Regolamento di condominio e vendita dell'appartamento

NEWS DI Assemblea di condominio09 Settembre 2009 ore 17:12
Che cosa succede quando un appartamento in condominio viene venduto? Esistono delle norme che impongono all'acquirente di rispettare il regolamento condominiale?
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17886 del 31 luglio 2009, torna ad occuparsi del problema legato alla relazione tra vendita dell'appartamento e rispetto del regolamento di condominio di natura contrattuale da parte dell'acquirente.
Il Supremo Collegio, riprendendo un orientamento ormai consolidato, ribadisce l'obbligo per l'acquirente di rispettare il regolamento di condominio di natura contrattuale se lo stesso, all'atto della compravendita, lo ha accettato.
Per comprendere al meglio il perchà? di una simile decisione vale la pena soffermarsi brevemente sul rapporto tra regolamento di condominio e acquirente di un'unità immobiliare.
Si è detto (articolo del 5 agosto 2009) che il regolamento è una sorta di statuto interno al condominio che disciplina vari aspetti della vita comune, quali la ripartizione delle spese, il rispetto del decoro architettonico , ecc.
Si distinguono due tipi di regolamento: quello assembleare e quello contrattuale.
Una volta votato ed approvato nei modi e nei termini di legge il regolamento assembleare è obbligatorio per tutti i condomini. In effetti, trattandosi di un atto adottato con una deliberazione assembleare non potrebbe essere altrimenti.
Il regolamento contrattuale, invece, è approvato e sottoscritto da tutti i condomini ed ha il valore di un vero e proprio contratto. Ciò significa che con questo tipo di regolamento sarà possibile limitare i diritti dei condomini sulle parti comuni o, addirittura sulle unità immobiliari di proprietà esclusiva.
Che cosa succede quando un appartamento in condominio viene venduto?
Esistono delle norme che impongono all'acquirente di rispettare il regolamento condominiale?
Sul punto bisogna fare una distinzione tra regolamento assembleare e contrattuale.
Nel primo caso, la norma cui fare riferimento è l'art. 1107 c.c. Si tratta di un articolo dettato in materia di comunione ma applicabile anche con riguardo al condominio in virtù del richiamo contenuto nell'art. 1139 c.c.
L'art. 1107, secondo comma, c.c. dice che il regolamento, che non sia stato impugnato nei termini di legge, vale anche per gli eredi e gli aventi causa (nella quale categoria rientrano gli acquirenti).
Per il regolamento contrattuale la situazione è leggermente diversa.
In ossequio all'ultimo comma dell'art. 1372 c.c., infatti, il contratto non produce effetto rispetto ai terzi che nei casi previsti dalla legge.
Trattandosi di un vero e proprio contratto tra più parti (i condomini) – e non rientrando il regolamento tra quei contratti validi, per legge, anche nei confronti di terzi – esso varrà per gli acquirenti solo se all'atto dell'acquisto verrà accettato.
Si è dibattuto al lungo tempo se l'efficacia del regolamento fosse vincolata alla sua trascrizione nei pubblici registri immobiliari o alla sua effettiva sottoscrizione in sede di stipula.
La Corte di Cassazione con la sentenza citata, come detto sopra, riprende e ribadisce quell'orientamento “secondo cui le clausole del regolamento condominiale di natura contrattuale, che può imporre limitazioni ai poteri e alle facoltà spettanti ai condomini sulle parti, di loro esclusiva proprietà purchà? siano enunciate in modo chiaro ed esplicito, sono vincolanti per gli acquirenti dei singoli appartamenti qualora, indipendentemente dalla trascrizione nell'atto di acquisto si sia fatto riferimento al regolamento di condominio , che - seppure non inserito materialmente - deve ritenersi conosciuto o accettato in base al richiamo o alla menzione di esso nel contrattoâ€? (così Cass. 31 luglio 2009, n. 17886).
Il caso di cui si occupava la Corte era relativo ad una società che aveva acquistato un intero immobile, ad eccezione di una sola unità immobiliare, per adibire gli appartamenti comprati ad albergo, uso, quest'ultimo, vietato dal regolamento di condominio di origine contrattuale che la stessa parte acquirente aveva accettato e si era impegnata a rispettare.
Gli esempi delle possibili applicazioni in altri campi non mancano.
Quello che molto spesso genera contenzioso è il divieto di tenere animali in appartamento.
Stando a quanto detto dalla Cassazione, dunque, se il regolamento non è riportato o allegato nell'atto d'acquisto ma il compratore di un appartamento lo ha accettato e si è impegnato a rispettarlo, allora il divieto di possedere animali sarà valido. Così anche per il divieto di aprire studi professionali, locande e pizzerie, ecc.

