Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Guida completa sulle prese elettriche e accessori

Tutto quel che c'è da sapere sulle prese di corrente, dalla forma alle potenze massime supportate. Consigli per la fase si progettazione dell'impianto elettrico
18 Novembre 2020 ore 13:20 - NEWS Impianti elettrici
prese , prese elettriche , prese corrente , prese siemens

Quante prese elettriche esistono?


In ogni Paese esistono vari tipi di prese elettriche e anche nello stesso, come quello in cui viviamo, non è detto che esista una soluzione univoca. Queste differiscono per forma, numero di contatti e carico sopportabile.

Scegliere i tipi di prese dentro una casa non è cosa semplice. Una volta negli appartamenti l'energia elettrica era utilizzata solamente per l'illuminazione.


Ciabatta a 3 posti

Ciabatta a 3 posti

Ciabatta a 3 posti
Spina Siemens tedesca

Spina Siemens tedesca

Spina Siemens tedesca
Presa di corrente anglosassone

Presa di corrente anglosassone

Presa di corrente anglosassone
Presa USB (sulla sinistra)

Presa USB (sulla sinistra)

Presa USB (sulla sinistra)

Con il tempo però elettrodomestici, riscaldamenti e dispositivi di varia natura hanno letteralmente invaso gli appartamenti. Da questo cambiamento nasce l'esigenza di progettare ed installare un sistema di connessione elettrica estremamente pratico e sicuro.


Prese elettriche da 10 Ampere tipo C


Sono le classiche prese italiane con due o tre fori allineati.

Comunemente è chiamata spina piccola. Queste prese , denominate anche P11, rappresentano lo standard in Italia. Tempo fa senza alcun problema potevano collegare qualsiasi tipo di elettrodomestico in casa (che però non superasse una potenza nominale di 10 Ampere).

CONSIGLIATO
Presa elettrica 10A
Le spine orientabili in un solo prodotto due diverse soluzioni di utilizzo: possono essere montate sia in posizione standard che angolare, per un...
prezzo € 1.2
COMPRA


Questa presa viene installata sempre meno perché le richieste energetiche sono molto aumentate. Sono normalmente sostituite da prese bivalenti o polivalenti che costano di più ma sono molto versatili.


Prese elettriche da 16 ampere


Denominate anche P17 hanno dei fori più larghi rispetto alle precedenti (circa 5 mm), e anche più potenti rispetto alle P11. Come quelle sopra possono ospitare spine a 2 o 3 poli, ma sopportano un carico maggiore che arriverà fino a 3200 W.

Queste prese possono sopportare l'utilizzo di elettrodomestici più potenti come microonde, aspirapolvere e frigoriferi anche se molti di questi avranno bisogno di prese Schuko, di cui si parlerà più sotto.


Prese elettriche bipasso o bivalenti 16 ampere


Meglio una presa a 10 A o a 16 A?

Se si è nel dubbio la migliore scelta da fare è la presa elettrica bipasso o bivalente. Attualmente è la soluzione maggiormente utilizzata nelle case italiane. Questa ha un valore di assorbimento nominale di 16 A.

Presa elettrica bipasso con alveoli di protezione visibili
Questa soluzione permetterà in pratica, di poter inserire entrambe le spine descritte in precedenza. Come negli altri tipi di prese ha delle protezioni interne obbligatorie per evitare incidenti.


Presa di corrente Schuko o tedesca


Detta anche presa Siemens (denominata S30 o S31 o S32) ha una forma circolare ed è utilizzata per grandi elettrodomestici o comunque per tutti quelli che consumano molta energia come tostapane e forni a microonde e classici. In linea di massima negli ultimi tempi anche piccoli elettrodomestici da cucina montano questo tipo di spine.

Brevettata in Germania nel 1926, attualmente è usata in circa 40 Paesi, includendo gran parte del continente europeo. Fanno eccezione Danimarca, Irlanda, Malta, Cipro e Regno Unito.

Presa elettrica schuko o Siemens
La presa elettrica tonda tedesca, ha due fori per le spine, due clip metalliche caricate a molla sul lato per il contatto a terra e due guide laterali per facilitarne l'inserimento.

