• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Come progettare l'ingresso ottimizzando gli spazi

L'ingresso di un'abitazione è il suo biglietto da visita. Per questo esso va progettato con la stessa attenzione dedicata agli altri ambienti della casa.
Pubblicato il

L'ingresso della casa e la sua progettazione


Diceva Oscar Wilde: Non c'è una seconda occasione per fare una buona prima impressione.
Partendo da questa citazione possiamo capire come sia importante in ogni cosa organizzare con cura ciò che raggiunge il nostro interlocutore in prima istanza.
In una casa la prima impressione è generata dall'ingresso ed è per questo che lasciare questo ambiente alla approssimazione alla sciatteria può dare una cattiva immagine di noi.

Proviamo allora a vedere insieme come possiamo dare importanza a questo spazio della casa.


Progetto ingresso casa secondo il Feng Shui


Anche il Feng Shui è d'accordo nel considerare fondamentale la progettazione dell'ingresso della casa. Infatti, secondo questa arte esso si identifica con una delle aree più delicate della casa, che, se pensata bene, favorisce il benessere e la salute degli abitanti.

Secondo il Feng Shui è consigliabile aprire la porta di ingresso verso l'interno della casa, per dare un senso di maggiore accoglienza. Inoltre, l'orientamento migliore per la porta di ingresso è il Sud-Est, in quanto influenzato da una buona energia.

Ancora, è bene avere un'entrata ampia, per poter garantire un senso di protezione e comfort a chi accede. Se ci sono più di una porta è meglio che si aprano tutte nello stesso verso, per evitare di creare disorientamento.

Se la porta si apre su un muro cieco, per non dare un senso di claustrofobia, è preferibile alleggerire questo con uno specchio o una decorazione a parete.


L'ingresso della casa in altre culture



Ci sono alcune culture che hanno un'attenzione particolare per lo spazio ingresso.

Ad esempio, nelle architetture scandinave, o comunque nei Paesi più freddi, prima dell'ingresso c'è uno spazio filtro, tipo veranda, in cui vengono riposti soprabiti e scarpe.

Lo stesso accorgimento, ma per ragioni principalmente igieniche, viene usato anche nelle case giapponesi, in cui all'inizio della casa c'è il genkan, uno spazio dove lasciare le scarpe per indossare le pantofole fornite dai proprietari di casa.


Progetti ingresso casa: cose fare e cosa evitare


Veniamo ora ad alcuni consigli su come progettare un ingresso.
Ci sono, innanzitutto, le cose da evitare:

Specchi contenitori Camper di Porada

  • Fare in modo che non ci siano molte porte aperte sull'ingresso, perché una tale condizione potrebbe generare disorientamento, dando l'idea di un vero e proprio labirinto.

  • Riempire troppo di arredi lo spazio o utilizzare dei colori troppo scuri, creando un ambiente soffocante e impraticabile.

  • Aprire l'ingresso su un muro cieco; se non si può evitare allora, come si è visto, uno specchio o un quadro su tale parete possono correggere questo problema.

  • Fare in modo che l'ingresso si apra su un lungo corridoio; se ciò è inevitabile, bisogna cercare di spezzare il ritmo, con decorazioni, nicchie e tendaggi ad esempio.

Ciò che invece bisogna fare è:

  • Per quanto possibile favorire la posizione orientale dell'ingresso, in quanto è quella in cui sorge il sole al mattino e quindi da cui entra l'energia migliore.

  • Filtrare il freddo proveniente dall'esterno se si abita in zone fredde o il caldo eccessivo se si abita in zone troppo calde, mediante la creazione di portici e verande.

  • Illuminare bene l'ambiente, facendo ampio uso della luce naturale, ma integrando quest'ultima con luci artificiali.

Detto ciò, possiamo trovarci di fronte a varie tipologie di ingressi; tra questi vi proponiamo alcune casistiche nei progetti che seguono.

Ingresso chiuso


In questo progetto di ristrutturazione il corridoio originario era molto lungo e le stanze erano tutte messe una di fila all'altra.
Ingresso chiuso - Progetto by Caterina Scamardella ArchitettoData la necessità di avere un primo ambiente separato dal resto della casa, il corridoio è stato ridotto, in modo tale che costituisse solo una sorta di disimpegno tra la zona della casa destinata allo studio, che ha un'affluenza pubblica e l'abitazione vera e propria, più privata.

Ingresso semiaperto


Questa seconda soluzione ha un ingresso semiaperto, con un lato chiuso da una porta che conduce alla zona notte ed un lato aperto sulla zona giorno.