Regolamento di condominioLa Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17886 del 31 luglio 2009, torna ad occuparsi del problema legato alla vendita dell'appartamento ed al rispetto del regolamento di condominio di natura contrattuale da parte dell'acquirente.

Il Supremo Collegio, riprendendo un orientamento consolidato, ribadisce l'obbligo per l'acquirente di rispettare il regolamento di condominio di natura contrattuale se lo stesso, all'atto della compravendita, lo ha accettato.
Per comprendere al meglio il perché di una simile decisione, vale la pena soffermarsi brevemente sul rapporto tra regolamento di condominio e acquirente di un'unità immobiliare.
Si è detto che il regolamento è una sorta di statuto interno al condominio che disciplina vari aspetti della vita comune, quali la ripartizione delle spese, il rispetto del decoro architettonico, ecc.
Si distinguono due tipi di regolamento: quello assembleare e quello contrattuale.


Una volta votato ed approvato nei modi e nei termini di legge il regolamento assembleare è obbligatorio per tutti i condomini.

In effetti, trattandosi di un atto adottato con una deliberazione assembleare non potrebbe essere altrimenti.

Il regolamento contrattuale, invece, è approvato e sottoscritto da tutti i condomini ed ha il valore di un vero e proprio contratto.

Ciò significa che con questo tipo di regolamento sarà possibile limitare i diritti dei condomini sulle parti comuni o, addirittura sulle unità immobiliari di proprietà esclusiva.Regolamento

Che cosa succede quando un appartamento in condominio viene venduto?
Esistono delle norme che impongono all'acquirente di rispettare il regolamento condominiale?

Sul punto bisogna fare una distinzione tra regolamento assembleare e contrattuale.
Nel primo caso, la norma cui fare riferimento è l'art. 1107 c.c.
Si tratta di un articolo dettato in materia di comunione ma applicabile anche con riguardo al condominio in virtù del richiamo contenuto nell'art. 1139 c.c.
L'art. 1107, secondo comma, c.c. dice che il regolamento, che non sia stato impugnato nei termini di legge, vale anche per gli eredi e gli aventi causa (nella quale categoria rientrano gli acquirenti).
Per il regolamento contrattuale la situazione è leggermente diversa.In ossequio all'ultimo comma dell'art. 1372 c.c., infatti, il contratto non produce effetto rispetto ai terzi che nei casi previsti dalla legge.
Trattandosi di un vero e proprio contratto tra più parti (i condomini) e non rientrando il regolamento tra quei contratti validi, per legge, anche nei confronti di terzi, esso varrà per gli acquirenti solo se all'atto dell'acquisto verrà accettato.
Si è dibattuto al lungo tempo se l'efficacia del regolamento fosse vincolata alla sua trascrizione nei pubblici registri immobiliari o alla sua effettiva sottoscrizione in sede di stipula.
La Corte di Cassazione con la sentenza citata, come detto sopra, riprende e ribadisce quell'orientamento secondo cui le clausole del regolamento condominiale di natura contrattuale, che può imporre limitazioni ai poteri e alle facoltà spettanti ai condomini sulle parti, di loro esclusiva proprietà purché siano enunciate in modo chiaro ed esplicito, sono vincolanti per gli acquirenti dei singoli appartamenti qualora, indipendentemente dalla trascrizione nell'atto di acquisto si sia fatto riferimento al regolamento di condominio, che - seppure non inserito materialmente - deve ritenersi conosciuto o accettato in base al richiamo o alla menzione di esso nel contratto (così Cass. 31 luglio 2009, n. 17886).

