Pavimenti in resina: prezzi, pregi e difetti

NEWS DI Pavimenti e rivestimenti19 Maggio 2017 ore 10:58
I pavimenti in resina sono facili e veloci da realizzare sia in casa che all'esterno, in tanti colori e con un pizzico di fantasia diventano delle opere uniche.

L'uso della resina nella realizzazione dei pavimenti

I pavimenti in resina si ottengono mediante l'utilizzo di miscele di silicati inorganici naturali, l'aggiunta di inerti speciali aventi diversa durezza, granulometria e da altri elementi che variano a seconda del campo di applicazione e del grado di finitura che si desidera raggiungere.

La resina, fino a pochi anni fa, veniva adoperata per la realizzazioni di pavimenti esclusivamente nell'edilizia industriale, oltre che in ospedali, centri commerciali e impianti sportivi, per sfruttare la sua elevata resistenza meccanica.

Attualmente la resina trova largo impiego anche in edilizia residenziale, grazie soprattutto alla possibilità di personalizzazione dei pavimenti in resina, riuscendo a intonarsi perfettamente con le finiture e l'arredamanto dell'abitazione.


Pavimento in resina centro commerciale

Pavimento in resina centro commerciale

Pavimento in resina centro commerciale
Pavimento in resina Terminal Aeroporto

Pavimento in resina Terminal Aeroporto

Pavimento in resina Terminal Aeroporto
Pavimento in resina da esterno

Pavimento in resina da esterno

Pavimento in resina da esterno
Pavimento in resina area deposito

Pavimento in resina area deposito

Pavimento in resina area deposito
Pavimento in resina area uffici

Pavimento in resina area uffici

Pavimento in resina area uffici

Sfruttando le resine decorative, appositamente studiate per particolari impieghi, è possibile ottenere pavimenti decorati con effetti originali e unici.

I pavimenti in resina, a differenza dei pavimenti ceramici formati da mattonelle o da listelli nel caso di parquet, non viene posato in opera a pezzi creando le classiche fughe, ma la resina viene stesa e livellata con l'aiuto di una spatola.

Il piano ottenuto può definirsi monolitico, perché vi è l'assenza di fughe e giunti, che talvolta va a compromettere l'uniformità della superficie.

La progettazione del pavimento in resina è particolarmente importante: in questa fase vengono analizzati tutti gli elementi per individuare la soluzione migliore, come il tipo di supporto su cui applicare la resina, le caratteristiche di resistenza chimico-fisiche e l'aspetto estetico finale.

Lo spessore medio che si raggiunge è di 3-4 millimetri, evitando così onerosi lavori di raccordo e rettifica di infissi, porte etc.

La maggior parte dei prodotti in commercio sono quasi tutti autolivellanti, si distribuiscono in maniera uniforme sulle superfici evitando la formazione di scalini.

La resina è particolarmente indicata nelle abitazioni perché garantisce la protezione dalle muffe, per la scarsa proliferazione di batteri sulla sua superficie e può essere usata nei bagni e nelle cucine per le sua caratteristica idrorepellente.

Se le lavorazioni sono eseguite a perfetta regola d'arte, come la preparazione perfetta del sottofondo, l'adeguata stesa e livellamento della resina, non vi saranno crepature nella superficie e lil pavimento durerà a lungo.


Pavimenti in resina per abitazioni: pro e contro

Oggi, il pavimento in resina è ancora poco utilizzato nelle abitazioni a causa della mancata conoscenza delle sue caratteristiche che lo rendono facile, pratico da realizzare e in alcuni casi economico.

