Proroga piano casa toscana al 2018

NEWS DI Piano casa24 Gennaio 2017 ore 10:09
La Regione Toscana ha prorogato a tutto il 2018 il piano casa Toscana: appena pubblicata, la legge regionale n. 91 del 27 dicembre 2016 entra subito in vigore.

Proroga del Piano Casa Regione Toscana


Tipico abitato toscanoLa Regione Toscana ha detto sì all'ultima proroga del piano casa regionale.

L'atto normativo è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione il 30 dicembre 2016.

Si tratta della L.R. n. 91 del 27 dicembre 2016.


L'Art. 4 Titoli abilitativi degli interventi edilizi straordinari, Modifiche all’articolo 7 della l.r. 24/2009, comma 1 così riporta: Al comma 2 dell’articolo 7 della legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 (Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell’economia e alla riqualificazione del patrimonio
edilizio esistente), le parole 31 dicembre 2016 sono sostituite dalle seguenti: 31 dicembre 2018.

Come preannunciato dalla Regione e riportato sul testo della legge, essa ha carattere di straordinarietà e, pertanto, non prevederà altre proroghe.

Proroga della Scia case in Toscana


Cosa vuol dire sostanzialmente?

Innanzitutto che i termini di cui alla legge regionale toscana contenente le disposizioni sul Piano casa , la n. 24 del 2009, inizialmente con scadenza al 31 dicembre 2010, poi prorogati, sono stati nuovamente spostati in avanti.

Precisamente, quale termine viene prorogato?

Quello per depositare la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività), che non sarà più al 31 dicembre di quest'anno ma al 31 dicembre del 2018.


Piano Casa Regione Toscana


Come detto, la legge di riferimento è la n. 24 del 2009, intitolata Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell'economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente.

In sintesi, detta legge prevede, a determinate condizioni, la possibilità di ampliare gli edifici esistenti mediante interventi su edifici abitativi (v. art. 3), edifici a destinazione industriale o artigianale (v. art. 3 bis) o di effettuare interventi straordinari di demolizione e ricostruzione su edifici aventi destinazione d'uso abitativa (v. art. 4).

Contenuti immutati: ampliamento degli edifici abitativi


Progetto di una casaAlcune modifiche alla suddetta legge erano state introdotte con la Legge regionale n. 79/2015 che prevedeva, tra le altre cose, una prima proroga al 31 dicembre 2016.
Per quanto concerne gli interventi, l'ampliamento consentito sarà sempre del 20% come prima.

Affianco all'espressione edifici abitativi si avrà anche l'espressione edifici a destinazione d'uso abitativa.

Viene precisato che l'art. 3 si riferisce solo agli interventi straordinari di ampliamento di edifici abitativi.

Per gli edifici bifamiliari viene eliminato il limite della superficie lorda dei trecentocinquanta mq, mentre viene aggiunta un'altra lettera, la lett. bbis), che include tra gli edifici abitativi ampliabili anche l'edificio non rientrante tra i primi due (unifamiliari e bifamiliari, come specificati) con superficie utile lorda non superiore ai trecentocinquanta metri quadrati.

Nella L.R. 79/2015 è stato sostituito il comma 3 dell'art. 3, e la modifica essenziale introdotta consiste nel prevedere che detti interventi di ampliamento, consentiti solo nei casi in cui la legge n. 65 consente quelli di ristrutturazione urbanistica, le addizioni volumetriche e quelli di ristrutturazione edilizia ricostruttiva (cioè nei casi indicati dall'art. 134, lett. f, g, ed l,), saranno possibili anche in deroga ai parametri urbanistici ed edilizi, nel rispetto delle distanze minime e delle altezze massime dei fabbricati.

Le altre condizioni già previste rimangono. Precisamente, si deve trattare di situazioni in cui:

a) gli edifici siano situati all’interno di centri abitati oppure, ove collocati fuori dai centri abitati, siano comunque dotati di approvvigionamento idropotabile e siano dotati, anche attraverso la realizzazione degli interventi di cui alla presente legge, di idonei sistemi di smaltimento delle acque reflue, secondo quanto previsto dalla vigente normativa;

b) gli edifici siano collocati in aree esterne agli ambiti dichiarati a pericolosità idraulica molto elevata e a pericolosità geomorfologica elevata o molto elevata dai piani di bacino di cui alla legge 18 maggio 1989, n. 183 (Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo) o dalle indagini geologiche allegate agli strumenti urbanistici comunali.



Interventi di demolizione e ricostruzione


In caso di demolizione e ricostruzione rimane il tetto del 35%; viene poi precisato che le norme dell'art. 4 riguardano solo edifici abitativi.

Per tali interventi è richiesto il rispetto delle condizioni previste dalla legge per la sostituzione edilizia e per la ristrutturazione edilizia (oggi art. 134, co.1, lett. l ed f) e al contempo, come per gli altri interventi, viene ammessa la deroga ai parametri urbanistici ed edilizi, nel rispetto delle distanze minime e delle altezze massime dei fabbricati consentite dai regolamenti urbanistici di cui alla l.r. 1/2005, dai piani operativi di cui alla l.r. 65/2014 o dai regolamenti edilizi comunali.

Casa Toscana, demolizione e ricostruzione
Si devono comunque verfiicare le seguenti condizioni:

a) gli edifici abitativi siano situati all’interno dei centri abitati;

b) gli edifici siano collocati in aree esterne agli ambiti dichiarati a pericolosità idraulica molto elevata e a pericolosità geomorfologica elevata o molto elevata dai piani di bacino di cui alla legge 18 maggio 1989, n. 183 (Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo) o dalle indagini geologiche allegate agli strumenti urbanistici dei comuni.