Per ovviare a problemi di compatibilità, l'opzione migliore sono le prese Schuko bipasso.

Queste consentono di utilizzare praticamente tutte le prese eliminando completamente l'uso di ingombranti adattatori. Il costo risulta un pochino più alto della presa italiana ma il consiglio è quello di dotare la casa di almeno una di queste per ambiente.


Prese USB


Sembrava doveroso aggiungere anche le prese USB (Universal Serial Bus), anche se in effetti sono utilizzate sia in ambito di comunicazione, sia in quello dell'alimentazione.

È ampiamente utilizzata per la ricarica di cellulari, fotocamere, smartphone, sigarette elettroniche e gamepad di console. Effettivamente non averne in casa è attualmente poco concepibile.

Connettore maschio USB
Da molto tempo ormai prese del genere sono anche integrate nei sedili di treni e aerei.
Grazie alle prese USB sarà possibile ricaricare tutti i dispositivi sopra citati senza il carica batterie ma semplicemente usando un cavo.


Prese elettriche in bagno


Esistono quattro zone in bagno localizzate in base al posizionamento della doccia e della vasca da bagno, in cui bisogna attenersi a delle regole che vanno assolutamente rispettate.

Una presa elettrica installata vicino a due lavabi

  • Zona 0 è il volume della vasca da bagno o della base della doccia. Nel caso di docce con cabine prefabbricate, questa zona corrisponde a tutto l'interno. È assolutamente vietato installare sia di condutture che di apparecchi di natura elettrica.

  • Zona 1 corrisponde alla proiezione della base del piatto doccia o della vasca da bagno, fino a un'altezza di 225 cm dal pavimento. In questo caso è ammesso installare condutture incassate nelle pareti per almeno 5 cm. Nel caso di profondità più basse bisogna rispettare un tipo di isolamento. Sono altresì vietate le cassette di derivazione, a parte per la connessione con apparecchi ammessi in questa zona. Sono inoltre vietati gli apparecchi elettrici e le normali prese a spina a 220 volt.

  • Zona 2, invece, si estende in orizzontale fino a una distanza di 60 cm dal bordo della vasca da bagno o del piatto della doccia e verticalmente come la precedente zona. In questo caso sono ammesse condutture incassate nelle pareti per almeno 5 cm. Anche in questo caso per profondità inferiori bisogna installare uno speciale isolamento. Sono vietate le cassette di derivazione, salvo nel caso in cui sono utilizzate per la connessione con apparecchi ammessi nella zona. Come nella zona precedente Sono vietati gli apparecchi elettrici e le normali prese a spina a 220 volt.
    È però possibile installare prese a spina, alimentate da trasformatori di isolamento di Classe II di bassa potenza incorporati nelle stesse prese a spina, previste per alimentare rasoi elettrici.

  • Zona 3 è l'ultima zona e si estende orizzontalmente fino a 240 cm dalla zona 2. Verticalmente arriva a 225 cm a partire dal pavimento. Anche in questo caso sono ammesse condutture incassate nelle pareti per almeno 5 cm e per profondità inferiori bisogna rispettare una particolare tipologia di isolamento. Per le cassette di derivazione però non c'è alcuna restrizione. L'installazione degli apparecchi elettrici e delle prese a spina è ammessa previa il rispetto di appropriati accorgimenti contro eventuali contatti indiretti.


Sicurezza per le prese di corrente


Per una sicurezza al 100 % in cucina o in bagno esiste la possibilità di installare delle particolari prese interbloccate. .Sono costituire da un interruttore magnetotermico da 10 mA. Praticamente quando si inserisce la spina bisognerà poi premere un interruttore.

Solo dopo questa operazione verrà erogata elettricità. Quando si estrarrà la spina invece l'interruttore scatterà in automatico, interrompendo il contatto elettrico.

CONSIGLIATO
Presa interbloccata
Corrente nominale: 16A...
prezzo € 48.54
COMPRA


In ogni caso, è bene munirsi in tutta casa perché obbligatorio, di prese con i fori chiusi da alveoli. Questo da una sicurezza in più soprattutto se in casa ci sono bambini che potrebbero inavvertitamente, inserire oggetti appuntiti nelle prese.


