committenti beneficiari delle agevolazioni in esame;

  • incoerenza tra l’ammontare delle cessioni del credito ed il valore dell’unità immobiliare oggetto di opere;

  • incoerenza tra il valore del credito ceduto e il profilo finanziario e patrimoniale del soggetto cedente il credito;

  • anomalie nelle condizioni economiche applicate in sede di cessione dei crediti, mancata effettuazione dei lavori.


Asseverazione a garanzia della diligenza per la cessione dei crediti


A dimostrazione dell’utilizzo della diligenza, secondo l’Amministrazione finanziaria, vi è l’acquisizione dell’asseverazione predisposta dal tecnico abilitato, che attesti, ove richiesto dalla norma, anche l’effettiva realizzazione dei lavori.

Nel caso di cessione del credito banca, al fine di evitare profili di responsabilità in termini di diligenza dei concessionari che acquistano il credito, potrebbe essere sufficiente la produzione di una asseverazione del tecnico, anche nel caso di mancata ultimazione dei lavori.

Differenza tra teoria e pratica


In realtà, la teoria non è sempre confermata dalla pratica.

Qualche mese fa, infatti, si è consolidata una pratica, secondo la quale molte società di revisione, incaricate alla due diligence sui crediti derivanti da bonus fiscali, oltre a richiedere tutta la già copiosa documentazione per i lavori agevolabili al 110%, possono in aggiunta chiedere anche la produzione e il relativo caricamento di filmati, attestanti l’avanzamento dei lavori a cura del direttore dei lavori, per consentire la verifica dell’effettivo e oggettivo stato di realizzazione dei lavori.




La richiesta di produrre e caricare un filmato attestante l’avanzamento lavori è stata molto criticata, soprattutto da operatori di settore e dai tecnici.

La prova fornita mediante filmato è stata inserita a regime nelle piattaforme di tali società per la verifica della correttezza della procedura.

In molti segnalano che, pur in presenza di asseverazione del tecnico come previsto dalla normativa, in assenza di filmati non sia possibile andare avanti, ovverosia chiudere le pratiche cessione del credito e la procedura di caricamento per il controllo finale da parte di tali società.

riproduzione riservata
Responsabilità nella cessione dei bonus edilizi
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Responsabilità nella cessione dei bonus edilizi: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
341.120 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Responsabilità nella cessione dei bonus edilizi che potrebbero interessarti

Bonus edilizi: ultimissime novità sulla cessione del credito

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Via libera per le banche alla cessione dei crediti comunicati in data anteriore al primo maggio 2022. Vediamo quali sono le ultime novità in materia di bonus edilizi

Stop a cessione del credito nel 2022: previsto solo per Superbonus 110

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dopo l'esclusione dello sconto in fattura e della cessione del credito dalla Legge di Bilancio 2022 è stata richiesta la proroga di questi due strumenti al 2024

Bonus edilizi: ecco i Codici tributo da indicare nel modello F24

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate ha comunicato l'elenco dei codici tributo da indicare nell'F24 in caso di cessione del credito o sconto in fattura post 17 febbraio 2022

Superbonus 110: prorogato il termine per comunicare la cessione del credito

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il termine perentorio per l'invio della comunicazione circa la scelta dell'opzione per le spese sostenute nell'anno 2021 è stato prorogato al giorno 7 aprile 2022

Superbonus 110: ok alla quarta cessione del credito dal 1 Maggio

Leggi e Normative Tecniche - Dal 1 Maggio le banche potranno effettuare la quarta cessione del credito relativa al Superbonus 110 a favore dei propri correntisti. Vietata la cessione parziale

Possibile proroga Superbonus 110 per villette senza tetto ISEE

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Avanzata dai partiti la richiesta al Parlamento Italiano di prorogare il Superbonus 110% senza il limite reddituale di 25mila euro per le villette unifamiliari

Cessione del credito: proroga termine per la comunicazione ad aprile

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il termine per comunicare la cessione del credito slitta dal 7 al 29 aprile 2022 e si riferisce alle spese sostenute nel 2021 nonché per le rate residue del 2020

Fisco: aggiornato il canale di comunicazione per la cessione del credito

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il 4 febbraio 2022 sarà aggiornata la piattaforma per comunicare all'Agenzia delle Entrate la cessione del credito in base alle novità della Legge di Bilancio 2022

Superbonus e cessione crediti: novità sulla responsabilità solidale

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La cessione dei crediti relativi ai bonus edilizi aveva subito uno stop per la responsabilità solidale tra le parti. Ecco cos'è stato definito col Decreto Aiuti-bis
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img cuocchi
Buongiorno,nello scorso settembre 2021 é stata depositata la CILAS per lavori di Superbonus 110% che avrebbero dovuto portare la mia casa unifamiliare da classe G a classe...
cuocchi 30 Novembre 2022 ore 19:12 2
Img fabiotodes
Buongiorno a tutti,Io mi trovo in una situazione difficile, da due mesi hanno iniziato i lavori di casa, quindi ora è impraticabile.Adesso l'azienda mi dice che ha il...
fabiotodes 30 Novembre 2022 ore 19:06 3
Img monami
Salve,ho utilizzato il bonus facciate pertanto ho pagato le fatture e ho asseverazione prezzi.Posso recarmi presso Poste a fare cessione oppure prima devo farmi fare certificato...
monami 12 Novembre 2022 ore 20:52 2
Img pieraloi@libero.it
Buongiorno,ho iniziato dei lavori di ristrutturazione (manutenzione straordinaria) ad inizio 2021.L'impresa ha fatto delle fatture di acconto la cui detrazione ho ceduto a Poste.I...
pieraloi@libero.it 11 Novembre 2022 ore 18:20 3
Img gnudignome
Buongiorno.Nel 2021 ho ristrutturato un appartamento con regolare CILA aperta a maggio e chiusa a dicembre 2021.Ho letto l'articolo relativo al software aggiornato della AdE...
gnudignome 11 Novembre 2022 ore 18:17 2