Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Quando non si può aprire un ristorante in condominio?

NEWS Regolamento condominiale21 Ottobre 2019 ore 09:34
Il regolamento condominiale può arrivare a vietare l'apertura di ristoranti in condominio: quando è valido quel regolamento? Quale la sua efficacia verso i conduttori?

Regolamento condominiale


Il regolamento condominiale, ce lo dice la giurisprudenza (Cass. n. 12342/1995), con la dottrina concorde, è una sorta di legge interna al condominio , uno statuto della collettività, che si dà delle regole complementari a quelle previste dal codice civile nelle materie indicate dall’art. 1138 c.c., ossia:

  • uso delle cose comuni;

  • la ripartizione delle spese, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino; norme per la tutela del decoro dell'edificio;

  • norme relative all'amministrazione.


Apertura ristorante e regolamento di condominio
L’adozione del regolamento di condominio è obbligatoria solamente se i condòmini sono più di dieci.
L’iniziativa per dotarsi di un regolamento condominiale, ovvero per la sua revisione può essere assunta da ciascun condòmino.

Per l’approvazione della delibera di adozione ovvero di revisione del regolamento sono sempre necessari, cioè tanto in prima quanto in seconda convocazione, il voto favorevole della maggioranza dei presenti all’assemblea e almeno la metà del valore millesimale dell’edificio.

Il regolamento condominiale così adottato è detto regolamento di condominio assembleare il cui contenuto non può andare oltre la regolamentazione degli aspetti della gestione e conservazione delle cose comuni, sinteticamente individuabili nelle macro aree sopra elencate.


Regolamento condominiale contrattuale, i divieti


Un’altra tipologia di regolamento di condominio è quello di natura contrattuale: con esso si fa riferimento a quell’accordo stipulato tra tutti i condòmini.

Solitamente il regolamento condominiale contrattuale viene predisposto dall’originario unico proprietario dell’edificio (il costruttore) ed allegato ai singoli atti di compravendita.

Nulla vieta, però, che siano i condòmini, in un qualunque momento successivo ad addivenire alla sottoscrizione di un simile documento.

La peculiarità del regolamento di condominio di origine contrattuale sta nel fatto che in esso, essendo un contratto e non semplicemente una decisione assunta in ambito condominiale, possono essere previsti dei limiti ai diritti dei condòmini sulle parti comuni , ovvero sulle proprietà esclusive.

Limitazioni che, come hanno specificato la dottrina e la giurisprudenza, devono essere esplicitate (cioè scritte) in modo preciso, in modo che sia chiaramente comprensibile che cosa e perché si sta vietando, ovvero perché si sta ponendo un limite alla proprietà individuale, ovvero all’uso della proprietà comune. Difficilmente potrebbe essere considerato legittimo il divieto porre antenne per la ricezione del segnale radio-tv sulle parti comuni, ovvero nelle proprietà esclusive, perché tali limite cozzerebbe con il diritto all’informazione, diritto costituzionalmente tutelato.

Ristoranti in condominio
È opinione comune che i limiti ed i divieti possono stabiliti in due modi:

  • stabilendo limiti e divieti specificamente riguardanti determinate destinazioni ed attività;

  • specificando il pregiudizio che s’intende evitare e quindi non menzionando una specifica destinazione (es. divieto svolgimento attività rumorose, che comportino immissioni di fumi, odori, ecc.).

Guardando alla prima tipologia di limiti e divieti posti in relazione alla destinazione delle unità immobiliari in proprietà esclusiva tra questi v’è certamente quello che impedisce la destinazione ad attività di ristorazione.


Regolamento condominiale contrattuale e ristoranti


È vietata la destinazione delle unità immobiliari in proprietà esclusiva ad attività ristorative, incluse quelle d’asporto, nonché bar e birrerie. Spesso si leggono clausole del genere, i cui divieti sono più o meno estesi, ma che non lasciano spazio a dubbi: il ristorante non s’ha da aprire!

Che tipo di limitazione è questa, una servitù?
No, non pare un peso di tipo reale.

Un’obbligazione propter rem?
Parrebbe di sì: ciò vuol dire che tale divieto non può essere specificamente trascritto presso la conservatoria dei pubblici registri immobiliari, dato che il novero dei diritti trascrivibili è specificamente individuato dalla legge (art. 2643 e ss. c.c.).

Allora, per restare valido ed efficace nel corso del tempo, esso dovrà essere approvato ad ogni compravendita.