Prese sulla stessa placca


Solitamente lo standard delle placche negli appartamenti va da 1 a 3 alloggiamenti per le prese. In alcune zone della casa è sufficiente avere anche una sola presa, mentre in altre come ad esempio la cucina, è meglio di disporre di più slot.

Economicamente parlando, in caso di costruzione ex novo, è molto meglio la soluzione a più prese perché lo scasso del muro sarà uno solo. Esistono anche soluzioni particolari che prevedono placche a più di tre alloggiamenti.

Il costo di placche e prese sarà leggermente maggiorato, questo sì, ma si tratta di un incremento decisamente irrisorio. L'importante, in fase di progetto, sarà il sistemare queste placche in maniera strategica negli ambienti dove sarà previsto un maggior utilizzo di corrente elettrica e di dispositivi attaccati. Due esempi potrebbero essere la cucina e uno studio.

Nel primo caso ci saranno molti elettrodomestici da collegare, nel secondo perché solo per un PC saranno presenti minimo tre prese da attaccare (computer, monitor, router).


Altezza minima di installazione delle prese elettriche


Per evitare eventuali incidenti causati da allagamenti, l'altezza minima delle prese è sempre pari a 17,5 cm ma se si parla di cucine e bagni questa salirà fino a 30 cm dal piano di calpestio.
Sempre in queste due zone accanto ai lavandini questa altezza dovrebbe essere intorno ai 120 cm. Infine, la presa collegata alla cappa dovrebbe essere posta a non meno di 180 cm.

Ovviamente, sempre in fase di progettazione, si potrebbe immaginare di voler appendere un televisore al muro quindi prevedere prese a un'altezza adeguata non sarebbe male.
Questa soluzione permetterà più ordine con i cavi, soprattutto se posti perfettamente dietro l'apparecchio.


Accessori per prese di corrente


Come abbiamo visto gli standard sono molto vari. Potrebbe capitare di aver problemi con alcuni tipi di presa (come ad esempio le prese Siemens) o, causa problemi in fase di progettazione, di non avere una presa dove ce ne sarebbe bisogno. Per questo esistono adattatori, prese multiple e prolunghe.


Gli adattatori


Questi sono dispositivi mobili che, come dice la parola stessa, possono ospitare (adattandole) spine destinate ad altri tipi di presa. Questo è valido sia per la forma che per adattare entro certi limiti, la portata. Ad esempio, certi adattatori permetteranno di inserire le prese piccole, in quelli con gli alveoli più grandi da 5 mm e viceversa.

Un adattatore per prese da 10A
È importante sottolineare che non bisogna assolutamente utilizzare adattatori su apparecchi con una potenza complessiva superiore a 1500 watt (questo valore è sempre riportato sulla confezione in cui sono venduti).


Ciabatte o prese multiple


Nel caso in cui nella progettazione iniziale non venga prevista una presa a più di un ingresso, le ciabatte e le prese multiple, potranno venire in soccorso. Certo non è una soluzione proprio elegante ma in certi casi bisognerà fare di necessità virtù.

CONSIGLIATO
Ciabatta multipresa 12
6 uscite con presa di corrente con spine Ita 10A/16A Schuko, ciabatta dotata di fori con protezione per bambini.
prezzo € 6.96
invece di € 9.99 COMPRA


Solitamente le ciabatte hanno una spina da 10 o 16 A e sarà buona norma, per evitare spiacevoli inconvenienti, leggere la potenza massima sopportata che in teoria dovrebbe essere riportata sull'apparecchio stesso. Quando si acquistano questi dispositivi è sempre consigliato controllare che abbiano un marchio di qualità e sicurezza (ad esempio IMQ).


Le prolunghe


Anche questa soluzione non è proprio il massimo, ma quando un cavo di alimentazione risulta troppo corto ci sarà bisogno di una prolunga. Queste possono essere a cavo libero o avvolgibili.



Prima di utilizzarle controllare sempre che siano in buono stato.
Spesso, a causa della loro lunghezza possono formarsi nodi che potrebbero danneggiare la struttura interna, provocando pericolosi corto circuiti. Anche questi apparecchi è bene che siano certificati come in entrambi i casi precedenti.


Prese corrente straniere: adattatori da viaggio


Ultimo dispositivo ma molto importante, è l'adattatore da viaggio. Abbiamo già accennato sopra che ogni Paese ha i propri standard per le prese, sia di forma che di potenza erogata (in Italia la rete opera a 220/230 volt).

Un adattatore da viaggio
Nel mondo, alla faccia della globalizzazione, sono almeno 18 i tipi differenti di spine utilizzate.
In commercio esistono adattatori multi funzione (vedi foto) che potranno essere utilizzati in moltissimi paesi, occupando uno spazio minimo in valigia.

riproduzione riservata
Articolo: Prese elettriche
Valutazione: 4.60 / 6 basato su 5 voti.

Prese elettriche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.239 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Prese elettriche che potrebbero interessarti


Prese Elettriche, V3 CEI 64-8

Impianti - La variante V3 della norma CEI 64-8 detta condizioni specifiche con le quali devono essere realizzate e protette le prese in casa.

Prese italiane

Impianti - Innumerevoli sono le prese elettriche per l'adduzione della corrente elettrica ai vari elettrodomestici ed alle lampade presenti in casa: in Italia ce ne sono 4 tipi.

Spine e Prese Elettriche

Impianti - Una spina elettrica è un dispositivo di connessione che può essere collegato ad una presa elettrica complementare, per l'alimentazione di un apparecchiatura.

Spine e Prese Elettriche Norme

Impianti - La norma Cei 23-50, con la sua seconda edizione, è la norma di riferimento per le prese e spine elettriche per applicazioni civili e ne descrive le cartteristiche.

Impianti Elettrici non a Norma

Normative - Le norme per gli impianti elettrici tengono conto anche dei livelli di comfort per gli utenti, tuttavia spesso sono violate le più semplici regole per la sicurezza.

Modifiche elettriche in casa

Impianti - Come fare e cosa fare quando c'è la necessità di modificare un impianto elettrico per installare una luce o una presa aggiuntiva in un ambiente sprovvisto.

Carichi Elettrici in Casa

Impianti - Qualsiasi apparecchiatura collegata ad un impianto elettrico, dalla quale trae alimentazione per il suo funzionamento, è considerata un carico elettrico.

Elettricità Sicurezza Comfort

Impianti - La diffusione di multi prese e prolunghe nelle comuni abitazioni è dovuta al divario esistente tra le esigenze per le quali sono stati realizzati gli impianti elettrici e le loro variazioni.

Caratteristiche e tipologie delle prese sui piani di lavoro in cucina

Impianti elettrici - La presenza di prese elettriche in prossimità dei piani di lavoro in cucina evita l'uso di scomode prolunghe per l'utilizzo di elettrodomestici e dispositivi.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img tommaso_82
Buon giorno, scrivo per avere maggiori delucidazioni riguardo alla possibilità di effettuare lavori usufruendo del super bonus 110% in un piccolo condominio composto da 7...
tommaso_82 31 Ottobre 2020 ore 10:07 1
Img edoedo13
Salve Forum, cosa mi consigliate di usare per riprendere delle piccolissime crepe (larghezza max 1 mm e lunghezza max 10 cm) che si sono formare in alcuni punti del...
edoedo13 08 Aprile 2020 ore 12:29 1
Img simoneok33
Salve, ho un problema con la CILA, nel 2011 compro un appartamento, i venditori di casa un giorno prima del rogito mi danno le cartine planimetriche di casa aggiornate, vado dal...
simoneok33 20 Dicembre 2019 ore 14:25 5
Img solaris49
Buongiorno, desidererei sapere se, all'atto della donazione dal notaio, sia necessaria la presenza fisica di entrambe le parti (chi dona la quota/totalità dell'immobile, e...
solaris49 20 Ottobre 2019 ore 17:51 2
Img vaio1963
Buongiorno, sto facendo delle valutazioni prima di prendere delle decisioni in merito ai lavori di manutenzione straordinaria in un appartamento di mia proprietà. Premetto...
vaio1963 16 Luglio 2019 ore 13:58 1