Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

In che modo eseguire una perfetta protezione delle coperture piane

NEWS Pavimenti e rivestimenti14 Maggio 2019 ore 17:31
Le coperture piane devono essere realizzate nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di impermeabilizzazione e con i prodotti adeguati allo scopo.

Copertura piana e tetto a terrazzo


La copertura piana è un elemento fondamentale di un fabbricato e va realizzato nel pieno rispetto delle norme vigenti, onde evitare spiacevoli incidenti che possono seriamente compromettere il buon funzionamento del solaio esterno e di conseguenza dell'intero edificio.


Schlüter®-troba plus G

Schlüter®-troba plus G

Schlüter®-troba plus G
Tetto a terrazzo

Tetto a terrazzo

Tetto a terrazzo
Protezione coperture piane

Protezione coperture piane

Protezione coperture piane
Guaina Schlüter®-troba Plus

Guaina Schlüter®-troba Plus

Guaina Schlüter®-troba Plus

Quando l'impermeabilizzazione del tetto piano, non costituisce l’ultimo strato di copertura , ma funge bensì da sottofondo per la pavimentazione, allora si parla tecnicamente di tetto a terrazzo.

Questa tipologia di copertura praticabile, richiede una corretta progettazione e la messa in opera di un sistema costruttivo a pacchetto, noto come tetto piano stratificato,  al fine di scongiurare i rischi più gravi e diffusi.


La copertura piana e le problematiche ad essa associate


La maggior parte delle problematiche su coperture piane calpestabili è riconducibile ad acqua stagnante nel massetto, a dilatazioni termiche dei diversi materiali non compensate e a colle non correttamente andate in presa. Analizziamo di seguito i singoli problemi e le possibili soluzioni costruttive.


Acqua stagnante in un tetto a terrazzo: la corretta stratigrafia delle coperture piane


È ancora prassi diffusa, per la realizzazione di un tetto a terrazzo, quella di stendere un massetto direttamente sullo strato di tenuta con l’inserimento solo di un semplice nylon di scivolamento, facendo seguire l'operazione dalla successiva posa a colla di un pavimento in ceramica.

In questo modo ci si imbatte in una serie di rischi che possono compromettere il giusto funzionamento della copertura piana. In particolare la possibile formazione di acqua stagnante tra massetto, telo e guaina, questo perché si altera la pendenza del tetto, con il rischio della formazione del temuto Eisbeton durante la stagione invernale, ed i movimenti tra i singoli strati ognuno con un differente coefficiente di dilatazione, possono nel tempo ledere l'elemento di tenuta e causare un lento indebolimento della parte inferiore del massetto.

È buona norma, invece, realizzare tra massetto e guaina, uno strato ulteriore con funzione di protezione e drenaggio. Ciò consente il libero deflusso delle acque sotto il massetto e la protezione della guaina da danni meccanici, sia nella fase di posa in opera del massetto sia successivamente, come si può notare dalla stratigrafia del solaio di copertura qui di seguito.

Coperture piane: sezione guaina Schlüter®-TROBA-PLUS
Una soluzione efficace e garantita nel tempo è la guaina Schlüter®-TROBA-PLUS si tratta di un sistema di impermeabilizzazione coperture piane, la cui applicazione risulta peraltro davvero semplice e veloce: basta srotolare la guaina, senza alcun fissaggio meccanico e senza colla. Lo strato inferiore di Schlüter®-TROBA-PLUS, in robusto materiale plastico, protegge l’impermeabilizzazione da danni meccanici.

Il massetto andrà invece a poggiare su una struttura di protusioni tronco-coniche ricoperta da uno strato filtrante che lo mantiene sospeso rispetto allo strato di tenuta sottostante, garantendo un perfetto drenaggio dell'umidità di infiltrazione e di condensa che si potrebbe creare nel massetto.


Copertura piana calpestabile e distacco delle piastrelle


È importante che la posa delle piastrelle ceramiche, in un tetto piano calpestabile, non avvenga direttamente su un massetto realizzato in esterno, dunque sottoposto a importanti dilatazioni termiche. Questo, per evitare la creazione di tensioni orizzontali, primo tassello per la formazione di fratture nella superficie del manto ceramico e di un suo graduale distacco.

Oltretutto, nel corso delle ore più calde della giornata, l’umiditànel massetto può creare una rapida formazione di vapor acqueo verso l’estradosso, la cui pressione può compromettere l’adesione di un eventuale strato di ceramica o di pietra naturale posato a colla sul massetto. Ciò comporterebbe il distacco delle piastrelle o la formazione di crepe nella copertura estradosso.

Tetto a terrazzo: posa in opera di Schlüter®-DITRA-DRAIN 4
In caso di copertura piana con strato di drenaggio sottomassetto, realizzato con guaina Schlüter®-TROBA-PLUS, per evitare di incorrere in questa problematica, si consiglia di utilizzare la membrana Schlüter®-DITRA-DRAIN 4, la cui posa in opera prevede il semplice incollaggio con una tradizionale colla per ceramica sul massetto, prima della posa delle piastrelle.

La membrana davvero performante assolve a diverse specifiche funzioni:

- consente lo sfogo della pressione di vapore derivante dal massetto fresco
- svolge la funzione di separazione tra massetto e pavimentazione ceramica, garantendo l’assenza di crepe e prevenendo distacchi di superficie.
- crea uno strato di microventilazione che favorisce la corretta stagionatura della colla.

A trarre il principale vantaggio dall'installazione di Schlüter®-DITRA-DRAIN 4 è il massetto, in quanto, potendo applicare la membrana già solo dopo due o tre giorni dalla sua realizzazione, quindi non appena calpestabile, al massetto è garantita una stagionatura lenta e omogenea.
La membrana consente un'adeguata aerazione, auspicabile, riducendo il rischio del curling e impedendo la risalita di efflorescenze nelle fughe.


