Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Come funziona un regolatore di tensione?

Un dispositivo particolarmente utile per evitare sbalzi di tensione e conseguenti danni alle apparecchiature elettriche è il regolatore di tensione e corrente
- NEWS Impianti elettrici
Barra Preventivi Online

Funzionamento regolatore di tensione


Per monitorare il voltaggio affinché il sistema non subisca dei danni, all’interno dei circuiti elettrici vengono inseriti dei piccoli dispositivi chiamati regolatori di tensione.

Essi sono dei circuiti capaci di mantenere la tensione di uscita costante, a prescindere dai cambiamenti nelle condizioni di carico o dalle modifiche tensionali in ingresso.

Tipologia di regolatore di tensione
Fondamentale per i circuiti in cui sono inclusi componenti che hanno bisogno di un ingresso di tensione preciso, il regolatore, chiamato anche AVR generatore (Automatic Voltage Regulator), viene utilizzato perché spesso le tensioni in entrata e in uscita sono differenti ed è necessario un mediatore per rendere il funzionamento corretto.


Regolatore tensione: perché usarlo


Grazie al regolatore è scongiurato il danneggiamento degli strumenti, perché spesso a causa di forti sbalzi di tensione potevano bruciare.

Parte dell'impianto elettrico
È utilizzato soprattutto in posti dove la tensione può essere superiore o inferiore al 10% di quella tollerata.

Le applicazioni sono molte, possono trovarsi negli alimentatori o nei computer, negli impianti audio, nelle auto o negli elettrodomestici.


Come riconoscere un regolatore di corrente e tensione


Per riconoscere un regolatore di tensione bisogna tenere in considerazione che ne esistono due diverse tipologie: i regolatori lineari e i regolatori a commutazione.
Nel primo caso, siamo di fronte ad un regolatore molto semplice, usato in sistemi a bassa tensione e potenza.


Come regolare la tensione e la corrente

Come regolare la tensione e la corrente

Come regolare la tensione e la corrente
Regolazione della tensione

Regolazione della tensione

Regolazione della tensione
Regolatore di tensione Schneider

Regolatore di tensione Schneider

Regolatore di tensione Schneider
Regolatore Tecnoware

Regolatore Tecnoware

Regolatore Tecnoware

Nel caso di regolatore a commutazione, la tensione viene commutata da on a off in tempi brevi, così da assicurare un’alimentazione efficiente.

Inoltre si diversifica in base alla generazione degli output che può essere fissa, quindi già impostata nel regolatore, o variabile, ovvero gestita da altri sistemi.


Parametri regolatore di tensione e corrente


È importante prestare attenzione ad alcuni parametri del regolatore:

  • La scelta tra monofase e trifase;

  • la potenza del regolatore, strettamente collegata al carico che l’apparecchio è in grado di gestire;

  • la precisa stabilizzazione della tensione uscente;

  • la presenza o meno della modalità di bypass, in grado di scollegare facilmente il regolatore alla rete consentendo lavori di manutenzione o riparazione.

  • quali sono le tensioni d’ingresso.


Tipologie di regolatore di corrente continua e tensione


Esistono diversi tipi di regolatore di tensione e corrente.

Regolatore di tensione elettronico


Il regolatore elettronico, impiegato in particolare nelle case private, è composto da microprocessore, trasformatore e semiconduttori.



Ha numerosi vantaggi tra cui la riposta rapida, la silenziosità e la compattezza ma ha anche degli svantaggi: la regolazione del passo è poco percettibile e se la tensione in entrata è bassa, la potenza che fornirà al regolatore sarà bassa.

Regolatore di tensione relè


È un rilevatore a basso costo e molto semplice, quando è in funzione si sente un ticchettio.

I suoi vantaggi sono le dimensioni e la tolleranza ai sovraccarichi a breve termine mentre gli svantaggi sono la bassa velocità di risposta, il rumore e la vita di servizio molto breve.

Regolatore di tensione servocomandata


In questo caso la regolazione variabile è data dal motore elettrico. Data la sua natura, è idoneo per reti che non hanno cambiamenti improvvisi di tensione.

I vantaggi sono l’ottima precisione, il basso costo, il funzionamento a temperature al di sotto dello zero e la resistenza al sovraccarico. Gli svantaggi invece sono il peso e la dimensione, la rumorosità e la bassa velocità di regolazione.

Regolatore di tensione inverter


Questo tipo di regolatore è il più avanzato. Non è presente un trasformatore infatti la tensione è stabilizzata da condensatori e dei semiconduttori grazie ad una doppia conversione di energia elettrica.

La tensione in uscita ha dei parametri notevoli. I vantaggi sono numerosi: precisione e velocità ottimali, affidabilità del regolatore, peso e dimensione ridotti, livello di rumorosità basso e lunga vita. Gli svantaggi invece sono il costo elevato e l’assenza di riserva di carica.

