• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

La rata del mutuo variabile è raddoppiata: cosa si può fare?

In 2 anni, le rate dei mutui a tasso variabile sono raddoppiate, e i tassi sono ancora in rialzo. Quali le soluzioni per porre freno a questa pesante situazione?
Pubblicato il

Mutuo tasso variabile: conviene la surroga al tasso fisso?


Per chi ha in essere un mutuo a tasso variabile la situazione si fa sempre più grigia.

La BCE ha aumentato di ulteriori 50 centesimi il costo del denaro.

Ciò, oltre a rendere sempre più difficile e preoccupante la situazione di chi ha in corso un mutuo a tasso variabile, rischia di avere pesanti ripercussioni anche sul mercato immobiliare.

Mutuo tasso variabile: l'Euribor sfiora il 3%
Lo scorso lunedì 6 marzo, l'Euribor, il parametro usato per indicizzare il costo dei mutui variabili, ha toccato il 2,92% (tasso trimestrale). Si è così allineato all'attuale valore del tasso BCE che, attualmente, è al 3%.

È facile dunque presagire che, tra la fine di marzo e la prima metà di aprile, aumenterà di 50 centesimi. Questo perché, da luglio 2022, momento in cui il tasso BCE ha abbandonato quota zero, l'Euribor ha replicato il suo andamento.


Quanto aumenteranno ancora i mutui a tasso variabile?


Ma cosa significa, in pratica, tutto questo sulle rate del mutuo?

Di fatto, un aumento dell'Euribor di 50 centesimi corrisponde, più o meno, a 40 euro al mese in piùper ogni 100.000 euro di capitale in prestito.

In molti, nei mesi scorsi, presi dal panico, hanno rinegoziato il muto a tasso variabile in uno a tasso fisso.


Non tutti però si sono mossi in tal senso. Vediamo allora come si prospetta il futuro prossimo per i mutui con tasso variabile.

L'aumento delle rate dipende dalla durata residua del mutuo e dal tasso d'interesse iniziale
Facendo un esempio pratico, prendiamo il caso di prestiti da 200.000 euro, a 20 e 30 anni, tutti stipulati sulla base di un tasso calcolato sulla media mensile dell'Euribor 3 mesi con spread all'1,30% (a 20 anni) e all'1,50% (a 30 anni).

Nel caso di prestito ventennale stipulato 10 anni fa, rispetto ad un rata iniziale di 899,00 euro, oggi, con debito residuo pari a 181.357 euro, la rata ammonta a 1.508,00 euro.

Nel caso invece di un mutuo a tasso variabile con durata di 30 anni, sottoscritto nel 2018, con attuale debito residuo di 188.400 euro, l'iniziale rata di 641,00 euro, sale oggi a 1.273,00. Praticamente il doppio!

L'entità degli aumenti dipende fondamentalmente da 2 fattori: la durata residua del mutuo e il tasso iniziale. In pratica, più è basso il tasso di partenza e più rate mancano da pagare, e maggiore è l'incremento della rata.


Quando scenderanno i tassi dei mutui variabili?


Ben difficile fare previsioni. Anzi, la situazione attuale non fa pensare a un cambio di rotta repentino.

Come già detto, lo scorso 6 marzo, l'Eurirs a 20 anni, ovvero il parametro ritenuto il benchmark per il calcolo dei mutui fissi, si è posizionato di poco al di sopra del 3%.

Tuttavia, questo indicatore ha una estrema volatilità, e questo non consente di fare previsioni attendibili.

Tasso d'interesse mutui variabili: difficile fare previsioni
Allo stato attuale delle cose, i mutui a tasso fisso e i mutui a tasso variabile vengono offerti, teoricamente, a condizioni del tutto simili.

Con grande probabilità, però, tra alcune settimane i tassi dei mutui variabili aumenteranno di nuovo, e senza fermare la loro corsa.