Ingresso semiaperto - Progetto by Caterina Scamardella ArchitettoIn questo caso, inoltre, è stato sfruttato un lato dell'ingresso per ricavarvi un armadio a muro da utilizzare come guardaroba per gli abitanti e per gli ospiti.

Ingresso su ambiente


Nelle case contemporanee è molto facile trovare deli ingressi che danno direttamente su un ambiente con funzione diversa, come il living o la cucina.

Ingresso su ambiente - Progetto by Caterina Scamardella Architetto
Accade ad esempio in questo progetto, dove si è cercato comunque di dare all'ingresso una definizione, inserendo un elemento divisorio trasparente e su una parete una consolle con specchio e appendiabiti, sull'esempio di Vista di Natuzzi dotata di specchio, cassettiera e appendiabiti.

Appendiabiti integrato Vista By Natuzzi

Ingresso con scala


Infine, un ultimo esempio che vogliamo proporvi è questo di un ingresso con scala, nel quale lo spazio sottoscala può essere sfruttato a tutti gli effetti chiudendolo con porte rasomuro, come queste soluzioni Sistemi Rasoparete

Ingresso con scala - Progetto by Caterina Scamardella Architetto

Porte raso muro by Sistemi Rasoparete
In alternativa, si può tenere aperto il sottoscala, soprattutto se l'ingresso è già piuttosto angusto, arredandolo ad esempio con una consolle e degli specchi scelti ad hoc, come Bond di CAROTI, in acciaio e frassino.

Consolle Bond By Caroti
O ancora si può optare per la più minimal Peak di Natevo, che con i suoi led integrati può illuminare aree scure come può essere una zona sottoscala.

Consolle minimal Peak di Natevo

Come sfruttare al meglio l'ingresso della casa


Gli esempi proposti già hanno indicato i possibili usi che un ingresso può avere, per evitare che si tratti solo di una zona di passaggio anonima e trascurata.

Di sicuro l'uso più associato a questo spazio della casa è quello di guardaroba.

Appendiabiti da terra Spiros di Acerbis by Vico Magistretti
Per assolvere a tale funzione possiamo optare per soluzioni integrate specchio appendiabiti cassettiera, come quella proposta in precedenza.

Se ci troviamo di fronte ad ingressi aperti su altri ambienti si può optare per arredi meno ingombranti, come per esempio l'appendiabiti da terra in legno massello Spiros di Acerbis International s.p.a. progettato da Vico Magistretti.

In alternativa si possono scegliere appendiabiti da parete che vivacizzano l'ambiente, come Birds and Heart di Moustache.

Appendiabiti da parete Birds and Heart By Moustache
Per contenere gli abiti si può scegliere di realizzare un armadio a muro come nel caso visto dell'ingresso semiaperto, oppure anche scegliere degli specchi contenitori come Camper di Porada che, oltre a contenere danno anche profondità all'ambiente.

Mensole e appendiabiti integrati Pelican Small By Woodendot
Infine, per avere degli appoggi anche per altri tipi di oggetto ci sono dei complementi che abbinano gli appendiabiti alle mensole, come Pelican Small di Woodendot, che è un vero e proprio organizer a muro, realizzato a mano con la struttura in legno che funge da contenitore e la lamiera che è un vero e proprio appendiabiti a muro.


Colori e luci di un ingresso


Infine, diamo qualche consiglio sui colori e le luci per un ambiente ingresso.
La scelta dipende molto ovviamente dalla configurazione dello spazio, ma in generale sono da preferire i colori chiari e luminosi, che danno energia e comfort, facendo sentire subito a casa chi entra.

Seguendo la stessa logica, si dovrebbe sempre cercare di far entrare quanta più luce naturale, ma, qualora questo non fosse possibile, è bene aiutarsi con l'impiego di sistemi di illuminazione artificiali.

Lampada a sospensione Miconos di Artemide
Si può optare per una luce centrale che illumini a giorno il tutto o creare un'atmosfera emozionante giocando con corpi illuminanti centrali e applique a parete, accesi alternativamente o tutti insieme.

Se si ha un ingresso con soffitto molto alto è meglio preferire delle lampade a sospensione che vengano giù ad illuminare bene tutta la zona, come Miconos di Artemide, mentre con soffitti bassi è meglio optare per una illuminazione a soffitto o raso parete.

Lampade a sospensione raggruppate Drops 104 di Bloomboom
Quando, infine, ci troviamo di fronte ad un ingresso imponente si possono creare dei giochi anche con corpi illuminanti raggruppati, come Drop 104 di BloomBoom, che ricorda la natura con le sue forme organiche.

progettare ingresso , ingresso casa , ingresso moderno , illuminazione ingresso
riproduzione riservata
Progettare l'ingresso
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.
gnews

Progettare l'ingresso: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
346.165 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI