Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Piano regolatore e norme di attuazione

NEWS Normative10 Gennaio 2012 ore 14:46
In genere la distinzione delle diverse aree cittadine, non deriva da una condizione concettuale e visiva, ma da una programmazione urbanistica del territorio.

Concettualmente il territorio urbano è suddiviso in determinate zone contraddistinte ciascuna dal periodo di costruzione degli edifici (centro storico), dalla tipologia e consistenza dei fabbricati (residenziali e popolari) e dalle aree libere in fase di costruzione (periferie).

piano regolatore del territorio urbanoOltre questa distinzione, formale e intuitiva, ne segue un'altra, puramente tecnica, che ha come oggetto la previsione urbanistica della città attraverso uno strumento che prende il nome di Piano Regolatore.

Questa materia è stata introdotta in Italia con la Legge n°1150 del 1942, e in seguito modificata con la Legge n°1187 del 1968, che ha posto le condizioni per la suddivisione delle diverse aree in funzione delle destinazioni d'uso (residenziale o pubblico), con l'identificazione dei vincoli (ambientale, storico e paesistico) e delle norme di attuazione.

Tralasciando la cronistoria, si vogliono brevemente citare delle informazioni di carattere generale su alcuni dei parametri comunemente utilizzati nella stesura di questo strumento di programmazione territoriale.
Innanzitutto il Piano Regolatore è composto di diverse tavole grafiche numerate, indicante ciascuna una determinata zona del territorio comunale.

centro storico indicato in mappaVi è poi una planimetria d'insieme che accorpa, in scala maggiore, l'intera area con l'indicazione della posizione delle varie tavole.

Il carattere tematico di questi disegni rende comprensibile, tramite colori e retinature, le particolarità di ogni singolo comparto, mentre, la struttura della tavola, è completa con l'indicazione di: edifici di culto, opere pubbliche (scuole, ospedali, stadi, ecc.), parchi e giardini, parcheggi, e il tracciato stradale.

Tutti questi dati sono riportati in una legenda, posta a fianco delle tavole, e integrati con informazioni su eventuali vincoli, estremi di leggi urbanistiche, ecc., che permettono una facile lettura della mappa.
Per ciò che riguarda la definizione delle diverse zone residenziali, normalmente ogni area è distinta con una lettera dell'alfabeto.

Con la lettera A, si definisce il centro storico, e con esso tutti gli edifici d'interesse artistico e monumentale.
Solitamente in questa parte della città sono previsti solamente interventi di restauro o ristrutturazione mentre, l'attività di nuova edificazione, è consentita solo per i casi di demolizione e ricostruzione.

zona residenziale di espansione La zona B, posta al di fuori del centro storico, è composta di edilizia esistente di tipo ordinario, e può essere soggetta a interventi di: ristrutturazione, demolizione e ricostruzione e nuova edificazione (solo per i lotti liberi).
Fuori da questo perimetro vige l'area denominata con la lettera C, che si presenta come la zona di espansione soggetta a trasformazione territoriale con la realizzazione di edifici residenziali e di programmi di lottizzazione.

La zona D, circoscrive l'area d'insediamento produttivo (artigianale, commerciale e industriale), mentre con la lettera E s'identifica tutto il territorio a uso agricolo.

Oltre alle tavole, il piano regolatore prevede anche le Norme di attuazione, che riportano, per ciascuna zona, i singoli parametri edilizi (volume, sagoma, superficie, altezza, del fabbricato), oltre alle distanze dai confini e dalla sede stradale.
A queste informazioni seguono anche le norme igieniche sanitarie e tutto quanto necessario per definire la consistenza del corpo edilizio e la tipologia degli interventi possibili da eseguire.

riproduzione riservata
Articolo: Piano regolatore e norme di attuazione
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Piano regolatore e norme di attuazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
312.244 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Acido tartarico kg 1
    Acido tartarico kg 1...
    17.81
  • Pergola edera autoportante
    Pergola edera autoportante...
    1424.00
  • Pergola ginestra addossata
    Pergola ginestra addossata...
    1238.00
  • Filtro pompa per laghetto ecopond 3
    Filtro pompa per laghetto ecopond 3...
    123.46
  • Pistola a spruzzo per verniciatura
    Pistola a spruzzo per verniciatura...
    40.13
  • Piano cottura a gas hotpoint
    Piano cottura a gas hotpoint...
    206.70
Notizie che trattano Piano regolatore e norme di attuazione che potrebbero interessarti


Agibilità anche con difformità dal progetto approvato

Leggi e Normative Tecniche - Per il Consiglio di Stato il certifcato di agibilità è un provvedimento scollegato dal titolo abilitativo e può essere concesso anche in difformità da quest'ultimo.

Quali errori possono comportare la perdita della detrazione sulle ristrutturazioni (50%)?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate individua gli errori sostanziali ritenuti inaccettabili che determinano la totale perdita della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni.

Norme antisismiche e sanatoria edilizia

Leggi e Normative Tecniche - Il permesso in sanatoria salva dal reato di opere abusive, ma non dai connessi reati di violazione delle norme antisismiche, anche in assenza di pericolo.

Normativa sulla ecosostenibilità degli edifici

Leggi e Normative Tecniche - Riuscire ad avere edifici sani ed ambienti che rispettino le risorse energetiche, deve diventare un leit motiv generale di ogni progettista.

Piano del colore

Normative - Il Piano del Colore, attraverso l'indicazione delle tinte cromatiche da utilizzare, garantisce continuità visiva e coerenza progettuale ai manufatti delle nostre città.

Norme antisismiche: entrata in vigore dal 30/6

Normative - Le nuove norme antisismiche entreranno in vigore a partire dal prossimo 30 giugno.

Proroga del Piano Casa Sardegna al 31 dicembre 2017

Piano casa - La L.R.n. 33/2016 proroga la scadenza del Piano Casa Sardegna al 31/12/2017, gli obiettivi:la riqualificazione del patrimonio e la limitazione del consumo del suolo.

Aggiornamento catastale

Normative - La pubblicazione sulla G.U. del Decreto Legge n. 78 del 31 maggio 2010 ha escluso la possibilita' che le procedure nascondano una sorta di condono mascherato.

Quali spese deve pagare il compratore dell'appartamento?

Condominio - Comprare un appartamento in condominio e dopo qualche giorno dall'acquisto vedersi richieste le spese condominiali arretrate. Vediamo quali sono le spese da pagare.