Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Recupero della High Line

A New York e' stato da poco completato il primo segmento di un parco urbano nato sulle strutture di una linea ferroviaria sopraelavata abbandonata da tempo.
30 Giugno 2010 ore 09:11 - NEWS Progettazione
recupero

La High Line di New York è stata una delle principali infrastrutture di collegamento della citta' a partire dagli anni 30, quando fu costruita nell'ambito di un ampio programma infrastrutturale pubblico-privato denominato The West Side Improvement mirato a migliorare i collegamenti ed, in particolare, ad eliminare il pericoloso passaggio a raso dei treni in quello che era il piu' grosso distretto industriale sull'isola di Manhattan.

Immagine del parco pubblico della High Line ( image source: www.dsrny.com )A partire dal 1980, anno dell'ultima corsa di treni transitata sulla linea, la High Line è stata abbandonata fino a diventare un pesante residuato dell'epoca industriale di nessuna utilità per la comunità ma oggetto di necessaria manutenzione per prevenire i rischi connessi all'incuria delle strutture; nel 1999, quando era in discussione la completa demolizione della struttura, nasce una associazione di cittadini denominata Friends of the High Line, nata con lo scopo di preservare la testimonianza storica dell'infrastruttura e provare a darle una nuova vita trasformandola in un parco pubblico.

Dopo anni di lavoro, mettendo assieme più voci ed interessi dietro questa idea di riconversione ad uso urbano, il progetto ottiene il supporto della Città di New York nell'anno 2002, sotto forma di una risoluzione del Consiglio Comunale che supporta l'idea del riuso in luogo della demolizione; negli anni successivi, uno studio effettuato da Friends of the High Line dimostra che un progetto di riutilizzo della struttura produrrebbe ricavi per la comunità, sotto forma di tassazione correlata al miglioramento urbano e alla rinascita delle aree limitrofe, tale da superare i costi di realizzazione dell'opera.

Le fasi successive, che passano attraverso ulteriori passi di natura burocratica e di gestione dei rapporti con le proprietà della struttura, convergono nel 2003, quando viene indetto un concorso di idee aperto intitolato Designing the High Line al quale parteciperanno ben 720 gruppi di progettazione provenienti da 36 nazioni diverse e che si completerà con l'assegnazione del primo premio, e dell'incarico di progettazione, al raggruppamento composto dal paesaggista James Corner Field Operations e dallo studio di architetti newyorkese Diller&Scofidio+Renfro.

La High Line prima e dopo l'intervento di riconversione ( image source: www.dsrny.com )A partire dal 2006 viene dato inizio alle operazioni di costruzione del primo tratto del parco pubblico, che va da Gansevoort Street fino alla 20th Street, fase che inizia, necessariamente, con le operazioni di rimozione dei binari e delle opere strettamente connesse al traffico ferroviario, per continuare con lavorazioni di sabbiatura e recupero della carpenteria metallica e delle opere cementizie strutturali nonché l'istallazione di attrezzature anti-piccione. Terminata questa fase, nel 2008, sono cominciai i lavori paesaggistici ed architettonici, che, per quanto riguarda la prima parte dell'opera sono stati completati nel mese di Giugno del 2009, quando è stata effettuata l'apertura al pubblico di questa prima tranche.

La particolarità del progetto è quella di aver mantenuto il tracciato dell'impalcato strutturale senza stravolgerlo con addizioni volumetriche ma utilizzandolo come traccia di un percorso che è diventato un grande boulevard pedonale sopraelevato, nel cui disegno è determinante la massiccia presenza di piantumazioni istallate secondo un attento disegno dei percorsi e un'altrettanto precisa e scrupolosa scelta delle essenze arboree.

Molta cura è stata data al sistema di pavimentazione, basato su uno schema che utilizza lastre a base cementizia di colore grigio e dal profilo rettangolare allungato, che creano un pattern molto serrato anche grazie ad un disegno di posa molto accurato; lo stesso schema di posa è servito da guida per l'istallazione delle attrezzature e degli arredi di complemento, con tratti dove le panchine sorgono dal pavimento come fossero lastre rialzate e tratti dove, invece, sono veri e propri sedili rivestiti in legno e di dimensioni generose, dove potersi sedere o stendere al sole ed anche fare merenda.