Analizziamo i pro e contro delle pavimentazioni in resina


Vantaggi dei pavimenti in resina


i principali punti di forza della scelta di un pavimento in resina sono:

- totale assenza di fughe o giunti;

- sovrapponibilità ai pavimenti esistenti, evitando il loro svelllimento;

- carattere monolitico e uniforme;

- velocità nella realizzazione e costi contenuti;

- facile pulizia: le resine non necessitano di specifici prodotti per la loro pulizia, in quanto la superficie è impermeabile e non assorbe alcuna sostanza;

Immagine pavimento in resina di Gobbetto
- particolarmente igienico perché non presenta fughe e giunti, quindi non permette la proliferazione di batteri e muffe;

- resistente e duraturo nel tempo se mantenuto con cura, sia ad attacchi di sostanze chimiche che fisiche;

- grande versatilità;

- di basso spessore;

- grazie al suo spessore di circa 3mm, evita l'esecuzione di varie lavorazioni durante la sua realizzazione, come quello di ridimensionare le porte;

- buona conducibilità termica: può essere usato tranquillamente in un sistema di riscaldamento a pavimento;

- colorazione personalizzabile e decorazioni uniche: la resina colorata è molto usata perché permette di dare libero sfogo alla fantasia personale o dei designer;

- finiture di vario tipo: ruvide, lisce, lucide, satinate, opache, con inserti vari, dalle sabbie a oggetti;

-integrazione con altri materiali: legno, cotto ecc;

- un pavimento in resina può essere riportato allo stato iniziale con pochi e semplici passaggi, senza dover ricorrere alla completa rimozione, aspetto molto importante poiché comporta solo piccole spese per il ripristino e tante possibilità di rinnovo.


Svantaggi dei pavimenti in resina

Prima di un'eveentuale sceltaè bene tener presente anche i difetti di questo materiale:- è soggetto a usura, perdendo la bellezza estetica a causa di abrasioni, graffi e cadute accidentali di oggetti. Tali segni sono più evidenti sui pavimenti lucidi e cromaticamente uniformi, dove ogni imperfezione tende a risaltare;

- se il supporto non è perfetto, il pavimento in resina risente dell'esistenza di crepe, rotture, microcavillature, tutte imperfezioni che creano problemi dopo la posa della resina.
Pertanto, particolare importanza ha la valutazione degli interventi da realizzare sul sottofondo, al fine di eliminare le imperfezioni;

- ingiallimento del pavimento in resina: problema che affligge solo le resine epossidiche che hanno scarsa resistenza ai raggi UV.
Per limitare tale ingiallimento è possibile usare speciali additivi antiUV;

- le resine per la realizzazione dei pavimenti in resina autolivellante sono più costose.


Perché scegliere un pavimento in resina in una abitazione

È ben noto che, con in passare del tempo, i pavimenti tradizionali degli ambienti domestici più transitati sono soggetti a deteriorarsi, con la relativa perdita del colore e lucentezza, oltre a scalfiture della superficie causate da cadute accidentali di oggetti.

A questo punto, per risolvere il problema dell'antiesteticità del pavimento invecchiato, oltre allo svellimento del vecchio pavimento per sostituirlo con uno nuovo o incollare delle piastrelle dallo spessore ridotto sul vecchio pavimento, possiamo semplicemente ricorrere all'uso della resina su piastrelle.

L'utilizzo della resina evita la laboriosa rimozione della pavimentazione esistente, con la relativa movimentazione dei detriti e il conseguente trasporto a discarica dei materiali di risulta.

Tale tecnica è fattibile in un appartamento perché un pavimento in resina ha uno spessore finale di circa 3 mm, che evita l'oneroso adeguamento delle porte.

Pavimento in resina spatolato di Gobbetto
L'alta conducibilità termica della resina lo rende compatibile con l'adozione di un sistema di riscaldamento a pavimento.

Particolare attenzione va prestata quando sono realizzati pavimenti in resina in ambienti umidi come il bagno e la cucina. La superficie uniforme e impermeabile ad esempio dei bagni in resina li rende particolarmente scivolosi, diventando un problema di sicurezza per gli abitanti.

Per ovviare a questo problema, basta rendere la superficie antiscivolo, mediante l'aggiunta di particolari sostanze granulose all'impasto durante la realizzazione del pavimento, ottenendo così una superficie rugosa.