Il caso di cui si occupava la Corte era relativo ad una società che aveva acquistato un intero immobile, ad eccezione di una sola unità immobiliare, per adibire gli appartamenti comprati ad albergo, uso, quest'ultimo, vietato dal regolamento di condominio di origine contrattuale che la stessa parte acquirente aveva accettato e si era impegnata a rispettare.

Gli esempi delle possibili applicazioni in altri campi non mancano.
Quello che molto spesso genera contenzioso è il divieto di tenere animali in appartamento.

Stando a quanto detto dalla Cassazione, dunque, se il regolamento contrattuale non è riportato o allegato nell'atto d'acquisto ma il compratore di un appartamento lo ha accettato e si è impegnato a rispettarlo, allora il divieto di possedere animali sarà valido.

Così anche per il divieto di aprire studi professionali, locande e pizzerie, ecc.

riproduzione riservata
Articolo: Regolamento di condominio e vendita dell'appartamento
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 4 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Regolamento di condominio e vendita dell'appartamento: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giuseppe
    Giuseppe
    Lunedì 9 Novembre 2009, alle ore 15:56
    Salve,devo comprare un appartamento costituito da una camera da letto, una cucina abitabile ed un soggiorno a vista.Mi interessava sapere cosa devo fare (richieste al condomio ed il comune ) e se devo pagare (tasse ...) per i seguenti interventi ad acquisto avvenuto: - spostare la cucina nel soggiorno effettuando rifacimento impianto idraulico, spostamento caldaia (sposamento dello scarico o senza spostamento dello scarico esterno)- adibire la ex. cucina in seconda stanza da letto.- spostare possibilmente una porta da una parete ad un'altra (entrambe non portanti). In conclusione, i cambiamenti non comportano variazioni esterne all'appartamento ma solo internamente variando l'appartamento da 1 stanza da letto, cucina e soggiorno a 2 stanze da letto con cucina a vista sul soggiorno.Vi ringrazio
    rispondi al commento
  • Andrea Gorri
    Andrea Gorri
    Mercoledì 23 Settembre 2009, alle ore 06:04
    Ho una domanda da fare, se ne' nel compromesso ne' nel rogito si fa riferimento alla esistenza di un condominio ne' a nessun tipo di regolamento dello stesso l'acquirente e' tenuto al rispetto dello stesso ?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Regolamento di condominio e vendita dell'appartamento che potrebbero interessarti
Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Il regolamento condominiale non dev'essere rispettato dall'inquilino se il proprietario non l'ha accettato o se non c'è uno specifico accordo...
Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.
Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate...
Revisione del regolamento di condominio

Revisione del regolamento di condominio

Ogni condomino ha il diritto d'agire per la formazione e la revisione del regolamento. Nei condomini con più di dieci partecipanti l'adozione del regolamento è obbligatoria.
Edificio e box autonomi, non sempre si può parlare di condominio

Edificio e box autonomi, non sempre si può parlare di condominio

Edificio e boxes in condominio: quando si può parlare di unico complesso condominiale e quando invece sono entità autonome?...
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.267 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione della facciata di un immobile Prato e provincia
    Ristrutturazione della facciata di...
    40.00
  • Impermeabilizzazioni Prato e provincia
    Impermeabilizzazioni prato e...
    12.00
  • Ristrutturazioni di pregio
    Ristrutturazioni di pregio...
    500.00
  • Progettazione e vendita mobili Milano
    Progettazione e vendita mobili...
    500.00
  • Fuspir formevet 30 gr per uccelli
    Fuspir formevet 30 gr per uccelli...
    7.59
  • Sistemi per docce filo pavimento Schluter-KERDI-SHOWER-SK-SKB
    Sistemi per docce filo pavimento...
    158.17
  • Fornitura e posa pavimento in porfido Roma e provincia
    Fornitura e posa pavimento in...
    49.00
  • Ristrutturazione cucina Milano e dintorni
    Ristrutturazione cucina milano e...
    3500.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.