Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Piano C.A.S.E. per l'Abruzzo

NEWS Normative30 Aprile 2009 ore 22:42
Approvato in Consiglio dei Ministri un pacchetto di provvedimenti che prevede anche misure per l'edilizia colpita dal sisma.
casa

Nel Consiglio dei Ministri riunitosi a L'Aquila il 23 aprile, che ha portato all'approvazione del Decreto Legge per le popolazioni colpite dagli eventi sismici in Abruzzo, sono stati introdotti una serie di provvedimenti per la ricostruzione nelle zone terremotate in favore dei proprietari di edifici colpiti dal sisma.
Ecco i principali interventi previsti, così come riportato nel comunicato diffuso da Palazzo Chigi al termine della riunione.

Edificio parzialmente crollatoInnanzitutto è stato presentato il progetto Piano C.A.S.E., dove l'acronimo sta per Complessi Antisismici Sostenibili ed Ecocompatibili.
Si tratta della progettazione e realizzazione di moduli abitativi, completi di tutto, che risponderanno a requisiti di innovazione tecnologica, risparmio energetico e protezione dagli eventi sismici, per il quale saranno investiti circa 700 milioni di euro.
A tale scopo sono già state individuate quindici aree su cui saranno realizzate delle piastre antisismiche di cemento armato, che formeranno la base per i condomini, intorno ad un centro destinato ai servizi ed agli spazi verdi.
Le abitazioni serviranno per accogliere momentaneamente le persone che hanno perso la casa e, successivamente, saranno destinate a giovani coppie e studenti universitari.

Per la ricostruzione delle prime case distrutte o danneggiate o per l'acquisto di nuovi alloggi per sostituirle, sono previsti contributi fino a 150.000 euro con il sistema del credito d'imposta e con finanziamenti agevolati garantiti dallo stato.
Altri finanziamenti e bonus fiscali sono previsti per edifici che non presentano il requisito di prima casa.

Rinegoziazione del mutuoCon l'Ordinanza 3757 del 21 aprile si è anche stabilito che gli edifici distrutti o resi comunque inagibili non saranno soggetti al pagamento di imposte ICI, IRPEF ed IRPEG, fino alla loro ricostruzione o dichiarazione di agibilità.

È prevista la sospensione del pagamento dei canoni di locazione degli immobili distrutti o resi inagibili, nonché del pagamento delle rate dei mutui e il differimento dell'esecuzione di sfratti.
Per quanto riguarda i mutui, in particolare, le famiglie potranno scegliere di liberarsi dal mutuo o continuare a pagarlo con i finanziamenti erogati dallo stato. Nel primo caso, alle famiglie si sostituirà lo stato nel rapporto con la banca, tramite Fintecna spa che si accollerà il mutuo.

Le operazioni di rinegoziazione dei muti per le famiglie colpite, invece, non saranno soggette all'applicazione di costi da parte degli intermediari, né di imposte e tasse, mentre gli onorari notarili saranno ridotti del 50%.

Per i clienti domestici e le imprese con meno di 50 dipendenti titolari di contratti di fornitura di energia elettrica, gas naturale o Gpl, è prevista un'agevolazione temporanea.
Per gli immobili distrutti o resi non agibili dal terremoto destinati allo svolgimenti di attività produttive sono previsti ulteriori indennizzi.

Interventi di ripristinoCi sarà poi un piano di interventi urgenti per il ripristino degli immobili pubblici danneggiati ed è stato stilato un elenco di 44 immobili di interesse storico-culturale il cui restauro sarà sottoposto ai paesi che si sono offerti per l'intervento.

Altri interventi e finanziamenti particolari sono previsti, ancora, per l'edilizia scolastica, le residenze per anziani e le caserme.

Il testo di legge contiene anche una norma che prevede verifiche e interventi per la riduzione del rischio sismico.
Tra l'altro, la protezione civile provvederà a breve ad effettuare una serie di verifiche su edifici ed infrastrutture situati in zone contigue a quelle recentemente colpite.

Se verranno trovate situazioni di rischio, il proprietario dell'immobile avrà sei mesi di tempo per metterlo in sicurezza, scaduti i quali dovrà essere chiuso.

Inoltre il bonus fiscale del 55% attualmente previsto per interventi di riqualificazione energetica, sarà esteso a lavori di ristrutturazione di immobili situati in zona sismica, fino ad un importo di 48.000 euro.


arch. Carmen Granata

riproduzione riservata
Articolo: Piano C.A.S.E. per l'Abruzzo
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Piano C.A.S.E. per l'Abruzzo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.295 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Offerta ristrutturazione casa - appartamento - villa
    Offerta ristrutturazione casa -...
    10.00
  • Imbiancatura casa
    Imbiancatura casa...
    5.00
  • Ristrutturazione appartamenti e ville Napoli e Caserta
    Ristrutturazione appartamenti e...
    10.00
  • Imbiancare casa prezzo al mq a milano monza
    Imbiancare casa prezzo al mq a...
    4.00
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    150.00
  • Videocamera di sorveglianza wifi esterna
    Videocamera di sorveglianza wifi...
    79.99
Box Youtube
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img doctorwho
La proprietaria dell'appartamento sotto al mio ha pensato bene di far procreare nuovamente i suoi cani, ed ora ne ha 4 (quattro).I cani si trovano in un giardino ed abbaiano come...
doctorwho 18 Maggio 2015 ore 21:01 1
Img damiano10
Buonasera,vorrei aggiungere un bagno al mio appartamento posto in un condominio di 35 famiglie in Firenze.La metratura la comprerei dalla mia vicina che ha uno spazio che non usa...
damiano10 19 Ottobre 2015 ore 23:08 1
Img fabio.vara75
Buongiorno,la mia domanda è: a chi appartiene la facciata in una casa che fa parte di uno stabile dove ci sono appartamenti al piano terra e al primo piano?Posso fare dei...
fabio.vara75 12 Aprile 2014 ore 09:51 1
Img chris2464
Buonasera Spero che qualcuno mi possa aiutare.Ho firmato un contratto per vendere un immobile con un agenzie immobiliare.Si tratta di una mansarda ed è quindi accatastata...
chris2464 10 Gennaio 2015 ore 18:47 1
Img gianfrsg75
Buonasera a tutti,spero di ricevere un consiglio da qualcuno più esperto di me per risolvere un problema annoso che mi si è presentato.Abito in un piccolo...
gianfrsg75 12 Febbraio 2014 ore 18:19 1