Le novità del Piano Casa approvato dalla Regione Liguria

NEWS DI Piano casa23 Dicembre 2015 ore 16:25
Ecco le conferme, le variazioni e tutte le novità previste e contenute nel Piano Casa 2016 recentemente approvato dalla Regione Liguria guidata da Giovanni Toti

La Regione Liguria approva il Piano Casa 2016


Anche la Regione Liguria, non senza lunghe discussioni, spaccature ed azioni ancora in corso da parte di forze politiche e associazioni contrarie, ha approvato la proroga del Piano Casa per l’anno 2016.

Ci sono volute due sedute in Consiglio regionale per arrivare all’approvazione del Piano Casa Liguria anche per l’anno ormai alle porte. Quando sentiamo parlare di Piano Casa , lo ricordiamo, ci riferiamo alla facoltà straordinaria di poter ampliare o demolire immobili per poterli ricostruire risanati, grazie a un bonus di cubatura.

Piano Casa Liguria 2016
Con la legge regionale n. 49 del 3 novembre 2009 Misure urgenti per il rilancio dell’attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanistico-edilizio (pubblicata sul Bollettino Ufficiale n.19 del 4 novembre 2009 e in vigore dal 19 novembre 2009) la Regione Liguria aveva dato attuazione all'intesa sottoscritta il 1° aprile 2009 tra Stato, Regioni ed Enti locali in sede di Conferenza Unificata per l’assunzione di misure per il rilancio dell’economia attraverso l’attività edilizia (così detto Piano Casa).



Negli articoli dall’1 all’ 8 era stata dettata una speciale disciplina derogatoria della strumentazione urbanistica comunale, avente in origine efficacia per 24 mesi (fino al 19 novembre 2011), prorogata poi più volte alla fine di ogni anno successivo fino ad oggi.

Era accaduto con la lr n.4 dell’1 marzo 2011, pubblicata sul Burl n.4 del 2 marzo 2011, e ancora con la lr n.33 del 16 novembre 2011, Modifiche alla legge regionale 3 novembre 2009, n.49 in vigore dal 17 novembre 2011, quando la Regione Liguria aveva confermato l‘esclusiva applicazione sul proprio territorio della disciplina in materia di Piano Casa già prevista per interventi su singoli edifici dalla lr n.49/2009 come modificata dalla lr n.4/2011.

Non erano poi mancati correttivi marginali alla legge regionale (lr n.33/2011) e lr n.9 del 5 aprile 2012.

Piano Casa apporvato in Liguria
Le modifiche introdotte avevano previsto la possibilità di realizzare gli interventi di demolizione e ricostruzione con incremento volumetrico mediante accorpamento di più edifici esistenti, appartenenti a unico proprietario e ubicati nello stesso lotto di proprietà, in un unico edificio la cui volumetria complessiva, comprensiva dell’incremento, non poteva risultare superiore ai limiti dimensionali stabiliti nel comma 1 dell’ articolo 6.

Infine, con l'articolo n. 6 della legge regionale n. 40 del 23 dicembre 2013 (Disposizioni collegate alla legge finanziaria 2014) era stata disposta la proroga al 30 giugno 2015 del termine di operatività della legge regionale n.49/2009 e s.m. (cd. Piano Casa) che era fissato al 31 dicembre 2013 nel relativo articolo 1, comma 2.

Pertanto era stato possibile presentare fino al 30 giugno 2015 la DIA per eseguire gli interventi di ampliamento di cui agli articoli 3 e 4 nonché la domanda di permesso di costruire per gli interventi di demolizione e ricostruzione di cui agli articoli 6 o 7 della ridetta legge regionale.


Piano Casa Liguria 2016: conferme e novità


Ora la proroga del Piano Casa Liguria prevede l’ampliamento degli edifici fino ad un massimo di 200 metri cubi, mentre fino ad ora era di 170 metri cubi, sulla base delle volumetrie esistenti, non eccedenti i 1500 metri cubi. Previste anche premialità volumetriche a fronte dell’adeguamento dell’intero edificio alla normativa antisismica e del conseguimento dei requisiti di rendimento energetico prescritti per le nuove costruzioni.