Regolatore di tensione ibrido


La regolazione o servocomandata o a relè si attiva in base alle condizioni di funzionamento. Abbina sia i vantaggi che gli svantaggi dei due tipi di apparecchi.
Il prezzo è elevato e il design è molto complesso.


Variatore di tensione come sceglierlo


Ci sono alcuni criteri per operare una scelta corretta del regolatore di tensione:

  • il numero delle fasi, strettamente connesso alla natura dei carichi;

  • l’ampiezza della variazione di tensione in ingresso, importante per il dimensionamento del regolatore;

  • la tecnologia, se relè, inverter, elettronico o servocomandato;

  • la tensione nominale, ad esempio i modelli standard trifase funzionano a 380V - 400V - 415V;

  • la potenza nominale, i regolatori si dimensionano in base alla massima corrente in ingresso;

  • la tipologia di regolazione.

Come capire se il regolatore di tensione funziona


Per capire se il regolatore è funzionante o meno, il mezzo da utilizzare è il multimetro digitale, un apparecchio che consente la verifica del voltaggio entrante e uscente dal dispositivo.

La rottura del regolatore però non è un evento che capita di frequente perché è un dispositivo fatto per essere duraturo.


Regolatore di corrente contro sotto e sovratensioni


L’azienda Schneider Electric propone Line-R un regolatore di corrente che regola in maniera automatica la tensione e protegge i dispositivi contro sottotensioni e sovratensioni.
Regolatore SchneiderLe variazioni scorrette delle tensioni riducono la durata dei componenti elettronici causando dei possibili guasti prematuri. Per questo Line-R regola la tensione portandola entro livelli di sicurezza e allo stesso tempo protegge i dispositivi da sbalzi e da fulmini.


Regolatore di tensione trifase


Il regolatore, o stabilizzatore, trifase di potenza 9KVA servoassistito di Tecnoware è a controllo elettronico con microprocessore.

Tipo di regolatore di tensione Tecnoware
Ha una precisione molto elevata di stabilizzazione a forma di onda sinusoidale, è insensibile al fattore di potenza e al carico.
Il suo peso è 80 kg e non immette delle distorsioni armoniche nella rete.

riproduzione riservata
Regolatore di tensione
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Regolatore di tensione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
342.032 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Regolatore di tensione che potrebbero interessarti

Inverter di un impianto fotovoltaico

Impianti rinnovabili - Le prestazioni dell'inverter influenzano le prestazioni complessive di un impianto fotovoltaico e per questo la sua corretta progettazione è determinante.

Tensione e Corrente in Casa

Impianti - L'energia elettrica è la fonte primaria di alimentazione di tutti i vari dispositivi ed elettrodomestici che impieghiamo nella vita casalinga di tutti i giorni.

Elettricità ed Acqua

Impianti - Tutte le moderne tecnologie che utilizziamo ogni giorno funzionano grazie all'elettricità, e per molti versi i fenomeni elettrici sono analoghi a quelli idrici.

Monofase e Trifase

Impianti - Le principali definizioni delle grandezze fisiche e degli elementi che descrivono produzione e fornitura di energia elettrica per gli impianti residenziali.

Cavi elettrici

Impianti - Caratteristiche costruttive e funzionali dei cavi elettrici, elementi indispensabili nella realizzazione degli impianti tecnici presenti nelle nostre abitazioni

Installazione variatore tensione

Fai da te - In molte abitazioni dotate di impianti elettrici può presentarsi l'esigenza di utilizzare dei variatori di tensione per il controllo della diffusione della luce.

Prese italiane

Impianti - Innumerevoli sono le prese elettriche per l'adduzione della corrente elettrica ai vari elettrodomestici ed alle lampade presenti in casa: in Italia ce ne sono 4 tipi.

Spine e Prese Elettriche Norme

Impianti - La norma Cei 23-50, con la sua seconda edizione, è la norma di riferimento per le prese e spine elettriche per applicazioni civili e ne descrive le cartteristiche.

Glossario Impianti Elettrici Civili

Impianti - L'utilizzo di un linguaggio appropriato e di precisi termini tecnici favorisce la comunicazione e facilita i confronti con i tecnici durante l'esecuzione dei lavori.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img bigfoot!
Salve, devo installare uno stabilizzatore di tensione per uso domestico per un problema di sbalzi di tensione alla rete elettrica della mia utenza al di fuori dei limiti...
bigfoot! 03 Luglio 2021 ore 12:16 2
Img ireneabeni
Buongiorno, ho bisogno di voi perché totalmente inesperta!!La situazione è questa: io e il mio compagno stiamo ristrutturando la casa di mio suocero che in...
ireneabeni 09 Dicembre 2016 ore 09:07 1
Img faccy
Buongiorno,a tutti!Vorrei un vostro conforto su questa tematica.Il condominio in cui abito è diviso in 4 blocchi: blocco A e blocco B sono collegati (sono i 2 blocchi con...
faccy 20 Settembre 2016 ore 08:11 3