Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Gravi difetti dell’opera: chi è responsabile?

Appaltatori e subappaltatori sono i responsabili tenuti a risarcire i danni in caso di gravi difetti di costruzione. Cosa dice la Corte di Cassazione sul tema.
- NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Responsabilità dell'appaltatore e subappaltatore per gravi difetti dell'opera


In caso di appalti e subappalti chi è tenuto al risarcimento del danno per i gravi difetti dell'opera? Ce lo dice la Corte di Cassazione con la recente ordinanza n. 24052/2021.

Un problema particolarmente sentito in caso di costruzione di un'opera è quello concernente eventuali difformità o vizi dai quali possa risultare affetta.

La materia viene disciplinata dal codice civile, soggetto a interpretazioni continue da parte della giurisprudenza.

Responsabilità appaltatore
In merito al tema qui trattato assume particolare rilievo la sentenza sopra menzionata con la quale i Giudici Supremi chiariscono quelle che sono le responsabilità di appaltatore, subappaltatori e direttori dei lavori in caso di gravi difetti dell'opera.

Andiamo con ordine e vediamo cosa dice la legge.


La denuncia delle difformità e dei vizi


Quando si parla di vizi, occorre tenere distinti le difformità e i vizi dell'opera da quelli che sono i gravi difetti di costruzione.

In caso di difformità e vizi la normativa di riferimento è l'articolo 1667 del codice civile.
In base al disposto legislativo l'appaltatore è tenuto a fornire garanzia per le difformità e vizi dell'opera.

Affinché la norma sia operativa il committente deve, a pena di decadenza, denunziare all'appaltatore le difformità o i vizi entro il termine di 60 giorni dalla scoperta.
Solo se l'appaltatore ha riconosciuto difformità e vizi o se li ha occultati la denuncia non è necessaria.


La garanzia non è dovuta dall'appaltatore se:

  • il committente ha accettato l'opera;

  • se le difformità e i vizi erano da lui conosciuti o riconoscibili, purché in questo caso non siano stati in malafede taciuti dall'appaltatore.


I termini per l'azione contro l'appaltatore


Ai sensi dell'articolo 1667 codice civile l'azione contro l'appaltatore si prescrive nel termine di due anni dal giorno della consegna dell'opera.


In cosa consiste la garanzia fornita dall'appaltatore


Nel momento in cui il committente invoca la garanzia dell'appaltatore a causa della scoperta di difformità e vizi, egli ha ha disposizione una serie di tutele.
Vediamo quali.

In primo luogo il committente può chiedere che le difformità e i vizi siano eliminati a spese dell'appaltatore. In secondo luogo, se ha interesse al mantenimento dell'opera, il committente può chiedere che il prezzo sia proporzionalmente ridotto.

È sempre previsto il risarcimento del danno subito dal committente se si accerta la colpa dell'appaltatore.

In ultimo il committente può domandare la risoluzione del contratto di appalto se le difformità e vizi dell'opera sono tali da renderla del tutto inadatta alla sua destinazione.


Gravi difetti dell'immobile


Veniamo alla situazione che ha dato origine alla sentenza della Cassazione qui esaminata. Nella fattispecie considerata siamo di fronte a gravi difetti della costruzione la cui disciplina è contenuta nell'articolo 1669 del codice civile.

La norma di riferimento contempla il caso in cui si accertino vizi del suolo o difetti di costruzione che comportino:

  • rovina totale o parziale dell'opera;

  • pericolo di rovina o gravi difetti della stessa.

In tal caso l'appaltatore è responsabile nei confronti del committente qualora gli eventi dannosi sopra descritti si verifichino nel corso di 10 anni dal compimento dell'opera.

La responsabilità dell'appaltatore sussiste nei confronti del committente ma anche nei confronti di eventuali aventi causa.


La denuncia e l'azione nei confronti dell'appaltatore


Anche nelle ipotesi sopra descritte vi sono dei termini da rispettare.
La denuncia del committente o dell'avente causa deve essere presentata entro il termine di un anno dalla scoperta.

Per quanto concerne l'azione esercitabile nei confronti dell'appaltatore responsabile si precisa che essa si prescrive in un anno dalla denuncia.

Nei confronti degli appaltatori valgono le stesse regole descritte per le difformità e i vizi. Come vedremo esaminando la sentenza dei Giudici Supremi nella fattispecie considerata sono coinvolti anche subappaltatori e direttore di lavori.