Il bonus di 15 metri cubi è previsto nel caso di ampliamenti con realizzazione di servizi igienici per disabili.

Piano Casa Liguria proroga
Invece, in caso di demolizione e ricostruzione di edifici incongrui, con un volumetria massima di 2500 metri cubi per quelli ad uso residenziale e 10.000 metri cubi per quelli a destinazione d’uso diversa, la percentuale di ampliamento del 35% prevista per i Comuni costieri viene innalzata al 40% nei Comuni montani.

Il Piano questa volta pone una particolare attenzione alla riqualificazione delle aree esondabili e franose, oltre che alla semplificazione delle normative e al rilancio dell’edilizia.

Proprio questo punto ha infiammato alcuni esponenti politici, preoccupati per la massiccia cementificazione della Regione che potrebbe conseguirne, soprattutto in vista dei ripetuti episodi di esondazioni e alluvioni che hanno devastato zone della Liguria soltanto durante lo scorso autunno 2015.

A scagliarsi contro l’approvazione del Piano Casa sono stati diversi esponenti politici che hanno esternato dubbi riguardo al piano approvato dall'amministrazione regionale.

A loro parere l’applicazione del Piano rischierebbe di sottovalutare e non risolvere i problemi abitativi della Regione, definita a forte rischio idrogeologico.

Anche il FAI, Fondo Ambiente Italiano, ha espresso preoccupazione per il fatto che l’appello di molti enti e associazioni del territorio siano rimasti inascoltati, a dimostrazione di questo proprio l’approvazione della proroga al Piano Casa.

Il FAI confida quindi nell’intervento del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che avrà sessanta giorni di tempo per valutare se esprimersi o meno contro il Piano Casa.

Intanto il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha definito il Piano Casa 2016 un bene per la Regione, dal punto di visto economico ed occupazionale, un segnale concreto finalizzato a risollevare il settore edile che registra anche il Liguria uno spaventoso numero di lavoratori inoccupati.

il Presidente della Commissione Territorio e Ambiente, Andrea Costa, ha ribadito inoltre che non esiste alcun rischio di cementificazione, anzi, i nuovi interventi combatterebbero il dissesto idrogeologico, piaga che ha preoccupato e causato ingenti danni negli ultimi anni a Genova e in altre zone della Liguria.

I singoli Comuni avranno 60 giorni per decidere come applicare il Piano Casa, anche escludendo parti del proprio territorio di competenza.

Per gli edifici rurali con destinazione non residenziale e con volumetria non superiore a 200 metri cubi, sarà consentito il mutamento della destinazione d’uso per diventare abitazioni, a condizione che non vengano demoliti.

Ad ogni modo, gli interventi ammessi dal Piano Casa, in deroga ai piani urbanistici comunali, devono essere conformi al Piano paesaggistico regionale, ai Piani di Bacino, ai Piani dei Parchi, ai vincoli di tutela ambientale e paesaggistica e agli atti di programmazione regionale in materia di commercio.

Piano Casa Liguria novità 2016
L’incremento volumetrico aggiuntivo di un immobile, pari al 5%, già previsto qualora contestualmente si attui il ripristino di suolo agricolo è consentito a patto che il terreno si trovi nello stesso Comune dell’immobile.

Il Piano Casa, inoltre, potrà essere applicato una sola volta per ogni singolo fabbricato, anche agli edifici condonati e quindi regolari.

La novità sta infine nel fatto che il Piano Casa Liguria da quest’anno diventa permanente e non ha più una data di scadenza che necessita al suo scadere di una proroga, iter seguito in tutti questi anni.

In sintesi, dunque, il Piano Casa Liguria 2016 contempla incentivi per:

- la riqualificazione di zone esondabili o soggette a frane (bonus volumetrico che va dal 35% al 50% del volume geometrico esistente nei Comuni costieri e del 60% nei Comuni montani);

- l’estensione dell’applicazione del piano a tutto il territorio ligure sotto la vigilanza e controllo dell’Ente Parco compresi gli edifici esistenti nei parchi liguri (anche del Parco delle Cinque Terre).

