Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Quadri elettrici: cosa sono e come vengono regolamentati

Un quadro elettrico è una parte di un impianto elettrico che alimenta prese, luci e tutto quanto necessario all’interno di un’abitazione o un ufficio, ad esempio
- NEWS Impianti elettrici

Cos'è un quadro elettrico


Un quadro elettrico casa, ad esempio, è una parte di un impianto elettrico che alimenta prese, luci e tutto quanto necessario all’interno di un’abitazione, un ufficio, un negozio o aziende.

Esso può essere installato sia all’interno delle abitazioni che all’esterno, solitamente quelli da esterno rientrano nella fattispecie dei cabinati.
Ovvero, grossi quadri destinati ad alimentare industrie, per tutte le altre tipologie, si ricorre a quadri elettrici interni.


Quadro industriale

Quadro industriale

Quadro industriale
Moduli quadro elettrico

Moduli quadro elettrico

Moduli quadro elettrico
Quadro elettrico industriale

Quadro elettrico industriale

Quadro elettrico industriale

I quadri elettrici, avendo la funzione di distribuire l’energia all’ambiente in cui è installato, possono essere di diverse tipologie.

Tuttavia, i dispositivi presenti all’interno degli stessi sono quasi sempre uguali; a cambiare è la quantità. In ogni quadro è possibile trovare un interruttore generale, che solitamente viene chiamato sezionatore, da interruttori magnetotermici e dal salvavita, chiamato anche differenziale elettrico.

Inoltre, ogni quadro elettrico ha la necessità di essere accompagnato da una serie di documenti, volti ad attestare la corretta installazione, il corretto funzionamento e facilitare le procedure di manutenzione da soggetti terzi.


Quadro elettrico: a cosa serve


Un quadro elettrico ha diverse funzioni; oltre a quella di alimentare i circuiti, alimenta anche luci, prese e tutto quando presente in un luogo. Inoltre, è in grado di interrompere l’intero circuito in caso di pericolo, di sovraccarico o cortocircuito.

Tuttavia, elemento fondamentale è la manutenzione dei quadri, essendo strumenti indispensabili ma anche pericolosi in caso di guasti, è buona regola eseguirli regolarmente. Questo permetterà di evitare danni, più o meno gravi, e avere un impianto che garantisce sempre le massime prestazioni.

Quadro elettrico casa
Questo è importante alla luce del carico eccessivo dovuto alle nuove tecnologie. Infatti, tendiamo ad avere molti accessori sempre connessi: un numero elevato di televisioni o computer, ad esempio, oppure prodotti come gli assistenti vocali e accessori a essi collegati.



Pertanto, sarebbe buona norma verificare il funzionamento del quadro elettrico e dell’impianto periodicamente.

Si può effettuare un primo tentativo in autonomia, basterà premere il tasto T presente nel quadro elettrico e notare i tempi di risposta dell’interruzione di corrente. Se è immediata, tutto funziona correttamente, in caso contrario avremmo bisogno di un tecnico specializzato.


Le norme applicabili a un quadro elettrico casa


Tali documentazioni risultano obbligatorie e rientrano tutte nella normativa, riformata e redatta nel 2011, CEI EN 61439. Tuttavia ne esistono delle altre, come la CEI EN 60204-1. In generale, riguardano quadri in bassa tenzione e quadri industriali.

La prima, quella generale, fa riferimento ai quadri elettrici in Bassa Tensione; la seconda stabilisce le linee guida da rispettare per l’equipaggiamento elettrico macchine. Entrambe, rimarrano applicabili fino al 2024.

Tali norme regolano le specifiche di varie tipologie di quadri,come quelli di potenza, di distribuzione e di cantiere.

Interno quadro elettrico
Bisogna specificare che tale normativa ha sostituito la precedente normativa, CEI 60439, solamente nella parte riguardante la classificazione.

Difatti, nella precedente vi era la distinzione di due tipologie di quadri.
Oggi questa classificazione non è più presente. All’interno di tale normativa, inoltre, vi è l’obbligo della Dichiarazione di Conformità, che va a verificare il corretto funzionamento dei carichi elettrici inseriti.

L’obbligo di tale certificazione spetta sia al costruttore originale, che attesta la corretta manifattura, sia alla società che installa il tutto all’interno dell’ambiente.


Quadro elettrico: i documenti fondamentali


Ogni quadro elettrico deve essere corredato sia di targa, che di istruzioni e schema impianto elettrico casa. Sulla targa devono essere riportate in modo permanente tutte le informazioni riferite al quadro:

  • il nome del costruttore;

  • il numero identificativo;

  • la data di costruzione;

  • la normativa in vigore.

