Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Proteggere la casa dal Coronavirus, i consigli dell'esperto

NEWS Pulizia casa17 Marzo 2020 ore 12:27
Intervista al Prof. Italo F. Angelillo, presidente della Siti e docente universitario, sulle accortezze da seguire per proteggere la nostra casa dal Coronavirus

Io resto a casa e la proteggo


Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 9 marzo 2020, ribattezzato Io resto a casa, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, parla chiaro: bisogna evitare ogni spostamento tranne quelli motivati da:

  • comprovate esigenze lavorative;

  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;

  • motivi di salute;

  • situazioni di necessità; tra queste, rientrano il bisogno di andare a fare la spesa o in farmacia oppure andare a trovare un genitore anziano.

Il Prof. Italo F. Angelillo, da aracneeditrice.it

Il Prof. Italo F. Angelillo, da aracneeditrice.it

Il Prof. Italo F. Angelillo, da aracneeditrice.it
Non occorre disinfettare le scarpe

Non occorre disinfettare le scarpe

Non occorre disinfettare le scarpe
Il vapore è un valido alleato, da multivaporwash.it

Il vapore è un valido alleato, da multivaporwash.it

Il vapore è un valido alleato, da multivaporwash.it
Disinfettare oggetti di uso quotidiano

Disinfettare oggetti di uso quotidiano

Disinfettare oggetti di uso quotidiano
Pulire con frequenza superfici, da sabrascleaningsevice.com

Pulire con frequenza superfici, da sabrascleaningsevice.com

Pulire con frequenza superfici, da sabrascleaningsevice.com
Separare i cibi crudi da quelli cotti, da ilfattoalimentare.it

Separare i cibi crudi da quelli cotti, da ilfattoalimentare.it

Separare i cibi crudi da quelli cotti, da ilfattoalimentare.it
Differenziare i rifiuti, da lmgratis.com

Differenziare i rifiuti, da lmgratis.com

Differenziare i rifiuti, da lmgratis.com
Gli animali non sono contagiosi

Gli animali non sono contagiosi

Gli animali non sono contagiosi
Lavarsi spesso le mani

Lavarsi spesso le mani

Lavarsi spesso le mani

In uno o più dei suddetti casi, una volta rientrati a casa , cosa fare per rendere sicuri gli ambienti domestici e proteggere chi li vive insieme a noi?

Ne parliamo con l’esperto, il Prof. Italo F. Angelillo, presidente della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) e Ordinario di Igiene nell’Università della Campania Luigi Vanvitelli.


Non serve disinfettare le scarpe


I coronavirus umani si trasmettono da una persona infetta a un’altra principalmente attraverso la saliva, tossendo, starnutendo e attraverso il contatto diretto tra individui.

È stata segnalata, sebbene come evenienza rara, la trasmissione a seguito del contatto con materiale fecale.

Non serve disinfettare le scarpe, da Etsy.com
Un esempio di contatto diretto è quello tra le mani contaminate e la bocca, il naso o gli occhi.

Le scarpe, incluse le suole, non rappresentano un veicolo dell’infezione e non sono tra gli oggetti che necessitano di disinfezione.


Il vapore è l’alleato numero uno per pulire lo zerbino


Analogamente alle scarpe, lo zerbino deve essere sottoposto alle comuni procedure di detersione per assicurare adeguati standard igienico-sanitari.

Pulire zerbino con il vapore, da puliveneta.com
Il vapore, in quanto calore allo stato umido, è in grado di ridurre la contaminazione microbica di superfici e oggetti.


Chiavi di casa, occhiali, borse: come disinfettarli


È sempre buona norma, per prevenire infezioni, anche respiratorie, lavarsi frequentemente e accuratamente le mani, dopo aver toccato oggetti e superfici potenzialmente sporchi, prima di portarle al viso, agli occhi e alla bocca.

Per gli oggetti, possono essere impiegati disinfettanti a base di ipoclorito di sodio (0.1%-0.5%), etanolo (62-71%) o perossido di idrogeno (0.5%).

Disinfettare oggetti di uso comune
Un discorso analogo vale pure per le buste e i prodotti della spesa che portiamo in casa.

La via di trasmissione da temere, ribadiamolo, è soprattutto quella respiratoria, non quella da superfici contaminate. È utile ricordare, però, l’importanza di una corretta igiene delle superfici e degli oggetti domestici riutilizzabili.

Per quanto riguarda le giacche e gli indumenti che indossiamo per le brevi e indispensabili uscite previste dal decreto Dpcm, è sufficiente il lavaggio con acqua calda e i comuni detersivi.


Superfici da disinfettare con maggiore frequenza


Le probabilità di contrarre una malattia infettiva in ambiente domestico sono basse.