Immagine notturna del parco pubblico della High Line ( image source: www.dsrny.com )Il percorso alterna sapientemente zone con un equilibrio tra la parte pavimentata e quella piantumata a zone dove è preponderante più l'una o l'altra caratteristica, sempre tenendo presente un'attenta scelta delle piantumazioni che ha fatto selezionare ben 210 specie vegetali, scelte principalmente nelle famiglie arboree che nei 25 anni di inutilizzo si erano spontaneamente sviluppate sulla High Line, e comunque prediligendo caratteristiche di robustezza, sostenibilità, texture e variazione di colore ed organizzando l'istallazione con attenzione cronologica ai periodi delle fioriture.

In attesa del completamento della seconda parte del progetto, che dovrebbe essere pronta per il 2011, tanto i newyorkesi quanto i turisti in visita nella Grande Mela possono già godere di questo nuovo parco pubblico lineare, che dimostra una interessante strategia di riutilizzo delle infrastrutture dismesse, in grado di riqualificare intelligentemente aree urbane mortificate dall'abbandono e ridare nuova linfa alla vita sociale dei quartieri coinvolti.

Per maggiori informazioni:

www.thehighline.org

www.fieldoperations.net

www.dsrny.com

riproduzione riservata
Articolo: Recupero della High Line
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Recupero della High Line: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.183 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Recupero della High Line che potrebbero interessarti


Recupero pavimentazioni antiche

Pavimenti e rivestimenti - Le pavimentazioni antiche delle nostre abitazioni possono essere preservate anche attraverso il recupero del materiale poi preparato per una nuova predisposizione.

Recupero di un cancello scorrevole

Ristrutturazione - Un intervento di recupero ed ampliamento di un vecchio cancello scorrevole.

Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali a favore dell'unico proprietario di un edificio per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni delle varie unità immobiliari.

Il bonus facciate esclude il bonus mobili

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A fronte di lavori sula facciata di un edificio si godrà anche del bonus mobili solo se gli interventi si fanno rientrare tra quelli di recupero del patrimonio edilizio

Cementina

Materiali edili - Tra le varie tipologie di rivestimenti per pareti e pavimenti, da qualche anno sono tornate in voga le cementine, di recupero o a imitazione delle originali.

Recupero di infissi deteriorati

Infissi - Come recuperare gli infissi esterni deteriorati.

Recupero di una vecchia pavimentazione esterna

Ristrutturazione - Una semplice procedura per recuperare una vecchia pavimentazione.

Detrazioni 65% e 50% per recupero di sottotetto

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali lavori eseguiti per il recupero di un sottotetto possono beneficiare della detrazione sul risparmio energetico (65%) o per le ristrutturazioni edilizie (50%)?

Ecomondo 2009

Arredamento - Ecomondo va in scena alla fiera di Rimini dal 28 al 31 ottobre. La tredicesima Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img cera
Buongiorno,Il precedente proprietario della mia casa aveva fatto pratica di recupero sottotetto e progetto nuziale (legge 10/91) prevedeva installazione pompa calore per acqua...
cera 27 Aprile 2021 ore 16:12 5
Img stefaniatosi
Ciao a tutti,ho una domanda:Avevo presentato un progetto in comune per il recupero del sottotetto con rialzo dello stesso di circa 150 cm per avere l'altezza ponderale di 240 (il...
stefaniatosi 30 Marzo 2021 ore 20:11 2
Img luigipacelli
Salve, sono nuovo sul forum e spero di non aver sbagliato sezione... Mi presento, mi chiamo Luigi, e scrivo da Caserta (Campania).Vi spiego cosa mi è capitato sperando in...
luigipacelli 03 Marzo 2021 ore 17:47 1
Img ntony
Buongiorno a tutti, sto cercando di capire se è possibile in base alla legge in oggetto sia possibile rendere abitabile un vano al piano terra della mia villetta...
ntony 04 Gennaio 2021 ore 16:40 7
Img nhio
Ciao a tutti, sto valutando l'acquisto di una casa che ha una soffitta sottotetto completamente a rustico (si accede tramite botola) e ha un paio di finestre Velux e soffitto con...
nhio 12 Settembre 2020 ore 12:27 6