Tuttavia, il pavimento più ruvido dovuto ai micropori presenti sulla superficie, renderà più difficile le operazioni di pulizia e terreno fertile per batteri e muffe.

Infine, prima della scelta, bisogna valutare attentamente tutti i particolari della soluzione da adottare, mediando tra estetica e sicurezza.


Come si fanno i pavimenti in resina


Per prima cosa bisogna preparare il sottofondo, pulendo ed eliminando tutte le parti ammalorate, eliminare la polvere e assicurarsi che non vi sia umidità.

Con idoneo stucco, si va a preparare il fondo per rendere la superficie regolare, oppure se il fondo è di nuova realizzazione, basta applicare un primer sul massetto perfettamente livellato per facilitare l'adesione della resina,

Pe la posa della resina su delle piastrelle esistenti, è consigliabile per migliorare la presa, l'uso di speciali abrasivi che tolgano la patina di lucidatura delle piastrelle.

Una volta asciutto il sottofondo, si procede alla posa in opera della resina che può avvenire in due modi: a rullo o a spatola.

La posa a rullo si utilizza quando bisogna realizzare una pellicola sottile di resina, invece quando è richiesto uno spessore maggiore di resina si adopera la spatola, dove è richiesta una
particolare abilità da parte di chi la stende.

Pavimento in resina Colledani
Per raggiungere uno straordinario effetto visivo, si può realizzare un pavimento in resina dalla superficie materica.

Tali superfici sono ottenute mediante il successivo riempimento dei vuoti con uno strato abbondante di resina trasparente per livellare tutto il piano.

Tra i primi strati di posa della resina per pavimenti e il riempimento finale, è possibile inserire oggetti di varia natura, come ad esempio foglie, foto, pagine di giornale etc, facendo inevitabilmente lievitare i costi finali di realizzazione.

Il tempo di essiccazione varia in base allo spessore del pavimento e dalle condizioni climatiche, che va dalle 48-36 ore per gli spessori più sottili ai 6-7 giorni per uno spessore maggiore.

La lavorazione successiva prevede la carteggiatura della superficie in resina per eliminare le eventuali imperfezioni.

Da tener presente che se si usano resine decorative nella realizzazione di passaggi pedonali, essendo più delicate sono meno resistenti, mentre sono particolarmente indicate per ripiani di mobili o piccoli ambienti domestici.

L'azienda Colledani, realizza resine per pavimenti autolivellanti, spatolati e artistici, di eccellente resistenza meccanica e al calpestio, adatte a uso civile e commerciale, disponibili in ogni gamma di colori con finitura lucida o opaca, a bassissimo ingiallimento.

Se invece si vogliono creare delle pavimentazioni ecologiche, possiamo usare le resine tratte da materie sostenibili della Marcoaldi.Rivestimento in resina con inserti materici di Marcoaldo
Le resine ecologiche consentono di creare pavimenti spatolati o lisci a basso impatto ambientale, soluzione ottimale per le costruzioni della bioedilizia.

La resina è costituita da una miscela a base di inerti quarziferi, legante pozzolanica, calce e additivi naturali specifici.


Pavimento in resina per esterni

I pavimenti in resina, oltre a essere impiegati nelle abitazioni e negli edifici industriali, risultano ottimali anche per tutti gli spazi esterni, come parcheggi, cortili, vialetti sia pedonali che carrabili, terrazzi e balconi.

Ovviamente, le caratteristiche di resistenza devono essere superiori a quelle raggiunte per l'interno, a causa degli agenti atmosferici e del traffico di autoveicoli.

Le resine per pavimenti esterni che si utilizzano sono quelle poliuretaniche multistrato.

Tali resine, sono create per resistere ai forti carichi di esercizio, agli sbalzi termici e a gli idrocarburi e oli provenienti dal traffico veicolare.

Il colore della resina può essere rinnovato con semplicità mediante l'applicazione di un nuovo strato superficiale, molto utile per le pavimentazioni dei campi sportivi dove il colore deve essere sempre perfetto.