Ciò specificato, è chiaro allora che se un condòmino dovesse decidere l’apertura di un’attività di ristorazione in spregio al divieto pattizio riportato nel regolamento, egli andrebbe incontro a sicura chiusura, ove chiaramente i condòmini, anche uno solo d’essi di autonoma iniziativa, si attivasse per addivenire a quel risultato.

Ci sono poi i casi in cui l’attività di ristorazione in sé considerata non è vietata, ma è vietato causare determinati pregiudizi. Come dire: ok il ristorante, ma se dall’esercizio dell’attività derivano rumori molesti, vietati dal regolamento contrattuale, allora se ne potrà ottenere la chiusura. È evidente che per questo genere di divieti è più difficile raggiungere la prova della violazione.


Regolamento condominiale contrattuale, conduttori e ristoranti


Che cosa succede se il divieto di aprire un ristorante previsto dal regolamento condominiale è infranto non dal proprietario dell’unità immobiliare, ma dal conduttore che ha stipulato un contratto di locazione?

I conduttori, è dato pacifico, devono rispettare il regolamento condominiale al pari dei proprietari.
Dunque, se un conduttore apre un’attività ristorativa laddove sia vietata, allora gli si potrà imporre la chiusura.

Il problema, spesse volte, sorge perché all’affittuario non è stata data notizia del contenuto del regolamento, né in fase di trattative, né al momento della conclusione del contratto.

In tali ipotesi, la questione resta all’interno del rapporto contrattuale tra proprietario e conduttore/ristoratore, il quale certamente avrà diritto ad ottenere i danni per l’omessa determinante informazione e finanche l’annullamento del contratto, qualora ne ricorrano i presupposti.

riproduzione riservata
Articolo: Regolamento di condominio e divieto di aprire ristoranti
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Regolamento di condominio e divieto di aprire ristoranti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.525 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Ristrutturazioni Condomini
    Ristrutturazioni condomini...
    350.00
  • Wall stickers per interruttore removibili
    Wall stickers per interruttore...
    9.59
  • Plafoniera led soffitto
    Plafoniera led soffitto...
    79.99
Notizie che trattano Regolamento di condominio e divieto di aprire ristoranti che potrebbero interessarti


Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Regolamento condominiale - Il regolamento condominiale non dev'essere rispettato dall'inquilino se il proprietario non l'ha accettato o se non c'è uno specifico accordo

Aprire un ristorante in condominio: quali le difficoltà?

Regolamento condominiale - Chi decide di aprire un ristorante in condominio, sia esso il proprietario o il conduttore di un locale, può andare incontro a diversi problemi: come affrontarli?

Regolamento di condominio e animali, cosa dice la Cassazione

Regolamento condominiale - È usuale che nei regolamenti condominiali ci si imbatta nella clausola che recita: vietata la detenzione di animali domestici. Un'indubbia limitazione del diritto d'uso della propria unità immobiliare.

Revisione del regolamento condominiale contrattuale e assembleare

Regolamento condominiale - La revisione del regolamento condominiale segue una procedura differente a seconda dell'origine e della natura e clausole contenute nello statuto della compagine

Revisione del regolamento di condominio

Assemblea di condominio - Ogni condomino ha il diritto d'agire per la formazione e la revisione del regolamento. Nei condomini con più di dieci partecipanti l'adozione del regolamento è obbligatoria.

Lavori di ristrutturazione e consultazione del regolamento condominiale

Manutenzione condominiale - Se il condomino deve eseguire lavori di ristrutturazione della propria unità immobiliare, è bene che consulti il regolamento per conoscere eventuali divieti.

Asilo nido in condominio? Dipende dal regolamento

Regolamento condominiale - L'apertura di un asilo nido in un condominio può essere vietata da un regolamento contrattuale ed in tal caso l'amministrazione comunale non può non tenerne conto.

La trascrizione del regolamento condominiale

Regolamento condominiale - La trascrizione è un atto di pubblicità giuridica che può riguardare anche il regolamento condominiale.Che cosa accade se non si effettua?

È possibile la formazione di un regolamento condominiale giudiziale?

Regolamento condominiale - In questo articolo viene approfondita la questione relativa alla possibilità, per ogni condomino, di chiedere la formazione di un regolamento condominiale giudiziale.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img feliceroma
Buon giorno a tutti, vorrei porvi un problema: il regolamento di condominio contrattuale può essere modificato a maggioranza?...
feliceroma 05 Agosto 2017 ore 13:21 1
Img gianpaolo64
Buongiorno a Tutti.Avrei un quesito da porre ....abito in una casa dove vige un regolamento di condominio contrattuale (firmato al buio all'atto notarile) dove le spese di pulizia...
gianpaolo64 22 Febbraio 2016 ore 12:24 3