Il nuovo Piano semplifica ulteriormente alcune norme tecniche limitanti per l’attuazione degli interventi e l’ampliamento o il cambio di destinazione d’uso è esteso anche agli edifici esistenti che non superino i 200 metri cubi.

I Comuni dovranno inserire nei loro piani urbanistici norme per la riqualificazione del patrimonio edilizio in conformità ai principi e alle misure di premialità previste dalla vigente legge regionale: in attesa del recepimento o in caso di norme meno favorevoli nei PUC rispetto alle premialità, i cittadini potranno avvalersi delle norme contenute nel piano casa.

Il Piano Casa verrà applicato anche agli edifici condonati e l’ampliamento degli edifici aumenta da 170 metri cubi a 200 metri cubi .

Il Piano Casa Liguria 2016, non avendo scadenza, diventa così permanente.

riproduzione riservata
Articolo: Piano Casa Liguria 2016
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 7 voti.

Piano Casa Liguria 2016: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Ombretta
    Ombretta
    Venerdì 18 Novembre 2016, alle ore 11:36
    Non capisco se posso spostare la cucina in una cantina molto ampia ma con un altezza di 2,40 m.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Piano Casa Liguria 2016 che potrebbero interessarti
Proroghe Piano Casa in più regioni

Proroghe Piano Casa in più regioni

Piano casa - Negli scorsi mesi sono state approvate e pubblicate in Gazzetta Ufficiale le proroghe del Piano Casa nelle Regioni in cui ne era prevista la scadenza a breve.
Piano Casa Puglia: prorogato per tutto il 2018

Piano Casa Puglia: prorogato per tutto il 2018

Piano casa - Approvata dal Consiglio regionale della Puglia la proposta di legge che proroga le misure del Piano Casa a dicembre 2018. Approvate modifiche alla legge 1472009
Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Leggi e Normative Tecniche - Il Piano Casa della Regione Campania contiene troppe sanatorie ponendosi in contrasto con il Testo Unico dell'edilizia. Lo ha affermato la Corte Costituzionale

Niente proroga a norme antisismiche

Normative - Approvata una risoluzione della Commissione Ambiente della Camera per abrogare il rinvio delle norme antisismiche.

Ampliare o ricostruire con il Piano Casa

Piano casa - Il Piano Casa è un sistema di norme nazionali, regionali e locali che mirano a soddisfare le esigenze abitative dei citttadini e a rilanciare il settore edile.

È stato prorogato al 31 dicembre 2017 il Piano Casa Abruzzo.

Piano casa - Prorogato al 31 dicembre 2017 il termine per la presentazione in Abruzzo delle domande per ampliamenti o demolizione e ricostruzione di fabbricati già esistenti.

Proroga del Piano Casa Piemonte a giugno 2017

Piano casa - La Regione Piemonte ha approvato una nuova e ulteriore proroga del Piano Casa al 30 giugno 2017. Vediamo i contenuti della norma e tutti i parametri tecnici previsti.

Nuove norme in Liguria per il libretto di impianto e per il rapporto di efficienza energetica

Leggi e Normative Tecniche - La delibera della Giunta Regionale n.1673 del 22 dicembre 2014 stabilisce che sul territorio ligure si applica la normativa nazionale per gli impianti termici.

Proroga piano casa toscana al 2018

Piano casa - La Regione Toscana ha prorogato a tutto il 2018 il piano casa Toscana: appena pubblicata, la legge regionale n. 91 del 27 dicembre 2016 entra subito in vigore.
REGISTRATI COME UTENTE
294.508 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Panca italiana con gambe in ferro forgiato
    Panca italiana con gambe in ferro...
    238.00
  • Console veneziana laccata e dipinta
    Console veneziana laccata e dipinta...
    483.00
  • Comò francese a mezzaluna con piano in
    Comò francese a mezzaluna...
    686.00
  • Tavolo italiano di design in mogano acero
    Tavolo italiano di design in...
    1610.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Pensiline.net
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.