Invece, quando il pavimento di un area esterna all'abitazione, un terrazzo o un piccolo balcone perde la sua bellezza estetica o si deteriora con il passare del tempo, una buona soluzione è quella di applicare la resina con il metodo fai da te per creare una nuova pavimentazione.

In un precedente pubblicato nel nostro sito, è possibile trovare tutte le informazioni utili su come realizzare un pavimento in resina da esterno con la tecnica del fai da te.


Pavimento in resina 3D

Le pavimentazioni in resina possono essere realizzate anche con effetti in tre dimensioni, divenendo così pavimenti vivaci e realistici, indubbiamente belli da vedere.

L'effetto 3D viene realizzato mediante l'inserimento di una stampa o fotografia nel penultimo strato del pavimento.

La sua realizzazione risulta alquanto laboriosa e lunga: bisogna realizzare ben tre strati di pavimento dove ogni livello ha le sue caratteristiche.

Per ogni strato bisogna attendere il giusto grado di essiccazione, per questo motivo i tempi richiesti per la realizzazione sono abbastanza lunghi.

I costi di tali pavimentazioni sono abbastanza elevati, specialmente se l'immagine è creata da un artista.


La resina per rivestimenti a parete


Altro campo di applicazione della resina è quello del suo utilizzo come rivestimento per le pareti, risultando una valida alternativa alle tradizionali finiture tipo pittura idrorepellente, smalti murali, rivestimenti ceramici o in legno.

La posa in opera della resina avviene tranquillamente su vari tipi di supporto, quali muratura intonacata, pannelli di legno, lastre di metallo, cartongesso e piastrelle.

L'applicazione è facilitata dal fatto che non necessita di speciali trattamenti se non di quelli precedentemente descritti, evitando interventi invasivi come demolizioni parziali o totali delle zone d'intevento.

Vari esempi di decorazioni in resina di Marcoaldo
Le soluzioni che si possono conseguire sono molteplici, grazie specialmente alle combinazioni di colori e alle diverse fantasie nella realizzazione dei rivestimenti.

Le pareti possono essere personalizzate utilizzando la resina decorativa, con la possibilità di creare uneffetto marmorizzato, una finitura opaca simile al cemento industriale oppure creare delle miscele metalliche.

In un articolo pubblicato nel nostro sito, si possono apprezzare tutte le caratteristiche, i pregi e la facilità di posa della resina decorativa per rivestire una superficie.

Il risultato finale è quello di un unico rivestimento per le pareti, chiamato dai designer rivestimento continuo, lo stesso effetto che si ottiene per le pavimentazioni senza giunti e fughe.

Addirittura, realizzando delle pareti rivestite di resina bianca, è possibile dare sfogo alla propria vena artistica decorandole, tramite speciali pennarelli colorati indelebili, con disegni personali tipo murales, prendendo spunto dall'artista tedesca Heike Weber che realizza i suoi disegni su tali pareti.

Resine e pennarelli: installazione psichedelica di Heike Weber
L'utilizzo della resina come rivestimento va a migliorare anche l'igiene, infatti, con la totale assenza di fughe i batteri e le muffe non possono annidarsi e proliferare, oltre ad agevolare le operazioni di pulizia e a non aver bisogno di particolari prodotti per il loro mantenimento.

Unico grande neo dei rivestimenti in resina è rappresentato dal cambiamento dei colori che avviene col passare del tempo dovuto all'esposizione agli agenti atmosferici.
Tale problema colpisce solo le resine epossidiche, mentre per le resine cementizie, acriliche e poliuretaniche non sono soggette all'invecchiamento proveniente dai raggi UV.

Un leader nella produzione di resine per pavimenti e rivestimenti è la Gobbetto Srl, con il prodotto Dega® Art, per pavimenti e rivestimenti realizzati con applicazione di tecniche miste e con l’inserimento di elementi decorativi vari.
Ha un’ampia disponibilità di colori, finiture lucide, opache e satinate, conbuone caratteristiche di resistenza all’usura, al traffico pedonale ed è di facile pulizia. Idoneo per abitazioni, uffici, showroom.