Gravi difetti della costruzione: chi è tenuto al risarcimento dei danni


La vicenda esaminata dalla Corte di Cassazione ha origine dalla condanna in appello nei confronti di appaltatore, subappaltatore e direttore dei lavori per gravi difetti dell'opera dovuti a difetti di costruzione, così come disciplinato dall'articolo 1669 codice civile.

Responsabilità subappaltatore
I soggetti in questione erano stati condannati al rifacimento di tutti i massetti dell'intera pavimentazione di un immobile per difetto di costruzione dello stesso nonché, in caso di mancato adempimento, al pagamento del risarcimento del danno.

A dire dei ricorrenti che contestavano la responsabilità, non sarebbe stato rispettato il termine di un anno dalla scoperta del grave difetto per l'effettuazione della denuncia come, disposto dalla norma di riferimento sopra citata.

I Giudici di legittimità respingono il ricorso. Vediamo per quale motivazione.


Decorrenza del termine di denuncia


In caso di gravi difetti dell'opera il termine per presentare la denuncia decorre solo dal momento in cui il committente abbia avuto conoscenza sicura dei difetti.

Tale consapevolezza può considerarsi raggiunta solo quando tali difetti si siano manifestati in tutta la loro gravità e si sia acquisita la certezza mediante adeguati accertamenti di natura tecnica.

Solo con una relazione tecnica si può acquisire piena conoscenza del fenomeno, della sua portata e delle cause dell'evento dannoso.


I subappaltatori


Quali sono le regole in caso di subappalto?

Qualora l'esecuzione dell'opera sia stata data in subappalto, in base a quanto stabilito dal legislatore, l'appaltatore potrà agire in regresso nei confronti dei subappaltatori qualora, sotto pena di decadenza, abbia ad essi comunicato l'avvenuta denuncia delle difformità e vizi entro 60 giorni dal ricevimento della stessa.

Gravi difetti di costruzione
Tornando al caso in esame, sotto questo profilo la Cassazione afferma che la mancata comunicazione della denuncia non esime il subappaltatore da responsabilità poiché la partecipazione nel procedimento per accertamento tecnico non solo dell'appaltatore, ma anche del subappaltatore non rende più indispensabile la denuncia prevista dall'art. 1670 codice civile.

riproduzione riservata
Articolo: Responsabilità appaltatore e subappaltatore
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Responsabilità appaltatore e subappaltatore: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
333.838 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Responsabilità appaltatore e subappaltatore che potrebbero interessarti


Rovina e difetti di cose immobili

Normative - La costruzione di beni immobili, le responsabilità dell'appaltatore e i rimedi esperibili dal committente. Il caso della rovina e dei gravi difetti dell'edificio.

Appalti e Subappalti

Normative - In vari casi di appalti di un certo livello, l'impresa detentrice dell'appalto si avvale di diverse ditte subappaltatrici per diverse lavorazioni specifiche

Appalti: il Ministero approva gli schemi di contratto per le polizze fideiussorie

Leggi e Normative Tecniche - Codice degli appalti: approvati dal Ministero dello Sviluppo Economico il decreto sugli schemi contrattuali relativi alle garanzie fideiussorie. Ecco le novità.

Pubblicato il regolamento attuativo del Codice Appalti su direttore dei lavori ed esecuzione

Leggi e Normative Tecniche - Approvato il decreto di attuazione del Codice degli Appalti che disciplina le funzioni di direttore dei lavori e direttore dell'esecuzione. Vediamo cosa prevede

Parti comuni condominio: gravi difetti e rimedi

Parti comuni - Parti comuni condominio che presentano vizi: quando possono essere considerati gravi difetti? Che cosa è possibile fare per risolvere la situazione?

Perché il condominio può agire contro l'appaltatore?

Amministratore di condominio - Perché in tema di azione di responsabilità per gravi difetti contro l'appaltatore o il costruttore - venditore può agire anche l'amministratore di condominio?

Danni da umidità di risalita: cosa dice la Legge

Risanamento umidità - Se l'immobile non è stato costruito secondo la regola dell'arte, l'umidità di risalita manifestatasi può essere considerata grave difetto ai sensi dell'art. 1669.

Rovina e difetti di immobili: di chi è la responsabilità?

Leggi e Normative Tecniche - In caso di gravi difetti dell'immobile l'impresa che ha operato ne può rispondere ex art. 1669 c.c. solo in caso di costruzione o anche per interventi successivi?

Forma, funzione e tempi della denuncia dei gravi difetti nel contratto d'appalto

Normative - La denuncia dei gravi difetti nell'ambito del contratto d'appalto non è soggetta a forme particolari, ma dev'essere presentata entro termini ben precisi.