Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Primi casi concreti di Social Housing

Saranno pronti entro il 2012 a Parma 825 alloggi realizzati utilizzando gli incentivi e le norme del Piano Casa.
- NEWS Progettazione
housing

Per decenni l'Emilia Romagna è stata una delle regioni che si è distinta per i servizi al cittadino e per le politiche sociali in generale orientate alla qualita' della vita. In tempi in cui l'emergenza abitativa si configura come un problema sociale vero e proprio, è sempre l'Emilia Romagna che si distingue per i primi veri interventi di housing sociale, nati sulla scorta dei provvedimenti del Piano Casa.

EdiliziaL'intervento in oggetto vede una prima tranche di 852 alloggi, che saranno realizzati nell'arco di un anno circa e destinati a categorie di cittadini che non rientrano tra quelle che possono usufruire di un alloggio popolare: in particolare, saranno 405 alloggi in vendita a prezzo convenzionato, 265 in affitto con la possibilità di riscatto della proprietà all'ottavo anno ed i restanti 182 in affitto a canone cosiddetto sostenibile.

Importante è il dispositivo di finanziamento dell'iniziativa, che vede l'istituzione di un fondo immobiliare, denominato Parma Social House, le cui quote sono state sottoscritte dal Fondo investimenti per l'Abitare (gestito dalla Cassa Depositi e Prestiti), dalla Fondazione Cariparma, dal soggetto promotore-attuatore Parma Social House Scarl e dal fondo di promozione cooperativa di LegaCoop, senza dimenticare che il Comune di Parma partecipa in maniera diretta cedendo in diritto di superficie 7 aree di trasformazione urbana.

CostruzioniI primi 852 alloggi, che vedranno l'edificazione entro il 2012 di una superficie lorda pari a circa 63000 mq, sono solo una parte di un più ampio progetto, che vedrà, a seguire, la costruzione di altri 1100 alloggi inclusi nel Piano Sociale Comunale. Il costo di costruzione stimato per tutto l'intervento, ad opere concluse, è stato valutato intorno ai 105 milioni di Euro.

Le critiche espresse da alcune parti sulla presunta bontà dell'iniziativa riguardano, da una parte, il fatto che gli indici di realizzazione vadano in deroga alle norme del PSC permettendo costruzioni con volumetrie maggiori di quelle previste ed in parte sfruttando fondi pubblici per un'iniziativa che dovrebbe risultare, alla fine, in ogni caso ben remunerativa per i costruttori; dall'altro, una giusta osservazione fatta da alcuni critici è relativa al consumo di suoli agricoli per la realizzazione dell'intervento, quando vi sarebbero diversi siti militari in disuso che potevano essere convertiti a tal fine.

AlloggiConsiderando che, oltre alla cessione del diritto di superficie per 99 anni, le aziende costruttrici godranno dell'esenzione dal contributo di costruzione, in virtù dell'elevato interesse pubblico stabilito dall'amministrazione comunale, nonché dell'esenzione dall'ICI per gli alloggi così realizzati, valutando che il 70% almeno degli appartamenti realizzati sarà venduto o affittato a canoni da edilizia convenzionata, per i critici dell'iniziativa ciò configurerebbe un intervento di tipo pubblico che nei risultati pubblico non lo sarà affatto, perché lontano dalla tipologia di accesso alle abitazioni tipica delle case popolari.

Naturalmente, i criteri di assegnazione degli alloggi, che qui non analizziamo perché richiederebbero un approfondimento a sè stante, già sono e saranno oggetto di controversie e di aspre critiche, come sempre capita in interventi di tale natura. C'è da sperare soprattutto che, ad opere completate, i nuclei familiari che godranno dei nuovi alloggi in progetto siano realmente rientranti tra le categorie bisognose e che, comunque vada, l'intervento abbia valenze architettoniche ed urbanistiche di pregio, indipendentemente dai costi.

Link alla pagina del sito istuzionale del Comune di Parma dedicata all'iniziativa:

riproduzione riservata
Articolo: Primi casi concreti di Social Housing
Valutazione: 2.00 / 6 basato su 2 voti.

Primi casi concreti di Social Housing: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.732 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Primi casi concreti di Social Housing che potrebbero interessarti


EIRE 2011: il Social Housing

Progettazione - All'interno dell'Expo Italia Real Estate 2011, un convegno per determinare e descrivere la complessa situazione del Social Housing in Italia.

Abitare sostenibile a Fa' la cosa giusta

Architettura - Il consumo consapevole non significa solo abitudini sane. È anche attraverso la propria casa che si dimostra l'amore per l'ambiente. Fa' la cosa giusta.

Social Home Design

Arredamento - Il Social Housing è un tema di grande attualità ed in forte sviluppo. Infatti molti enti, pubblici e privati, stanno puntando sul settore dell?edilizia

Housing sociale a Milano

Architettura - Servizi socio-assistenziali, rigenerazione urbana, edilizia a canone convenzionato. È così che si riscrive la periferia di Milano.

Social Housing: interventi e progetti di edilizia sociale

Affittare casa - I progetti Social Housing sono realtà radicate in tutta Europa e anche in Italia, con realizzazioni importanti in tante città a favore di soggetti a reddito basso

Social housing ecosostenibile, un nuovo modello di abitare sociale

Affittare casa - Sviluppatosi nel periodo di crisi economica il social housing offre abitazioni a canone calmierato rispettando elevati standard ambientali e di efficienza energetica

I beni confiscati diventano alloggi sociali

Comprare casa - Un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prevede lo stanziamento di risorse per la conversione di immobili confiscati in alloggi sociali.

Quartiere in legno

Bioedilizia - Sorgerà a Milano in via Cenni, il primo quartiere in legno costruito con tecnologia di pannelli X-LAM, con un cantiere lampo di soli 14 mesi.

Mostre su Social Housing e Instant House

Architettura - Il tema dell'abitare sociale sta prendendo piede, tanto che, secondo le stime di Federlegnoarredo, verranno investiti 10 miliardi di Euro nel prossimo quinquennio, sia nel settore pubblico che privato.