Una buona pulizia delle stanze con acqua e comuni detergenti è, solitamente, sufficiente.

È importante pulire le superfici toccate più di frequente, ad esempio tavoli, maniglie, scrivanie, servizi igienici, rubinetti, lavandini.

Pulire maniglie, da cos-fer.it
Ulteriori precauzioni hanno senso solo in caso di quarantena o convivenza con persone potenzialmente esposte al virus. In questi casi, possono essere utilizzati disinfettanti contenenti alcol (etanolo) al 75% o prodotti a base di cloro (candeggina) allo 0,5 % di cloro attivo.

Per quanto concerne la pulizia dei piani della cucina, possono essere usati disinfettanti quali alcol al 70%, acqua ossigenata allo 0,5% e ipoclorito di sodio allo 0,1%.
Se le superfici sono visibilmente sporche, è necessario, prima della disinfezione, pulirle con acqua e comuni detergenti.


Accorgimenti quando si manipola il cibo


Le malattie respiratorie non si trasmettono con gli alimenti, che comunque devono essere manipolati rispettando le corrette pratiche di igiene.

È buona norma manipolare con attenzione alimenti crudi o poco cotti di origine animale (carne, pesce, uova e latte), per evitare la contaminazione crociata con alimenti già cotti o da consumare crudi.

È opportuno poi:

  •  tenere separati gli alimenti cotti da quelli crudi durante la conservazione;

  • usare dopo la cottura utensili diversi da quelli impiegati per gli alimenti crudi;

  •  lavare accuratamente le mani prima e dopo la preparazione.


Separare alimenti crudi da quelli cotti, da ilfattoalimentare.it
In cucina, è sufficiente seguire le normali regole di igiene e sicurezza per la prevenzione delle infezioni trasmissibili con gli alimenti, ricordando che i coronavirus sono sensibili alle temperature di cottura e sono inattivati a 70°C.

È raccomandato, inoltre, non condividere le stoviglie, poiché i coronavirus si trasmettono con la saliva.


Misure da adottare per i rifiuti


I rifiuti, in caso di quarantena obbligatoria, non devono essere differenziati, ma vanno chiusi con due o tre sacchetti resistenti e gli animali domestici non devono accedere nel locale in cui li riponiamo.

Differenziare i rifiuti, da media.nusgram.com
Se invece non si è positivi, la raccolta differenziata può continuare come sempre, con l’accortezza, se si è raffreddati, di smaltire i fazzoletti di carta nella raccolta indifferenziata.


Animali domestici, cosa fare


Non vi è alcuna evidenza scientifica che gli animali da compagnia, come ad esempio cani o gatti, abbiano contratto l’infezione o possano essere una fonte di infezione per l’uomo.

A scopo precauzionale, però, si suggerisce alle persone contagiate da SARS-CoV-2 di limitare il contatto con gli animali, analogamente a quanto si fa con le altre persone del nucleo familiare.

Gli animali domestici non trasmettono il Coronavirus
Dopo il contatto con gli animali, si raccomanda di praticare il lavaggio delle mani con acqua e sapone per almeno 60 secondi.

Il corretto e accurato lavaggio delle mani prevede che queste vengano bagnate con l’acqua e che venga applicata una quantità di sapone sufficiente per coprire tutta la superficie delle mani.

È necessario, quindi, massaggiarle, palmo contro palmo, con un movimento circolare e proseguire con la detersione posizionando il palmo destro sopra il dorso sinistro, intrecciando le dita tra loro e facendole scivolare le une tra le altre. Dopo aver ripetuto quest’ultima manovra invertendo la posizione delle mani, eseguire la stessa procedura posizionando le mani palmo contro palmo.

È importante pulire anche dita, pollici e polpastrelli.

Come lavarsi le mani, da icpugliano.edu.it
Posizionando il dorso delle dita contro il palmo opposto, tenendole strette tra loro ed eseguendo un movimento rotatorio si igienizzano tutte le dita, escluso il pollice, per il quale è richiesta un’ulteriore manovra, che consiste nella frizione rotazionale del pollice stretto nell’altro palmo.

Per pulire i polpastrelli, invece, è necessario aiutarsi con il palmo della mano opposta, eseguendo energicamente dei movimenti rotatori su quest’ultimo. Al termine di queste manovre, risciacquare e usare una salvietta monouso per asciugare le mani e per chiudere il rubinetto, evitando di venire a contatto con la sua superficie.

Se non fossero disponibili acqua e sapone, utilizzare un disinfettante a base di alcol (almeno al 60%) per almeno 30-40 secondi, impiegando la stessa tecnica prevista per il lavaggio delle mani con acqua e sapone.


