• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Rivestimento bagno in resina: vantaggi e svantaggi

La resina come tipologia di rivestimento in bagno è un materiale scelto sempre più spesso sia per le pareti che per il pavimento, ma presenta dei pro e contro
Pubblicato il

Bagni in resina per uno stile contemporaneo


Il rivestimento in resina inizialmente veniva utilizzato esclusivamente per realizzare pavimentazioni industriali o in ambienti di uso pubblico, ma in tempi recenti ha trovato ampia diffusione nell'interior design, specie nello stile minimal e contemporaneo.
La peculiarità di questo materiale è la sua versatilità nel rivestire pareti e pavimenti in maniera continua, senza la presenza di fughe, facilitandone la manutenzione.

Il rivestimento bagno resina è divenuto un vero e proprio boom del trend bagno moderno, utilizzato sia per le pareti che per il pavimento, utilizzato in particolar modo in appartamenti e case arredate in stile contemporaneo e industriale.

Come per tutti i rivestimenti tuttavia è bene fare delle attente valutazioni prima della scelta. Vediamo quindi di seguito quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo materiale.


Caratteristiche della resina come rivestimento


Prima di valutare i pro e contro della resina come materiale di rivestimento dei bagni vediamo cosa si intende per resina.

La resina utilizzata in edilizia non è naturalmente un prodotto vegetale ma è un composto sintetico, dalla consistenza viscosa, in grado di solidificarsi a caldo o a freddo.


Vi sono diverse tipologie di resina, quelle più diffuse sono:

  • la resina cementizia: ideale per le pavimentazioni, resistente all'umidità e all'azione meccanica;

  • la resina epossidica: adatta anche per le pareti e per l'arredamento, quella autolivellante è la più utilizzata in ambito edilizio, ricoprendo in maniera perfetta tutta la superficie a pavimento;

  • la resina acrilica: in forma liquida, autolivellante, di facile applicazione, perfetta per bagni e ambienti umidi;

  • la resina metacrilata: rispetto alle altre tipologie ha il vantaggio della rapidità di essiccazione. Una volta stesa, è sufficiente circa un'ora per arrivare alla completa asciugatura. Inoltre ha un'elevata resistenza anche alle temperature più basse.


Vantaggi e svantaggi di un bagno in resina


L'utilizzo della resina come materiale di rivestimento è incrementato esponenzialmente nelle abitazioni private, in particolar modo all'interno dei bagni.

Vediamo di seguito quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo prodotto per una scelta consapevole:

Resina: applicazione a pavimentoResina: applicazione a pavimento

Vantaggi

  • elevata resistenza e durabilità nel tempo;

  • resistenza all'acqua: la resina infatti è un materiale impermeabile, resistente alle muffe e può essere utilizzata anche per il rinterno della doccia o vasca da bagno;

  • versatilità: la resina è un materiale duttile, disponibile in tantissimi colori ed effetti materici, consentendone la personalizzazione e l'integrazione con diversi stili di arredo;

  • facilità di manutenzione: non presentando fughe, la superficie continua si pulisce facilmente utilizzando acqua e detergenti neutri;

  • facilità di posa: adatta per le ristrutturazioni, la resina può essere posata direttamente sul pavimento esistente, uniformando la superficie, senza intervenire su porte e infissi;

  • costo abbastanza contenuto: la resina è un materiale economico e in caso di rinnovo dell'esistente consente di abbattere i costi relativi allo smaltimento del vecchio rivestimento. Il costo può variare dai 50 ai 150 € al metro quadro.
    Nel caso di resine autolivellanti il costo può essere più elevato.


Svantaggi

  • possibili variazioni cromatiche: la resina, se esposta ai raggi UV, può essere soggetta a sbiadimenti di colore o a ingiallimenti. Per ovviare a questo problema si possono adoperare prodotti specifici per la manutenzione oppure optare per le resine cementizie, che non subiscono alterazioni;

  • si può crepare e danneggiare: con l'usura e il calpestio la resina a lungo andare potrebbe fessurarsi e graffiarsi, anche con la caduta accidentale di oggetti pesanti;

  • potenzialmente tossica: alcune tipologie di resina potrebbero essere pericolose per la salute, a causa di emissione di VOC (Composti Organici Volatili).
    Si consiglia di scegliere una resina a base acrilica e non epossidica, senza solventi.


Rinnovare il bagno con la resina


In poco tempo e senza demolizioni, ristrutturare bagno con resina può essere il giusto intervento.