Tetti piani: la normativa vigente


Nella maggior parte dei Paesi Europei è ben diffusa la pratica di evitare che il massetto nel tetto calpestabile piano, sia semplicemente appoggiato sulla guaina, oltre che la sostituzione del classico telo di scivolamento, a dire il vero poco prestante, con un vero e proprio strato di drenaggio e di protezione. In Italia, la normativa relativa alle coperture continue, la ben nota UNI 8627-8178, lo raccomanda da anni ed ora, con la recente revisione, lo prevede obbligatoriamente anche la UNI 11493.

La multinazionale Tedesca Schlüter-Systems è tra i promotori di questo tipo di stratigrafia che salvaguarda sia l’elemento di tenuta sia l’integrità della superficie ceramica sovrastante.


Copertura tetto piano, i sistemi di protezione: caratteristiche e posa in opera di Schlüter®-TROBA


Schlüter®-TROBA è costituita da un foglio in polietilene indeformabile, con una struttura trapezoidale con cavità profonde 8 mm e fori di drenaggio per consentire il passaggio dell’acqua di infiltrazione. La guaina appoggia sul supporto sottostante per circa il 50% della sua superficie, il restante 50% costituisce le cavità di drenaggio. Il materiale mantiene inalterate le sue caratteristiche in un intervallo di temperatura compreso tra i -40°C e i +80°C.

Protezione coperture piane: posa in opera di Schlüter®-TROBA
Questa speciale guaina è utilizzata al di sopra di guaine impermeabilizzanti, fungendo da sistema drenante. Il suo impiego è particolarmente indicato su terrazzi e balconi già impermeabilizzati.
È resistente alle sollecitazioni meccaniche anche durante le fasi di posa, dove il passaggio di carriole e addetti ai lavori risulta inevitabile. Sulla guaina Schlüter®-TROBA possono essere posate lastre autoportanti o porfidi, interponendo un letto di ghiaia o pietrisco o piedini di appoggio, garantendo una perfetta protezione dall'impermeabilizzazione.


L’acqua, che attraversa lo strato soprastante la guaina, viene drenata e fatta defluire attraverso le cavità nella parte inferiore della guaina, in direzione dei fronti aperti o degli scarichi.

I sistemi Schlüter-Systems sono estremamente veloci, dunque, economici da posare: la guaina Schlüter®-TROBA-PLUS va solo srotolata e dopo pochi giorni dalla la stesura del massetto, si effettua la successiva posa di Schlüter®-DITRA-DRAIN e del manto ceramico, con una colla tradizionale per ceramica e in uno solo procedimento per evitare rallentamenti nei lavori di cantiere.

riproduzione riservata
Articolo: Coperture piane come proteggerle
Valutazione: 5.92 / 6 basato su 13 voti.

Coperture piane come proteggerle: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.202 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pannelli Isover SUPERBAC Roofine G3 e N Roofine G3
    Pannelli isover superbac roofine...
    11.94
  • Impermeabilizzante liquido per superfici terrazzate e balconate - AQUASCUD 420-430
    Impermeabilizzante liquido per...
    4.98
  • Membrana bituminosa autoadesiva granigliata
    Membrana bituminosa autoadesiva...
    33.05
  • Guaina liquida impermeabilizzante Elaver Plus
    Guaina liquida impermeabilizzante...
    34.78
  • Cera neutra shabby chic
    Cera neutra shabby chic...
    19.50
  • Occhiali di sicurezza dewalt
    Occhiali di sicurezza dewalt...
    32.00
Notizie che trattano Coperture piane come proteggerle che potrebbero interessarti


L'innovazione dei tetti a falde con le tegole piane in laterizio e multistrato

Tetti e coperture - Le tegole piane sono un grande passo avanti nel mondo dei rivestimenti per tetti. Ecco alcuni modelli dal design semplice ed essenziale, adatti a ogni contesto.

Massetti e coperture solai: ecco a cosa stare attenti

Tetti e coperture - Le coperture piane degli edifici, di ogni forma e tipologia costruttiva, necessitano di un'attenta progettazione e realizzazione in termini di tecnologie costruttive.

Coperture a volta e rendimento energetico

Progettazione - L'Architettura spontanea dei paesi del Mediterraneo evidenzia l'alto valore funzionale e formale dei sistemi costruttivi del passato.

Tetti a bassa pendenza

Tetti e coperture - Il tetto a bassa pendenza è diffuso nelle zone dal clima mite. I rivestimenti in coppi e lastre metalliche rendono questo tipo di copertura bella e funzionale.

Tetti sicuri

Normative - Ripubblicazione della Norma UNI che disciplina le caratteristiche a cui devono rispondere i tetti di copertura.

Riqualificare edifici con la realizzazione di tetti verdi naturali e sintetici

Tetti e coperture - I tetti verdi portano con sè molti vantaggi per gli edifici che li ospitano e i loro abitanti, di tipo economico, ambientale ed energetico, oltre che estetico.

Forma delle coperture

Tetti e coperture - Il corretto funzionamento di una copertura ha origine dalla giusta conoscenza delle caratteristiche legate alla sua forma e geometria che ne ha guidato l'origine.

Tetto verde, cos'è e che vantaggi comporta

Progettazione - Il tetto verde, una soluzione innovativa per il benessere dell'uomo e dell'ambiente. Riduce le dispersioni termiche e contribuisce alla riduzione di CO2 nell'aria.

Isolanti per tetti caldi

Ristrutturazione - La tipologia di copertura a tetto caldo può essere perfettamente realizzata grazie all'impiego di specifici pannelli in schiuma di poliuretano espanso.