Christine Lagarde, ha infatti fatto chiaramente capire che, se l'inflazione di fondo non si raffredderà, la politica scelta dall'Istituto centrale si farà ancora più stringente e restrittiva.


Cosa conviene scegliere tra tasso fisso e variabile


In un contesto come quello attuale, è chiaro che per chi si appresta ad acquistare casa ricorrendo a un finanziamento, la scelta di un mutuo a tasso fisso pare la più ovvia e ragionevole, oltre che la più sicura.

Tuttavia, la scelta di un mutuo a tasso fisso potrebbe essere una buona idea solo teoricamente.

Come già detto, infatti, è ben difficile fare previsioni e, pertanto, nessuno può dire oggi con certezza per quanto tempo ancora il costo del denaro sarà alto e fino a quando durerà l'inflazione.

Prima o poi, però, l'inflazione tornerà al 2%, ovvero al livello ritenuto fisiologico dalla BCE. E sarà allora che i tassi cominceranno a scendere e chi ha stipulato un mutuo a tasso fisso procederà con la surroga.

Ben consapevoli di questo fatto che si concretizzerà in un futuro, più o meno prossimo che sia, le banche stanno applicando una stretta sulle concessioni dei mutui fissi, specie per quelli di durata ultra ventennale.

Gli Istituti di credito, infatti, non hanno alcun interesse a concedere oggi dei finanziamenti che, con una certezza quasi matematica, verranno poi surrogati.


Cosa fare se si ha il mutuo a tasso variabile?


Tornando ad oggi, vediamo quali soluzioni sono a disposizione di chi ha in essere un mutuo a tasso variabile e vuole uscire da questa situazione assai critica e che, mese dopo mese, si fa sempre più pesante.

La soluzione più ovvia da poter attuare, proposta tra l'altro anche da Christine Lagarde, è la rinegoziazione del mutuo con il proprio istituto di credito.

Con la propria banca, è infatti possibile modificare vari parametri quali: il tipo di tasso, la durata residua del mutuo e le modalità di ammortamento del capitale.

LA rinegoziazione del mutuo può essere la soluzione migliore ma purtroppo le banche non la concedono a tutti
In teoria questa sarebbe la soluzione più semplice ma, dal canto loro, le banche non hanno alcun interesse ad aumentare la massa dei crediti in sofferenza.

Ad ogni modo, si potrebbe obbligare le banche a concedere il passaggio da tasso variabile a quello fisso a determinate condizioni, come: se si tratta di prima casa, se si ha un ISEE che non supera i 35.000 euro e se si è sempre stati puntuali nei pagamenti e non si è mai ritardato il pagamento neppure di una rata.

Comunque sia, ad oggi, il tasso fisso supera il 4%.

riproduzione riservata
Rata mutuo variabile raddoppiata, cosa conviene fare?
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.946 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img elisa000
Ciao a tutti, vi spiego:faccio un annuncio fb di ricerca casa, mi contatta una persona dicendo che ha una casa in vendita (mi da maggiori dettagli e foto) e che la vende per...
elisa000 14 Marzo 2023 ore 09:02 7
Img violas
Buongiorno a tutti, mi chiamo Viola e avrei bisogno di alcune delucidazioni.Sto per rogitare la mia prima casa. Il mutuo e l'intestazione della casa è soltanto a nome mio...
violas 09 Agosto 2022 ore 16:12 4
Img mariano piras
Salve, ho effettuato proposta di acquisto (accettata) per appartamento in condominio anni 60 da ristrutturare.La proprietà ha condiviso la planimetria catastale in formato...
mariano piras 28 Novembre 2021 ore 16:25 2
Img giuseppe.pegasus
Ciao, mi servirebbe una dritta per la situazione che mi si va prospettando.Possiedo come prima casa un appartamento di proprietà al 50% con mia moglie. Stiamo valutando...
giuseppe.pegasus 27 Aprile 2018 ore 19:15 2