Con la Poliepo Biolight®, sempre della Gobbetto, una resina epossidica atossica esente da solventi, è possibile creare un rivestimento che alla luce diurna si presenta colorata con toni accesi in cinque tonalità a scelta (verde, giallo, rosso, arancio e blu), mentre al buio rilascia l'energia assorbita sotto forma di luce soffusa fosforescente del relativo colore.


Quanto costa al mq un pavimento in resina


Sono tanti i fattori che determinano il prezzo di un pavimento in resina, dove ogni intervento va analizzato e valutato singolarmente.

Tra i fattori principali troviamo: la metratura di intervento, il supporto su cui stendere il materiale, se la resina è posata con spatola o è autolivellante, il decoro, la personalizzazione del pavimento, l'estetica da realizzare, la resistenza chimico-fisica da ottenere e tante altre caratteristiche che vanno ad influire sul costo al mq.


CONSIGLIATO
Resina pavimenti COATINGS24
✅ Approvato dall'Autorità federale tedesco per la costruzione + TÜV / MADE IN GERMANY...
prezzo € 54,90
COMPRA

riproduzione riservata
Articolo: Pavimenti in resina pro e contro
Valutazione: 4.39 / 6 basato su 67 voti.

Pavimenti in resina pro e contro: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Facehome
    Facehome
    Martedì 6 Novembre 2018, alle ore 15:00
    Ottima spiegazione, complimenti!
    rispondi al commento
  • Niko2
    Niko2
    Venerdì 19 Ottobre 2018, alle ore 11:31
    La spiegazione migliore in circolazione,.
    rispondi al commento
  • Brunello1
    Brunello1
    Lunedì 20 Agosto 2018, alle ore 12:23
    Volevo pavimentare il garage (circa 30 mq.) che ha una leggera pendenza che in tutto o in parte dovrà rimanere;
    si possono usare le resine dovendo rimanere la pendenza ?
    rispondi al commento
  • Manch.
    Manch.
    Domenica 20 Maggio 2018, alle ore 20:17
    Abbiamo comprato casa, il pavimento è in legno, a me piacerebbe tanto tenerlo, magari levigandolo prima e passando una mano di vernice dopo.
    Mi piacerebbe però preservarlo sotto uno strato di resina trasparente anche opaca, che ne pensate in merito?
    rispondi al commento
  • Rosa2
    Rosa2
    Giovedì 5 Aprile 2018, alle ore 10:57
    Se compro il materiale,  essendo una novità per la posa, date voi spiegazioni o può venire un vostro operatore per il lavoro?
    rispondi al commento
  • Beppe
    Beppe
    Mercoledì 21 Giugno 2017, alle ore 10:26
    Anch'io sono convinto che l'assenza di fughe rende i pavimenti in resina più salubri, l'ho testato nel mio appartamento. Ciao
    rispondi al commento
  • Edmondo
    Edmondo
    Martedì 20 Giugno 2017, alle ore 12:56
    I pavimenti in resina sono uno dei pilastri della nostra attività.
    La società italiana V&V srl, fondata da Riccardo Vavassori a Ciserano nel 1964.
    Attualmente, l'azienda produttrice dei marchi APSE, è leader nel suo paese per la produzione di pavimentazioni di resine epossidiche e poliuretaniche, la maggior parte della pavimentazione autolivellante, sia industriale sia decorativa, e trattamenti indurenti per i pavimenti.
    L'intera gamma dei prodotti e dei materiali soddisfa pienamente le richieste del settore edilizio e dell'arredo per quanto riguarda la posa del pavimento e le miscele pe rivestimenti.
    rispondi al commento
    • Pashmina
      Pashmina Edmondo
      1 giorni fa
      Ha posatori qualificati zona Salerno?
      rispondi al commento
  • Francescogiangrande
    Francescogiangrande
    Domenica 13 Marzo 2016, alle ore 09:38
    Salve a tutti, apprezzo molto le dritte di questo forum ed è per questo che vi scrivo......Vado direttamente al problema: ho da poco acquistato casa e l'ho completamente ristrutturata, l'ex lastrico solare è stato adibito a terrazzo con tutti gli impianti del caso (compreso un piccolo angolo cottura con bagno) ma il pavimento esterno è una guaina bituminosa....la mia domanda è:È POSSIBILE POSARE UN PAVIMENTO IN RESINA DIRETTAMENTE SULLA GUAINA??.
    rispondi al commento
    • Vito
      Vito Francescogiangrande
      Lunedì 14 Marzo 2016, alle ore 17:25
      Niente di più sbagliato posare la resina o un pavimento direttamente sulla guaina, è bene distribuire i carichi mediante un massetto alleggerito tipo Isocal magari stendendo anche una rete. Per maggiori informazioni: https://www.lavorincasa.it/il-massetto/
      rispondi al commento
  • Giacomovolini
    Giacomovolini
    Venerdì 9 Ottobre 2015, alle ore 12:01
    Articolo molto interessante, proprio in questo periodo mi sto informando per la mia nuova abitazione e ho scoperto da poco questa possibilità della resina. Peccato solo che non sia citata per niente la possibilità di far realizzare anche un pavimento artistico, magari con resine luminescenti, come per esempio questi: http://puntozero.org/resina-epossidica/pavimenti-in-resina
    rispondi al commento
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Pavimenti in resina pro e contro che potrebbero interessarti
Tavoli in resina