La resina è un materiale straordinario che può essere applicato sulle pareti, sui pavimenti e anche sui mobili, trasformando l'estetica con un look moderno.

Il pavimento in resina è un tipo di pavimentazione liquida che si applica direttamente sulla vecchia pavimentazione, trasformando il bagno senza il disagio e i costi di demolizione.

I pavimenti in resina sono resistenti nel medio-lungo periodo e di facile manutenzione, garantendo un'igiene impeccabile.

Rivestimento bagno in resina - GobbettoRivestimento bagno in resina - Gobbetto

La resina ha inoltre la peculiarità di poter essere colorata in un'infinità di tonalità differenti, addirittura ottenendo effetti particolari come la tridimensionalità.

Esistono anche delle resine particolari, come la resina effetto marmo o quella effetto legno, risparmiando così sulle materie prime.

L'azienda Gobbetto Srl è specializzata nella produzione delle migliori resine italiane brevettate, frutto di continua sperimentazione e di innovazione tecnologica, al servizio dell'architettura e del design.

La linea DEGA, nelle sue declinazioni, implementa gli ambiti applicativi della resina, accelerando l'ingresso di questo materiale innovativo nell'uso residenziale e nell'interior design, per la realizzazione di pavimentazioni e superfici personalizzate.


Rivestimento doccia in resina


In alternativa alle classiche piastrelle, il rivestimento resina, grazie alle straordinarie capacità di impermeabilità di questo materiale può essere utilizzato anche all'interno della doccia.

La resina è idrorepellente, quindi consente lo scivolamento di grandi quantità di acqua e di umidità senza creare macchie o muffe sulla superficie.

L'applicazione della resina nel rivestimento della doccia è molto veloce e pratica: senza rimuovere le vecchie piastrelle basterà applicare la resina al di sopra, scegliendola tra le varie tipologie, colori e gradi di densità.

Rinnovo bagno con resina - KROMAXRinnovo bagno con resina - KROMAX

Il procedimento consiste nelle seguenti fasi:

  • riempimento delle fughe tra le piastrelle con dello stucco, in modo da ottenere una superficie omogenea;

  • dopo l'asciugatura, carteggiare per levigare tutta la superficie;

  • pulire la superficie per eliminare residui di stucco e polvere;

  • applicare un primer in resina per far aderire meglio il rivestimento;

  • dopo 48 ore si applica la resina poliuretanica brillante e colorata, diluita con acqua, mediante un rullo, una spatola o con macchinari più sofisticati.

Con pochi passaggi, senza demolizioni, nè polveri e calcinacci, è possibile ottenere un bagno nuovo e moderno.


Resine decorative per il rivestimento bagno


L'azienda Kromax propone resine ad acqua che possono essere acquistate ed applicate direttamente anche da personale non specializzato.

Queste resine ecologiche sono idonee per rivestire pavimenti e pareti in ogni stile architettonico.

Resine decorative rivestimento bagno - KROMAXResine decorative rivestimento bagno - KROMAX

L'applicazione può essere eseguita direttamente su piastrelle, cemento, legno e cartongesso. Lo spessore totale è di 2-3 mm, gli effetti e i colori sono personalizzabili.

La superficie è monolitica, quindi priva di fughe ed è totalmente impermeabile.
L'effetto più diffuso e più elegante che si può ottenere con la resina è senz'altro quello spatolato, utilizzando il prodotto Dekormax.

Se si desidera ottenere un aspetto più rustico, si può creare un effetto nuvolato, utilizzando il prodotto Akuaflat semi coprente ad effetto velante in una tonalità più scura del fondo.

Stendere infine due mani a rullo di resina ad acqua trasparente Floortex Hydro.

riproduzione riservata
Realizzare un bagno in resina pro e contro
Valutazione: 5.92 / 6 basato su 13 voti.
gnews

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.779 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img perima87
Ciao a tutti, ho da poco ristrutturato casa ed il mio architetto ha spinto a tutti costi per fare i bagni in resina.In particolare uno dei due, quello con la doccia, ha il...
perima87 19 Luglio 2022 ore 12:52 8
Img zaxx
A breve farò il rogito per l'acquisto di una casa dove c'è un bagno in resina di colore rosa cipria e pavimento rosso fuoco.Essendo io un maschietto vorrei cambiare...
zaxx 15 Giugno 2016 ore 08:49 1
Img zaxx
Buongiorno,sto per acquistare un appartamento dove c'è un bagno in resina.È di colore rosa acceso e vorrei proprio cambiare il colore. Considerato che è in...
zaxx 04 Dicembre 2015 ore 12:39 3