Condizioni generali di ammissibilità


Dette condizioni vengono estese anche ai lavori sugli immobili a destinazione d'uso industriale e artigianale ed ai lavori effettuati con permesso di costruire.

Il limite di tre metri per le altezze utili rimane, ma sparisce l'aggettivo interne.

Altra novità è l'inserimento nel concetto di perimetro entro cui effettuare gli interventi straordinari (di cui all'art. 2, co.1, lett. c) anche quello del territorio urbanizzato, come indicato dall'art. 4, della legge urbanistica qualora i comuni abbiano approvato gli strumenti della pianificazione territoriale o urbanistica di cui alla nuova legge urbanistica toscana n. 65, succitata.

Detto articolo 4, dedicato appunto alla Tutela del territorio e condizioni per le trasformazioni. Individuazione del perimetro del territorio urbanizzato (ed alla cui lettura integrale si rimanda), al comma 3 include nel territorio urbanizzato: centri storici, le aree edificate con continuità dei lotti a destinazione residenziale, industriale e artigianale, commerciale, direzionale, di servizio, turistico-ricettiva, le attrezzature e i servizi, i parchi urbani, gli impianti tecnologici, i lotti e gli spazi inedificati interclusi dotati di opere di urbanizzazione primaria.

Infine, la scelta del titolo abilitativo.Rimangono immutati i contenuti i contenuti della L.R. 79/2015 secondo la quale gli interventi possono essere realizzati mediante SCIA o rilascio di permesso di costruire.

riproduzione riservata
Articolo: Piano Casa Toscana 2017-2018
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 8 voti.

Piano Casa Toscana 2017-2018: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Svevavolo
    Svevavolo
    Mercoledì 28 Marzo 2018, alle ore 16:15
    Ciao, non sono un'esperta, ma, per quanto riguarda il Piano Casa Toscana, non mi sembra ci siano problemi sulla data di accatastamento. Ti consiglio di chiederne conferma agli uffici preposti della tua zona, anche per verificare che sussistano tutte le altre condizioni.
    rispondi al commento
  • Nick851
    Nick851
    Domenica 25 Febbraio 2018, alle ore 10:40
    É possibile effettuare un ampliamento su un immobile accatastato nel 2011?
    rispondi al commento
    • Svevavolo
      Svevavolo Nick851
      Mercoledì 28 Marzo 2018, alle ore 19:51
      Ciao, non sono un'esperta, ma, per quanto riguarda il Piano Casa Toscana, non mi sembra ci siano problemi sulla data di accatastamento. Ti consiglio di chiederne conferma agli uffici preposti della tua zona, anche per verificare che sussistano tutte le altre condizioni.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Piano Casa Toscana 2017-2018 che potrebbero interessarti
Piano Casa Puglia: prorogato per tutto il 2018

Piano Casa Puglia: prorogato per tutto il 2018

Piano casa - Approvata dal Consiglio regionale della Puglia la proposta di legge che proroga le misure del Piano Casa a dicembre 2018. Approvate modifiche alla legge 1472009
Manutenzione straordinaria bagno: comprende anche l'installazione sanitari?

Manutenzione straordinaria bagno: comprende anche l'installazione sanitari?

Leggi e Normative Tecniche - Dal Tar della Toscana arrivano importanti chiarimenti sulla possibilità o meno di considerare l'installazione di sanitari intervento di manutenzione straordinaria
Ampliare o ricostruire con il Piano Casa

Ampliare o ricostruire con il Piano Casa

Piano casa - Il Piano Casa è un sistema di norme nazionali, regionali e locali che mirano a soddisfare le esigenze abitative dei citttadini e a rilanciare il settore edile.

Gazebo e porticati: quando ci vuole il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Quando è necessaria l'autorizzazione da parte del Comune per costruire gazebo e porticati. Ecco i chiarimenti sul punto del Tar della Toscana e della Calabria.

Articoli casalinghi da plastica riciclata

Cucina - Meno rifiuti piu' vita: con questa filosofia si realizzano articoli per la casa dalla frazione piu' povera della plastica riciclata.

Proroghe Piano Casa in più regioni

Piano casa - Negli scorsi mesi sono state approvate e pubblicate in Gazzetta Ufficiale le proroghe del Piano Casa nelle Regioni in cui ne era prevista la scadenza a breve.

Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Leggi e Normative Tecniche - Approvato il decreto interministeriale che stabilisce la ripartizione tra le Regioni delle risorse per contribuire all'abbattimento delle barriere architettoniche

Proroga del Piano Casa Piemonte a giugno 2017

Piano casa - La Regione Piemonte ha approvato una nuova e ulteriore proroga del Piano Casa al 30 giugno 2017. Vediamo i contenuti della norma e tutti i parametri tecnici previsti.

Terracotta Toscana

Ristrutturazione - Immagina la Toscana........ciò che ti appare subito sono i colori, ossia il risultato dell'interazione fra Luce e Terra.Questa reciprocità la bellezza
REGISTRATI COME UTENTE
295.444 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Scrittoio toscano di gusto rinascimentale del xx
    Scrittoio toscano di gusto...
    2450.00
  • Panca italiana con gambe in ferro forgiato
    Panca italiana con gambe in ferro...
    238.00
  • Sovrapposizione vasche da bagno firenze
    Sovrapposizione vasche da bagno...
    490.00
  • Console veneziana laccata e dipinta
    Console veneziana laccata e dipinta...
    483.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.