Tavoli in resina

Arredamento - Non solo pavimenti e rivestimenti: oggi la resina si utilizza anche per creare complementi d'arredo, come i tavoli, dagli effetti straordinari.
Pavimenti e rivestimenti in pannelli di resina

Pavimenti e rivestimenti in pannelli di resina

Pavimenti e rivestimenti - L'idea di prodotti per il rivestimento e la pavimentazione per il bagno ci fa pensare istintivamente alle classiche piastrelle in ceramica o gres porcellanato,
Resine luminose

Resine luminose

Pavimenti e rivestimenti - La resina, integrata con sistemi di illuminazione, trova applicazione in diversi angoli della nostra casa: rivestimenti, pavimentazione, oggettistica e complementi.

Rivestimenti sottili in resina che creano un mosaico

Pavimenti e rivestimenti - I mosaici in resina sono delle creazioni uniche che possono ricoprire qualsiasi forma e superficie, sia interna che esterna, occupando solo un minimo spessore.

Come realizzare un set da toilette effetto madreperla

Decorazioni - Come creare in poche semplici mosse un prezioso set da bagno con la resina epossidica. Tutto l'occorrente, le fasi di lavorazione e alcune variazioni su tema.

Complementi in resina per l'arredobagno

Mobili bagno - L'utilizzo della resina per l'arredobagno è una scelta di gusto che offre ampie possibilità e personalizzazioni, oltre a resistenza all'umidità e praticità.

Nuove piastrelle effetto resina

Pavimenti e rivestimenti - Le piastrelle che imitano la resina: esteticamente interessanti perché portano il glamour della resina mantenendo la durezza e la funzionalità delle mattonelle.

Rivestimenti a superfici continue per pavimenti in cemento spatolato

Pavimenti e rivestimenti - Le superfici continue in cemento spatolato sono rivestimenti oggi di grande tendenza per la realizzazione di pavimenti esteticamente belli da vedere e pratici.

Rivestire i pavimenti, pareti e arredi con la resina

Pavimenti e rivestimenti - La resina è un materiale usato oggigiorno per rivestire le superfici delle case e non più solo di uffici o di attività commerciali: è resistente e scenografica.
REGISTRATI COME UTENTE
295.690 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Resina pavimenti
    Resina pavimenti...
    75.00
  • Rivestimenti in resina
    Rivestimenti in resina...
    75.00
  • Resina decorativa pavimenti e rivestimenti
    Resina decorativa pavimenti e...
    110.00
  • Pavimenti resina milano
    Pavimenti resina milano...
    75.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.