Ulteriori indicazioni devono essere fornite nella documentazione allegata e nelle istruzioni di utilizzo.

Tali informazioni aggiuntive, volte al corretto funzionamento e installazione dei quadri elettrici, riguarderanno la tensione nominale, la tensione dei circuiti, la configurazione, la tipologia di costruzione, ecc.

Tutta questa documentazione dovrà essere rispettata dall’installatore e dovrà essere allegata all’interno della Certificazione finale che verrà rilasciata alla committenza.

Schema quadro elettrico
Tuttavia, esistono altre tipologie di documenti, come quella relativa al corretto trasporto, per la corretta installazione, piuttosto che quelle relativa alla messa in esercizio dell’impianto.

Bisogna tenere a mente che tutte queste indicazioni sono fondamentali per far si che l’opera venga realizzata a regola d’arte, considerando che il quadro elettrico è una delle parti fondamentali di un ambiente, sia esso casa che azienda.


Quadro elettrico: dalla fase progettuale alla messa in pratica


Ogni quadro elettrico deve essere ben calibrato e lo si fa durante la fase progettuale che, tramite applicativi come AEG o AutoDesk, viene calibrata, nei minimi dettagli, quella che deve essere la porta dei carichi della corrente per una corretta distribuzione.

Questo serve a evitare sbalzi, scatti del quadro o malfunzionamenti che possono provocare seri danni.

Tutto ciò deve avvenire tramite una serie di procedure. Ad esempio, le verifiche di progetto devono essere eseguite in base a quanto conferito nella norma vigente e consistono in:

  • calcoli,
  • misurazioni elettrice,
  • prove digitali,
  • prove analogiche volte alla certificazione dello schema elettrico.


Moduli quadro elettrico
A questa fase seguirà la messa in opera dell’intero quadro, l’installatore avrà l’obbligo di rispettare al dettaglio i calcoli precedentemente eseguiti e, successivamente alle varie prove di messa in esercizio, dovrà attestarne il corretto funzionamento, precisando la compatibilità elettromagnetica, il funzionamento a pieno carico e l’assenza di cali di potenza.

A tal proposito, dovrà assumersi la responsabilità sull’installazione dell’opera e risponderne qualora il quadro non dovesse funzionare a seguito dell’installazione.

riproduzione riservata
Articolo: Quadro elettrico casa
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Quadro elettrico casa: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
338.867 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Quadro elettrico casa che potrebbero interessarti


Documenti quadri elettrici

Impianti - Lo schema elettrico di un quadro costituisce il primo documento di riferimento. Esso deve essere realizzato prima della costruzione del quadro ed aggiornato dopo.

CEI 64-8 V3 Impianti Residenziali

Normative - Da Settembre 2011 e' in vigore la variante V3 alla Norma tecnica CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1.000 V in corrente alternata e a 1.500 V in corrente continua.

In arrivo il bonus per ristrutturare gli impianti elettrici in condominio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dal 1° gennaio 2020 i condomini che intendono ristrutturare vecchi impianti elettrici potranno fruire di un contributo fino a 1200 euro. È quanto previsto da Arera

Cercare guasto impianto elelttrico

Impianti - L'intervento delle protezioni automatiche in un impianto elettrico può essere provocata dalla presenza di un guasto all'impianto stesso o ad un'apparecchiatura.

Numero Circuiti Elettrici in Casa

Impianti - La distribuzione di circuiti elettrici minimi è in funzione dei livelli prestazionali e dei metri quadrati degli appartamenti.

Termografia, parte 2

Impianti - In Germania, ad Amburgo, a Settembre 2011 una conference tematica specialistica sulla termografia detterà le linee guida per uno standard europeo in materia.

Contenitori elettrici protetti anche all'esterno

Impianti elettrici - I contenitori elettrici stagni sono pensati e prodotti per assicurare un elevato grado di protezione anche all'esterno, in presenza di acqua e umidità in giardino

Verifiche impianti elettrici

Impianti - Rispetto agli anni passati le norme per la realizzazione degli impianti tecnologici, danno indicazioni precise frenando spesso le iniziative degli installatori.

Carichi Elettrici in Casa

Impianti - Qualsiasi apparecchiatura collegata ad un impianto elettrico, dalla quale trae alimentazione per il suo funzionamento, è considerata un carico elettrico.