Bambini e persone anziane in casa, come comportarsi


Un’attenzione particolare deve essere prestata nell’evitare il contatto tra i bambini e le persone anziane, soprattutto se affetti da patologie.


Tutte le fasce di età contribuiscono alla propagazione dell’infezione e gli effetti peggiori interessano gli anziani fragili.

Oltre la metà dei casi positivi, si concentra nei soggetti con più di 60 anni, oltre la metà delle persone decedute ha più di 80 anni e due terzi di queste ha tre o più patologie croniche preesistenti quali, ad esempio, diabete, malattie respiratorie croniche, cardiopatie e malattie oncologiche.


Le misure da adottare sono:

  • evitare di darsi la mano o di abbracciarsi;

  • mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro;

  • proteggere la bocca e il naso durante starnuti o colpi di tosse, ricorrendo a fazzoletti monouso o usando la piega del gomito;

  • smaltire il fazzoletto di carta in un portarifiuti da richiudere immediatamente dopo l’utilizzo.



Attenzione alle persone anziane
Infine, è importante non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani e lavarsi spesso le mani: dopo aver tossito/starnutito, prima, durante e dopo la preparazione di cibo, dopo essere andati in bagno, dopo aver toccato animali o le loro deiezioni o, più in generale, quando sono sporche.

riproduzione riservata
Articolo: Proteggere casa dal Coronavirus
Valutazione: 5.89 / 6 basato su 62 voti.

Proteggere casa dal Coronavirus: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Aldoaldi
    Aldoaldi
    2 giorni fa
    Grazie, grazie. Articolo utilissimo
    rispondi al commento
  • Angela curra’
    Angela curra’
    Mercoledì 18 Marzo 2020, alle ore 11:48
    Ottimo articolo.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
313.988 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Imbiancatura casa
    Imbiancatura casa...
    5.00
  • Imbiancare casa prezzo al mq a milano monza
    Imbiancare casa prezzo al mq a...
    4.00
  • Inferriate corazzate acciaio
    Inferriate corazzate acciaio...
    329.00
  • Zoccoli forati giardino e casa verde oliva
    Zoccoli forati giardino e casa...
    9.46
  • Adesivi murali regole della casa
    Adesivi murali regole della casa...
    18.00
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    110.72
Notizie che trattano Proteggere casa dal Coronavirus che potrebbero interessarti


Imu e Tari: possibile proroga dei tributi locali per Covid-19

Fisco casa - Imu e Tari: si ipotizza una sospensione dei termini di pagamento delle imposte sulla casa. Vediamo il piano messo a punto dal Governo con il sostegno della CdP.

Bollette e Coronavirus: le novità sul rinnovo dei bonus sociali

Normative - Spostato il termine per il rinnovo dei bonus sociali legati alle bollette di acqua luce e gas in scadenza tra il 1° marzo e il 30 aprile: ecco le novità di Arera

Covid-19: c'è la sospensione dei mutui

Mutui e assicurazioni casa - L'Italia si tinge di rosso. Si è estesa la zona rossa su tutto il territorio nazionale e mutui sospesi per tutti purché si è in regole con i pagamenti delle rate

Coronavirus paralizza Milano: rimandato anche il Salone del Mobile

Soluzioni progettuali - Tra disdette e panico da Coronavirus, Milano decide di non annullare il Salone del Mobile 2020, ma di rinviarlo a giugno, in una edizione da solstizio d'estate.

Positivo al Coronavirus, muore il grande architetto Vittorio Gregotti

Architettura - Il coronavirus continua la sua avanzata. Ed è lutto nel mondo della cultura con la recente scomparsa, a 92 anni, del grande architetto Vittorio Gregotti.

I protocolli del Ministero: come pulire, igienizzare case e uffici per tenere lontano virus e batteri

Pulizia casa - Per evitare il rischio contagio Coronavirus è bene pulire con cura e disinfettare gli ambienti domestici e lavorativi. Ecco quali prodotti usare senza esagerare

Condominio ai tempi del Coronavirus: come comportarsi

Regolamento condominiale - Quali sono le regole da rispettare in condominio ai tempi del coronavirus per i condòmini, portiere e amministratore; come comportarsi per mantenere le distanze

Il Covid-19 non ferma i lavori in casa

Materiali edili - In piena emergenza da Coronovirus chi è alle prese con i lavori di ristrutturazione sulla casa corre il rischio di doversi fermare laddove non sia possibile continuare

Bonus prima casa: possibile la proroga dei termini ordinari per evitare decadenze

Comprare casa - All'esame del Governo un intervento legislativo finalizzato alla proroga dei termini per riacquistare o vendere al fine di evitare decadenze bonus prima casa.